Arriva un nuovo parroco (francescano) a San Pietro e Paolo. L’intervista

Padre Bezzi è noto per aver gestito la prima parrocchia online voluta dal vescovo Giusti

Mediagallery

di ROBERTO OLIVATO

Padre Gabriele Bezzi è conosciuto ai più per le sue partecipazioni a maratone nazionali ed internazionali, raccogliendo fondi per la realizzazione di progetti di solidarietà o per essere stato per molti anni cappellano della Guardia di Finanza. Non solo. Il parroco è noto anche per essere stato il responsabile diocesano per la Pastorale dello Sport e del tempo libero ed ancora, per aver gestito “la tua parrocchia “, la prima parrocchia web voluta dal vescovo Giusti. Ebbene, il poliedrico francescano padre Gabriele Bezzi, dal primo di settembre sarà il nuovo parroco della chiesa dei Santi Pietro e Paolo.

Padre Bezzi, la sua prima volta come Parroco?
Sono stato per quasi 20 anni Cappellano Militare, che è a tutti gli effetti Parroco del Reparto in cui si svolge il servizio, ma se pensiamo alla Parrocchia tradizionale, questa sarà la prima volta”.

Il suo predecessore, a SS. Pietro e Paolo, era don Annibale Reyes Hernandez, dove è stato inviato?
Don Annibal é rientrato in Colombia per motivi di salute, colgo l’occasione di Qui Livorno per fargli gli auguri per il futuro e ringraziarlo per quanto fatto a Livorno”.

Diventando parroco continuerà a mantenere l’incarico di responsabile per la Pastorale dello Sport e la gestione del sito  “la tua parrocchia ondine” ?
“Certamente, continuerò con la Pastorale dello sport sia come runner, che come assistente diocesano, così come manterrò anche il mio impegno per il Caritas Baby Hospital di Betlemme”.

Proseguirà nel suo impegno a favore della liberazione dei due Marò?
“Al mondo Militare tutto il mio affetto e la mia vicinanza, specie a i nostri due Maro’, Massimiliano Girone e Salvatore Latorre, ancora trattenuti in India. Come diciamo (padre Bezzi fu anche cappellano del S.Marco ndr) al Reggimento San Marco, marò per un giorno marò per tutta la vita ed io ho passato con loro splendidi anni di attività operativa”.

 

 

 

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # epifanio

    e ci vorrebbe ma a noi a Stagno-Villaggio Emilio un nuovo parroco ! Quello che c’è adesso è roba da torta !

  2. # Serghigo

    Epifanio…. Scusami ma sono già troppi anni che abbiamo avuto dei parroci …quindi magari lasciacelo per un poino… Tanto per riprendersi … Qui sono anni che c’è torta… Pure riscaldata…

  3. # Gianpaolo

    Gia’ questo mi sembra piu’ professionale riguardo a “padre Nike” della rosa all’Ardenza in jeans, maglietta e…scarpe Nike (BO????) faccia lui…

  4. # mario3

    ma! siete matti? se vi levano anche la torta morite di fame.

  5. # rick

    Ma ci vuole così tanto un nuovo parroco? Le comunità devono per forza dipendere dagli ordini del “bravo parroco”? I preti son quelli che sono… meglio perderli che trovarli. è la comunità che si deve svegliare…

  6. # Serghigo

    Giampaolo, spesso l’abito non fa il monaco …. L’importante e’ che sappia essere un buon parroco …,

  7. # Serghigo

    Che risposta…… Non ho parole…. Scusatemi se non ce la faccio…..

I commenti sono chiusi.