Nidi, ecco la graduatoria suddivisa per fasce. False dichiarazioni per avere il posto. I casi emersi

Su Quilivorno.it pubblicheremo, in ordine alfabetico, le assegnazioni ai Servizi Educativi 0/3 anni

Mediagallery

GRADUATORIA FASCIA PICCOLI – (1 sett 2012 -22 giu 2013)

GRADUATORIA FASCIA MEDI (1 gen – 31 ago 2012)

GRADUATORIA FASCIA GRANDI – (1 gen 31 dic 2011)  

Da oggi sull’apposito link della rete civica del Comune, online sul nostro quotidiano, e nella sede delle Attività Educative (via delle acciughe n.5) saranno pubblicate, in ordine alfabetico, le assegnazioni ai Servizi Educativi 0/3 anni che, accanto al nome del bambino , riportano quello del Servizio Educativo 0/3 anni (Nido o Centro Gioco Educativo) assegnato.
Nell’attesa si scopre che la Commissione ha effettuato i seguenti controlli sulle dichiarazioni (inerenti condizione familiare, occupazionale e sanitaria) sottoscritte da coloro che hanno presentato domanda. Cosa è emerso?

– dichiarazione stato disoccupazione: sono state controllate 54 famiglie su 225 dichiarazioni e per 5 (10 per cento) è stata verificata la condizione non applicabile

– dichiarazione condizione di lavoro dipendente da persona fisica: 24 controlli su 24 dichiarazioni (3 casi accertati)

– dichiarazione della presenza di altri figli minorenni non conviventi: controlli n.27 su n.27 dichiarazioni (4 casi accertati)

– dichiarazione della presenza di condizioni sanitarie collegate a punteggio: controlli n.84 su n.84 dichiarazioni (17 casi accertati)

– dichiarazione di disagio sociale: controlli n.59 su n.59 dichiarazioni (19 casi accertati)

– dichiarazione condizione di lavoro autonomo: controlli n.15 su n.15 dichiarazioni (riscontro positivo per tutti)

– dichiarazione della presenza di altri figli minorenni conviventi: controlli n.359 su 359 dichiarazioni (4 casi accertati)

I genitori dei bambini devono formalmente accettare il posto assegnato dotandosi dell’ apposito documento (attestato di ammissione) che – da lunedì 22 a sabato 27 luglio può essere:

– scaricato autonomamente (dalle ore 9 alle ore 17,30) tramite internet (www.comune.livorno.it / sezione servizi online “Sportello al cittadino” / sezione “Scuola”) ma solo da parte dei genitori che hanno sottoscritto la domanda e che sono in possesso delle credenziali di accesso ai servizi on line “Sportello del cittadino”;

– ritirato c/o: l’ufficio Attività Educative (via delle Acciughe n.5, piano 1°, in orario 9-13 e martedì e giovedì anche 15,30-17,30) per gli assegnati ai Nidi comunali Alveare, I Girasoli, I Villini, Il Giardino di Sara, Il Piccolo Principe, La Giostra, Mondolfi, Aquilone, Coccinella, Colibrì, Pirandello, Salviano, Santelli, Zerotre ed alCentro Gioco Educativo comunale PinaVerde;

la Cooperativa Gioco-città (C.so Mazzini 27 dalle ore 9 alle ore 17,30) per gli assegnati ai Nidi privati convenzionati Casa del Re, Chicchirillò, Il Satellite, Limoncino ed ai Centri Gioco Educativo Limoncino e Ludonido privati convenzionati;

il Consorzio S.E.D. (via E. Mayer 4 dalle ore 9 alle ore 17,30) per gli assegnati ai Servizi 03 privati convenzionati Nidi ABC Nursery, BabyGarden, C’era 2 volte, Il nido delle meraviglie, L’Arca di Noé, Scarabeo eNido domiciliare Tata Gaia.

Il mancato ritiro dell’Attestato di Ammissione equivale a rinuncia al posto assegnato. L’Attestato di Ammissione indica anche il giorno e l’ora del primo incontro, a Settembre prossimo, presso il Nido o il CGE a cui i genitori devono essere presenti. Da lunedì 22 luglio 2013 insieme alle assegnazioni è pubblicata anche la prima Lista di attesa, formata dai nominativi dei bambini e che non hanno trovato collocazione nei Servizi educativi richiesti.

