Dalla Regione 4,5 milioni per il dragaggio del porto

Mediagallery

LIVORNO – Una bella somma pari a 4,5 milioni di euro per il dragaggio del porto di Livorno. Un nodo chiave che si scioglie per l’economia labronica. A stanziarli è proprio la giunta regionale Toscana che nella seduta di questo lunedì 21 ottobre, ha approvato il trasferimento all’Autorità Portuale di Livorno di 3 milioni di euro per il 2013 e di altri 1,5 milioni per il prossimo 2014. Quale area interesserà il dragaggio? Come stabilito dalla delibera il dragaggio interesserà l’imboccatura sud del porto, il lato nord del molo Italia, oltre a interventi per il livellamento dei fondali del bacino di evoluzione e della darsena Toscana.  “Il Porto di Livorno resta la principale porta di accesso via mare alla Toscana – ha detto l’assessore regionale ai trasporti ed alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli – un porto strategico per l’economia regionale e nazionale ed anche per le reti logistiche europee. La Regione, in collaborazione con con l’Autorità Portuale, la Provincia ed il Comune di Livorno, sta lavorando da tempo per la soluzione dei problemi del Porto, compreso quello dell’insabbiamento, per contrastare il quale sono stati portati avanti investimenti e accordi anche relativi allo scolmatore d’Arno e alla gestione delle Porte Vinciane”.

 

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # Lupo Alberto

    Decenni di discussioni inutili e tanti tanti soldi buttati via, basterebbe fare un muro dal Vestrini al molonovo e la sabbia non entrerebbe piu. Quando ero un bimbetto le navi uscivano anche dalla parte nord del porto, ma adesso a cosa serve? per mandare i villeggianti a Tirrenia o allo Ship ci possono andare anche passando dal morosini. Con tutti i soldi dei dragaggi ce lo facevano d`oro il muro.

  2. # Ilio

    In ogni porto un dragaggio periodico è fondamentale per mantenerlo in efficienza.Il muro sarebbe una soluzione plausibile sulla carta ma l’arenile presente nella parte nord è molto vasto,quindi il muro potrebbe soltanto rallentare l’insabbiamento ma a lungo andare le correnti riporterebbero comunque il materiale sabbioso nelle acque del porto ed il muro in questo caso i detriti si accumulerebbero poichè non esiste una corrente che le riporterebbe fuori.
    P.S.
    Se avanzasse qualche soldo sarebbe buono far dragare anche i fossi vistochè sono moltissimi anni che non ricevono manutenzione ed in certi punti il fondale è diventato molto basso.

  3. # Sorgentiiiii

    Sono queste le notizie che ci piace leggere! Portiamo Livorno sempre più in alto, a tutti i livelli! Facciamone una bella Città, ricca, laboriosa e prosperosa.

  4. # mi par mill'anni

    Ditelo che questi vaini sono stati stanziati dalla regione per le darsene dei navicelli altro che porto! ..

  5. # Ercole Labrone

    Finalmete!!! Adesso speriamo che TUTTI questi 4,5 milioni siano usati per il porto e non prendano altre vie…

  6. # brunog

    La regione, sotto elezioni, manda alla bistrattata Livorno un contentino,(4,5 m.ni di euro) dopo che a fatto andare ben 160 milioni di euro a Piombino, che a lavori fatti ci porterà via gran parte dei contenitori e delle autostrade del mare. Poteva essere evitata l’elemosina, se l’autorità portuale spendeva i 10 milioni di euro che per incuria sono stati dirottati da Livorno a Savona; magari, la regione poteva avere la stessa tenacia nel fare il lotto zero che ha con il concordia a Piombino . Ora con 4 milioni di euro stendono un velo pietoso su tutte le carognate fatte a Livorno.

  7. # fabrizio

    Speriamo siano usati nel modo giusto anche se sono una goccia nel mare
    Nel frattempo slitta a chissà quando la prova di ingresso della grande nave da 8000
    teu che forse non entrerà mai . Cerchiamo di far tesoro di quanto di buono abbiamo,
    il collegamento porto e interporto, miglioramento collegamenti ferroviari.
    Auguriamoci che possa partire anche il terminal ferroviario all’interporto, fino ad oggi usato come deposito contenitori senza utilizzarlo per la destinazione d’uso pianificata.
    Mettiamoci in marcia siamo già parecchio indietro

I commenti sono chiusi.