Padre Lorenzo lascia la Venezia, ieri l’ultima (commossa) messa

Mediagallery

A seguito dell’annuncio della sua partenza da Livorno, sono state molteplici le manifestazioni di affetto attribuitegli da molti fedeli e così, dopo i festeggiamenti da parte delle mamme della parrocchia di San Ferdinando, padre Lorenzo Moretti domenica 16 giugno alle ore 11 nel corso della celebrazione della S. Messa, ha ricevuto anche dei particolari saluti ed auguri musicali.

Particolari perché a formularglieli è stata l’orchestra Ensemble Bacchelli, diretta da Rita Bacchelli che nel corso della celebrazione eucaristica domenicale, con le voci della soprano Arianna Rondina, del tenore Alfio Vacanti ed il basso Giorgio Marcello, insieme alle corali Rodolfo del Corona e Domenico Savio, ha salutato con la Messa in sol maggiore di Franz Schubert, il parroco trinitario che a breve lascerà lo storico rione della Venezia. Commovente il saluto di Rita Bacchelli che nelle parole di commiato si è così a lui rivolta : ”Ringrazio l’amico padre Lorenzo per la disponibilità dimostrata nei confronti dell’orchestra e dei cori, nell’offrire i locali della parrocchia per le prove concertistiche. Un grande amico che non vogliamo perdere e che senz’altro andremo a trovare a Trastevere assieme alla nostra musica”.

Anche il ministro generale dell’Ordine Trinitario padre Josè Narlaly che con padre Lorenzo e padre Michele Sigillo ha concelebrato la S. Messa, ha desiderato porgere i suoi saluti e ringraziamenti a padre Lorenzo Moretti: ”Dopo oltre trent’anni d’ininterrotto apostolato, sappiamo che è difficile per voi parrocchiani accettare questa decisione dell’Ordine, soprattutto per coloro che hanno presente nei loro occhi l’immagine di padre Lorenzo, sin dal giorno del loro battesimo e via via, nella comunione, cresima e matrimonio, però la nostra missione, la missione di tutti i religiosi, prevede questi avvicendamenti, anche se in questo caso si tratta di un avvicendamento avvenuto dopo molti anni. Ringrazio padre Lorenzo anche per aver fatto conoscere in tutti questi anni il carisma del nostro Ordine coinvolgendo nella ricerca storica molti parrocchiani. Nella preghiera troveremo però il conforto per questa dipartita, ma viva dovrà essere in tutti voi la speranza ed il desiderio di poterlo andare a trovare alla Basilica di S. Crisogono a Trastevere, che non è molto lontana da Livorno”.

Alla fine della celebrazione eucaristica anche padre Lorenzo ha cercato di ringraziare i suoi parrocchiani, ma il nodo in gola per la commozione gli ha impedito di proferir parola. A soccorrerlo, uno scrosciante interminabile applauso dei fedeli presenti, che ha coperto i singhiozzi di pianto del loro fraterno amico, padre Lorenzo che rimarrà sempre presente nei loro ricordi e soprattutto nei loro cuori.

 

Riproduzione riservata ©