 

 

 

Riproduzione riservata ©

37 commenti

 
  1. # lis..

    Proprio una vergogna…..

  2. # alla frutta

    Costassero di meno la gente sarebbe anche onesta, per mandare un bimbo al nido privato ci vuole un mutuo

  3. # Silvia

    Spero solo che ai soliti furbetti venga data una multa bella salata, oltre ad una denuncia per false dichiarazioni….Certa gente non capisce che dichiarando il falso per ottenere il posto automaticamente passano davanti a famiglie veramente bisognose che vengono lasciate fuori graduatoria, quando invece in un contesto di onesta’ ci rientrerebbero e meriterebbero il posto! Fate schifo vergognatevi! Pubblicate i nomi di questa gente!

  4. # stefano

    la vergogna è che la gente è costretta a imbrogliare per mandare il figlio al nido!!!!meno F35,meno soldi ai partiti + nidi!!!!!

  5. # Silvia

    C’e’ sempre qualcuno che difende i disonesti…e’ assurdo, vergognatevi! Si vede che voi altri giustificate questo sistema disonesto perche’ ne traete profitto. Le regole vanno rispettate, non c’e’ mai una giustificazione per i furbetti e i disonesti.

  6. # valina

    Quanti trabagai fanno, il marito al momento dell iscrizione leva la residenza così lei risulta sola e ha più punti, ah quante ne conosco!!! Che gente che schifo!!!

  7. # Silvia

    Nessuno e’ obbligato a imbrogliare, uno imbroglia se e’ disonesto!

  8. # alberto

    Brava Silvia ottima risposta…poi magari qualche sciacquetta /o ,,finta povera porta il bimbo con un SUV VERGOGNATEVI

  9. # Barbarica

    Se scavano hai voglia se ne escono!!! i miei sono andati al nido e me li hanno presi solo perché sono tre ed ho sempre pagato la retta piena… ma vi assicuro che la mattina ad accompagnare qualche bambino venivano con Porsche magari intestato a a chissà chi e alla fine del giornata avevano la ghigna di chiedere gli omogeneizzati alle educatrici… O quelli che facevano finta di essere separati e non lo erano…Ma dio levati… E’ proprio uno schifo …… ma sono le leggi che sono sbagliate… Nell isee devi dichiarare il saldo dell estratto contro al 31.12..la gente prima della fine dell’anno li leva e magicamente riappaiono a gennaio… Dovrebbero fare il saldo mese per mese e poi presentarono facendo una media… Sono le leggi che fanno onco….scusate lo sfogo

  10. # lynx

    Speriamo che in regime di autocertificazione qualcosa ora si smuova!E’ l’ora che la gente capisca che i diritti non sono sono mistificazione della verità, non sono imbroglio!Sono anni che accade….e non solo per gli asili nido….CITTADINI DISONESTI:VERGOGNATEVI!

  11. # marce

    imbrogliare non va bene… ma i parametri sono fatti a caso e “ribaltati” ogni anno in maniera a dir poco casuale e spesso per figuracce rimediate

  12. # leo

    è vero i nidi sono cari
    però si deve anche considerare che in un nido ci vogliono delle persone in base ai babini presenti
    queste persone vanno pur pagate , il giusto ma vanno pagate
    le spese vanno pagate
    pertanto ci ritroviamo a pagare quelloche paghiamo

  13. # alla frutta

    Beata te che hai un buon reddito e non sai cosa significa non arrivare a fine mese. Facile ragionare con la pancia piena

  14. # alla frutta

    Stefano ci mettono i pollicini rossi perche non hanno problemi finanziari, dovessero lottare per far mangiare i loro figli o per arrivare a fine mese vedrai la penserebbero diversamente. Almeno che non siano proprietari e parenti degli asili nido che remano dalla sua parte

