“Avanti tutta”, presentato il libro per i 150 anni del Nautico. Il 12 dicembre festa a Villa Letizia e Accademia Navale

La proposta di Fiorenzo Milani: “Addestramento con Olt e una scuola superiore di istruzione nautica da intitolare all’ammiraglio Pollastrini”

Mediagallery

come di consueto trovate i link (in questo caso al programma delle iniziative e alle foto) in fondo all’articolo

150 anni di storia, iniziati il 13 dicembre 1863. L’istituto Nautico festeggia l’anniversario con un libro e due giorni di iniziative, tra Accademia e terminal crociere, grazie a un comitato di professori ed ex alunni.
Il libro, edito da Di Batte, storico amico e tipografo della scuola e del mitico preside Spanò, non a caso si chiama “Avanti Tutta”, proprio come il giornalino interno che fu stampato per la prima volta nel 1954 dallo stesso Di Batte. All’interno del volume, che sarà disponibile nei prossimi giorni, si trova una parte storica e un’ampia galleria fotografica, raccolta pazientemente dal comitato. Si va dagli scatti dei diplomi e dei campionati studenteschi sino alle più recenti foto di classe, divise per sezioni. Il libro nasce dai ricordi dell’ex preside Francesco Mumolo, coordinati dal lavoro del comitato (composto da Mumolo, Fiorenzo Milani, Laura Palamidessi, Roberto Pincelli, Mauro Meini, Milenko Dundich, Patrizia Dini e Emanuele Bergamini. L’introduzione del volume è stata curata dall’ammiraglio Felicio Angrisano, comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.
La giornata del 12 si svolgerà tra il polo logistico di Villa Letizia e l’Accademia Navale. La mattina nella sede universitaria si parlerà della formazione post-diploma e delle opportunità di lavoro; nel pomeriggio invece dopo il saluto della fanfara della Marina, in Accademia si parlerà dei titoli e delle nuove tecnologie. L’indomani, alla stazione marittima, verranno premiati gli studenti vincitori delle borse di studio e i vincitori delle regate per il centcinquantesimo.
Il libro è stato finanziato da un numeroso gruppo di sponsor, legati per provenienza e affinità, al nautico: D’Alesio Group, Renzo Conti, Gruppo Neri, Labromare, Toremar, Corpo Piloti, Tdt, Austral, Bonistalli, Ormeggiatori, Lorenzini, Porto 2000 e altri.
Da segnalare anche le proposte emerse dal comandate Milani nel corso della presentazione: una sinergia con OLT nella formazione pratica degli studenti e la creazione, sul modello di Genova, di una scuola superiore di istruzione nautica, magari da intitolare al recentemente scomparso ammiraglio Pollastrini.

 Per tutti gli ex allievi interessati ricordiamo il programma delle iniziative:

Venerdì 6 dicembre ore 11 presentazione del libro “Avanti Tutta” i 150 anni dell’I.T.N.S. “Alfredo Cappellini”

Giovedi 12 dicembre ore 09.30 presso Biblioteca “M.Caponi” a Villa Letizia mattinata dedicata all’Istruzione Nautica con interventi del Prof. Francesco Mumolo, Dott.ssa Giovanna Colombini, Prof.ssa D.Fara, Prof. E.Coccoluto, C.V. (CP) Nerio Busdraghi.

Giovedì 12 dicembre ore 14.30 presso l’Accademia Navale: Foto ricordo piazzale del Brigantino. Pomeriggio dedicato all’Istruzione Nautica con interventi del C.A. (CP) Arturo Faraone, Prof. M.Gemignani, Cap. Corvetta C.Marchi

Venerdì 13 dicembre ore 09.30 Stazione Marittima: Festa di Professori ed ex, Custodi ed ex, allievi ed ex, condotta da Giovanni Bondi. Nel corso della mattinata verranno premiati allievi dell’Istituto e consegnate le borse di studio del Gruppo D’Alesio.

