“Tutti in rete: goal!” con gli alunni del Cecioni

Mediagallery

Anche quest’anno il contributo di tanti partner, ed in particolare della Fondazione Livorno, ha reso possibile la realizzazione del progetto “Tutti in rete: goal!” giunto alla terza edizione: 40 studenti del liceo Scienze umane del Cecioni dal 7 luglio al 1 agosto stanno a fianco di 35 bambini ed adolescenti speciali prevalentemente dell’Associazione Disabilandia. Il progetto estivo è così articolato: dal 7 luglio al 1 agosto il lunedì, mercoledì e venerdì tutti al mare presso i bagni dei Vigili del fuoco di Tirrenia, il martedì e giovedì invece a scuola per attività ludico creative cui partecipano anche i bambini dell’Associazione don Nesi, i ragazzi dell’Anffass e gli operatori de L’isola che c’è. Sono state anche realizzate uscite con la barca di Sport Insieme Livorno ed al Centro di Ippoterapia APODI. “La forza del progetto- afferma la coordinatrice, prof.ssa Cecilia Semplici- sta proprio nell’entusiasmo degli studenti che hanno deciso di dedicare parte delle loro vacanze estive a bambini eccezionali, in un percorso di crescita nell’amicizia e nella fiducia reciproca a dimostrazione che quando si offrono occasioni di impegno (ed anche la scuola lo può fare) gli adolescenti di oggi rispondono con entusiasmo e serietà”.
Il progetto risulta particolarmente significativo per diversi altri motivi:
– è un’esperienza di scuola aperta e vivace nel mese di luglio
– coinvolge decine di studenti in una esperienza di crescita umana, personale e professionalizzante perché inserita in un percorso individualizzato di Alternanza scuola lavoro: gli studenti del Cecioni faranno 80 ore di volontariato presentandosi per 4 settimane alle 9,00 alla loro scuola, vissuta non seduti sui banchi ma come occasione per una progettualità di cui sono i veri protagonisti
– risponde ai bisogni di tante famiglie, che in estate si trovano in particolari difficoltà, grazie al contributo di una significativa rete di partner sul territorio: soltanto tutti in rete si fa goal! Come dice la presidente di Disabilandia, Rosetta Cataldo “è importantissimo che i nostri bambini ed adolescenti stiano insieme a ragazzi tutor perché soltanto così si fa vera integrazione e si creano legami di amicizia che durano nel tempo”
– realizza quindi un gruppo alla pari, grazie al rapporto one to one, in cui la diversità è ricchezza da valorizzare. Come dicono Sharon Moreno e Mura Giorgia, della IV A Scienze umane “noi è il terzo che partecipiamo a questo progetto in cui sicuramente abbiamo dato tanto a Lisa, Francesco e Michael, ma anche loro ci hanno dato tantissimo”

Siete tutti invitati alla festa di presentazione delle attività martedì 29 luglio alle 17 presso il parco del Mulino: saranno presenti gli studenti, le famiglie e gli enti/associazioni che hanno dato un prezioso contributo. Questa la rete: Fondazione Livorno, Disabilandia, Azienda Usl 6, Comune di Livorno, Comune di Collesalvetti, Comando provinciale Vigili del fuoco, Anffass , Associazione autismo, Associazione Don Nesi, Associazione italiana persone down, Associazione L’isola che c’è, Associazione Sport insieme, Associazione A.PO.DI. Livorno, Handy superabile, Associazione culturale One eat

 

Riproduzione riservata ©