Chiesa a Salviano 2, posata la prima pietra. Avrà 800 posti e 10 metri di altezza

Costo totale circa 3 milioni, il 75% a carico della Cei e il restante 25% a spese della parrocchia

di letizia

Mediagallery

Si è tenuta il 27 marzo con la posa della prima pietra – alla presenza del sindaco Alessandro Cosimi, del vescovo Simone Giusti, del presidente della provincia Giorgio Kutufà e del prefetto Tiziana Costantino – la cerimonia d’inizio dei lavori della nuova chiesa che sorgerà a Borgo di Magrignano (Salviano 2) dedicata a Madre Teresa di Calcutta.
I lavori effettivi partiranno a primavera del prossimo anno e dureranno circa due anni. L’inaugurazione del complesso infatti è prevista per la Pasqua del 2017. Il progetto disegnato dallo stesso vescovo Giusti e realizzato con la collaborazione dell’ingegner Marco Canonici e del geometra Stefano Caturegli, prevede la costruzione oltre della chiesa, la cui facciata sarà alta 10/11 metri, che conterrà 250/300 posti a sedere e circa 500 posti in piedi, di una nuova sede della Caritas, di 6 aule per il catechismo che potranno essere utilizzate anche dalle associazioni, di una cucina e di saloni per le attività di oratorio per i ragazzi. Inoltre, verranno costruiti anche un campo sportivo con spogliatoio, aree verdi e parcheggi per una superficie complessiva di oltre 4000 metri quadri. Costo totale dell’operazione circa 3 milioni di euro, il 75% a carico della Cei, che deve però ancora stanziare il finanziamento, e il restante 25% a spese della parrocchia. La cerimonia ha avuto quindi un significato soprattutto simbolico: prima la firma da parte del sindaco, del vescovo, del vicario generale della diocesi Ivano Costa e del parroco congolese della parrocchia della Beata Madre Teresa di Calcutta Jean Michel Moukouba di una pergamena che poi è stata inserita in un “dado” di marmo insieme alle prima pietra della chiesa e attraverso una gru fissata nella terra, nel punto in cui, una volta realizzata la chiesa sorgerà l’altare.
Sarà poi costruito anche un ponte sul rio Cigna – ha spiegato Marco Canonici – che permetterà di collegare la chiesa, a cui si accederà da via della Padula, con Salviano e Borgo di Magrignano. Auspico che questa nuova costruzione faccia da stimolo, affinchè venga completato al più presto il quartiere di Borgo di Magrignano”. Nella nuova chiesa invece Stefano Caturegli vede un segnale di speranza, dato sopratutto dall’aver portato avanti un tale progetto in una zona così difficile. “Daremo alle ditte massimo due anni per la realizzazione dei lavori. Non è vero poi che i livornesi non vanno a messa- ha affermato Giusti – secondo un’ indagine fatta a gennaio il 12,4% della popolazione, circa 20-25 mila persone, frequenta la messa della domenica mattina”.
“C’è bisogno di una città senza periferie e senza quartieri dormitorio – ha detto Cosimi, stamani in una delle sue ultime uscite da sindaco- anche intorno alla parrocchia ci possono essere virtù civili e spero che questa chiesa contribuisca a creare una comunità, anche in un momento di crisi delle istituzioni. Si può essere schierati politicamente dove si vuole ma portare comunque avanti valori comuni”.

Riproduzione riservata ©

35 commenti

 
  1. # valter

    e devano pagare le tasse vedrete che ne costruirebbero di meno questi preti e più case caro cosimi

  2. # gabri

    OH.! Pero’ come siete stati tempestivi eh! ora pero’. a parte che a me non torna questa storia della chiesa,vedrai che bella caritas e centro sociale ci verrà! anche il sertec e’ in programma….poi pero’ quando fate i lavori,come tutte le cose che fate a livorno,finiteli,l’ubanizzazione quando e’ finita prevede anche il dintorno delle cose,a livorno invece detriti erbacce,nello stesso borgo magrignano il comune l’estate non fa’ tagliare neanche l’erba intorno ai palazzi,no? ma come vi garba costruire!!!

  3. # livornesepuro

    mah !!!!!

