Travaglio in Fortezza Vecchia tuona contro Napolitano

L’appuntamento è a cura della Libreria Erasmo e de Il Fatto Quotidiano

Mediagallery

Ieri, sabato 15 febbraio, alle ore 18, in Fortezza Vecchia, salone Ferretti, è stato presentato il libro di Marco Travaglio “Viva il Re” Giorgio Napolitano, il Presidente che trovò una Repubblica e ne fece una monarchia (edizioni ChiareLettere). Presenti all’incontro lo stesso autore e i giornalisti de Il Fatto Quotidiano, Alessandro Ferrucci e Malcom Pagani. L’appuntamento è a cura della Libreria Erasmo e de Il Fatto Quotidiano.
“Napolitano vuole distruggere il bipolarismo, un progetto che porta avanti ormai da tempo”, ha detto il giornalista durante la presentazione del suo libro. Ma non ha risparmiato anche ironia e frecciatine al presidente della Repubblica sostenendo che i grandi giornali non lo criticano ormai da oltre otto anni.
“Quella che state per leggere non è una biografia – scrive l’autore nell’introduzione al libro -. Ce ne sono già fin troppe, una se l’è addirittura scritta lui. Questo è ciò che manca nelle altre. La controstoria del primo presidente della Repubblica che ha concesso il bis, contro lo spirito della Costituzione e contro tutto quello che aveva giurato fino al giorno prima della sua rielezione. Alla veneranda età di ottantotto anni: quando un cittadino non può più guidare l’automobile. Ma lo Stato sì… Qui si racconta il suo lato B, finora – salvo rare eccezioni – ignorato o relegato nel dimenticatoio, alla voce ‘lesa maestà’. Di cose che non vanno, nella sua carriera e soprattutto nei suoi sette anni e mezzo al Quirinale, ma anche prima, ce ne sono parecchie: pensieri, parole, opere e omissioni. In un altro paese, un paese davvero democratico intendo, se ne discuterebbe liberamente e laicamente. In Italia è come se fosse vietato. Tabù. Non lo è (ancora) per legge: lo è nei fatti…” .
Marco Travaglio racconta i retroscena dell’elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana, mettendo in fila alla sua maniera gli eventi, in modo lucido e implacabile. Insieme alla ricostruzione dell’oggi, l’autore propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, fino a re Giorgio Napolitano. La domanda che il lettore si pone, è: sarà questa l’ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l’abbiamo conosciuta?

Marco Travaglio è vicedirettore del “Fatto Quotidiano”, collaboratore del settimanale “l’Espresso” e del programma “Servizio pubblico” di Michele Santoro. I suoi libri offrono una lettura di quanto accaduto in Italia negli ultimi decenni. Da “L’Odore dei soldi” (con Elio Veltri), “Mani pulite” (con Peter Gomez e Gianni Barbacetto) e “Regime” (con Peter Gomez) fino ai più recenti “Ad personam” , “Colti sul fatto”, “Berlusmonti”, “L’illusionista” (con Pino Corrias e Renato Pezzini) e il dvd+libro “Silenzio, si ruba”.

Riproduzione riservata ©

34 commenti

 
  1. # Caterina

    vai, un covo di grillini… peggio della piaga d’Egitto deh..

  2. # asdrubale

    boia un vedo l’ora, non mancherò…

  3. # nonnepossopiù

    Sempre uguale, anche lui sempre uguale. Scrivesse una volta qualcosa di positivo, di costruttivo. Non ne posso più nè di mattei,nè di giorgi, nè di beppi ma neanche di Travaglio.

  4. # La Formica (@SergbarsSergio)

    Boia deh! MANCHERO’ CON GIOA !

  5. # Facci ridere

    Tu invece cosa sei comunista??

  6. # lapo

    …simpatio lui li’…

  7. # Lukas

    …io ci sarò senz’altro, ad ascoltare senza pregiudizi ne preconcetti.

  8. # Osservatore oggettivo

    Lui è il classico giornalista buono solo a sparare a zero sentenze su tutto e tutti, a Livorno ci mancava solo lui! Che poi, la verità sull’elezione del Presidente della Repubblica, si è chi è lui? Dio sceso in terra, per conoscere la verità assoluta? Almeno l’umiltà di dire: L’elezione del Presidente della Repubblica dal mio punto di vista…. TRAVAGLIO, MA MI FACCIA IL PIACERE VA!

  9. # Marco

    Polemico, pungente e velenoso, grande amico e veicolo “informativo” antiberlusconiano per eccellenza di Santoro, cosa viene a che fa in una citta’ in stragrande maggioranza rossa? A pubblicizzare un po’ di politica di sinistra in clima di elezioni, così la vedo!!

  10. # Leonardo

    e’ stato invitato (e pagato) per pubblicizzare un po di PD che com’e’ risaputo e’ il colore di Travaglio? Non credo che venga di sua spontanea volonta’ anche perche’….le elezioni sono vicine.

  11. # asciugati

    Veramente a Livorno ci mancava da diversi anni. Effettivamente è un bell’indovino. Basta rileggersi anche gli articoli storici sul giornale di Montanelli e si vede che aveva visto molto lontano !

