Anziani soli, l’Svs e altri enti mettono in campo un progetto

Grazie al circolo ricreativo SVS La Solidarietà, alla Diocesi di Livorno, al Comune e alla Svs, gli anziani hanno l’opportunità di incontrasi tre volte alla settimana per socializzare e svolgere diverse attività

Mediagallery

“Solidarietà in Circolo”, così possiamo titolare il progetto che ha lo scopo di combattere la solitudine, e che da quest’estate coinvolge un gruppo di circa cinquanta anziani fragili. Grazie al circolo ricreativo Svs La Solidarietà, alla Diocesi di Livorno, al Comune e alla Svs, gli anziani hanno l’opportunità di incontrasi tre volte alla settimana per socializzare e svolgere diverse attività.
Mercoledì 16 alle ore 11.00 in via delle Galere 35, al Centro Diocesano che ospita l’attività, sarà firmato un protocollo d’intesa fra i promotori del progetto.
Sarà presente l’assessora alle politiche sociali di inclusione ed integrazione, Carla Roncaglia, il responsabile dell’ufficio Servizio Anziani Fragili del Comune, il presidente della SVS Vincenzo Pastore, Alessandra Mini presidente del Circolo La Solidarietà, Don Placido parroco della chiesa della Madonna. Il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.30 alle 15.30 il gruppo di anziani fragili individuati dal servizio comunale, di un’età media compresa fra gli 80 e i 90 anni, si ritrovano insieme agli operatori messi a disposizione, come il personale Osa, l’infermiere, l’operatore di comunità e il terapista occupazionale, per svolgere insieme attività di ginnastica dolce, laboratorio di cucito, di cucina, di decoupage e quello di reminiscenza dove si può raccontare la propria storia, trasmetterla agli altri anziani tramite fotografie, disegni e con tutto quello che è possibile utilizzare per esprimere i propri ricordi. L’attuale progetto è iniziato a luglio e durerà un anno, è un’iniziativa sperimentale che sta avendo un buon successo, quindi i promotori stanno già impegnandosi per trovare le risorse necessarie per continuare oltre l’estate 2014. Un gruppo che si è unito mettendo insieme le forse: la Diocesi ha messo a disposizione la sede al Centro Cultura La Madonna di via delle Galere, la SVS si occupa del trasporto degli anziani, il Comune tramite il Servizio Anziani Fragili ha individuato gli utenti, e il Circolo La Solidarietà si è occupata dell’organizzazione e del reperimento fondi.

 

Riproduzione riservata ©

1 commento

 

I commenti sono chiusi.