Rigassificatore, area off limits per 4 miglia. Pescatori preoccupati, tavolo in Provincia

La Capitaneria ha chiarito che l’area di controllo e limitazione è quella compresa entro le 4 miglia intorno all’impianto. Oltre questa area la pesca e la navigazione sono consentite

Mediagallery

Si è svolta martedì 6 agosto, in Provincia, una riunione con le associazioni di categoria della pesca professionale che avevano chiesto un incontro urgente sui problemi derivanti dalle limitazioni alla navigazione e alla pesca nell’area interessata dal rigassificatore offshore.

All’incontro, promosso dall’assessore provinciale alla pesca, Paolo Pacini, erano presenti i rappresentanti di Federpesca, Legapesca e Federcoop pesca, gli assessori del Comune di Livorno Paola Bernardo e Massimo Gulì, i rappresentanti della Capitaneria di Porto di Livorno, comandanti Alberto Betti e Gabriele Bonaguidi, il direttore dell’Area Marina Protetta San Rossore- Massaciuccoli, Andrea Gennai. Per la Regione Toscana era presente il dirigente dell’assessorato alla pesca e agricoltura, Simone Tarducci, insieme ad alcuni funzionari.
Le preoccupazioni espresse dalle associazioni di categoria riguardavano, in particolare, le possibili conseguenze negative sull’attività economica causate dall’area di interdizione alla pesca definita in una recente ordinanza della Capitaneria.
Su questo punto i pescatori hanno ricevuto ampie rassicurazioni da parte della Capitaneria stessa, la quale ha chiarito che l’area di controllo e limitazione è quella compresa entro le 4 miglia intorno all’impianto. Oltre questa area, invece, la pesca e la navigazione sono regolarmente consentite secondo le norme vigenti.
La Provincia e il Comune hanno, quindi, proposto la creazione di un tavolo istituzionale regionale, con la presenza delle associazioni, finalizzato a monitorare l’attività di pesca dal punto di vista economico, in modo de evidenziare tempestivamente eventuali maggiori costi di gestione per le imprese. Sulla proposta si sono espresse positivamente le associazioni, e la Regione Toscana, dal canto suo, ha garantito la disponibilità a coordinare i lavori e a convocare, entro breve tempo, un nuovo incontro per mettere a punto le attività di monitoraggio.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # la livorno oltre il boia deh!

    finalmente una nota positiva nella “supposta” rigassifficatore
    creata involontariamente una zona di ripopolamento ittico
    signori con le reti a strascico ammazza tutto sono gli unici che possono ringraziare.
    noi no!

  2. # Frank

    Con la speranza che tutto il cloro sversato non distrugga tutto l’ecosistema marino…

  3. # PITTARO

    Dè ma grazie al Cloro avremo il pesce sano e disinfettato!! Almeno un si piglia i funghi!!

  4. # brunog

    Frank non ti preoccupare il rigassificatore, voluto da una classe dirigente sagace e lungimirante, permetterà di avere una bella fetta di mare per il ripopolamento di pesci addirittura purificati col cloro. Penso che dovresti essere contento di mangiare pesce col bollino di purificazione.

  5. # Frank

    Si Bruno e lo sai come faranno bene e che bel sapore le orate quando si mangiano???..e’ come mangia un pesce nato in piscina…senza pensare che l’abbassamento delle temperature dell’acqua cambierà radicalmente l’ecosistema della zona…e pensa’ che accanto c’e’ il parco delle Melorie concesso proprio per dare il contentino visto l’ecomostro dietro l’uscio…come sempre ci pigliano bene bene per il “lato B”!

  6. # davide

    gli effetti non tarderanno a mostrarsi statene certi , e quando realizzeremo che la beffa sarà totale perchè il prezzo del gas non scenderà di un centesimo (anzi) e la ricaduta sul territorio pari a zero , ormai sarà troppo tardi…
    Tra quarant’anni , quando gli interessi di tutti saranno scemati e la salsedine si sarà portato via il mostro a pezzi , allora parleranno di Ilva del mare….

  7. # Frank

    E comunque ieri ho letto l’articolo firmato dalla capitaneria che parla di 8 miglia di raggio interdette a pesca e navigazione….se cosi e’ veramente e’ finita nautica, pesca e commercio a Livorno visto che anche le navi per arrivare in porto devono allungare miglia marine per evitare il famoso raggio ….!

  8. # mony

    Vi e’ molto di folle nella vostra cosiddetta civilta’. Come pazzi voi uomini bianchi correte dietro al denaro, fino a che non ne avete così tanto, che non potete vivere abbastanza a lungo per spenderlo. Voi saccheggiate i boschi e la terra, sprecate i combustibili naturali, come se dopo di voi non venisse piu’ alcuna generazione, che ha altrettanto bisogno di tutto questo. Voi parlate sempre di un mondo migliore, mentre costruite bombe sempre piu’ potenti, per distruggere quel mondo che ora avete. (Bufalo che Cammina, Stoney

I commenti sono chiusi.