Sel riunisce le forze della sinistra e lancia le primarie delle idee

Presenti alla riunione IdV, PdRC, PdCI, Alba, Uniti per Cambiare Livorno, Buongiorno Livorno, Amici di Barca, rappresentanti del mondo sindacale

Mediagallery

Si è tenuto il 29 gennaio, nella sede di Sel in via Gori, a Livorno, la riunione tra le forze politiche e le associazioni politiche della sinistra livornese per discutere un percorso di partecipazione per la costruzione di una condivisione di visione e di priorità per la guida della città. Erano presenti alla riunione IdV, PdRC, PdCI, Alba, Uniti per Cambiare Livorno, Buongiorno Livorno, Amici di Barca, rappresentanti del mondo sindacale e cittadini che, seppur iscritti a partiti del centrosinistra, hanno voluto portare il proprio contributo personale.
E’ emersa una condivisione di fondo sullo stato di esaurimento di un modello di governo cittadino e sulla necessità di selezione di una nuova classe dirigente in grado di garantire un percorso di discontinuità nella visione della città. Per garantire una capacità di adeguamento di Livorno alle mutazioni di fase che viviamo, ma per permettere la continuazione nel XXI secolo dell’identità inclusiva data alla città dai nostri padri e dalle nostre madri.  Le coalizioni possono quindi nascere esclusivamente sulla condivisione di questa visione, che non può essere frutto soltanto delle scelte dei Partiti.
Per questo SEL ha già intrapreso il percorso delle “Primarie delle Idee” a cui chiama i cittadini e le cittadine singoli ed associati, per garantire i migliori contributi alla ricostruzione di una visione di città e della mission dell’amministrazione comunale, rendendosi disponibile a condividere e mettere in comune anche ad altri soggetti gli strumenti di cui si è dotata. Un percorso dove ognuno è chiamato a portare il proprio contributo di idee e proposte; un percorso da cui possano scaturire le ragioni dell’alleanza possibile e la necessaria codificazione delle regole di scelta degli uomini e delle donne che se ne dovranno fare carico. Un percorso che, in questa prima fase dovrà esaurirsi nell’arco di tre settimane, portando ad un bilancio finale ed alla eventuale impostazione comune della seconda fase di partecipazione che ci vedrà protagonisti sino alle elezioni.
Per questo martedì 4 febbraio è convocata una nuova riunione per programmare lo strumento di input/output di partecipazione e gli appuntamenti pubblici di ascolto e confronto necessari.
E’ apparso particolarmente importante come, al di là delle differenze contingenti sulla scelta di collocazione strategica di alcuni partecipanti – in primo luogo Buongiorno Livorno – , si sia condivisa la necessità di dare a questi percorsi di partecipazione ed ascolto una continuità anche all’indomani della scadenza elettorale.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # Giacomo

    COMPLIMENTI PER LO SGUARDO “ARGUTO”…….

  2. # Marcov

    Ho una idea, e la condivido colentieri: tutte queste forze della sinistra che sentono (ora) la spinta emotiva verso il rinnovamento e che sentono il desiderio di discutere e di aprirsi alle forze civili magari potrebbero anche lasciare perdere la politica cittadina visto che questi propositi costituiscono un mantra: è ciò che si è sempre sentito dire ed è ciò che hanno sempre fatto. Salvo poi seguire (come vorranno fare anche stavolta) il PD.
    Veramente: lasciate perdere . E’ così in tutta italia. Il futuro di Livorno è nel civismo non nella fenice comunista che ogni volta deve rinascere dalle sue ceneri.

  3. # bruno

    è l’eccezione che conferma la regola che i vecchi vanno rottamati !!

  4. # Dedo

    La verità è che vi fa gola l’elettorato del Pd e fino all’ultimo non lo lascerete andare il vostro caro partner. Dentro fuori, poi ci ri-ragionate poi no.
    Ma un po’ di coerenza no ?

  5. # Luca

    Si salvi chi può !!!

  6. # asciugati

    Prima di tutto se rivolete il mio voto buttate fuori dal partito la Boldrini !

  7. # liburnico

    cambia espressione poi se ne riparla vai :-/

  8. # Matteo

    Sel deve rompere in mille pezzettini il Pd che a Livorno ormai è non va più bene per la città !

I commenti sono chiusi.