G.F.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # cino

    Grandi Professori e grande scuola

  2. # vincenzo d'alesio

    Speriamo che non sia soltanto una rassegna istituzionale, perch’è l’ambiente del Nautico sia per gli insegnanti, sia per l’origine popolare di molti studenti ha sempre avuto un tratto trasgressivo ed autonomo.

  3. # Marco Zampetti

    Studente al Nautico dal ’77 all’ 82. Andiamo ex compagni di classe, ritroviamoci!!!

  4. # Capt. Yousef Daza

    Carissimi colleghi dell ‘Istituto Tecnico Nautico Cappellini di Livorno

    Buongiorno

    Io sono il Capitano di lungo corso il Sig. Yousef Daza , ho preso il Diploma nel 1983,
    dopo un’assenza per molto tempo , prendo questa occasione, per le preziose informazioni per la celebrazione dei 150 anni della fondazione (Era il 13 dicembre 1863 ) dell”Istituto Tecnico Nautico Cappellini di Livorno 12 e il 13 dicembre. Sono molto felice che possa partecipare con queste due parole.
    Ma io sono lontano dal luogo e non posso presenziare a questa celebrazione dovrebbe ringraziare l’Istituto, gli insegnanti e l’amministrazione da parte mia sugli sforzi che mi hanno dato sulla sceinze nautica nel settore dei trasporti marittimi e aiutami a diplomarsi con il titolo di studio di Aspirante al commando di navi mercantile nel 1983 e fu questo l’inizio della mia carriera professionale.
    Ora vivo a Tripoli, in Libia dopo che ho lavorato a bordo sulle navi mercantile e navi da passeggeri e ho avuto il grado di capitano di lungo corso, poi ho lavorato a terra in una compagnia di trasporto marittimo e poi in una Agenzia Marittima e ora gestisco un’Agenzia Marittima per conto mio, si chiama ( SHAHEEN SHIPPING AGENCIES )
    Il mio speciale apprezzamento e il rispetto, all’ istituto nautico (cappellini) e al sig. Francesco Mumolo ex preside dell’istituto.

    Ah …dimenticavo….tra due settimane circa sara’ Natale e non se avro’ segnale per mandarvi gli auguri….cosi’ lo faro’ adesso…..sincero auguri di un felice natale e un nuovo anno ricco di belle cose e soddisfazioni!!!

    Tanti saluti a tutti

    Capt. Yousef Daza

  5. # Lorenzo

    Da ex (studente) del nautico dico che questa e’ una scuola che forse aveva senso in passato, ma che ormai ha ben poco senso adesso. Personalmente parlando, la preparazione che mi ha dato e’ stata molto scadente e sulla terra ferma sono praticamente inesistenti le possibilità lavorative che questo istituto offre.anche i docenti erano assolutamente inadeguati, fino a pochi anni fa (quando mi diplomai) non avevamo neanche un preside, ma solo un vicepreside (nostro professore di elettrotecnica) che in tutto il quinto anno (anno della maturità e quindi forse il più importante) e’ venuto a lezione forse 3 volte, dicendo che era sempre indaffarato. La mitica professoressa di geografia che nessun studente dei miei anni potrà dimenticare… E tanti e tanti altri. Per fortuna ho proseguito gli studi e ho preso una laurea grazie alla quale oggi lavoro, altrimenti sarei con le mani in mano se fosse per quella scuola.

  6. # GUGA

    caro lorenzo…penso che non saresti dovuto arrivare fino alla quinta,
    i ragazzi in gamba si accorgono un pochino prima di aver sbagliato scelta scolastica,od eventualmente che la scelta fatta non rispecchia le aspettative .lecito credo.
    di solito in terza si inizia l’indirizzo scelto tu avevi la possibilità di cambiare
    “errare umano est” ma perseverare !!!!!!!!!!
    bene per te che sei riuscito a trovare lavoro!!
    conosco ragazzi laureati con master conseguiti che “non hanno fatto il Nautico”
    che NON NON NON trovano lavoro,pertanto sei uno dei fortunati,pur avendo fatto il NAUTICO

I commenti sono chiusi.