Toncelli: "Livorno deve liberarsi dalla prigione in cui si è chiusa. Ecco la mia ricetta"

di letizia

Mediagallery

“Se si pensa di fare una revisione del piano strutturale del territorio considerando solo i confini di Livorno, si commetterebbe un grave errore. Bisogna uscire dalla prigionia di una città che pensa di essere un mondo a parte”, è questa l’idea dell’ex vicesindaco Cristiano Toncelli, attualmente tra gli ‘ideatori’ del gruppo Progetto per Livorno.
Per uscire dalla crisi nella quale la città è immersa da anni deve aprire i propri orizzonti, confrontandosi e collaborando con altre realtà vicine: una tra tutte Collesalvetti, attuando quel piano di area vasta di cui si parla da anni. “ A Pisa lo stanno già facendo da tempo – ha proseguito – dove il piano regolatore ha inglobato anche tutti i comuni dell’area pisana. Noi invece abbiamo un porto e un interporto che, seppure a distanza di pochi chilometri sono totalmente scollegati tra loro e invece potrebbero essere sfruttati per le loro potenzialità anche turistiche”. Ed è in quest’ottica che Toncelli chiede all’amministrazione di approvare entro breve la variante anticipatrice del piano generale del porto, in modo da poter dare allo scalo labronico un nuovo assetto che permetta di espandere i suoi collegamenti e unisca la città col suo porto. Tuttavia Livorno ha altre questioni da affrontare come i 4000 alloggi vuoti e i 300.000 m² di aree dismesse, di fronte alla costruzione di una quantità innumerevole di abitazioni che in questi anni hanno interessato la nostra città, anche alla luce dei dati forniti dall’Irpet (Istituto regionale di programmazione economica della Toscana) che prevede entro il 2026 un calo di diecimila abitanti. “Sarebbe auspicabile quindi – ha continuato Toncelli – che il nuovo piano regolatore non prevedesse altre edificazioni e anzi si facessero piani di recupero in quartieri oggi diventati troppo degradati”.

Rivalorizzazione e riuso dei locali vuoti che potrebbe incentivata attraverso la riduzione dell’Imu sulle seconde case oppure mediante l’attivazione di affitti a canone concordato”. La riqualificazione di una città dovrebbe comprendere anche il centro storico “ Sono favorevole riguardo alla pedonalizzazione almeno di una parte della Venezia, – ha detto ancora l’ex vice-sindaco – invece non sono d’accordo sul rendere pedonale di Via Grande perché si chiuderebbe al traffico una delle poche strade che collega la parte est con quella ovest della città”. Tuttavia per liberare il centro cittadino dal traffico privato e incentivare l’uso dei mezzi pubblici, Toncelli propone di aumentare le tariffe dei parcheggi e mettere delle navette gratuite che dai parcheggi di scambio portino gli utenti in città. Sulla posizione da assumere alle prossime elezioni amministrative tuttavia Toncelli è ancora possibilista “per adesso il candidato sindaco di Progetto per Livorno sono io, però posso affermare che siamo aperti al confronto con le altre forze politiche e non escludo che in futuro le cose possano cambiare”.

Riproduzione riservata ©

34 commenti

 
  1. # Gino Rossi

    idee giuste, ma per realizzarle serve cambiare le “teste” di chi governa la città e di chi fa finta di fare opposizione.

  2. # salvalivorno

    Grande Cristiano mettiamocela tutta per cambiare ed uscire da questa prigione che ci opprime

  3. # Roberto

    Ma idee giuste mica tanto questo parla già di aumentare i parcheggi…alle prossime elezioni Movimento 5 Stelle

  4. # LEO

    Toncelli propone di aumentare le tariffe dei parcheggi e mettere delle navette gratuite che dai parcheggi di scambio portino gli utenti in città. Può essere anche giusto, però mi devi garantire il bus anche nelle ore serali e non come ora che se metto l’auto al parcheggio scambiatore alle 20.15 diventa inutilizzabile perché non ho più il bus che mi ci porta. Potrebbero essere usati anche i posti auto di porta a terra , ma poi come ci vado ? Perché non creare in accordo con le Ferrovie dello Stato delle navette su rotaia ANTIGNANO : ARDENZA : STAZIONE in coincidenza dei treni con Pisa e Firenze?

