Maxi sequestro di “cee” in una pescheria, nei guai titolare. Multa fino a 100 mila euro

Si tratta di 4,5 kg. Il proprietario, un 50enne livornese, è stato denunciato per detenzione e vendita di specie sotto taglia minima consentita e protette da norme nazionali ed internazionali

Mediagallery

come di consueto trovate il link al video in fondo all’articolo

“Clear Label”, Etichetta chiara, questo è il nome dell’operazione complessa di polizia, disposta dal Comando generale della Guardia Costiera, che si è svolta su tutto il territorio nazionale a dicembre e durante tutte le appena festività natalizie, in cui si è ulteriormente intensificata l’attività di controllo.
Il lavoro degli ispettori della pesca della Guardia Costiera si è concentrato, in particolare, sulle fattispecie riconducibili alla contraffazione dei prodotti, ed ha quindi riguardato, soprattutto, la regolarità delle etichette poste sui banchi nel commercio al dettaglio, la documentazione di accompagnamento della merce, cosiddetta “Tracciabilità” e la veridicità delle informazioni fornite al consumatore, ai fini della tutela dalle frodi e dagli inganni. Inoltre, sono state eseguite indagini finalizzate alla scoperta di attività di pesca abusiva di specie ittiche protette o allo stato giovanile. Proprio in una di queste operazioni, raccogliendo alcuni elementi informativi, è stata rinvenuta dalla Capitaneria di porto di Livorno, in una pescheria di un quartiere popolare della città, un grosso quantitativo di anguilla céca (cosiddette “cee”). Sono 15.000 gli esemplari, per circa 4,5 Kg, scoperti all’interno dei locali del negozio di pesce a Shangay. Il prodotto era ben nascosto al pubblico, ma verosimilmente pronto per essere venduto ad alcuni clienti “fidati” della pescheria, per cifre che si presume potessero raggiungere i 4-500 euro al Kg. Il proprietario, un cinquantenne livornese è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per detenzione e vendita di specie sotto taglia minima consentita e protette da norme nazionali ed internazionali. Tutti gli esemplari, infatti, misuravano una lunghezza tra 6-9 cm, contro i 25 cm previsti.
Il responsabile che non ha voluto dichiarare la provenienza illecita del prodotto, rischia adesso una pena fino ad un anno e sanzioni che, in base ad una legge che tutela le specie protette da convenzioni internazionali, potrebbero arrivare fino a 100.000 euro. I piccoli esemplari sequestrati, dietro nulla osta del magistrato, sono stati consegnati dalla Guardia Costiera di Livorno all’amministrazione provinciale di Pisa che ha in corso un progetto sperimentale, finanziato dalla Regione, che si svolge all’interno del Parco di S.Rossore, finalizzato al ripopolamento di tutte le acque interne della Toscana. La Capitaneria, aderendo all’iniziativa, ha quindi risposto all’esigenza ecologica ed ambientale, assicurando all’ingente quantitativo di prodotto una crescita in vasche sicure e protette, fino alla liberazione nell’ambiente naturale.
L’attività di controllo proseguirà anche nel 2014, in linea con le disposizioni del Comando generale delle Capitanerie e sulla scorta delle indicazioni del Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali che pubblicamente ha apprezzato il lavoro degli uomini della Guardia Costiera per l’operazione “Clear Label”.

2,5 tonnellate di prodotti ittici sequestrati è stato il risultato operativo complessivo della Direzione Marittima della di Livorno – Centro Controllo Pesca dell’area Toscana, comandata dall’Ammiraglio Arturo Faraone, che ha coordinato nelle ispezioni tutte le Capitanerie ed uffici marittimi dipendenti dislocati sulla fascia costiera regionale.
Sono stati eseguiti 451 controlli approfondite su tutta la filiera della pesca, nei passaggi commerciali chiave, come punti di sbarco, piccoli e grandi centri di distribuzione, stoccaggio, piattaforme logistiche ed esercizi di ristorazione/somministrazione e negozi al dettaglio. 79 sono stati gli illeciti scoperti, di cui 8 penali, e oltre 110.000 euro le sanzioni applicate agli operatori trovati non in regola con le norme.

