Al via ciclo di conferenze (gratuite e aperte a tutti) sulla storia di Livorno

A Villa Mimbelli 13 conferenze con cadenza settimanale (ogni giovedì alle ore 17.30) dal 9 gennaio al 10 aprile

Mediagallery

E’ intitolato “Fra(m)Menti Livornesi” il ciclo di conferenze promosso dal Comune di Livorno che si terrà a Villa Mimbelli dal 9 gennaio prossimo. Una serie di conferenze intorno ad argomenti prevalentemente orientati verso aspetti particolari, curiosi e accattivanti della storia della città tenuti da studiosi livornesi. Si parlerà dei moti per il pane del 1898, di argenterie sacre, delle donne protestanti del Vecchio Cimitero Inglese di via Verdi, di pittura labronica, di storia moderna e contemporanea, di letteratura, di architettura e di musica abbracciando cinque secoli di storia della città dal XVI al XX secolo.
“Con questo progetto – afferma l’assessore alla cultura Mario Tredici- vogliamo, da un lato, dare risalto al valore dei nostri intellettuali livornesi, dall’altro offrire ad un pubblico vasto e differenziato conferenze piacevoli su argomenti vari che testimoniano come la nostra città sia in grado di esprimere in ogni epoca una società dinamica e moderna, all’avanguardia in numerosi campi e attività”.
Il titolo del progetto “Fra(m)Menti Livornesi”, gioca sulle parole “Frammenti”, gli argomenti trattati dai relatori che rappresentano una sorta di tessere del grande mosaico della storia livornese e “Menti”, quelle dei relatori appunto, tutti livornesi ed in gran parte docenti universitari.
Questo il calendario delle conferenze che si terranno nella Sala degli Specchi di Villa Mimbelli (via San Jacopo in Acquaviva) dal 9 gennaio fino al 10 aprile. Per l’esattezza si tratta di 13 conferenze con cadenza settimanale (ogni giovedì alle ore 17.30).

giovedì 9 gennaio, ore 17,30

Andrea Addobbati

Ricercatore Universitario presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa – Docente di Istituzioni di Storia Moderna

Il lavoro portuale a Livorno: i Bergamaschi della Dogana e la Carovana dei Monelli (secc. XVI-XIX)

giovedì 16 gennaio, ore 17,30

Vincenzo Farinella

Professore Associato presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa – Docente di Storia dell’arte moderna

Oscar Ghiglia da Fattori a Cézanne. Gli anni di Castiglioncello

giovedì 23 gennaio, ore 17,30

Fabio Bertini

Università di Firenze – Coordinatore dei comitati toscani del Risorgimento

I moti per il pane a Livorno nel 1898

giovedì 30 gennaio, ore 17,30

Algerina Neri

Professore Associato di Lingue e Letterature Anglo-americane – Università di Pisa

L’altra metà del cielo: donne protestanti nel Vecchio Cimitero Inglese di via Verdi a Livorno

giovedì 6 febbraio, ore 17,30

Catia Sonetti

Direttore dell’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea nella Provincia di Livorno

Fare storia, fare Memoria a Livorno

giovedì 13 febbraio, ore 17,30

Giancarlo Bertoncini

Professore Associato di Letteratura Italiana – Università di Pisa

Angelica Palli e “un genere di componimenti quale manca l’Italia”

giovedì 20 febbraio, ore 17,30

Pardo Fornaciari

Cantastorie

Il canto sociale livornese da Pietro Gori a Ezio Taddei, ai contemporanei

giovedì 27 febbraio, ore 17,30

Antonella Gioli

Ricercatore Universitario presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa – Docente di Museologia e Storia del restauro

“La città dei granduchi”: Livorno e i suoi monumenti nelle collane illustrate tra ‘800 e ‘900

giovedì 6 marzo, ore 17,30

Maurizio Vernassa

Professore Associato presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa – Docente di Storia e Istituzioni dei Paesi Afro-Asiatici

Risorgimento livornese nell’emigrazione in Levante

giovedì 13 marzo, ore 17,30

Denise Ulivieri

Ricercatore Universitario presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa – Docente di Istituzioni di Storia dell’architettura e dell’urbanistica

La Fortezza vecchia di Livorno: antico cantiere di arte fortificatoria

giovedì 20 marzo, ore 17,30

Mattia Patti

Ricercatore Universitario presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa – Docente di Storia dell’arte contemporanea

Il fienaiolo di Plinio Nomellini: un pittore livornese alla Esposizione Universale di Parigi del 1889

giovedì 3 aprile, ore 17,30

Antonella Capitanio

Ricercatore Universitario presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa – Docente di Storia delle arti applicate e dell’oreficeria

Argenterie sacre a Livorno

 giovedì 10 aprile, ore 17,30

Massimo Sanacore

Direttore dell’Archivio di Stato di Livorno

Livorno città “non toscana”: la storia fra mito e realtà

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Francesca

    Molto interessante!

  2. # Graziella59

    mi sembra di capire che sia gratis, bisogna iscriversi?

  3. # cam

    bellissima iniziativa! molto interessante
    peccato per gli orari….per chi lavora sarebbe stato molto meglio farle in orario serale o il week end.
    me le perderò e mi dispiace

  4. # lea

    ma può partecipare chiunque? dall’articolo non riesco a capirlo grazie

  5. # ALE

    dove dobbiamo presentarci per dare adesione?
    grazie

  6. # riccardo ciorli

    Complimenti agli organizzatori e ai relatori e allo spirito di collaborazione, come si dice ? “La verità è il sole delle intelligenze”

I commenti sono chiusi.