De Tomaso, Enrico Rossi e Sergio Chiamparino chiedono un incontro urgente a ministri

Mediagallery

I problemi dei lavoratori degli stabilimenti di Collesalvetti e Grugliasco (Torino) dell’azienda De Tomaso, attualmente in procedura fallimentare, sono al centro della lettera che il presidente della Regione Enrico Rossi e il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino hanno inviato ai ministri del Lavoro Giuliano Poletti e allo sviluppo economico Federica Guidi. I due presidenti, dopo aver fatto il punto della situazione così come emersa dall’ultimo incontro del tavolo di c risi svoltosi a Torino (con istituzioni locali, oltre la Regione Piemonte la Provincia di Torino e il Comune di Grugliasco, Procedura fallimentare, organizzazioni sindacali piemontesi, nazionali e toscane) hanno invitato i ministri ad aprire con urgenza un confronto.

“Riteniamo necessario – si legge nella lettera a doppia firma – un confronto e un coordinamento di tutti gli attori interessati alla miglior soluzione di una vicenda che, per i numeri interessati e per la sua complessità, assume certamente un rilievo nazionale; chiediamo perciò al Governo la convocazione urgente, per i prossimi giorni, di un incontro a livello ministeriale”.

Rossi e Chiamparino ricordano ai ministri i numerosi problemi ancora aperti. Fra questi, la cassa integrazione in deroga richiesta per il periodo maggio settembre ma non ancora autorizzata; la mancata concretizzazione di manifestazioni di interesse per l’acquisizione dell’azienda e il rischio concreto di messa in mobilità degli 822 lavoratori di Grugliasco e dei 128 di Collesalvetti a partire dal 5 settembre.

“Il combinato disposto della situazione di incertezza economica degli ultimi mesi e della prospettiva del licenziamento – scrivono Rossi e Chiamparino – rende la situazione particolarmente preoccupante sul piano sociale”. I presidenti di Toscana e Piemonte informano inoltre i ministri che sono partiti, sia a Torino che a Livorno, percorsi di riqualificazione e ricollocazione dei lavoratori, finanziati con risorse regionali e del fondo europeo FEG, che proseguiranno fino a fine anno.

Per quanto riguarda in particolare la Toscana, si fa presente la particolare situazione dei lavoratori del sito livornese, per i quali, a causa delle vicende intercorse nel passaggio dalla Delphi alla De Tomaso, era incerta fino a pochi giorni fa la possibilità di beneficiare, in caso di licenziamento, della mobilità indennizzata. Incertezza poi sciolta dal ministero del Lavoro sulla base delle pressanti richieste della Regione Toscana e delle verifiche degli ispettori ministeriali.

Riproduzione riservata ©

0 commenti

 
  1. # Beppone

    la solita guerra tra poveri….ma con la differenza che ci sono poveri di serie A di quelli aiutati, che prendono sussidi e ammortizzazioni sociali da annigrazie a sindacati e partiti politici e quelli di serie B, che sono aiutati marginalmenete con i sussidi al minmo e ammortizazioni solo per il periodo che gli compete, e questi naturalmente i vari sindacati o partiti politici se ne disinteressano….faccio un esempio…cittadino di serie A, ex impegato diella compagnia portuali, in pensione con nemmeno 35 anni, di bollini, ma grazie al riconoscimento di aver lavorato…l’amianto, gli hanno abbuonato gli anni mancati e un cittadino di serie B, un operaio che non può andare in pensione pur avendo oltre quarant’anni di versamenti, perchè gli mancano otto di versamenti e per legge deve aspettare i fatidici 67 anni..cioè fra otto anni!!!

  2. # alberto

    35 anni di bolliniiiiiiiiiiiii?????? aaahhh no’ ho letto male scusa !!! 35 – 8 di amianto (IMPIEGATO !!! l’aveva sotto la scrivania l’amianto !!!!!!!!!!!! ) = 27 anni lavorativi !!!!

  3. # Pragmatico

    Preferisco tutta la vita essere operaio di serie B che aver lavorato con l’amianto…andranno in pensione prima ma se un 10% si ammala…

  4. # Beppone

    rettifica….un cittadino di serie B, un operaio che non può andare in pensione pur avendo oltre quarant’anni di versamenti, perchè gli mancano otto mesi di versamenti e per legge deve aspettare i fatidici 67 anni..cioè fra otto anni!!!