Aids. A Livorno 418 casi di Hiv. Sani: “Se ne parla poco, ma esiste ancora”

Il dottor Sani: "E' un'infezione sempre presente e continua ad essere un problema sanitario di grande rilevanza"

Mediagallery

È sostanzialmente stabile il numero dei nuovi casi di sieropositivi nella provincia di Livorno che passa dai 29 dello scorso anno ai 25 attuali, a un mese dalla fine del 2013. I dati sono stati presentati, come consuetudine, in occasione del tradizionale appuntamento in vista della giornata mondiale di sensibilizzazione contro l’Aids del primo dicembre da Spartaco Sani, direttore dell’Unità Operativa di Malattie Infettive dell’Azienda USL 6. “L’Hiv nonostante se ne parli poco – dice Sani – è un’infezione sempre presente e continua ad essere un problema sanitario di grande rilevanza. Dopo il triste e allarmante primato del 2010, quando furono registrati 43 nuovi casi a Livorno e provincia, si registra un numero costante di nuove infezioni: 27 nel 2011 e 29 nel 2012. Ad oggi i sieropositivi residenti nel territorio dell’Azienda USL 6 arrivano così a quota 418 di quali 307 maschi (73,5%) e 111 femmine (26,5%) la metà dei quali provenienti dalla Zona livornese.  I pazienti seguiti ad oggi nel reparto di Malattie Infettive sono circa 550 e l’85 per cento di loro sono in terapia”.
Le terapie negli anni sono cambiate parecchio e oggi i pazienti con Hiv conducono una vita quasi normale e le stesse donne sieropositive, se adeguatamente seguite, partoriscono bambini perfettamente sani: risultati fino a pochi anni fa impensabili.
“Ma ad essere cambiata nell’ultimo decennio è soprattutto la modalità di trasmissione – continua Sani – oggi è una malattia a quasi esclusivo contagio per via sessuale, con la modalità eterosessuale la più frequente: ciò significa che l’HIV può di fatto interessare chiunque. Ancora oggi una buona parte dei pazienti giungono tardivamente alla diagnosi quando hanno la malattia conclamata e scoprono contemporaneamente di essere sieropositivi e di avere l’AIDS. Dei nuovi casi, un numero significato è costituito però anche da infezioni recenti: ciò significa che il virus circola attivamente, trasmesso attraverso rapporti sessuali con persone che non sono consapevoli, per molteplici motivi, di essere sieropositivi”.
Da qui l’importanza dell’esecuzione del test, soprattutto quando si pensi di aver avuto occasioni di incontro del virus come nel caso rapporti sessuali non protetti,promiscui, con persone che non si conoscono, storie passate di tossicodipendenza o di rapporti sessuali con persone che avevano avuto storie di dipendenza eccetera. “Non si deve avere paura di fare il test – prosegue Sani – e non solo perché viene garantito con sicurezza l’anonimato, ma perché è utile sia per il paziente, che se scopre di essere sieropositivo precocemente ha una aspettativa di vita simile alle persona non malate, e per la comunità, avendo la possibilità di non trasmettere la malattia agli altri”. All’incontro anche la signora Bonaria Vacca in rappresentanza dell’Associazione P24 .

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # dez

    bene bravi fate bene a parlarne .. purtroppo non se ne sente più in giro e sembra quasi che la malattia sia stata debellata invece bisogna sapere che invece è ancora forte …. prevenzione educazione informazione

  2. # Alex

    Si vabbe’ .. E’ bene parlarne , però 24 nuovi casi in un anno di cui più della metà extracomunitari già infettati , e’ sicuramente una cifra irrisoria rispetto ad altre patologie più gravi e importanti .
    Non pensate che sia bene parlarne principalmente per fare arricchire le multinazionali con la vendita dei farmaci costosi principalmente nei paesi sottosviluppati?
    Magari facendo la giornata anti-AIDS
    Meditate gente meditate

  3. # livorneseDOC

    basterebbe educare queste persone all’uso del contraccettivo sicuro, come il preservativo. cosa che purtroppo in alcuni paesi non succede perche’ muoiono piu’ di fame che di aids.

I commenti sono chiusi.