Si apre la stagione della caccia. Tutte le regole

Mediagallery

Domenica 20 settembre si apre ufficialmente la stagione venatoria. Queste le principali prescrizioni previste nel Calendario Venatorio della Provincia (testo coordinato con il C.V. regionale DGR .377 del 3/3/2015), scaricabile dal sito dell’Ente nella sezione Caccia e Pesca.

Per tutto il periodo, che si concluderà il 31 gennaio 2016, la caccia sarà consentita, anche con l’uso del cane, in forma vagante e da appostamento fisso o temporaneo. Ai titolari di licenza sono concessi tre giorni a settimana da scegliere tra lunedi, mercoledi, giovedi, sabato e domenica.

Fino al 31 dicembre le specie cacciabili sono: coniglio selvatico, allodola, merlo, quaglia, tortora (Streptopelia turtur), pernice rossa, starna e fagiano. La caccia alla lepre comune chiude il 7 dicembre, mentre il combattente si potrà cacciare solo fino al 31 ottobre.

La caccia alla pernice rossa è però vietata su tutto il territorio elbano (ex Atc 10), in quanto la specie è sottoposta ad uno studio su consistenza, variabilità genetica e distribuzione sul territorio, con relativo monitoraggio.

Le specie cacciabili fino al 31 gennaio sono: tordo bottaccio, alzavola, beccaccino, canapiglia, codone, colombaccio, cornacchia grigia, fischione, folaga, frullino, gallinella d’acqua, gazza, germano reale, ghiandaia, marzaiola, mestolone, moriglione, pavoncella, porciglione,volpe.

La caccia alla beccaccia è consentita solo in forma vagante e con l’ausilio del cane da ferma o da cerca, mentre quella alla lepre in battuta può essere effettuata con formazioni composte al massimo da sette partecipanti.

La caccia a beccaccia, cesena e tordo sassello è consentita solo a partire dal 1° ottobre, fino al 31 gennaio, mentre dal 1° novembre si potrà cacciare anche la specie moretta.

Ai fini di prevenire gravi danni alle coltivazioni agricole locali, dal 4 ottobre al 13 dicembre sarà consentito il prelievo in deroga di storno e piccione ma solo in alcuni comuni e nei quantitativi e modalità indicati dalla DGRT n. 780 del 28/07/2015, anch’essa consultabile sul sito web della Provincia. Inoltre i cacciatori dovranno comunicare alla Provincia di residenza entro il 12 novembre il numero dei capi di storno abbattuti.

Sempre dal 1° novembre 2015 al 31 gennaio 2016 è permessa la caccia al cinghiale, con le modalità stabilite dal regolamento regionale e con specifiche prescrizioni indicate nel CV provinciale.

Nel Calendario Venatorio sono, inoltre, riportati i piani di prelievo predisposti dall’ATC, riguardanti il capriolo, il daino e il muflone.  Nel Calendario sono, inoltre,  elencate le zone a caccia programmata, quelle a gestione venatoria privata, quelle con divieto e quelle contigue a parchi e riserve provinciali.

La giornata venatoria si apre all’alba e si conclude al tramonto, con una durata variabile, secondo il variare delle ore di luce. Per settembre la durata prevista è dalle 6 alle 19.

L’Amministrazione Provinciale ricorda, inoltre, ai cacciatori l’obbligo di raccogliere i bossoli delle cartucce sparate e raccomanda massima prudenza e rispetto delle norme e regole di comportamento affinché l’esercizio venatorio sia praticato in sicurezza, in  particolare per la caccia al cinghiale in battuta, dove è obbligatorio indossare un gilet colorato ad alta visibilità.

Si precisa, infine,  che entro il 20 marzo i tesserini venatori dovranno essere riconsegnati al Comune di appartenenza, o a quello che l’ha rilasciato in caso di cambio di residenza, pena una sanzione amministrativa da 5 a 30 euro.

 

Riproduzione riservata ©

29 commenti

 
  1. # AnToNIO

    Ti piace vincere facile!!!! gente che si vanta di aver ucciso un cinghiale con una carabina che butterebbe giù un muro…perché non cacciate come 100 mila anni fa?sai che bella selezione naturale!!!! Gente che si vanta di aver ucciso 25 fagiani…in riserva! E non venitemi a dire che cacciate per mangiare perché con il solo costo delle cartucce,porto d’armi,assicurazione ecc ecc ci comprereste un allevamento!
    Vi piace sparare,andate al tiro al piattello…non fate male a nessuno e vi divertite lo stesso

  2. # Martina

    Antonio condivido in pieno il tuo pensiero e aggiungo che evidentemente si sentono forti e virili solo con un fucile in mano perché devono compensare il fatto che a casa probabilmente non lo sono…?

