I nomi dei comunisti lungo le strade

Mediagallery

come di consueto potete trovare la fotogallery (tratta dal sito Centro Politico 1921) in fondo all’articolo

In occasione del corteo di sabato per l’anniversario della nascita del Pci, nella notte tra lunedì 20 e martedì 21 gennaio alcune persone appartenenti al Centro politico 1921 e al Comitato dell’ex Caserma occupata hanno rinominato alcune vie, intitolandole, tramite alcuni fogli attaccati ai muri, ad alcuni “compagni e comunisti livornesi che hanno lottato contro il fascismo e hanno partecipato alla resistenza partigiana” (come si legge nel volantino diffuso dal Centro politico 1921, autore anche delle foto che pubblichiamo). “Persone – prosegue il comunicato – che credevano fermamente in un cambio radicale della società e che hanno lottato tutta la vita, subendo carcere, persecuzioni e uccisioni. Compagni e compagne che vogliamo ricordare nel giorno dell’anniversario della nascita del Partito comunista d’Italia, che verrà festeggiato con un corteo sabato 25 gennaio”.

Riproduzione riservata ©

73 commenti

 
  1. # A.L.T.. 1968

    bellissima iniziativa…..bisogna ricordare e far ricordare!

  2. # diego

    Una bella iniziativa, civile e non violenta, che non offende nessuno e mira a ricordare e far conoscere a tutti personaggi storici…

  3. # Davide72

    …Non gli è rimasto altro, ognuno si diverte con quel che c’ha, questa gente lo sa che siamo nel 2014 e che non interessa a nessuno il Comunismo se non per motivi storici?

  4. # Andreaigorp

    Bella iniziativa !! Bravi ragazzi!

  5. # Francesco R.

    A Livorno si fa i pezzi, come sempre… Sinistre, Destre… Basta, siamo nel 2014, SVEGLIATEVI!!!

  6. # Roberto

    E questo sarebbe un articolo di giornale? Hanno sprecato anche soldi per fare sta cavolata? Bravi e cosa hanno concluso?

  7. # enzo

    rappresentano un impegno civile, adeguato alla loro epoca. meritamo tutto il nostro rispetto e considerazione.Vorrei che oggi ce ne fossero molti in politica, anche con idèe diverse e tenuto conto del tempo passato, che avessero lo stesso spirito di servizio.

  8. # Supposta

    i pezzi li fà chi vende i mezzibusti del duce nelle aree di sosta delle autostrade e non chi espone i nomi di Persone che hanno dato la vita per te, per me e pure per quelli che vendono quello schifo di mazzobusto.

  9. # maiconrenzi

    Ecco, sì, svegliamoci! Per ricordarci che la Sinistra in questo paese ormai, PURTROPPO, non esiste (quasi) più. Il colpo di grazia vuol darglielo Matteino Renzusconi…. FACCIAMO RESISTENZA, torniamo a lottare per le persone e per la giustizia!

  10. # dave

    Ora usa fa le ronde ma andatevene tutti a ….rondaioli !! Grandi compagi la memoria è la memoria !!

  11. # polliamono

    non degno di commento alcuno

  12. # marco2000

    Bravi ragazzi! Ottima iniziativa!

  13. # futuro

    giusto! siamo nel 2014!!!! sveglia gente!!!!!

  14. # Il Messicano

    hai concluso di più con questo popo’ di intervento….

  15. # gep

    Grandi! Viva il comunismo!

  16. # tristano

    Esimio Roberto, ricordare persone che hanno ridato una dignità ad una città, oltraggiata dal fascismo, mi sembra opera meritoria, ma te continua cos’ che vai bene. Saluti

  17. # Samarcanda

    Hanno subito carcere repressione e uccisioni esattamente come milioni di persone hanno subito, subiscono e subiranno nei regimi comunisti come in Cina, a Cuba, in Corea e in Unione Sovietica.

  18. # LABRONICO

    Non necessariamente dobbiamo fare qualcosa per progredire…..spesso basta solo la memoria…..

