Ospedale, ancora un furto a Diabetologia. L'appello: "Riportateci il maltolto"

Mediagallery

Continua l’ondata di furti all’interno dell’ospedale di Livorno. Dopo i due televisori rubati nel reparto di Cure Palliative e dopo il furto fotocopia a Diabetologia, ancora un colpo nello stesso reparto teatro dell’ultimo ladrocinio. Nella mattina di questo martedì 3 settembre infatti qualcuno è entrato in un ambulatorio di  Diabetologia all’interno dell’ospedale  di Livorno , al 3°piano del Poliambulatorio di viale Alfieri, ed ha sottratto lo strumento “Mobil Graph” per il controllo 24 ore su 24 della pressione sanguigna, mettendo così in crisi il servizio di monitoraggio della pressione arteriosa nelle persone con diabete.

“Poiché lo strumento, di per sé, non può avere un pratico utilizzo – spiega Antonio Benigni, presidente dell’ Agdal (Associazione per l’assistenza ai giovani ed adulti diabetici) dell’area livornese – perché deve essere collegato ad un particolare programma computerizzato per il carico dei dati personali del paziente ed il successivo scarico e valutazione dei dati raccolti dopo 24 ore, i responsabili dell’Associazione Diabetici Agdal Livorno onlus, facendosi interpreti dei sentimenti del personale di Diabetologia e dei diabetici livornesi, invitano colui o coloro che hanno sottratto lo strumento, probabilmente creduto un normale apparecchio per il controllo della pressione, a restituirlo. I responsabili del gesto – spiega Benigni – possono riportarlo anche in forma anonima depositandolo presso la sede dell’Associazione che si trova in un prefabbricato nei giardini presso il vecchio Pronto Soccorso”.

Riproduzione riservata ©

13 commenti

 
  1. # Caterina

    allora le cose sono due: o qualche malintenzionato ha scoperto la maniera per entrare senza farsi vedere, o è qualcuno all’interno dell’organico ospedaliero che ovviamente sa come muoversi…

  2. # sergio

    Bisogna metterci le tagliole e dopo messi alla gogna in piazza della Repubblica. Chi ruba in questi luoghi non è degno di niente non si merita neanche l’appellativo di Umano ma di Bastardo.Spero che vengano presi al più presto e du’manate se le meriterebbero senza problemi.

  3. # amaranto67

    se le beccano gliele danno stanne certo… sanno loro come fa

  4. # Paolo

    ….mi associo!

  5. # PITTARO

    du manate?? tagliare le mani !!

  6. # DANIELA

    Però ragazzi anche li, qualcuno che controllasse apparecchiature così importanti no? Io oggi sto guardando queste notizie sulla sanità e veramente ho i brividi. Non c’è controlli e vi garantisco che se di notte vi trovate a percorrere i corridoi vuoti e desolanti di questo ospedale vi accorgete che si può essere assaliti da chiunque, non c’è controlli purtroppo è così .

  7. # sergio

    Credo che la gogna possa essere un grosso deterrente, ognuno può tirargli ciò che vuole senza fare del male fisico e vedere in faccia il delinquente. Però bisogna essere sicuri che sia proprio lui.

  8. # alinooooooooooo

    Pienamente d’accordo poi se lo beccano il sindacato lo difende pure

  9. # Francesco R.

    GENTE SENZA SCRUPOLI E SENZA PUDORE!!! VERGOGNATEVI!!! TUTTO (meglio niente, è chiaro…) MA GLI OSPEDALI NO!!!

  10. # Gionicky

    Se continua così lo svuotano tutto…..

  11. # Mauro

    Mozzargli le manine no eh?

  12. # giovanni

    Sicuramente. Avrà clonato il software.

  13. # tappino

    è quello che ho sempre detto e pensato io!!.

I commenti sono chiusi.