Lavoratori del sociale. E’ stato d’agitazione

Mediagallery

Dopo il naufragio del tavolo di confronto con l’Amministrazione Comunale di Livorno, i sindacati dei lavoratori del sociale, con i loro delegati aziendali di settore, si indignano per le dichiarazioni dell’assessore “Ci è sembrato di vedere un film – ironizzano – “Io ballo da sola” unica interprete l’assessore Dimjini, che voleva bacchettarci, piuttosto che ascoltare le ragioni dei lavoratori che rappresentiamo. A questo atteggiamento, che non possiamo considerare degno di un rappresentante delle Istituzioni Pubbliche, rispondiamo con lo stato di agitazione”.
Alla chiusura di ogni forma di dialogo da parte dell’assessore, le categorie confederali di riferimento decidono di rivolgersi al Sindaco, chiedendo un consiglio comunale aperto “Con l’Amministrazione vogliamo confrontarci sul merito delle questioni – precisano i sindacati – sul fatto che, senza clausola di salvaguardia nei bandi, diminuisce l’occupazione e aumenta il guadagno delle imprese, andando contro al senso stesso del servizio sociale”.
Creare nuovi disoccupati proprio nell’assistenza, per i sindacati significa aumentare il disagio sociale “Abbiamo cercato di porre all’attenzione dell’amministratrice – chiariscono i sindacati – il caso di alcuni lavoratori che non sono nostri tesserati ma che, a causa della scarsa attenzione prestata alla salvaguardia dell’occupazione, perderanno il posto e che oggi possono vantare alti profili professionali”.
Queste sono soltanto alcune delle problematiche che affliggono il sociale nella città di Livorno, problematiche che le categorie avevano già illustrato durante una conferenza stampa, che è possibile visionare integralmente sul web “Le nostre dichiarazioni erano state definite gravi e pericolose – concludono – ma non è mai arrivata nessuna risposta nel merito delle questioni”.

Fp CGIL, Fp Cisl, Fisascat Cisl e Uil Fpl provincia di Livorno, di concerto con i delegati aziendali di settore, chiedono ufficialmente al sindaco di Livorno un consiglio comunale aperto, dove lavoratori e sindacati possano esporre liberamente le problematiche che affliggono il settore.

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # ivo lami

    “…il caso di alcuni lavoratori che non sono nostri tesserati ma che, a causa della scarsa attenzione prestata alla salvaguardia dell’occupazione, perderanno il posto…” ma davvero pensate che tutti quelli che leggono siano così gonzi? se avevamo ancora qualche dubbio ora ce li avete fugati tutti ha fatto benissimo la assessora a mandarvi a spigare e speriamo che non ci ripensi

  2. # Max

    Caro Lami , l’assessore , non deve mandare la gente a spigare !!! E li per fare ascoltare e confrontarsi …l’arroganza e brutta da qualsiasi parte provenga …ma sopratutto da chi è preposto per governare e’ inaccettabile . La contrattazione fa parte della vita democratica ! L’assessore non fa parte di una società privata , ma deve lavorare per tutta la cittadinanza ascoltando tutti e poi decidere di testa sua ..ma non può assolutamente snobbare chi rappresenta una parte dei cittadini di cui lei deve essere a servizio e non viceversa .

  3. # Manuela

    Ma vi meravigliate? Questo Assessore, prima dell’incarico non ha mai svolto nessun impiego simile, 0 esperienza(si veda la dichiarazione dei redditi precedenti pubblicati). Forse non saprà dove mettere le mani…

  4. # marco62

    Forse più semplicemente è di 5stelle e non sa che pesci prendere per incompetenza politica. ….basta vedere cosa ha fatto la nuova giunta in un anno e mezzo

  5. # Andrea

    Ma dov’è finito l’orgoglio Labronico???? Dobbiamo cacciare questa banda d’improvvisati prima che distruggano quel poco rimasto!!!

  6. # luigi

    Se questa amministrazione non si dimette in tempi rapidi, perchè non risolve un problema da quando sono insediati, avremo conseguenze pessime su Livorno e sui cittadini che forse non si potranno più recuperare o comunque ci vorranno molti anni per rimediare.
    Invito veramente, per il bene di Livorno, la attuale Giunta Comunale a dare in blocco le dimissioni e lasciare ad altri la responsabilità e il compito di affrontare e risolvere gli innumerevoli ed importanti problemi della nostra città.

  7. # orso

    Da molto fastidio vedere l’arroganza con cui i grillini,presentati come il nuovo,liquidano OGNI confronto.Si vede che si sentono unti dal Signore,portatori di una verita’ unica.Sembrano piu’ adepti di scientology che
    pubblici funzionari.Oltretutto e’ gente che nella vita non ha mai contato un c…o e per l’insipienza e la disonesta’ di altri e’ stata eletta a cariche cui non avrebbe mai potuto aspirare,invece della competenza tanta arroganza.
    P.S.avviso ai soliti grillini mai votato pd anzi ammetto anche la colpa di avere votato una volta la vostra setta (grazie a Dio non alle comunali in cui mi sono astenuto)

  8. # Uge

    Non saranno mica gli stessi sindacati che hanno permesso di avere 21 impiegati amministrativi alla Fondazione Goldoni e per aprire il teatro la sera occorre appaltare il servizio a una cooperativa esterna? O forse quelli per cui in AAMPS tutti i dipendenti sono impiegati e non c’è uno spazzino, costringendo a appaltare quel servizio a una cooperativa esterna? Non mi ricordo di nessun sindacalista incatenato ai cancelli per evitare questi scempi a danno nei cittadini che adesso si ritrovano milioni di debiti da saldare….Qualcuno li avverta che il 1900 è finito da 15 anni!

  9. # gioia

    Il comune esternalizzò i servizi per non avere costrizioni di rapporti con i dipendenti ( che si ammalano , sono lavativi) e spendere di meno. In realtà poi utilizzò Queste cooperative per far assumere amici, parenti e affini , ugualmente facili ad ammalarsi e vagobandeggiare, e inoltre stilo’ gare di appalto tagliate su misura di cooperative amiche, che guarda caso non avevano concorrenti, le base d’asta lievitavano e i guadagni per le coop diventavano sostanziosi e risparmi per ill comune azzerati. Ora si chiede alla nuova amministrazione di continuare questo gioco e mi sembra di capire che non voglia. Strano.

  10. # ale66

    ANALISI LUCIDA E OBBIETTIVA. SONO D’ACCORDO SU TUTTO.

I commenti sono chiusi.