“Art is a Disease”, il 26 mostra a Palazzo Huigens con Itinera

La missione dell’artista è quella di far conoscere il modo in cui egli coglie la realtà, lasciare una traccia di quel suo sofferto viaggio tra le due sponde

Mediagallery

Art is a Disease è una mostra che nasce per raccogliere e presentare alcune delle opere del misterioso artista Mart. Il Vernissage, curato dalla cooperativa Itinera progetti e ricerche, è in programma venerdi 26 luglio alle 21 al Palazzo Huigens in via Borra.
I suoi segni sono visibili su molte facciate di palazzi della città di Livorno: celebri i ritratti di Modigliani e altri artisti “maledetti” che Mart sceglie di ricordare. Il confine che delimita e tiene separate su due sponde opposte di un medesimo fiume la creatività ed il disagio psichico affascina ed inquieta da millenni. Gli artisti sono forse quelle anime sensibili e tormentate che hanno incrociato l’occasione per guadare questo fiume di emozioni, messaggi, simboli e passioni che è la vita.
La missione che l’artista affronta come inevitabile è quella di far conoscere – a chi si trova di fronte ad una sua opera – il modo in cui egli coglie la realtà, lasciare una traccia di quel suo sofferto viaggio tra le due sponde.

Attraverso i murales Mart esprime la propria necessità di dedicarsi all’arte, con i mezzi del disegno, della pittura, della grafica. Il suo cammino lo porta a vivere la propria esistenza con il costante desiderio di dare vita a qualcosa che abbia una forma, un’espressione e possa trovare una collocazione. Con lui il limite tra disagio e genialità, tra marginalità ed esigenza espressiva, si risolve in una incontenibile, spontanea, inclassificabile compulsione creativa. La spinta verso la creazione è infatti rinchiusa in quella nevrotica malattia dell’ispirazione che lo condanna e lo possiede. In questo percorso Mart ha deciso di omaggiare gli artisti maledetti, anime a lui affini, racchiudendone i volti all’interno di cuori, che rappresentano il mondo in una forma distorta, non quella canonica ma quella dell’amore che egli prova per l’arte.

“Una malattia si è impadronita del mio essere, della mia mente, del mio corpo. Mi accompagna giorno dopo giorno e, proprio come un qualcosa di incurabile, mi lacera, incessantemente, prendendo possesso delle mie emozioni e dei miei pensieri.” Art is a Disease è un’idea, un pensiero, uno slogan ed una provocazione. Ma anche un invito rivolto a chiunque abbia voglia di guardare l’altra sponda. E scoprirsi un po’ folle.

Riproduzione riservata ©