Il pesce fresco? Te lo portiamo direttamente a casa… in motorino. I dettagli

Info www.coopsma.it/acasatua o 0586 - 42.67.51

Mediagallery

di FRANCESCO SORRENTINO

Non hai voglia di cucinare? Non vuoi o non puoi uscire di casa? Non vuoi la solita pizza a domicilio? Facile, ad arrivarti a domicilio, questa volta, sarà del pesce freschissimo. E’ questo il progetto presentato dall’assessorato all’agricoltura, turismo e pesca della Provincia di Livorno, unico in Toscana, che rientra nella campagna di promozione del pesce cosiddetto “dimenticato”, progetto cofinanziato dall’Unione Europea e gestito dalla Cooperativa pescatori livornesi “S.Maria Assunta scarl”.
“L’obiettivo del progetto – dichiara Niclo Vitelli, presidente della cooperativa – sarà quello di, eliminando tutti i passaggi d’intermediazione, portare un prodotto ittico direttamente al domicilio del consumatore, a poche ore dalla cattura e promuovere le specie messe in secondo piano dal mercato, offrendo così benefici sostanziali sia ai consumatori, per l’ottimo rapporto qualità – prezzo, sia ai pescatori locali in questo caso diretti protagonisti del mercato”. “Con questo servizio, a filiera corta – dichiara l’assessore Paolo Pacini – , si offrirà agli utenti la possibilità di conoscere e riscoprire il pescato proveniente dal nostro mare. Purtroppo osserviamo, che, ad oggi, circa il settanta percento del pescato viene importato con una rintracciabilità poco chiara”.
Una sorta di mercato digitale del pesce fresco, rivolto a tutti i consumatori della Provincia, dove, attraverso il portale della cooperativa www.coopsma.it/acasatua o chiamando il numero 0586 – 42.67.51, si potranno scegliere ed ordinare, tramite un elenco costantemente aggiornato.

Ecco come funzionerà il servizio:
Sarà possibile ordinare il pesce desiderato, e riceverlo a casa concordando il giorno e l’ora del recapito attraverso il numero telefonico o collegandosi al sito. Le ordinazioni potranno essere fatte in orario 8– 12 e 14-17 e le consegne verranno effettuate dalle 17:30 alle 19:30 (per ordinazioni entro le ore 12) e dalle 11 alle 13.30 del giorno successivo (per ordinazioni oltre le ore 12). I pagamenti avverranno alla consegna del pesce ordinato e la consegna sarà gratuita. Su richiesta la cooperativa effettuerà anche consegne a distanza di qualche giorno.

 

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # Diciamo la verità

    E pensare che qualcuno le vorrebbe abolire le Province.
    O come si farebbe senza….?

  2. # frittura

    tanta roba! mentre lo porti occhio alle curve quando sbuzzi il pesce e casco allacciato anche alle boghe!!

  3. # Mauro 67

    Onore al merito a chi si ingegna per poter lavorare. Bravi.

  4. # Sergio

    Veramente una grande iniziativa. BRAVI !

  5. # virgilio

    Grande iniziativa? è un’idea…però a me piace andare e toccare con mano…e poi..prenoti…e se si alza maraccio oppure non peschi niente? non è chiaro…

  6. # dez

    comunque ora che sono passate le feste lo provo

  7. # cinzia

    bravissimi!! ottima idea! un punto a favore a chi si ingegna per lavorare!

  8. # boob

    provato! veloci, gentili economici e pesce ottimo!passate anche alla frutta e verdura!!!

I commenti sono chiusi.