La storica Gregoretti tornerà in mare. E in Fortezza nascerà il Port Center

Durerà 6 mesi il restauro della gloriosa Motovedetta Cp312 che per quarant’anni ha prestato servizio avvistando scafi alla deriva e rintracciando naufraghi e dispersi

Mediagallery

Presto circolerà in mare e permetterà a studenti e a cittadini di conoscere e vedere il porto dall’alto della sua prua. La gloriosa Motovedetta Cp312, che per quarant’anni ha prestato servizio avvistando scafi alla deriva e rintracciando naufraghi e dispersi, è stata trasferita ieri mattina dalla Capitaneria di Porto, dov’era ormeggiata, alla Calata Pisa e da lì trasportata via terra al vicino Cantiere della ditta Lorenzoni. L’impresa, aggiudicataria della gara di restauro, avrà sei mesi di tempo per rimettere a nuovo una delle più prestigiose motonavi un tempo appartenute alla Capitaneria di Porto: è stata radiata dal registro navale della Guardia Costiera nel 2007, e a luglio del 2012 è stata ufficialmente consegnata all’Autorità Portuale.
L’operazione complessiva di restauro consentirà all’Authority e, in particolare, alla Direzione Promozione e Ufficio Studi, di utilizzare l’imbarcazione per le visite guidate in porto.
“Dopo più di sei anni di disarmo – ha dichiarato il dirigente promozione e studi dell’Authority, Gabriele Gargiulo – la Gregoretti potrà tornare in vita ed essere fruita da studenti e cittadini. Si tratta di una iniziativa importante e di un elemento di valore aggiunto che sarà parte integrante del nuovo Port Center”.
Il Port Center, che sorgerà all’interno della Fortezza Vecchia, e che verrà inaugurato nei prossimi mesi, offrirà al visitatore uno spazio espositivo ad alto tasso tecnologico, all’interno del quale far scoprire i saperi operativi, gli uffici, le professionalità e le tecnologie del nostro porto.
Oltre allo spazio espositivo allestito all’interno della Sala della Capitana, il port center curerà tutte le iniziative oggi organizzate con Porto Aperto, il progetto di apertura del porto alla città oggi giunto alla sua settima edizione.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # elio bedarida

    Tanto per ricordarci che siamo in Italia diamogli un bel nome…in inglese: Port Center

  2. # roberto1

    Nel 98 ero in Capitaneria a far il militare…mi ricordo che la revisionarono per fare i pattugliamenti in Albania…e mi ricordo che un sottoufficiale, appena presa in consegna…la brasò bene bene su una chiatta del Neri 🙂 che bei tempi !!

  3. # Marco

    Ho fatto il militare imbarcato su quella Motovedetta in grado di reggere il Libeccio fortissimo delle ns coste, costruita in Norvegia e giunta fino a Livorno. I suoi 40 anni non li dimostra ha retto fino ad oggi perché robustissima, oggi non durerebbero altrettanto.

  4. # 0586

    decimo 96 ufficio patenti nautiche ,robustissima si ma mi ricordo che consumava come un jet…..!!!
    w la marina!

  5. # franco

    Ma un lo puoi mica chiama’ Mario…

  6. # DiegoM

    ……ma Bruno si

  7. # roberto'berlusco,

    ma il piccolo battello che aveva a poppa che fine ha fatto?????

  8. # roberto'berlusco

    ma il piccolo battello che aveva a poppa che fine ha fatto???

  9. # marco

    quanti ricordi sulla GREGORETTI…….18 MESI SU QUEL MITO NON SI DIMENTICANO! ..un saluto al comandante CANACCI!!!!!…….MARCOG 7° / 84

I commenti sono chiusi.