Riproduzione riservata ©

Videogallery

38 commenti

 
  1. # mario tellini

    Purtroppo tutto finirà come al solito a “tarallucci e vino”?

  2. # alla frutta

    nooooo niente cee quest’anno? e dovete andà a beccà quelli che rapinano nelle case nei negozi (vedi notizia della gioielleria di oggi) deturpano, spacciano a destra e a manca, e scippano …..Guarda li de… dalla foto si e no saranno stati un ballino per le cee.. poi li chiami per i furti ti vengono in uno e mezzo…

  3. # Omersimpons

    Saranno anche proibite ma son tanto bone….!!!

  4. # 0586

    per fare sequestri in Capitaneria sono sempre stati bravi e saranno sempre più “operativi” in futuro con i mezzi e gli uomini che hanno a disposizione, ma per capire chi sono stati i responsabili dell’affondamento del Moby Prince vent’anni fa?

  5. # Gino

    datele a me, ho l’acquario e le faccio crescere :-)))

  6. # Samarcanda

    Non vuole dire la provenienza? Confisca dell’attività e conferimento di essa ad una persona onesta

  7. # simonetta

    Mamma mia quanto ben di Dio,che meraviglia….torneremo mai a mangiare quelle delizie? Che ingiustizia proibire la vendita e poi per cosa? Per farle diventare anguille….aibò

  8. # london style

    “Tutti gli esemplari, infatti, misuravano una lunghezza tra 6-9 cm, contro i 25 cm previsti. ”
    mmmm qui qualcosa non torna con le misure caro quilivorno….un bianchetto (stadio di crescita consentito per la vendita) di 25 cm lo voglio vedere!!!!
    E una cea non è sicuramente 9 cm…

  9. # london style

    voglio vedere che fine fanno ora….chi li mangerà!??!?!?!?! provo a indovinare???

  10. # cèko cèco cèca..

    ma quest’anguilla cosiddetta “cea”, è “cèca” perchè cecoslovacca, o “cieca” perchè non vedente?

  11. # mi par mill'anni

    vi dovete vergognare! siamo proprio in italia ..
    ai politici che rubano milioni non si fa niente e ad una persona per 4,5 kg di cee si fa una multa di 100.000 € vergogna !
    non sarà mica lui che rovina il mare !
    prima di condannare andate a togliere i bidoni W IL MARE

  12. # yoghi

    la solita scusa scusa, ci sono cose più importanti…..
    un reato è un reato.
    oltretutto rivendute al nero, tasse non pagate……etc etc

  13. # mi par mill'anni

    YOGHI ….
    hai ragione, ma volevo evidenziare solo il fatto che in italia secondo me è tutto sbagliato .
    fortunatamente quando ero piccolo di cee n’ho mangiate a secchiate perchè mi ci portava mio zio a pescarle … bellissimi ricordi ..
    le cee non passano tutte le sere e non sono davvero i pescatori che estinguono la specie piuttosto è l’inquinamento

  14. # ivo di bodda

    Si, riconsentiamo la pesca delle cee e la caccia al filunguello…..

  15. # vai

    quelle ceee se le mangeranno?

  16. # paolo

    comunque i pescherecci che hanno fatto mattanza di orate e dentici a tonnellate(e chi è pescatore sa di cosa parlo) con le reti a strascico distruggendo i fondali sono tollerati e in regola…..se non vengono messe delle regole vere per tutti, fra pochi anni si dovrà mangiare pesce di fiume….giusto punire, ma quando chiami la capitaneria per dei pescherecci che strascicano in zone proibite e ti vedi montare in barca a controllare tutto come se fossi io il delinquente ti lascia pensare

  17. # carlo

    ti sbagli, finiranno burro e salvia……

  18. # fede

    poveraccio non gli passa più… non sa in che casino si è messo.. ma come dice il proverbio chi va al mulino si infarina … capace era la prima volta che le vendeva? che dite??!

  19. # carlo

    erano intenti a distruggere le cee sequestrate

  20. # PIRATA

    COME HANNO FATTO A CONTARLE TUTTE?

  21. # Massy

    Dovrebbero iniziare a controllare anche i ristoranti, in molti danno le cee a persone *fidate*!