  5. # amaranto67

    aumentare il costo dei parcheggi pensando che il livornese vada a parcheggiare alla Meloria e prenda il bus navetta non solo è pura utopia ma è un ulteriore regalo all’IPERCOOP…

  6. # hdl64

    Sul turismo, con milioni di croceristi che ci lasciamo sfuggire non leggo nulla. Pensare ancora ai parcheggi di scambio dopo il fallimento spettacolare di quello di via della Libertà è quasi comico, per non parlare invece di quello costosissimo dell’Odeon. Livorno è divenuta, dal dopoguerra in poi, una città squallida, grigia, chiusa su se stessa, con un immobilismo politico unico nella realtà nazionale. Evidentemente ai livornesi va bene così.

  7. # Sarà

    Caro Pd se governi ancora Livorno devi solo ringraziare il vecchiume ottuso che c’è’ a Livorno…ma vedrai che fra poco cambierà musica e allora tutti a casa…deturpatori della nostra amata città.

  8. # fra

    Aumentare il costo orario dei parcheggi in città, introducendo navette GRATUITE da e per i parcheggi scambiatori mi sembra una cosa decisamente positiva. Si chiama incentivare il trasporto pubblico, scongiurando l’abuso di quello privato, traducendosi in maggiore vivibilità. Se non sbaglio m5s ovunque, a livello nazionale e locale, promuove politiche di salvaguardia ambientale: ma forse qui a Livorno anche m5s è diverso?!?

  9. # giuri

    però in parte ti contraddici. Se vuoi incentivare il turismo dei croceristi, il primo passo più naturale (oltre la linea del porto) è quello di far trovare un centro città pulito, ordinato, PRIVO DI AUTO e ben servito da mezzi pubblici. Slalom fra auto parcheggiate, nel caos di motorini smarmittati e piazze trasformate in parcheggio non vedo come si concili con un’idea di turismo…

  10. # The kiko

    Belle idee… Farei du rotarie peró

  11. # Luciano

    Vedi Sara, consentimi, è il tuo modo di porti e di scrivere che ha fatto e farà votare ancora PD. Risulta controproducente offendere o ridicolizzando chi la pensa diversamente da te e che dovrebbe cambiare iniziando a pensarla come te, no, non funziona così.
    Inoltre manca un’alternativa…M5S si sono divisi alla prima riunione perché non sono d’accordo su chi deve fare il candidato sindaco, prima di iniziare la discussione. Sarebbe più preciso affermare che forse può cambiare l’orchestra ma la musica rimarrebbe la stessa con la preoccupazione che questi musicisti siano pure un po’ poco preparati ( basta pensare alla Lombardi che un sapeva niente sulle caratteristiche del Presidente nel mentre della sua elezione)

    Per Toncelli, devo dire per quel poco che ho sentito, visto e conosciuto, e per quanto non sia mai stato elettore di IDV mi è piaciuto, mi ha fatto una buona impressione, è un ingegnere e per me questo è importante, un barista lo vedrei meno opportuno, meno politici e più tecnici preparati a gestire le amministrazioni. Sicuramente da valutare un saluto.

  12. # Dariol

    pensare che il centro possa competere con l’ipercoop solo perché si fa parcheggiare le macchine di fronte al negozio è pura follia. Se uno cerca il parcheggio facile va all’Ipercoop, non c’è niente da fare. L’unica via d’uscita per il centro è liberarsi dalle auto ed essere più vivibile e pulito. questo avviene in tutte le zone centrali delle altre città. vie e piazze del centro adibite a parcheggi si vedono solo da noi. ben vengano le tariffe progressive per far pagare proporzionalmente di più chi vuole occupare con la sua auto il suolo pubblico del centro, come accade, peraltro, nella vicina pisa (dove il centro, nonostante i parcheggi, non soffre come il nostro).

