Operatori socio sanitari, ecco la lista degli ammessi al corso Asl

Mediagallery

potete anche scaricare l’elenco in formato pdf in fondo all’articolo

Sono state pubblicate le graduatorie degli ammessi alla partecipazione del corso Oss di base (1.000 ore) mentre la graduatoria relativa al corso abbreviato Aab sarà pubblicata tra circa una settimana. Le graduatoria è consultabile al seguente link  .Non sarà pubblicata la lista dei concorrenti non ammessi. Dei 261 candidati 131 sono risultati idonei per la copertura di n. 30 posti disponibili (ulteriori 30 per il corso Aab per coloro già in possesso di titoli professionali). Si ricorda agli interessati che l’elenco è provvisorio in attesa della prova di italiano per i cittadini stranieri ed è pubblicato in ordine di punteggio. La prova di italiano per gli stranieri avrà luogo il 10 febbraio alle 9 all’interno del Polo Didattico del Presidio Ospedaliero di Livorno (padiglione 20). La mancata presenza comporterà l’esclusione dalla selezione. Una volta definita la graduatoria i vincitori saranno contattati con lettera raccomandata.

Riproduzione riservata ©

Allegati

4 commenti

 
  1. # Matteo P.

    E’ inutile che tutti gli anni fanno i corsi OSS OSA etc… quando poi non vengono fatti bandi per assumere determinate figure. Mia moglie è OSS da circa 3 anni. Non esiste un bando del genere, e per lavorare deve fare sì quella figura ma con contratti di donne delle pulizie lavorando 7 giorni su 7 fino alle 22.00 per meno di 600 euro al mese… la farei poco pubblicità a questi corsi…poi i risultati sono questi!

  2. # paolo

    Se come riferimento prendi Livorno hai ragione; nella sanità i concorsi per OSS sono tra i pochi ad essere banditi… basta andare in Emilia Romagna. Tempo fa c’è stato un concorso per OSS anche a Siena/Arezzo. Capisco chi ha famiglia e quindi difficoltà a trasferirsi ma per chi non ha queste situazioni, in realtà, è uno dei pochi lavori che consente di lavorare nel pubblico.

  3. # Matteo P.

    Grazie per la dritta…

  4. # non va bene

    Sig. Matteo P. nel caso specifico di cui lei parla, la colpa non è dei corsi ma del datore di lavoro disonesto che andrebbe denunciato per fargli passare la voglia di truffare i lavoratori e lo Stato. Ovviamente capisco che di questi tempi è difficile rifiutare i compromessi pur di lavorare ma cosi non va bene….

I commenti sono chiusi.