“Cima Coppi” arriva al traguardo: ultima replica

Mediagallery

“Mayor Von Frinzius è emozione. È energia. È sudore. Mayor Von Frinzius è passione, vibrazione, è ansia e paura. Mayor Von Frinzius è lacrime, ma anche tante risate.”

E’ questo l’incipit dello spettacolo, debuttato lo scorso giugno presso il teatro Goldoni di Livorno, che la compagnia Mayor Von Frinzius, dopo un’intensa stagione di spettacoli ed iniziative culturali, si accinge a salutare a malincuore, per poi intensificare il lavoro di preparazione alla prossima messinscena.

L’ appuntamento sarà ospitato domenica 26 gennaio dal Centro Artistico Il Grattacielo di Livorno alle ore 21.00. In “Cima Coppi. Non rimane più niente”, prodotto da Anffas e Fondazione Goldoni, si potranno godere le scene degli attori della compagnia dedicate a quello spazio di libertà che lascia senza fiato come la Cima Coppi, spazio in cui ogni attore è alla ricerca della libertà di gridare, di ballare e di rimanere sospeso sulla sottile linea che separa la realtà dai sogni. Tutto questo viene espresso utilizzando le parole di chi ha già immaginato che la storia può essere letta come una poesia imperfetta: in Cima Coppi si possono ritrovare molte tracce di memoria personale ma anche storico nazionale. Si passa dall’espressione coreografica di balli rituali e liberatori, alla voce di un autentico partigiano che commosso racconta il suo sol dell’avvenire – passando per nomi noti come quelli di Pasolini e Basaglia.

Uno spettacolo definito dalla critica ironico e commovente che spinge gli spettatori ad entrare in simbiosi emotiva con l’attore fino a quando non rimane piu’ niente. Cima Coppi è prodotto da Anffas e Fondazione Goldoni, con la collaborazione di Circoscrizione 2, Amps, CTT Toscana nord, Asa Trade , CRAL asa, Porto 2000 e Giorgio Chiellini. Per prenotazioni ed informazioni chiamare il numero 389/5377286 (Aurora) tutti i giorni dopo le 18:00.

 

Riproduzione riservata ©