  4. # Mirko

    Mancava una chiesa invece di finire i lavori mah!!

  5. # Lillo

    Mi auguro una procedura di gara per la realizzazione della nuova Chiesa, con modalità di trasparenza e partecipazione aperta, come per le gare pubbliche. Non aggiudicazioni al massimo ribasso, ma con criteri di qualità e miglioramento dell’offerta tecnica. E facendo il tifo magari per le imprese Livornesi…

  6. # mario tellini

    Un altra chiesa!!! mi domando se ne c’era proprio bisogno….

  7. # Giovannielle

    Un altra ? A che serve ?
    Pagate l imu!!

  8. # peridon

    con la voglia di elezioni con la chiusura delle province e con Papa FRANCESCO, mi sembra già una foto amarcord

  9. # 8x1000

    visto che siamo in periodo di dichiarazione dei redditti grazie di avermi ricordato dell’uso dell’ otto per mille.

  10. # Ior

    Menomale ce n’era proprio bisogno…

  11. # Daniele

    Con tutte le problematiche che ci sono a salviano 2 penso che la chiesa sia l ultimo problema di tutti i residenti… Prima magari non sarebbe prioritario la rimozione dei rifiuti e la sistemazione delle aree urbane del quartiere??

  12. # robinson

    Mah! Io sono religioso e praticante,ma questi soldi li avrei spesi in un altro modo!!
    Dopo la cattedrale nel deserto della Leccia/Scopaia, sarebbe stato meglio pensarci un pò su!!

  13. # 0586

    dici bene mirko…….borgo di magrignano,progetto che a fine anni 90 prevedeva nel giro di due tre anni la costruzione di centinaia di alloggi e villette e invece si sà bene come è andata a finire e quanta gente ha rimesso un branco di quattrini…..

  14. # marco

    Con tutte le chiese semi-deserte che ci sono a Livorno, avevamo proprio bisogno di una nuova così grande!!!

  15. # il critico

    Il massimo rispetto per la chiesa ma a Borgo di Magnignano non ci sono strade, non c’è l’elettricità , non c’è il gas , non era il caso di costruire una nuova chiesa quando a Salviano c’è ne è una e alla Scopaia un’altra ancora da completare. questo è spreco di soldi e basta

  16. # Gino lo spazzino

    Farebbero meglio a dare i soldi a chi ne a bisogno che di chiese ce ne sono già tante a Livorno

  17. # francesco

    la CEI non ha ancora stanziato il finanziamento… bene, c’è ancora tempo per fare qualcosa e fermare sto scempio.
    25% a carico della parrocchia… lo sa la gente di Borgo di Magrignano che significano circa 750.000 euro a carico delle famiglie che frequenteranno, con mutui trentennali ai quali si andranno a sommare costi esagerati di gestione?
    e la chiesa di Salviano che già c’è e che si raggiunge senza costruire altri ponti che non verrano MAI realizzati?!?

  18. # Emme

    Se non l’avete ancora capito, gli interessi prevalgono su tutto. Abbiate fede…… Se non avete altre speranze…..

  19. # Bah

    Utilizziamola per ospitare chi non ha casa….perché si sa che sarà un altra cattedrale nel deserto. Nel nuovo quartiere, non penso che siano tanti i frequentatori della parrocchia……Però l’importante è far vedere come si investono bene i soldi pubblici!

  20. # Giovanni

    Ben venga la chiesa,vuol dire che le nostre tradizioni ed il nostro culto esiste ancora ed è forte,se sorgeva qualcosa di differente mi preoccupavo.

  21. # asciugati

    Boia deh questo vescovo-architetto che c’è capitato prima dell’arrivo di Papa Francesco dovunque passa gli piace firmà chiese nuove. E non mi meraviglio del Sindaco che ora vicino alle elezioni è alla ricerca spasmodica di qualsiasi inaugurazione pur di apparire. La valutazione dei cittadini sulla sostanza della sua legislatura la vedremo presto !

  22. # amarcord

    con le prossime elezioni, con la chiusura delle province e spero tanto nella lungimiranza di Papa Francesco che non sprechi le capacità edificatorie del nostro vescovo e lo mandi a costrui tanti pozzi per l’acqua in africa, potrebbe sembrare già una foto Amarcord.