  19. # lupo

    hanno rinfrescato la memoria a chi ce l’ha e magari incuriosito qualche giovane che non conosce questi partigiani e politici di un passato abbastanza recente. Naturalmente, memoria e curiosità sono prerogative di chi il cervello ce l’ha, non se l’è bruciato o tantomeno ci ha rinunciato.

  20. # Ricca99

    Il partito comunista italiano ha sempre difeso i lavoratori! E tutti i morti che hanno lottato per una società più giusta,non questa devono essere sempre ricordati come esempio per le generazioni future finche esistera’ il mondo!

  21. # paolo

    battuta squallida……..una iniziativa in nome di personaggi storici…….te invece cosa hai concluso? sei quotidianamente impegnato a fare che? E’ questa tua intolleranza squallida, che non porta a nulla…..

  22. # paolo

    quando qualcuno fa qualcosa, al di là dell’aspetto ideologico, sono persone che sono sveglie già da un pò….chi dorme probabilmente sono quelli come te che scrivono slogan e danno giudizi da dietro una tastiera

  23. # BUDIULIKE

    la storia e’ la storia e basta , un popolo che non conosce o dimentica il suo passato (qualunque esso sia ) non capisce il presente ma sopratutto non ha futuro .
    livornesi , italiani riprendiamoci il nostro paese e le nostre citta’ , cacciamo questa massa di politici che ogni giorno giocano con le nostre economie con la nostra sicurezza e quella di chi ci protegge tutti i giorni , smettiamola di farci spremere come limoni e di cadere nel loro gioco di metterci gli uni contro gli altri , e una volta liberi potremmo decidere dei problemi piu’ piccoli . W L’ ITALIA , W GLI ITALIANI quelli che non mollano mai , W LIVORNO .

  24. # alinooooooooooo

    Boia de c’ho i brividi

  25. # paolo 81

    Un bel gesto

  26. # Karl

    Ecco i miei soldi dellaTares.dove vanno a finire a pulire i muri…

  27. # pardo fornaciari

    Una doverosa iniziativa, nel nome della Storia e dell’Ideale

  28. # lorenzo

    Avrei preferito se per celebrare la nascita del PCI si fossero intraprese iniziative piu’ incisive e culturalmente accettabili. Una mostra audiviosiva, un dibatttito che sarebbe servito ai piu’ giovani per conoscere quel particolare momento storico; purtroppo dei volantini attaccati al muro non rimane miente.

  29. # Rick

    Francamente tutti i regimi totalitari che limitano se non azzerano la libertà di pensiero e di movimento delle persone non hanno e non avranno mai la mia stima, sia che siano o siano stati di destra che di sinistra, in Italia si ricorda sempre gli eccidi compiuti dal nazismo o dal fascismo, ma nel mondo non di meno il comunismo ha colpito meno duro. Pertanto va bene non dimenticare, perché non ritornino mai più quei tempi. Pertanto a me disturbano e non poco quei nomi sulle strade, complici di un ideale che ha portato e porta tutt’ora in Corea la libertà del popolo per il quale dice di battersi. Ed ora mettete pure tutti i pollici “rossi” che volete..

  30. # Carlo

    Personalmente ricordo molto più volentieri il 9 novembre 1989.

  31. # mi par mill'anni

    Basta .. un se ne pole piu’ !

  32. # Alì

    Bravi avete sporcato i muri!!! Ma mollate davvero!!! Andiamo un pelino avanti!! Che città mamma mia sempre peggio

  33. # Extracomunitario

    Dovrebbero levare tanti partiti crea solo confusione nel parlamento.Pero bella iniziativa.

  34. # VIVALIVORNO

    LA MEMORIA NON SI CANCELLA
    LE NUOVE GENERAZIONE DEVANO PORTARE AVANTI CERTI VALORI DI LIBERTA’ UGUAGLIANZI DI LOTTA ALLE OPPRESSIONE E ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO

    BELLISSIMO GESTO IN CONCOMITANZA CON L’ANNIVERSARIO DEL 21 GENNAIO 1921 NASCITA DEL PARTITO COMUNISTA d’ITALIA

    LIVORNO E’ ROSSA RIBELLE

  35. # mata

    Bene!Ma chi commemora il passato creda nel presente e nel futuro e cerchi di riaffermare quei valori , lottando insieme , senza tentennamenti ed indecisioni o addirittura con alleanze con il partito che comanda per ora a Livorno che quei valori li ha rinnegati!