  13. # giancarlo bini

    mi chiedo perche’ tutte queste belle idee Toncelli non le abbia messe in pratica o quanto meno proposte quando ha governato con Cosimi rendendosi dunque corresponsabile dei disastri. Sputare nel piatto dove si è mangiato a due mani è facile e da poca credibilità. Infine una domanda,ma sui debiti milionari di AAMPS di cui era membro del consiglio di amministrazione non ha proprio niente da dire ? Suvvia siamo seri

  14. # Franco

    è curioso sapere come e con chi il movimento 5 stelle candiderà visti i vostri continui battibecchi interni. In questi anni potevate fare tante cose, vi siate limitati a litigare e basta. Siete ( almeno per Livorno ) uguali a tutti gli altri se non peggio. Predicate bene e razzolate malissimo.

  15. # brunog

    Nel dopoguerra avevamo l’infrastruttura dei tram, l’hanno distrutta, avevamo un’ottima rete elettrica per filobus, l’hanno distrutta, avevamo il trenino, l’hanno distrutto, in compenso ci hanno riempito di quei cassoni puzzolenti , rumorosi e costosi che chiamano autobus! I parcheggi ci sono non c’e bisogno di inventarsi altri casini di navette che nessuno usa. l’Odeon che è costato uno stonfo ai contribuenti è vuoto, il moderno fra poco sarà utilizzabile, dovete pedonalizzare e riqualificare il centro questo è il futuro per rendere questa città vivibile.

  16. # lorenzana

    E’un bel rivolta frittate…

  17. # marce

    Intanto facciamo rispettare quelle pedonali che già ci sono: in Via Ricasoli passa di tutto a quasi qualsiasi ora (ormai sono esclusi solo gli autobus, alla faccia dell’incentivazione del trasporto pubblico)
    Sempre in via ricasoli e alla rotonda (zone pedonali) c’è ancora la pavimentazione di quando erano strade e parcheggi, con tanto di righe, stop e posti auto.
    Gli scali pedonali (scali rosciano etc) sono un parcheggio tolleratissimo….
    Fare uan zona pedonale NON è mettere un divieto di transito ma fare arredi etc

    Potremmo imparare non dico dalla Svizzera, ma quanto meno da Cecina, dove l’Aurelia è diventata il salotto buono

  18. # la Livorno oltre il boia dè

    mi scusi tanto sig toncelli per l’ignoranza non sapevo neanche che era vice sindaco, forse mai sentito perchè impegnatissimo nel suo mandato insieme a cosimi nell’ottica del lavoro, pianificazioni delle aree industriali dismesse da ricollocare, e perchè no tutte le problematiche di una città da centocinquanta mila abitati, grazie delle sue proposte, visto che manca ancora qualche mese alle prossime elezioni qulcuna può già metterla in campo noo!?, grazie.

  19. # la Livorno oltre il boia dè

    ah, chiedo scusa, vice sindaco è il sig. picchi, ma allora lei che vice sindaco era? forse mica con il sig lamberti? se fosse cosi lei sarebbe la novità per la città?

  20. # giancarlo bini

    Toncelli e’ stato il vice sindaco di Cosimi tra il 2010 1-2012,ha lasciato ben poche tracce evidentemente,nesuno lo ricorda

  21. # La Formica (@SergbarsSergio)

    Un fuoco di paglia prende facilmente,ma dura poco,questa è la fregatura.I nuovi partiti o movimenti senza basi culturali, non nascono
    e senza legami con il territorio,non si crea nulla!

  22. # MiChele

    Bisogna fare i FATTI non le parole, è tempo di DARE e non solo volere.

  23. # Luciano

    Concordo con Formica, lè così.

  24. # scomode-verità

    Caro Cristiano sei l’unico che propone qualcosa di concreto e di intelligente. La parte migliore di Livorno è con te.

  25. # elisa

    Mi fiderei subito delle sue proposte sisi

  26. # asciugati

    Ma il Sig. Toncelli non è stato assessore della provincia e poi assessore e vicesindaco del Comune di Livorno delle attuali giunte? Se non sbaglio è rimasto famoso per aver fatto l’ordinanza con la quale i cani possono entrare in Villa Fabbricotti ma solo da alcuni cancelli e con percorsi precisi! Ma se aveva tutti questi progetti perchè non li ha messi in atto quando ricopriva cariche istituzionali importanti? Non è che gli è tornata la voglia di tornare in qualche strapuntino di emergenza perchè la “politica” ti prende e ti dà?