  23. # Trespolo

    In 3 anni non e’ mai venuto a trovare 600 famiglie con bambini piccoli che giocano tra pozzetti aperti e per la costruzione di una chiesa si presenta subito all’appello . Intanto edil porto continua a costruire case dopo quello che ha fatto .
    Tutto questo a voi vi sembra una cosa normale ?

  24. # 8x1000

    che scena desolante ..

  25. # terranovas

    Bravo Giovanni !
    Una Chiesa è un luogo dove si prega e Dio solo sa quanto abbiamo bisogno, in momenti come questi di pregare. Preghiamo per chi non ha lavoro, per chi non ha la salute, per chi è solo, per chi ha bisogno. Una preghiera non fa certo male a nessuno… anche a chi non crede ! E sopratutto apre il cuore alla speranza in un mondo migliore. Una Chiesa è uno dei luoghi migliori dove poter pregare, dove l’uomo può migliorare se stesso e la propria vita meditando sul suo senso. Per una volta tanto lasciamo perdere i soldi e proviamo a pensare che le cose possono andare meglio affidandoci alla preghiera.

  26. # stefano

    ….speriamo che oltre a tutte quelle belle cose nella nuova chiesa costruiscano anche un crocifisso per ricordarsi di Gesù Cristo morto in croce…così tanto per non dimenticarsene …

  27. # yuri

    Frequento parrocchie da una vita e ti posso garantire che la chiesa è uno dei posti dove la gente tira fuori il peggio di sé, altro che migliorarsi nella preghiera…

  28. # Riccardo F.

    “Sarà poi costruito anche un ponte sul rio Cigna – ha spiegato Marco Canonici – che permetterà di collegare la chiesa, a cui si accederà da via della Padula, con Salviano e Borgo di Magrignano.”. Noi stiamo aspettando ancora il ponte di via Peppino Impastato. Magari potremo farci raccomandare dal vescovo… non si sa mai che abbia gli “agganci” buoni.

  29. # floyd

    La Chiesa Cattolica è una delle cause dei problemi attuali. Ciò nonostante, fanno finta di essere una “soluzione”, oltretutto in modo moralista e ipocrita. Pagassero la tassa sugli immobili come tutti non sarebbe male… Non dimentichiamo che Gesù si scagliò contro la casta sacerdotale dell’epoca, e fosse qui oggi non credo avrebbe tutta questa fretta di costruire l’ennesimo edificio “sacro”(che peraltro sarà frequentato pochissimo).

  30. # gabri

    ma non l’avete ancora capito che a magrignano dopo un progetto elegante dove le case costano un occhio della testa sorgera’ una chiesa con tutti i problemi piu’ gravi della citta’,dove c’è la caritas ci sono tanti cittadini livornesi con problemi ma, ci sono anche tutti gli extracomunitari che pretendono cibo e annessi, e connessi se poi ci viene anche il sertec si fa’ bingo….le persone che hanno bisogno di tutto di piu’ dovrebbero trovare conforto e aiuto al vescovado,in piazza del cisternone non in periferia dove non ci arrivano neanche mezzi pubblici…

  31. # francesco

    la sede caritas c’è già in quasi tutte le parrocchie. c’è già a salviano, alla scopaia, a collinaia, a coteto ecc… e serve per i bisogni del territorio in cui si trova. il vescovo qui la annuncia come se fosse una grande cosa solo per fare un po’ più di puzzo e cercare di legittimare lo spreco di una nuova chiesa.

  32. # anco' te

    ma chi sei il diacono? perchè la religione si diffonde con il cemento delle chiese? o forse con il valore dei fatti a favore del prossimo e delle parole per chi soffre, vai giovanni vai!!

  33. # max

    Finalmente con la nuova Chiesa decolla anche il Borgo di Magrignano.
    Era ora !

  34. # Giovanni

    Mettete pure i pollici rossi,tanto quelli buoni li posso godere nel reale vistochè la chiesa si costruisce e quindi è l’unico dato tangibie.

  35. # mascetti

    E io pago…………………

I commenti sono chiusi.