  15. # Enrico Ottavo

    La colpa è degli extracomunitari, i quali viste le loro miserevoli condizioni, non già degne di civile compassione bensì di pubblico cristiano disprezzo, abbassano gli standard di povertà, costringendo i nostri italici concittadini a produrre false dichiarazioni al fine di arginare il pericoloso fenomeno del meticciato in età prescolare. Questi compatrioti, con sprezzo e sdegno del pericolo, combattono una battaglia di civiltà che noi ignavi rinunciamo di far propria. Orsù! Squillino le trombe e rullìno i tamburi, ONORE ai novelli D’Annunzio! con buona pace dei pavidi che rispettano le leggi…

  16. # andreawall

    Non sono d’accordo , io mi sono dissanguato per mandare regolarmente i miei figli all’asilo nido.. e vedevo cose irregolari ..ci sono famiglie che ottenevano.. dichiarando di non avere nulla …ma avevano di tutto e di più …spero che questi controlli siano fatti più spesso per aiutare chi ha veramente bisogno..anche per gli asili comunali, statali e scuole…

  17. # alla frutta

    Cara Silvia io non difendo proprio nessuno e , credimi, in vita mia non ho mai rubato una caramella e mai e poi mai imbroglierei qualcuno. Però purtroppo la gente è alla disperazione ed è strozzata da questo sistema politico di portare gli Italiani al lastrico. Risultato? Che alla fine si fa la guerra tra poveri e in tanti , ahimè, è scattata la famosa frase “morte tua vita mia”. Abbassassero le rette dei nidi magari con convenzioni comunali ed aumentassero i nidi invece di fare rotatorie semafori inutili ci sarebbe più posto per tutti. Comunque , tu ci creda o no, io non sono quell’imbroglione che ti sei permessa di descrivermi e non mi devo vergognare di niente. Ho una bimba che fa la terza elementare e non ho bisogno di fare nessuna furbizia per mandarla al nido.

  18. # Silvia

    Ti chiedo scusa, perdonami, avevo interpretato male il tuo scritto.

  19. # bubba

    Lo schifo è che non c’è posto per tutti, il mio non l’hanno preso…e andavo a pagare 300 euro il mese(che avrei pagato),però i soldi delle tasse eccome se li vogliono, pago sì ma per quali servizi?che non posso nemmeno mandare il bimbo al nido.Poi si trova i soldi per la festa del pd e non per fare nidi nuovi,ma tanto si sa, c’abbiamo scritto sale e tabacchi in fronte noi cittadini, anche se ancora per poco…vedrete. e comunque i furbi ci sono perchè gli viene permesso, cittadini ladri in stato ladro…

  20. # alla frutta

    Bravo!!!!!! clap clap

  21. # Silvia

    Ma questo cosa centra, a parte il fatto che quello che dici sul mio reddito non e’ vero, ma il punto dell’ articolo e’ che gente magari non bisognosa da false dichiarazioni per avere il posto, quando magari essendo abbienti, potrebbero mandare il figlio in asili privati, invece in maniera disonesta e illegale tolgono il posto a chi i soldi non li ha veramente….quello che dici tu e’ un altro discorso, condivisibile in pieno, ma fuori tema con l’articolo.

  22. # Edo

    …voce del verbo pagare…

  23. # Carlo

    ma come, ma il male dell’italia non erano i commercianti luridi evasori e ladri? allora anche fra i proletari si nascondono parassiti!

  24. # amaranto67

    imbrogliare non è mai la via giusta anche perche alla fine al comune non interessa chi usufruisce del servizio
    alla fine chi bara frega qualcuno messo peggio di lui…bella gara.

  25. # alla frutta

    Tranquilla Silvia. .scuse accettate ma avevo capito il tuo sfogo giustificatissimo.

  26. # alla frutta

    Ahahah Silvia questo articolo sembra una guerra tra me e te… hai ragione diciamo che fortunatamente la maggior parte delle persone di questa graduatoria sono oneste. Chi viene beccato dovrebbero quanto meno multarlo specialmente se è una famiglia che gira con suv e altro e non si merita lontanamente il posto. Però in Italia i disonesti non sono puniti come dovrebbero. (Ricordi Lucarelli che aveva una casa popolare? ) ecco in pratica con una ramanzina risolto tutto. Ora Silvia basta battagliare… beviamoci un caffè virtuale. (:-

  27. # alla frutta

    Giustissimo quello che dici ma non si dovrebbe dissangusrci per far andare i nostri bimbi al nido o a scuola. Alle medie per comprare libri ci vuole un mutuo.L’istruzione scolastica non dovrebbe costare cosi e ripeto come hai espresso chiaramente te.. non si dovrebbe fare salti mortali per mandare un figlio al nido.