  36. # Roberto

    Anziche mette i nomi, pensate a tappa le bue che è meglio

  37. # Victor

    Bella iniziativa…… ma i fogli li potevano appiccicare sui muri delle loro case?

  38. # Sereno

    I comunisti hanno rovinato Livorno e l’Italia intera!

  39. # salvalivorno

    VERGOGNA SOLO VERGOGNA IL PCI HA ROVINATO LA CITTA’ RICORDATEVELO

  40. # Giacomo

    COMUNISTI…… perchè esistono sempre???

  41. # Lukas

    Non condivido l’iniziativa ma la rispetto.

  42. # marcovaldo

    Secondo me tra qualche anno, organizzaneranno gite a Livorno, per far vedere ai ragazzini, i pronipoti dei comunisti. Una specie di Jurassik Park. La stessa cosa dicasi dei fascisti, una comunità ancora presente e radicata a Livorno. Ecco perché siamo nella c… fino al collo….

  43. # enzo

    1)siamo in italia
    2) chi con la violenza cacciò il sindaco eletto nel 1922 a livorno fece meglio’
    3) come la mettiamo con Cile, indonesia (rcordo un milione di comunisti uccisi da Sukarno) e potrei continuare

  44. # enzo

    te ‘un ne poi più. Io ho un grande rispetto per questa gente, anche se non faccio mia la loro filosofia

  45. # Il Messicano

    Qualunquismo d’accatto…….possibile esser così mediocri?

  46. # pino

    Forse sarebbero meglio dei poster di quel galantuomo del Berluska?

  47. # orazio

    Ancora con con questa balla storica dei partigiani. Quelli veri, quei pochi che hanno realmente combattuto, hanno agito solo e soltanto nel nord Italia, dove il fascismo era ancora attivo con la Repubblica di Salò. Tutto il resto sono favole. A sparare tre colpi, per poi fuggire, contro un esercito in fuga totalmente allo sfascio sono buoni tutti.

  48. # Samarcanda

    ma questa gente non si rende nemmeno conto di quanto è incoerente. Glorificano la Costituzione Italiana e l’Assemblea Costitutente che l’ha partorita, quando è proprio la stessa Costituzione a sancire i principi di proprietà privata e libera iniziativa economica, cose che a loro vanno giu di traverso. Per non parlare poi dell’articolo 7 che sancisce la validità del Concordato Stato-Chiesa (fatto dal fascismo) per il cui inserimento nella carta fu decisiva la scelta di Togliatti che con gran sorpresa (perfino Andreotti pensava che sarebbe stato sconfitto su quel punto) e tradendo quanto aveva dichiarato e fatto sperare fino al giorno prima, fece votare si alla coalizione di sinistra. Solo in vaticano sapevano come sarebbe andata a finire chissà perchè. Togliatti strozzò cosi sul nascere la neonata Repubblica Italiana. Ecco per cosa è morta quella gente, per mandare Togliatti su una poltrona.

    fonte: http://www.sitocomunista.it/pci/documenti/togliatti/articolo7.htm

  49. # El Guero

    Il vero problema non sono chi è di sinistra (io) e chi è di destra…il problema sono persone qualunquiste come te che non stanno ne da una ne dall’altra parte….

  50. # El Guero

    Allora comincia a tapparle te

  51. # Rick

    Enzo non mi sembra nel mio pensiero di aver in alcun modo giustificato e simpatizzato per l’estremismo di destra, ho semplicemente detto che non condivido affatto i regioni ed i partiti che limitano la liberta di pensiero degli individui, quale si è dimostrato essere pure il partito Comunista che con Lenin in milioni di morti, non ha niente a che invidiare ad hitler. Inoltre non mi sembra giusto imbrattare per nessun motivo i muri delle nostre città e pertanto la polizia farebbe bene ad indagare e a sanzionare i responsabili in maniera esemplare da non far “emulare” ad altri simpatizzanti di altra fazione simili interventi.