  27. # giovanni borrelli

    il grande annuncio era imminente. Poco credibile questo slogan, ritengo verosimile, come molti, che sia una manovra politica di tentato frazionamento del voto amministrativo pro PD che essendo alla frutta ci riprova.Invece delle navette ci parli della accanita difesa della discarica del Limoncino o dell’OLT quando era/è vicesindaco etc etc..

  28. # Andrea

    Caro Franco buongiorno, la sua idea del Movimento 5 stelle e dei contrasti interni probabilmente se la sarà fatta leggendo i quotidiani locali. La invito a seguire il movimento con occhio più obbiettivo, magari seguendo i nostri canali di informazione, scoprirà tutto quello che quotidianamente il movimento fa NON per i cittadini attivisti ma per il bene di questa città. Incontri, dibattiti, eventi ma soprattutto proposte vere e concrete. A breve il nostro programma con il nostro cittadino portavoce. Il movimento siete anche voi ed è l’unica alternativa a questa politica ingessata di cui l’articolo sopra ne è solo una conferma. Poi è chiaro che ci sono contrasti interni, soprattutto quando a qualcuno non piace la coerenza e la trasparenza, principi che sembrano essere sempre più saldi all’interno del M5S. Saluti.

  29. # Marcov

    Un ingegnere si… ma vicesindaco di Cosimi.
    Per un solo anno, adesso vuole fare il sindaco lui. Alternative al PD in città ce ne sono. E’ inutile che voi di area PD lo negate si può votare a destra, più a sinistra di voi (ammesso che lo siate), si può votare ili M5S e sopratutto ricordati che si può votare la lista civica di Cannito che fate sempre finta che non esista portando così il forte sospetto che ad ora sia l’avversario più temibile alle prossime elezioni. Basta citare il referendum fatto da Quilivorno che dava Cannito sindaco con il 75% delle preferenze.

    Il PD ne prenda atto se è odiato dai livornesi.

  30. # marco bacci

    per i pochi livornesi che non appartengono al partito unico …non diamo ascolto a queste figure tirate su per non cambiare niente e mantenere le cose così come stanno

  31. # dario

    Io voto chi da anni si sbattezza per le strade tra la gente, e si chiama Marco Cannito.

  32. # Luciano

    bene quindi ci saranno due liste di ms5, la lista di cannito distinta perchè con 5 s essendo al terzo mandato ( ne basta uno, giusto) non può partecipare…e probabilmente altre liste ancora….e si va vicini….rivince sel pd idv e spero con altre forze sane e con un nome nuovo e sfidante.
    Non c’è alternativa, non vi arrabbiate, ma se il cs fa pena l’opposizione è inesistente e i 5s sono incompetenti. Conosco un sacco di amici che lo hanno votato, quasi tutti, che non lo faranno più….a proposito soio uno dei pochi che aveva indicato nel 25 % il risultato e mi prendevano in giro, ma alla prossima va sotto il 20, alle politiche e sotto il 15 alle amministrative, quindi inconsistente.

  33. # andrea giovannelli

    Il programma presentato da PpL attraverso il candidato a Sindaco Cristiano Toncelli esprime una chiara conoscenza e proposizione attuativa delle problematiche territoriali Livornesi. Non ci fermiamo a leggere solo il punto dei parcheggi. Guardiamo attentamente anche gli altri punti , certamente chi lo volesse con occhio critico, ma da non demonizzare a priori.
    Si deve riconoscere a Cristiano Toncelli che l’essere stato V. Sindaco nella giunta Cosimi ha fatto sì che egli abbia potuto toccare con mano queste e d altre problematiche.

  34. # Andrea

    È agghiacciante, che ci sia qualcuno che valuti queste proposte, in modo positivo!!! Sono vecchie! Prive di significato e senza fantasia!!! Con questa assenza d’intelligenza e creatività Livorno continuerà a sprofondare!… Che tristezza

I commenti sono chiusi.