Il vescovo Giusti fa gli auguri al (neo) primo cittadino: “Non si lasci abbattere dalle difficoltà”

Mediagallery

A seguito della vittoria di Filippo Nogarin anche il vescovo di Livorno Simone Giusti ha inviato i suoi auguri al neo eletto sindaco.

Ecco la lettera – “Egregio dottor Nogarin,  innanzitutto complimenti per questa storica vittoria. Le porgo i miei più cari auguri per l’impegno che si appresta ad intraprendere, un impegno difficile, ma che so porterà avanti con coraggio ed entusiasmo, nello spirito del servizio per il bene comune. Non si lasci abbattere dalle difficoltà che incontrerà, confidi nella collaborazione di tanti che vogliono il bene di questa Livorno e affidi questo suo ruolo di primo cittadino al Signore, in cui, so, Lei crede profondamente. Lei che sa progettare strutture ultraleggere, alleggerisca la burocrazia che asfissia questa città; Lei che sa ideare imbarcazioni veloci, faccia correre e volare lo sviluppo del nostro territorio e il lavoro, soprattutto per tante famiglie che non sanno come andare avanti; sia certo che se perseguirà questi obiettivi non le mancherà il nostro appoggio. Aspettando di incontrarLa personalmente, la saluto e le rinnovo le mie congratulazioni”.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # Il Moralizzatore

    Il pensiero del vescovo è quello di tutti i cittadini Livornese, Nogarin incarna tutte le speranze di una città che vuole tornare a vivere, una grossa responsabilità, gli servirà tanta forza e perseveranza, speriamo non ci deluda.

  2. # dr.frock

    e il povero Ruggeri? Deve ritornare a fare il pendolare a Firenze, su quei trenacci? Livornesi cattivacci e dispettosi.

  3. # ALE66

    Da cattolico “Grillino” non posso che condividere in pieno. GRAZIE GRILLO FORZA NOGARIN

  4. # Aldo

    La Chiesa stia fuori dalla politica…che non sono aggiornati con i tempi….l’ora di credere senza fatti è finita….loro pensino a fare i buonisti ed a predicare quando in Vaticano vivono nell’oro…questo vale per tutte le religioni…

  5. # terranovas

    Bello apprendere che il nuovo sindaco di Livorno è credente è ha fede nel Signore. Molto bello anche il saluto del Vescovo di Livorno al primo cittadino con i richiami alle specifiche capacità personali di Nogarin e alla loro futura evoluzione sul piano sociale e amministrativo.
    Una preghiera, anzi molte preghiere per il bene del Sindaco e per il futuro della città di Livorno che ne ha bisogno.
    Grazie Vescovo Simone e in bocca al lupo a Nogarin.

  6. # tommydi

    Il vescovo pensi alla religione e non alla politica. Fuori la chiesa dal governo della città! Oppure si ritorna al medioevo

  7. # emme

    Doveri istituzionali.Il Vescovo faccia come i 5 stelle, tagli le spese inutili a favore , magari della comunitaà vera, non solo quella affiliata. Tre milioni di euro per la chiesa di Borgo di Magignano non sembrano essere fuori luogo? Non si faccia l’ospedale, ma anche questa cattedrale nel deserto. nel caso mettiamoci anche i cammelli… e le palme naturalmente!

  8. # Vento di Libeccio!

    Anche gli auguri di monsignor Giusti, vescovo della nostra città, servano da stimolo, per il Sindaco neoeletto, a esprimere il meglio di sè, nella gestione amministrativa di Livorno, dopo i 70 anni di monopolio PD che ha portato la città ad un non più tollerabile degrado.

  9. # Il Moralizzatore

    Chi ti ha detto che sarà una cattedrale nel deserto? scommettiamo che invece avrà una sua ricca comunità? Le parocchie sono centri di aggreazione sociale, quindi ogni chiesa costruita sono soldi ridistribuiti alla cittadinanza. non solo in questo caso sono soldi dell’8×1000 quindi non sono soldi che gestisce direttamente il vescovo ma arrivano dal vaticano.
    Solo alcuni benefici che ne deriveranno: attività di dopo scuola, attività estetive per ragazzi utilissime per chi deve lavorare e non sa dove lasciare i figlioli durante le vacanze scolastiche, centro di ascolto, sostegno alle famiglie bisognose della parrocchia, assistenza anziani soli, ecc ecc.

I commenti sono chiusi.