  12. # Samarcanda

    “La controstoria del primo presidente della Repubblica che ha concesso il bis, contro lo spirito della Costituzione” dice Travaglio, ma la Costituzione non fissa nessun limite al numero di mandati.
    E poi ricordati che è proprio la Costituzione a fissare i privilegi per la casta (immunità e lauti stipendi), ed è sempre la Costituzione a sancire la validità dei Patti Lateranensi fatti tra Stato Fascista e Chiesa, quindi non la tirare in ballo solo quando fa comodo. Ci sarebbe da lavorarci sopra alla Costituzione e sfoltire qualche articolo…..

  13. # mi par mill'anni

    Travaglio sei un grande .. voglio esserci

  14. # Tiberio

    Vai, ora siamo a posto, soliti discorsi antiberlusca , solite critiche sarcastiche e pungenti.

  15. # mata

    osservatore soggettivo,travaglio e’ l’unico giornalista libero,non asservito al potere che non racconta cazzate ed opinioni personali o dettate dal padrone!si limita alla pura cronaca reale spulciando archivi di dati questi si oggettivi!

  16. # mata

    nel covo per eccellenza del pd,un po’ di aria pulita portata da travaglio (che tra l’altro non si sa’ se e’ del 5 stelle)puo’ fare solo del bene!

  17. # Francesco

    ho cose ben più importanti da fare che andare a sentire questo falso paladino della giustizia

  18. # mau

    ma l’ingresso è libero o bisogna anche paganne il biglietto?

  19. # Tazio

    A Livorno “siamo tutti di sinistra” e poi un montanelliano come Travaglio quando viene fa il pienone…nei tempi d’oro il pienone a Livorno l’avrebbe fatto, ma di gente lì apposta per prenderlo a bucciate.

  20. # Junior

    L’unico VERO giornalista in Italia che racconta i fatti per come stanno. L’unico che si prende la briga di difendere l’operato dei 5 stelle, trasparente e preparatissimo. Non a casa era il pupillo di Montanelli (uno con due palle così!).
    Rivotate PD alle comunali mi raccomando e leggete gli articoli dei grandi giornalisti di partito.

  21. # Omersimpons

    Scusate non riesco a capire. Ma Travaglio è di destra o di sinistra
    o forse non lo sa nemmeno lui.

  22. # AGO67

    Ecco un’altra che ha dato 2 euro a Renzi

  23. # AGO67

    Il problema è che la sinistra si è spostata a destra…

  24. # gianluca

    Quoto

  25. # ciccio

    forse è con grillo casaleggio

  26. # Johnny

    Travaglio è di destra (liberale), mi dispiace contraddirti.

  27. # Carlo

    Ecco la democrazia dei compagni…prendere a bucciate chi la pensa in maniera differente da voi…fortunatamente state scomparendo…e questione di anni poi resterete un brutto capitolo della storia italiana…

  28. # roberto

    CARO MARCO LIVORNO E’ ROSSA SI MA DI VERGOGNA .VOLEVAMO UNA SUPER PROVINCIA CHE SOVRINTENDESSE PISA CHE E’ A 3 O 4 ANNI LUCE DA NOI .LO SAI VERO COSA SONO.INFORMATI E CRITICA SE LO SAI FARE ,VAI IN FORTEZZA E IMPARI QUALCOSA

  29. # ubaldo

    Oggi! un terreno facile per un cantastorie e niente altro.

  30. # Filippo

    Travaglio chi?quello che durante la campagna elettorale del 2013 in una puntata di santoro (bono anche lui, i voti dei DS andavo bene quando c era da andare in parlamento europeo dove è rimasto finché non è potuto rientrare in Rai) si è fatto ridicolizzare da Berlusconi?

  31. # Tazio

    Caro Carlo, dalla tua risposta si evince che tu colori il sostantivo “democrazia” di connotati necessariamente positivi. Io questo non solo lo trovo un po’ scolastico, ma lo trovo anche un tipico esempio di adesione acritica al pensiero dominante. L’idea di democrazia ha qualcosa di buono dentro, ma empiricamente stiamo vedendo che ha molto che non funziona. Quindi non credere di offendermi parlando sarcasticamente della “democrazia dei compagni”, perché a differenza tua riesco a capire che questa non è l’unica forma di governo possibile. Lo capiva già Baudelaire, perciò non puoi neanche tacciarmi gratuitamente e fallacemente di Stalinismo, visto che probabilmente saresti arrivato lì.

  32. # Lukas

    …Travaglio del PD? Hahahahahahaha buona questa…

  33. # Roberto

    Travaglio, ma chi è questo cantastorie che innalza a conoscere l’unica verità su tutto e di tutti. ma smettila!!!

  34. # Nenomis

    quanti rincitrulliti dalla TV, siete talmente abituati a sentire bugie che vi da’ noia uno che dice la verità come Marco Travaglio.
    E’ proprio vero che la verità spesso può far male, qui in tanti dimostrano che restare ignoranti è più comodo che informarsi.
    Vi meritate il degrado politico/sociale dell’Italia, la vostra pigrizia e apatia ne è la causa.

I commenti sono chiusi.