Porto e crociere. Piccini punta tutto sulla Fortezza e su un nuovo terminal

Il progetto, spiega l’assessore della regione Toscana Stefano Romagnoli, incrementerà e valorizzerà il territorio toscano, dando lavoro fino a 1100 operatori.

Mediagallery

di NICOLO’ ORSUCCI

Fortezza e nuovo terminal crociere. Sono questi i due punti chiave sui quali ieri, 1° ottobre,  nella sala della Canaviglia alla Fortezza Vecchia, Roberto Piccini, presidente della Porto 2000 ha puntato. Tra gli obiettivi quindi dichiarati dal “signore delle crociere” quello di creare un  porto “nuovo” costruendo un collegamento tra la città e la Fortezza stessa proprio grazie anche alla costruzione di un ponte mobile che sarà pronto quanto prima, un  vero e proprio “link” tra la terra ferma e il simbolo di Livorno. “Non vogliamo trasformare la Fortezza in uno strumento puramente economico – spiega Piccini – ma in un luogo dove i visitatori potranno provare delle emozioni”. La riapertura della Fortezza è stata resa possibile grazie all’iniziativa della Camera di commercio e al Comune che hanno deciso di ridare alla città il proprio simbolo e la data scelta non è casuale perché venerdì 11 ottobre arriva la Azamara Journey (gruppo Royal Carribbean) che porterà nella nostra città 690 turisti americani, per i quali è stato preparato un programma che li porterà a visitare la Fortezza Vecchia e poi le meraviglie della città. Su questa idea è stato proprio Marco Bertini (Fondazione Goldoni) che ha rilanciato l’idea di un “Cavalleria Rusticana” on demand da poter offrire come show mattutino di un percorso che si snoderebbe per la città nel segno di Mascagni.
Ma Piccini non si ferma e rilancia parlando di un nuovo terminal per le navi da crociere pronto fra non oltre trenta giorni: “Noi contiamo di essere in grado di inaugurare il 4 novembre – spiega il numero uno della Porto di Livorno 2o00-  il secondo terminal crociere che servirà per le navi da crociera che arriveranno agli accosti 46 e 47 dell’Alto Fondale”. Una vera e propria marcia un più dunque quella inserita nel motore del porto di Livorno da Roberto Piccini.
“Il progetto – spiega l’assessore della regione toscana Stefano Romagnoli – incrementerà e valorizzerà il territorio toscano, dando lavoro fino a 1100 operatori. L’obiettivo principale di questo progetto è quello di cogliere e creare i valori della Toscana, creando una vetrina/workshop. Tra l’altro il 4 novembre è prevista l’inaugurazione di un nuovo terminal operativo ad alto fondale, capace di accogliere navi da crociera e non, di grandi dimensioni. Ciò comporterebbe un salto di qualità dal punto di vista turistico e commerciale”.
“Se Livorno ha perso qualcosa quest’anno leggendo i dati delle crociere – spiega Gianni Rotondo direttore generale della Royal Carribean – E’ solo perché è stato  un anno difficile per tutti: l’importante è che il prossimo anno questo porto torni a crescere. Noi – continua torniamo a puntare su Livorno con 13 navi, 52 arrivi, e 110mila turisti. Insomma mettiamo sul piatto un buon 30% in più”.

Riproduzione riservata ©

28 commenti

 
  1. # Carlo

    Se le Fortezze (nuova e vecchia) fossero state in qualsiasi altra città, da decenni sarebbero sede museale e di percorsi storici guidati. A Livorno sono allevamenti di colonie feline e di pantegane. Silenzio per favore.

  2. # Tiego

    VIVA I’R PICCINI!

  3. # roberto1

    Piccini potrà anche attirare antipatie e/o critiche, però alla fine è uno dei pochi livornesi che prova a portare un po’ di soldi in questa città che davvero ne ha più bisogno del pane ! Speriamo che le lotte tra portuali e Porto2000 termini definitivamente e si pensi solo agli interessi della città

  4. # POVERALIVORNO

    E dopo aver fatto scappare MSC e magari non aver fatto arrivare
    navi della COSTA CROCIERE più grandi che potevano fare sbarchi e imbarchi piccini adesso si accorge che ci vuole il terminal crociere all’ALTO FONDALE.

  5. # mario

    benvenga qualsiasi progetto senza politica nel mezzo che porti giovamento alla citta’.
    bravo

  6. # Il Moralizzatore

    Se non create un dialogo con le altre realtà di livorno e volete andare da soli sarà un fiasco. iniziare a convolgere i commercianti per esempio.

  7. # Davide72

    …Meglio tardi che mai, valorizziamo quello che abbiamo che non è poco!!!

  8. # simona

    dopo “i successi” alla compagnia portuali, all’autorità portuale, ora prosegue sulla Fortezza, bene che andrebbe salvaguardato e tutelato da ogni uso non compatibile

  9. # Leggenda metropolitana

    E’ veroo almeno lui fa l’interesse di Livolnoo!

