Effetto Venezia alla Bottega del Caffè

Mediagallery

Un omaggio a Modigliani con la mostra fotografica “I luoghi di Modigliani, tra Livorno e Parigi” di Luca Dal Canto e con i precorsi urbani “Sulle tracce di Dedo” a cura di Amaranta Service ma anche lo spazio informativo Emergency Point, dove conoscere i programmi umanitari in corso e le attività di Emergency; infine non mancherà l’appuntamento con la gastronomia che sarà a cura del Piccolo Birrificio Clandestino. Anche quest’anno quindi, com’è ormai una consuetudine dal 1998, l’Associazione Lavoratori Comunali sarà presente a Effetto Venezia con un ricco programma di appuntamenti che si terranno nei locali seicenteschi della Bottega del Caffè di viale Caprera.
Questo il programma in dettaglio:

I LUOGHI DI MODIGLIANI. TRA LIVORNO E PARIGI
Mostra fotografica a cura di Luca Dal Canto

Fino al 3 agosto, per Effetto Venezia 2014, in occasione del 130° anniversario della nascita di Amedeo “Dedo” Modigliani, alla Bottega del Caffè, nel cuore del quartiere La Venezia, la mostra “I luoghi di Modigliani. Tra Livorno e Parigi”, un viaggio fotografico a cura di Luca Dal Canto, con illustrazioni di Enrica Mannari, attraverso i luoghi dove il grande artista ha vissuto e lavorato, immortalati così come sono oggi dopo un secolo di cambiamenti sociali, economici e urbanistici.
L’esposizione è realizzata dall’Associazione Culturale Bredenkeik con la compartecipazione del Comune di Livorno e dell’Associazione Lavoratori Comunali di Livorno, in collaborazione con “Pirati e Sirene” – il portale web che racconta “vita, stile e cultura della costa degli Etruschi” – e con il Centro Culturale Vertigo.
Dal Canto ha selezionato 44 luoghi tra Livorno e Parigi, le due città che più hanno dato all’artista, nel bene e nel male. Di questi 7 sono nella città toscana e 37 nella capitale francese.
L’esposizione, che conta 56 pannelli fotografici illustrati dalla grafica Enrica Mannari, racconta la vita di Amedeo Modigliani attraverso scatti documentaristici che mostrano i luoghi dove Dedo ha vissuto e lavorato e dove sono accaduti episodi che hanno rappresentato tappe fondamentali nella sua tragica e sfortunata esistenza. Per questo ciascuna fotografia sarà corredata da un’approfondita didascalia che racconta un aneddoto legato a quel determinato luogo.
Si scoprono così storie d’amore, litigate, opere realizzate in situazioni complicatissime, pianti, risate e brindisi avvenuti in caffè, atelier, gallerie d’arte, palazzi, strade e piazze della Livorno e della Parigi d’inizio Novecento; in questo modo si ricostruisce l’intera vita del pittore, per scoprire e riscoprire il Modigliani artista e uomo: simpatico, litigioso, elegante, bello, bravo, permaloso, dolce, generoso, testardo, orgoglioso, sfortunato, autolesionista e autodistruttivo, incredibilmente geniale.
Allo stesso tempo le fotografie fungeranno anche da documenti atti a indagare come quei luoghi, un tempo ricchi di arte e cultura, si siano trasformati in oltre un secolo di mutazioni sociali durante le quali, ad esempio, una galleria d’arte può essere diventata la sede di una società assicurativa oppure l’atelier di un artista un magazzino abbandonato.
____________________

SULLE TRACCE DI DEDO
Percorso urbano a cura di Amaranta Service
Per info e prenotazioni 3208887044 – www.casanataleamedeomodigliani.com – Costo euro 8,00

Sabato 26 luglio, ore 19.00, Amaranta Service propone una visita alla casa natale di Amedeo Modigliani, via Roma 38. Al termine della visita trekking urbano con soste in via Cambini 38, alla casa dove ha vissuto il fratello maggiore di Dedo, l’onorevole Giuseppe Emanuele Modigliani; al Liceo Niccolini Guerrazzi frequentato dal pittore fino a 14 anni; in piazza Cavour dove adesso c’è il negozio Tiger ma nel 1913 c’era il caffè Bardi, luogo di ritrovo degli Scapigliati livornesi, frequentato anche da Dedo quando da Parigi ritornava a Livorno; alla Sinagoga dove Modigliani ha fatto il bar mitzvà o miniam come scrive egli stesso nel diario della madre Eugenie Garsin.
Il percorso, illustrato dalle guide di Amaranta, si concluderà nel cuore di Effetto Venezia, alla Bottega del Caffè, dove è allestita la mostra di Luca Dal Canto dedicata a “I luoghi di Modigliani”.
____________________