  28. # Daniele

    Io so di gente che ha finto separazioni pur di rientrare al nido comunale, entrando al Comunale vale l’ISEE, in questo modo, magari avendo attività dichiarano redditi bassissimi (tipo orefici ecc…) ed il gioco è fatto, risparmiano quasi 500 euro al mese per 3 anni, oppure 800 el mesi minimo per baby sitter.

  29. # Giulia

    Questo non ti dà il diritto e non giustifica il fatto di iscrivere il figlio all’asilo nido e fare falsa dichiarazione, pensa se tutti si facesse così ? pensa se tutti passassero con il rosso …t’immagini il “casino” ? le regole ci sono e vanno rispettate, per noi stessi e soprattutto per gli altri..

  30. # Ricca

    Allora se uno e’ in difficoltà’ economiche e’ giusto imbrogliare?Bella moralità’!Vorrei sapere se chi è’ stato beccato e’stato escluso dalla graduatoria?

  31. # Giulia

    si lo vorrei sapere anch’io…

  32. # Giulia

    novita’ di ora, ci sono delle variazioni per il rilascio del voucher della regione toscana, maggiori dettagli prossimi giorni, quindi non è ancora certissimo ma pare che non sarà come l’anno scorso, questo significa che quelli come me che sono rimasti fuori per far posto anche a chi non merita il posto al comunale, , che lavora tutto il giorno ect..con stipendio miserevole, non avrà a pieno sostegno il buono servizio di e. 250,00 ma molto meno in base al valore isee

  33. # FRANZ

    FA POINO MEGLIO CHI IMBROGLIA!!!! IO è 4 ANNI CHE MANDO MIO FIGLIO AL PRIVATO PERCHè NON C’è POSTO E VADO A LAVORA PER PAGARE L’ASILO!!!!!

    CONTINUATE A DARE TUTTO AGLI STRANIERI!!! RIPRENDIAMO LA NOSTRA ITALIA!

  34. # problemazero

    È una vergogna il sistema. Un genitore che lavora con stipendio da operaio ed una casa non ancora di proprietà perché della banca per 30 anni di mutuo, debba pagare uno ”sbotto” pari quasi ad un’altra rata di mutuo per mandare il figlio al nido e vedere avanti in graduatoria a costo zero extracomunitari(con tutto il rispetto per i piccoli) ai quali spetta tutto e dico tutto. Che Italia di M……

  35. # Siamo obbiettivi

    Guarda che tanta di questa gente non ha davvero “bisogno” di imbrogliare come dici. Lo fanno anche quelli che hanno l’alloggio popolare e poi ci parcheggiano fuori il SUV da ottantamila euro.

  36. # Siamo obbiettivi

    Il fatto è che per avere aiuti devi essere poverissimo e nei guai fino al collo. Se sei “solo” quasi povero ti arrangi. E’ tutto sulle spalle delle famiglie, questo è vero. Però le cose sono solo due: o ci si adegua cercando di sopravvivere a scapito degli altri, o si protesta per ottenere un sistema migliore. Purtroppo è più facile fare la prima cosa. Io ho fatto con altri genitori una battaglia per mantenere l’asilo di mio figlio comunale ma quelli che erano all’ultimo anno se ne sono fregati perché tanto non ci sarebbero stati (a meno che il secondo figlio non avesse dovuto entrarci). Negli egoismi di tutti prospera questo sistema malato purché alla fine si riesca ad aggirarlo. E lo dico da persona che di sicuro non nuota nell’oro. Anzi. Ma il fatto è che per la maggior parte di noi i valori sono diventati superflui.

  37. # Siamo obbiettivi

    Come le case popolari o i contributi per gli affitti. Uno schifo, hai ragione.

I commenti sono chiusi.