  52. # mauro

    9 novembre 1989, una data funesta per tutta l’umanità

  53. # lupo

    caro orazio, prima di parlare dei nostri partigiani, sarebbe meglio leggesse qualcosina

  54. # lupo

    tappati

  55. # mauro

    Oberdan Chiesa (Livorno, 11 settembre 1911 – Rosignano, 29 gennaio 1944) è stato un antifascista italiano.

    Comunista (almeno come ideale) ed attivista antifascista, insofferente al regime mussoliniano, decide di espatriare in Algeria. Recatosi successivamente in Francia, abbraccia gli ideali di lotta al fascismo franchista e decide di andare a combattere in Spagna. Rientrato in Italia, viene arrestato nel 1943 come sovverviso e fucilato (ingiustamente) da un plotone di esecuzione sulla spiaggia di Rosignano il 29 gennaio 1944, in seguito ad un attentato gappista ad un carabiniere collaborazionista. Il 19 luglio del 1944, la 3a Brigata Garibaldi 10o distaccamento “Oberdan Chiesa”, entra e libera dai nazifascisti la città di Livorno. Sulla spiaggia di Rosignano, un monumento ricorda il sacrificio di Oberdan. “Qui il 29 gennaio 1944 fu trucidato dai fascisti repubblicani Oberdan Chiesa combattente eroico in Spagna e in Italia per la causa del proletariato. Il popolo di Rosignano nel 1o anniversario del suo sacrificio (targa commemorativa posta sul monumento).

  56. # dave

    si esistiamo sempre .

  57. # dave

    Il crollo del muro di berlino … è stata la rovina del mondo.
    beh considerando che è tutto un equilibrio secondo me andava bene cosi’ comunismo sfrenato da una parte e capitalismo sfrenato dall’ altra .
    W LENIN .

  58. # mau

    Onore ai partigiani nostrani ma anche a quei ragazzi che rimasero fedeli a chi li aveva cresciuti…questa ė stato

  59. # Salvatore Favati

    E’ una civile rimembranza, sono fogli di carta, attaccati per il tempo che dureranno, e che poi il tempo porterà via lasciando un ricordo in chi li ha visti, in quelli che li hanno attaccati, segnando un momenti che per Livorno ha significato moltissimo; questa città è stata il massimo del fascismo nel ventennio ( e oltre, a dire la verità ) ed ha offerto un contributo enorme alla causa comunista; entrambe i movimenti si sono dissolti nel tempo, per ragioni diverse, e ora resta il ricordo e basta.

    Chissà se una volta o l’altra si concluderà, sull’altra sponda politica, la costruzione del gigantesco monumento di Monteburrone a Costanzo Ciano : oltre ad essere stato un soldato di marina coraggioso ha contribuito allo sviluppo di Livorno in modo talmente importante da parermi oggi ignobile il silenzio con il quale si è cercato ( non riuscendoci in verità ) di nascondere il fatto che, nel ventennio, lui ha fatto di Livorno una città tutt’altro che provinciale, importante in campo internazionale, conosciuta oltre i propri meriti e assai più di ora che è relegata a far da porticciolo di seconda scelta schiacciato dalle capacità politiche altrui. Non ignoro il fatto che il fascismo ha avuto delle colpe, ed i gerarchi naturalmente, in tutto quanto di dannoso è poi accaduto, ma la storia sta evidenziando cose di maggior peso, forse si dovrebbe rileggere più che sforzarsi a riscriverla…

  60. # McFred

    Poi ci si chiede perchè non cresciamo, non cambiamo, non sviluppiamo, non creiamo insomma il tempo si occupa pensando al passato…..ed il tempo passa passa e mi chiedo se è il caso di mettere al mondo una creatura e farla vivere in questa città. Forse vale ancora la pena perché magari sarà una persona nuova che penserà al futuro.

  61. # micce

    te hai rovinato tutto!!!!! ma vai a letto!!!!

  62. # karl

    Perché non inizi tu invece..che sai solo criticare..era si spendere per le buche che buttare i nostri 4 soldi sia di tares..che di mini imu sul pulire i muri chi paga ora tu o i comunisti ..o tutti anche chi non gli importa nulla di politica..

  63. # mauro

    Ilio Barontini (Cecina, 28 settembre 1890 – Scandicci, 22 gennaio 1951) è stato un partigiano e politico italiano.