  10. # stefano

    A Piccini ma chi ci crede?…aprire la fortezza vecchia solo ai turisti……perchè portano i soldi……..e poi non vuoi farne solo una questione economica…ma allora perchè non aprirle sopratutto ai Livornesi e a quei bambini e giovani che nemmeno la conoscano perchè nati dopo la chiusura….semplice perchè i livornesi non portano i soldi …e poi parli di valori……..noi oramai da questa sinistra siamo considerati gli ultimi degli ultimi……fra turisti ed immigrati…..

  11. # Verti Gini

    Mi domando se dare la gestione della Fortezza Vecchia per quattro anni alla Cooperativa Phedora di Modena sia stata una mossa per sottrarla alla buona gestione Menicagli e affidarla alla Porto2000.

  12. # NonSeNePuoPiu

    zu spät, بعد فوات الأوان, prea târziu, πολύ αργά, слишком поздно, masyadong late, poniewczasie, 遅すぎる, demasiado tarde, trop tard, too late, TROPPO TARDI!!!

  13. # Verti Gini

    Le lotte di solito finiscono con un vincitore.
    Chi dovremmo augurarci che vinca?
    Perchè se pareggiano, continuano a mangiare in due dallo stesso piatto.

  14. # Verti Gini

    Una delle poche volte che ti dò ragione, o Moralizzatore.

  15. # Provo Catorio

    Concordo assolutamente …ho girato e giro tutta Europa e noto come certe strutture più o meno antiche all’estero sono più valorizzate appunto con musei mercatini ristoranti ecc. Da noi tanti discorsi…

  16. # sergio

    boia che film!

  17. # sergio

    Piccinni? chi è costui?

  18. # Zio Puce

    Stanno solo mettendo pezze, sui danni che hanno prodotto. Le lotte intestine tra i vari amministratori e autorità locali, ha prodotto l’allontanamento di MSC e Costa, nonché una flessione del 30% sugli affari che provengono dalle crociere, laddove la crisi globale non era arrivata, infatti il comparto crocieristico è in attivo del 18%, ci hanno pensato i nostri prodi. Il numero uno di Royal Caribbean, annuncia una ripresa degli scali, solo dal 2015, mentre per il prossimo anno, altri transatlantici di RC, hanno scelto La Spezia, così come altre compagnie spagnole. Se una ripresa ci sarà, sarà solo una aggiustatina a quanto è stato sciupato.

  19. # simona

    Inoltre di recente la gestione è passata dal Demanio/Camera Commercio alla Autorità Portuale che quindi ha tutti altri scopi, più settoriali e commerciali, rispetto alla tutela e ai progetti che avrebbero dovuto mettere in campo la Sovrintendenza e la Camera di Commercio. Così la Fortezza a mio avviso rischia di essere inglobata nella stazione marittima che ha altri scopi, ovvero logistici e di accoglienza e servizi.

  20. # simona

    Grande uomo di cultura della nostra città per questo ha a cuore la Fortezza Vecchia

  21. # PIO

    E’ iniziata la campagna elettorale a colpi di annunci, tagli di nastri, slogan e progetti di una Livorno del 3000…ma ” virtuale ” ovvero visibile solo sui tablet….

  22. # asciugati

    boia dè. che sforzi sovraumani dopo tutti questi decenni passati alla gestione della città!

  23. # Lupo Alberto

    però poi gli hanno fatto organizzare Effetto Venezia, bel contentino si! A me pare più una bella presa in giro con tante scuse ora il risultato e chiaro il Menicagli intralciava i piani dei soliti compagni

  24. # ir mario

    Finchè ci saranno questi elementi, da una parte Livorno rimarrà sempre nelle stesse condizioni, dall’altra loro avranno sempre nuovi incarichi e stipendi più alti.

  25. # Rossano

    Bene!!!Finalmente cerchiamo di valorizzare la nostra città, potrebbero anche fare anche alcuni servizi su canali di Sky a riguardo dei viaggi per promuovere le nostre belle cose che ci sono, a partire dalla nostra Venezia e altre beni che spesso noi sottovalutiamo sempre.

  26. # E.R.

    vorrei informare i lettori che alcuni commentatori soffrono della sindrome di “stoccolma”, ….fate gli indifferenti,grazie.

  27. # Laura

    Quando la Fortezza era aperta alle visite ho accompagnato un gruppo di studenti e docenti stranieri, avendo visto con quanta cura nella loro città venivano valorizzati le zone storiche, mi sono vergognata e non mi ha consolato il bel panorama e il sole. Nel 1982 in una relativamente piccola fortezza della Bretagna con un modesto ingresso si assisteva ad alcune rievocazioni storiche che oggi con la multimedialità sarebbero ancor più coinvolgenti. Non solo mancano le idee, si sceglie consapevolmente di tirare a campare, tranquillo Piccini tra poco i Livornesi si son dimenticati delle promesse !

I commenti sono chiusi.