  3. # Salamino

    I boschi sono pieni di cartucce, è uno schifo, nei pressi dei casottini si appostamenti è pieno si sporcizia di ogni genere. Per non parlare degli incidenti che ogni anno coivolgono anche persone che con la caccia non c ‘entrano niente e animali privati. È una vergogna permettere ancora a questi criminali di uccidere animali innocenti, deturpare il territorio e creare pericolo alle persone e ai cani e aNimali sa allevamento.

  4. # Nerd

    I soliti discorsi che racchiudono solo ignoranza in materia. I cacciatori sono coloro che hanno maggior tutela e rispetto del bosco e delle sue creature,il resto sono chiacchiere. Meglio mangiarsi un tordo che ha sempre vissuto libero o un pollo nato e cresciuto in una gabbietta di pochi centimetri?

  5. # stefano

    cacciatori…non avete altro da fare.non ci sono soldi ma per le cartucce ed i fucili li avete! spesso si spara vicino ad un centro abitato o a terreni di proprieta’, nessuno vigila , e’ una vergogna.

  6. # Marco

    Poveri animali innocenti, poi chissà cosa avete mangiato ieri per cena: tofu e soia…..nel caso si spiegherebbero certi discorsi da devitaminizzati. Non vedo l’ora di mangiare lo spezzatino di cinghiale alla faccia vostra.

  7. # Gioelle

    Forse è piu bello sterminarli in batteria in scala mondiale,
    Già vero questi non sono animali che non vedono nemmeno la luce
    Già belle e pronti nel microonde , piu’ facile di cosi’
    A te non ti piace vincere facile di piu!

  8. # AnToNIO

    Personalmente non ti invidio…continuate ad andare a caccia ed a mangiare il cinghiale alla faccia nostra che qualcuno farà altro…sulla testa vostra!

  9. # er pomata

    Si può anche non essere d’accordo sull’attività venatoria, ma non venite a dirmi che la sporcizia nei boschi è colpa dei cacciatori. Soft air , motocros, fungaioli della domenica e di tutti i giorni ma ignoranti.
    Per non parlare di chi arriva con la macchina fino a bordo macchia per lasciare mobilia, batterie materassi.

  10. # er pomata

    Tutti gli anni le stesse polemiche, possiamo anche non essere d’accordo sulla caccia ma leggo messaggi astiosi che denotano la classica ottusità ultra animalista. e comunque tutte queste persone che si ergono a paladini della natura e degli animali alla LIPU mai un euro di contributo…… ipocriti.
    Ma vi siete accorti che la Polizia Provinciale e la forestale le hanno praticamente soppresse?

  11. # AnToNIO

    Quindi te sai se io sono vegetariano,vengano o altro?
    Riponiti

  12. # bumme

    Purtroppo il mondo di plastica e cemento ci ha reso un pò strani. ..andare a caccia è far parte della natura…non mi piace chi spara a 300 colombacci ma tornare a casa e cucinarsi la cacciagione è un modo per tornare a far parte di qualcosa che abbiamo perso. Capisco chi vede un uccellino in mezzo alla città e si chiede perché esiste ancora la caccia ma bisogna capire anche che chi ha ancora questa passione e non si rassegna al mondo di plastica.

  13. # AnToNIO

    capisco una passione,ma che passione è quella di uccidere animali?
    Ci sono tanti modi per poter sparare.
    E poi “sentirti dire” che andare a caccia fa parte della natura,mi viene da riderti in faccia (purtroppo non posso)…forse 100 anni fa,adesso no!!!!
    E ti dirò di più,quando sento che tra cacciatori si sono sparati (da qui vedi l’intelligenza che hanno)…non mi dispiace per nulla!!!!

  14. # bumme

    Io non sono più cacciatore da anni per le ragioni che ho detto ma avere piacere degli incidenti di caccia ….che dirti. …te ridi pure che a me viene da piangere.

  15. # Er pomata

    Caro Antonio ma fai i soliti discorsi anche a chi pratica la pesca o a quelle mamme che lasciano agonizzante granchi sui bagni?
    Guarda che anche se non si lamentano i pesci soffrono a stare attaccati ad un amo.