  22. # Moralist

    Scusate ma tutti a difendere il pescivendolo colpevole, probabilmente chi lo difende non ama neanche lui rispettare le leggi come divieto di catturare favolli (all’accademia d’estate c’e’ pieno di gente che se ne frega delle leggi che lo proibiscono) o i datteri veri ecc. ecc. ma se non si fa così che fine fara’ la fauna ittica? Personalmente apprezzo molto gli esecutori materiali del sequestro che spero sanzionino pesantemente il gestore tanto in galera non ci va piu’ nessuno magari che vadino avanti con le sanzioni anche per dare un bell’esempio, livornesi rinunciate una volta per tutte alle cee. E’ l’ora di dimenticarsi i gusti legati alle vecchie tradizioni labroniche

  23. # Provo Catorio

    Affondamento ?

  24. # LIbero 1°

    Andate a vedere in che condizioni versa il porto di livorno visto che siete preposti, se poi vi avanza qualche ora,ma ne dubito,allora preoccupatevi anche delle ceè

  25. # liburnico

    …bono de’ e c’hanno da paga’ una cea ora 😉

  26. # CHICO

    In linea con Paolo, poi comunque sono avannotti di anguilla e non pesci in estinzione, controllate chi quotidianamente strascica sotto costa, cala reti anche se proibite e palamiti con piccoli ami a ridosso delle rive.

  27. # Emme

    Eroi. Queste sono le conquiste che hanno grande valenza nella nostra società’. Poi ci sono le patatine vendute senza emettere lo scontrino, il controllo, una volta l’anno delle prostitute…. Tempo perso. Le cose serie stanno altrove.

  28. # Ilio

    A mio avviso è troppo drastico il divieto assoluto,potrebbe benissimo essere fatto un periodico fermo biologico come avviene per altre specie di fauna ittica.Il divieto assoluto comporta soltanto una pesca abusiva sicuramente più distruttiva di quella regolare e un mercato nero con prezzi alle stelle.

  29. # Salvatore Favati

    …ma perche’ in Spagna le vendono congelate al supermercato? che sia una caccia alle streghe travestite da cee?
    di ritorno da Valencia sono entrato a una METRO ed ho acquistato 2 kg di cee congelate, a circa 12 euro a kilo…

    boh, saranno I misteri dell’Europa…

  30. # Gian

    Io comunque rimango del parere che non c’è un’equità delle sanzioni (IN ITALIA)
    Sono notizie anche queste….BAH!
    Comunque evadi il fisco, fai una rapina, tieni la tu nonna congelata in casa per riscuotere la pensione,fai il finto sordo per una vita…..e ti puniscono di piu’ se cerchi di vendere 4,5Kg di cee?? fossero stati 4,5KG di eroina….era peggio assai

  31. # Roberto

    Se è per quello vengono pescate anche nel fiume Avon in Inghilterra senza tanti problemi.

  32. # Roberto-Bobbe

    ah ah ah ah ah ah ah!!!!

  33. # Labronicoxcaso

    Hai perfettamente ragione, condivido pienamente la tua interpretazione!!! Livorno rimane il regno dell’ignoranza, dove il senso civico è una pura chimera…

  34. # mi par mill'anni

    te c’hai poo di moralist …

  35. # mi par mill'anni

    pienamente daccordo

  36. # yoghi

    non credo che cia una legge apposita per le cèe, ma piuttosto una che riguarda gli animali in via di estinzione… se le cèe sono in quella lista la sanzione è chiara.Poi magari è discutibile se in quella lista ci debbano essere o meno le cèe . sinceramente non lo so e non sono in grado di giudicare, ma non è nemmeno corretto che ognuno si faccia le sue liste /leggipersonali ( della serie sull’elefanti siamo tutti d’accordo, molto probabilmente perchè non ci sono sul nostro territorio)

  37. # claudio

    ma perché non vanno a controllare chi ruba davvero!!!!!!!!sono ceee un sono bombe a mano!!!!!povera italia

  38. # Oi Oi

    Chi chiami per i furti la guardia costiera!! Le leggi vanno rispettatel! Anche se ti fa fatica capirlo, funziona così!

I commenti sono chiusi.