    Antifascista di matrice anarchica, socialista e, successivamente, comunista, combattente nella Guerra di Spagna e in Cina, nella Resistenza in Etiopia, in Francia e in Italia, senatore del PCI, cittadino onorario della città di Bologna. Decorato dalle forze alleate con la Bronze Star Medal e dall’Unione Sovietica con l’Ordine della Stella Rossa.

  64. # El Guero

    Perchè ora il problema sono due fogli sui muri? fate fare la cacca ai cani sui marciapiedi, buttate mozziconi e altro per terra, lasciate spazzatura e oggetti ingombranti fuori dai cassonetti….potrei continuare all’infinito, ma il problema sono i fogli con dei nomi appiccicati per di più solo nel quartiere Venezia….

  65. # El Guero

    Non gli risponde nemmeno Lupo. ORA E SEMPRE RESISTENZA ONORE AI PARTIGIANI

  66. # sabrina P.

    sempre meglio di te che dormi sulla poltrona…..attiviamoci che è meglio altrimenti chi critica e basta è destinato alla morte psicologica

  67. # Francesco R.

    Mezzi busti, falce e martelli, e quant’altro vuoi… L’ho già scritto sopra: Destre, Sinistre… Ma anche basta siamo nel 2014, SVEGLIA!!!

  68. # Francesco R.

    Slogan??? Osservazione direi semmai… 😉 “Via Mamma Franca” oppure che ne so “Via Cutolo” o cos’altro di folkloristico e caratteristico ti venga in mente. Quella potrebbe essere la Livorno più vera, quella fatta dalle persone comuni che hanno fatto a modo suo “storia”. Di sinistre e destre ne abbiamo tutti le pa**e piene da quasi 100 anni credo… Siamo nel 2014 come ho detto sopra… Sveglia!!! 😉

  69. # Francesco R.

    Io sono Livornese e ne vado fiero. Questo è il mio Credo, niente qualunquismo, ma appartenenza alla mia (nostra) Città Labronica. Non esistono né destre né sinistre che tengano, oggi, già da diversi decenni… Dai smettiamola, ripeto, siamo nel 2014!!! 😉

  70. # orazio

    Se mi è concesso cercherò di rispondere a tutti con questa mia, naturalmente argomentando. Io le mie cose me le sono lette e tra le tante cito quanto riportato testualmente dal Comandante Sovietico KLEBER durante la guerra in Spagna sul “combattente” Ilio Barontini : “In battaglia, a Guadalajara, aveva avuto paura piangendo e tremando per il terrore aveva fatto una misera figura ed era diventato lo zimbello dei suoi uomini”

    Cordiali saluti

  71. # gep

    Ma basta con questa storia del fascismo benefattore e di Ciano modernizzatore. Tutto quello che hanno costruito lo hanno fatto schiacciando i lavoratori e per ingrassare i propri portafogli. A Livorno il fascismo è sempre stato un affare per ricchi borghesi.

  72. # El Guero

    Siamo nel 2014 e quindi???gli ideali vanno e devono andare a p….e perché ormai collegati a personaggi morti e sepolti???ma come ragioni….io sono comunista ma preferisco di gran lunga discutere con uno di destra, che con uno come te che lascerebbe in mano il paese solo a chi “fa” del bene….di conseguenza basta che ti intortino con qualche parola e subito gli dai il consenso….quello che si deve sveglia non sono io o le persone come me, ma sei te dai retta!!!!

  73. # costanzo

    A Livorno quel tanto di buono che è stato fatto è stato fatto durante il famigerato ventennio.Che ti piaccia o no questa è la storia e la puoi vedere, se vuoi, ancora oggi.
    I lavoratori, ed anche questa è storia, hanno avuto per la prima volta tutte le tutele sindacali ovvero la mutua e la pensione e vi è stata inoltre, per chi ne aveva veramente diritto l’assegnazione della casa popolare su vasta scala. Le tue affermazioni sono totalmente fuori luogo e prive di qualunque fondamento storico. Ciò che tu affermi si è casomai verificato dagli anni 60 in poi.

I commenti sono chiusi.