  16. # muflone

    diamo addosso a cacciatori ma di chi va a pescare non dice mai niente nessuno siete solo degli ipocriti e basta pensate che i pesci non siano come gli uccelli. Io starei zitto

  17. # muflone

    si parla sempre di cacciatori ma di pescatori mai.Pensate che quei pesci non siano alla pari degli uccelli.Siete solo degli ipocriti.Per non perlare di chi uccide esseri umani a cui non viene praticamemte fatto niente mentre ad un cacciatore se spara ad una spece protetta passa un processo per direttissima multa salata e ritiro dell’arma e porto d’armi

  18. # lev

    Il dibattito caccia si caccia no va avanti da decenni senza che in sostanza e’cambiato nulla o poco…Di sicuro e’ cambiato l’ambiente…urbanizzazione selvaggia,fitofarmaci a iosa nei campi…in questo drammatico contesto c’e’ chi cerca l’emozione ancestrale di procurarsi il cibo…Il fatto e’ che intorno alla caccia girano un sacco di soldi e di voti…alla faccia dei cacciatori ,degli animali e degli ambientalisti…

  19. # fede

    A bene bella giornata…grazie a tutti coloro che ci permettono ancora di praticare questa passione, un po meno a chi augura del male, ma cosa vuoi la differenza tra noi e voi sta proprio qui…noi fedine penali immacolate e famiglia loro booooo. Ciao rosiconi….

  20. # Martina

    Mi dispiace per te ma la mia fedina è meglio anche della tua… infondo con voi non si sa mai un giorno per sbaglio puoi sparare e uccidere un uomo… ecco qual’è la.differenza tra voi e noi… a noi non ci capiterà mai… e poi siete voi che state a rosica che non sapete come divertivi vi sentite potenti solo a uccidere un essere vivente forse è solo così che.dimostrate di essere uomini… io se fossi in te un controllo da uno bravo lo farei

  21. # Gioelle

    Vieni vengano , incassati.

  22. # Nedo

    Ma che film hai visto? Cacciatori, razza che spero si entingua da se…e ogni tanto qualcuno si fa male, peccato davvero..

  23. # Nedo

    La tristezza della tua vita si sente proprio dalla necessità di sottolineare quanto sei meglio degli altri: fedina penale pulita (per la legge, non di certo per coscienza)..famiglia (cosa ci combina la famiglia?)
    Rimanete nella convinzione che uccidere, specie per divertimento, sia normale. Da brividi.

  24. # Skywalker

    Poveretti…. trovano soddisfazione ad andare in giro la domenica nei boschi e nei campi vestiti da guerriglieri per sparare a due passerotti che poi espongono orgogliosi come trofeo.
    Tante volte poi son talmente eccitati che sparano a qualsiasi cosa si muove dietro una frasca (vedi episodio di ieri riportato dai giornali in cui un genio ha seccato il fratello) poi dopo si vede se è un tarpone, un bambino o un uomo….
    REDIOLI!!!!!! MA STATE A CASA CON LE MOGLI!!

  25. # Mauro

    Ma te mangi carne di animali vivi?

  26. # Mauro

    e quei macellai che squartano i maiali per farci le sarcicce? ma per favore. non mi sembra che a Livorno sia pieno di vegani. Se mangiate la carne o il pesce qualcuno dovrà pur provvedere a pescare i pesci ed ad uccidere gli animali, tutto il resto è ipocrisia.

  27. # Nedo

    No Mauro, semplicemente non mangio carne ne pesce.
    Non giustifico uccidere animali per 30 secondi di piacere in bocca, quindi figurati se giustifico chi lo fa per “passione”.
    La passione è qualcosa di sano, che sia il modellismo, il ciclismo, la pittura o cosa vi pare..non di certo togliere vite.

  28. # Genuino

    Si io tolgo le vite agli animali, tiro il collo alle galline ai conigli e piccioni vado a caccia e me li mangio…e sono nella legge , faccio le cose più naturali di questa terra e sono fiero di trasmetterlo ai miei figli e nipoti di ciò che ne pensate me ne frego….bonaaaaaaaa!!

  29. # Fede

    Dimenticato.. .durante la mia uscita venatoria sono stato alla puzzolente. Nessuno denuncia lo scempio dei boschi rasi quasi al suolo , tane degli animali distrutte abitat trasformato e pericolo dissesto idrogeologico….già ma si pensa al cacciatore…che spara al passerotto ( che è vietato da anni) …..

I commenti sono chiusi.