Arte: battaglie e cavalieri nel borgo. Ultimi giorni per la mostra di De Rosa

Mediagallery

C’è tempo fino a domenica 11 agosto per ammirare le tele del pittore del Mito Raffaele De Rosa. Il pittore chiamato a regalare un respiro internazionale al Festival dell’Alta Maremma con la personale “L’Onirico Fantastico”, porta nel borgo di Bolgheri, nella Sala Esposizioni del Centro Civico (Largo Nonna Lucia, 5) una ventina di tele tra le più riuscite che trasportano il visitatore dentro il “suo” mondo onirico fatto di castelli e luoghi incantati, cavalli e cavalieri, miti e leggende.

De Rosa, reduce dal successo siciliano della “Rassegna Internazionale di Scultura e Pittura” e da una fama artistica internazionale consolidato, è artista decisamente contemporaneo, ma anche un visionario capace di dare forma, anima, sostanza a creature, a volte violente, altre docili, altre ancora volutamente sottomesse, figlie di una vivacissima fantasia infantile. I suoi personaggi così come le creature divine e zoomorfe che popolano le sue tele creano trame complesse eppure allo stesse tempo semplici da interpretare che ci riportano liberamente al mondo del fantasy ed in qualche modo al cinema di fantascienza. De Rosa è l’uomo-bambino, il manovratore che riunisce, sotto lo stesso cielo, uomo, Dei e semi-Dio; carne, fede e sacrificio terreno.

Promossa ed organizzata da Athena Communications con il contributo del Comune di Castagneto Carducci, Regione Toscana e Fondazione Banca del Monte di Lucca sotto l’egida del progetto ArtItaly (Art Director Massimiliano Simoni) la mostra di De Rosa rientra tra le iniziative della quarta edizione del Festival Bolgheri Melody (per saperne di più vai su www.bolgherimelodyfestival.it). L’ingresso alla mostra è libero.

Informazioni

L’ONIRICO FANTASTICO

Raffaele De Rosa – Mostra Personale

Sala Esposizioni Centro Civico

Largo Nonna Lucia, 5

Bolgheri, Castagneto Carducci (Li)

Orario: 18,00 – 20,00 / 21,00 – 23,00

Ingresso Libero.

Informazioni su www.bolgherimelodyfestival.it; www.massimilianosimoni.it; www.athenacommunications.it.

 

Riproduzione riservata ©