PICCOLO BIRRIFICIO CLANDESTINO
Info: Piccolo Birrificio Clandestino – via Solferino, 69 – info@piccolobirrificioclandestino.it

Per la prima volta in occasione di Effetto Venezia, il Piccolo Birrificio Clandestino si lega all’Associazione Lavoratori Comunali per offrire agli ospiti della manifestazione la possibilità di degustare le proprie birre in abbinamento con alcuni piatti freddi presso la Bottega del Caffè; è l’inizio di una collaborazione che aprirà nuove opportunità e che arricchirà il bagaglio di esperienza di entrambi.
Ma chi sono i Clandestini? Dietro questo termine c’è un gruppo di amici livornesi, intraprendenti e un po’ matti, che hanno accettato una grande sfida: essere i primi produttori organizzati di birra artigianale nella città labronica. Dal 2010 a oggi i “clandestini” hanno fatto un salto di qualità, ampliando e riorganizzando il laboratorio per la produzione artigianale delle birre per soddisfare la crescente richiesta.
Tutte le birre sono prodotte con grande passione artigianale e con l’impiego d’ingredienti di assoluta qualità, con grande attenzione e cura verso ogni passaggio produttivo, in modo da ottenere un prodotto che unisca alla straordinaria piacevolezza una molteplicità di abbinamenti. Dal 2011 a oggi il PBC si è aggiudicato con le sue birre numerosi premi in concorsi e manifestazione: dal 1° premio nel 2011 come Birra dell’anno Unionbirrai categoria 6 Santa Giulia fino al 2014 come Bottiglia Slow Food Guida alle birre d’Italia 2015 (alta qualità media della produzione in bottiglia).
Il menù che sarà proposto a Effetto Venezia comprende: Tagliere con salumi, popone, formaggi mistri – Tagliere vegetariano – Caprese – Schiacciatine – Farro/Riso freddo – Panzanella – Cous Cous – Insalatona – Dolce – Caffè. Il tutto accompagnato, ovviamente, dalle Birre prodotte dal PBC: Cinque e cinque 7.5% Strong Belgian Ale IBU 10; Montinera 7% Imperial Stout IBU 42; Oimmena 4.5% American Pale Ale IBU 21; Riappala 6.5% American IPA IBU 40; Rondeman 3.8% English Bitter IBU 20; La Rotonda 5% Birra al Farro IBU 18; Santa Giulia 6% American Brown Ale IBU 14; Villa Serena 5.2% Blonde Ale IBU 23.
Per prenotazioni telefonare al numero 3420232522

____________________

EMERGENCY POINT
Emergency-Livorno, emergencylivorno@katamail.com , www.emergencylivorno.it

Conoscere Emergency, l’associazione umanitaria d’intervento medico-chirurgico che opera nei contesti più difficili del mondo, sarà, dal 25 luglio al 3 agosto, un po’ più facile.
L’associazione fondata da Gino Strada venti anni fa, sarà, infatti, presente a Effetto Venezia con un Emergency Point. un luogo che vuole essere spazio informativo dove conoscere i programmi umanitari in corso e le attività dell’organizzazione, ma anche negozio dove potranno essere acquistati i gadget di Emergency e attraverso questa vendita contribuire alle diverse attività della stessa associazione.
Tutti i proventi raccolti andranno, infatti, a finanziare i progetti di Emergency in Afghanistan, Sierra Leone, Sudan, Italia, Repubblica Centraficana, Iraq.
Emergency è un’associazione italiana indipendente e neutrale, nata nel 1994 per offrire cure medico-chirurgiche gratuite e di elevata qualità alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà e per promuovere una cultura di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani.
Dalla sua nascita a oggi, Emergency ha curato oltre 6 milioni di persone in 16 Paesi.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi alla Segreteria dell’Associazione Lavoratori Comunali:
martedì e giovedì, dalle ore 15 alle 18; mercoledì e venerdì, dalle ore 9 alle 12.
Telefono e fax 0586 894228; e mail asslavcom@gmail.com

Riproduzione riservata ©