Il Pd Livorno affidato a un europarlamentare

Mediagallery

Dopo la sconfitta elettorale a guidare il Pd di Livorno sarà una figura esterna. Si tratta di Nicola Danti, neo europarlamentare, molto vicino a Matteo Renzi. A lui il compito di ricucire il rapporto tra la città e il partito. Lo ha deciso, all’unanimità, la segreteria regionale del Pd.
Danti ha sottolineato alla Nazione.it che “per il momento dobbiamo cercare di capire cosa e’ successo e le cause, anche se mi sembra che questo sia dovuto a un’oggettiva difficoltà del partito livornese negli ultimi anni. I risultati elettorali sono stati forse superiori a quelle che ci aspettavamo e rispetto agli anni passati ma a Livorno c’e’ stato un trend negativo non solo in questa tornata elettorale ma da piu’ tempo. C’e’ poi questa grande gap tra il voto europeo e quello amministrativo”.
Da questo punto di vista, ha detto ancora alla Nazione.it, “si tratta di ripartire e cercare di attivare al Livorno energie nuove che possano far ripartire il Pd in una città importante e storica per la sinistra italiana. Ho questo ruolo di verificare la situazione e poi metteremo in campo un programma e ci confronteremo. Al momento siamo solo all’inizio, vediamo”.

Riproduzione riservata ©

53 commenti

 
  1. # Ci onci

    Ma li fanno tutti con lo stampino de’

  2. # l'onesto curioso

    state boni che avete già fatto troppi danni ..
    lasciate lavorare chi vuole veramente bene alla città e non mettete i bastoni tra le ruote ..

  3. # Beppone

    La sconfitta del Pd a Livorno è stata anche un po’ strategica, sembra quasi voluta, Insomma accettata, anche se sembra il contrario, Renzi, manda uno da Firenze…a rifondare il Pd a Livorno, è in una sola botta si leva di torno tutti quelli che l’hanno sempre osteggiato..i bersaniani, d’alemiani ecc….poi toccherà alla Regione dove la vedo dura per Rossi una probabile conferma. Del resto non c’è da meravigliarsi, lo ha detto e lo sta facendo….. rottamare il vecchio sistema politico del Pd.

  4. # mirko

    Ma Ruggeri l’ha lasciato il posto in consiglio regionale ed è tornato a lavorare come aveva promesso nel caso avesse perso il ballottaggio?

  5. # amaranto67

    bene, gia prima un si contava nulla.. ora mandano uno da firenze cosi tanto per facci intende che qui un si deve apri bocca…

  6. # ugo

    hai voglia di riuci….c’hai 5 anni… fai con calma…….

  7. # ugo

    AHHH ORA HO CAPITO… AVETE PAURA DELLE REGIONALI FRA UN ANNO….CHE POPO DI VOLPINI

  8. # Nando

    Continuate a voler l’ospedale nuovo senza ascoltar la gente,così alle prossime elezioni un prenderete nemmeno un voto,manco il mio,che avevo votato sempre PCI/PD. Ascoltar la gente un vi serviva più,tanto vincevate ugualmente,eccovi serviti.E poi d’ora in avanti,tutti gli appalti che fate dovete renderli pubblici a noi cittadini,prima di decidere il da farsi.Solo così potete riacquistare la fiducia della gente…forse.

  9. # fabrizio

    Ho letto quello che hai scritto e ripensato a quello che è successo negli ultimi mesi nella politica locale ed in quella nazionale. Non correggo una virgola del tuo pensiero
    Hai fatto centro.

  10. # AnToNiO

    No

  11. # Ombretta Lazzeri

    Ottima idea a proposito di stampìno la fecero ai tempi di Berlinguer non so se lo avete conosciuto, comunque abbiamo il tempo di vedre cosa faranno gli eletti , dal Sindaco alla Giunta Comunale che fa tante ma tante chiacchiere

  12. # D. Cammillo

    Sono curioso di vedere come si comporteranno i Compagni Livornesi,
    visto che il Sig. Danti è stato nella Democrazia Cristiana, poi nel Partito Popolare e in “Democrazia è Libertà – La Margherita”

  13. # sergio

    BOIA NANDO ,IL PROBLEMA DI LIVORNO SECONDO TE E’L’OSPEDALE NUOVO?O SONO GLI ULTIMI 10 ANNI DI IMMOBILISMO DELLA GIUNTA COSIMI, O LO STATO DI DEGRADO IN CUI VERSA LA CITTA’? O LA PERDITA INCESSANTE DI POSTI DI LAVORO, O LA PERDITA DI POSIZIONI SU POSIZIONI DEL NOSTRO PORTO? CE L’AVETE CON L’OSPEDALE NUOVO?NO VOI CE L’AVETE CON TUTTO QUELLO CHE PUO’ RENDERE QUESTA CITTA’ COMPETITIVA NEI CONFRONTI DELLE ALTRE CITTA’ TOSCANE CHE HANNO GIA’ IL LORO OSPEDALE AL PASSO CON I TEMPI.RIMPIANGEREMO QUESTA DECISIONE , PERCHE’ SE ORA POSSO SCIEGLIERE SE ANDARE A PISA OPPURE LIVORNO, STAI SICURO CHE TRA UNA DECINA DI ANNI E MI DOVRO’ STRIZZA’ UN FRIGNOLO DOVRO’ ANADRE PER FORZA A PISA !GRAZIE A VOI!

  14. # B A S T A

    FORSE UN S’E’ CAPITO: TUTTI A CASA !!!!!!!!!

  15. # templare

    …non essendoci più da molto tempo lo spauracchio fascista, è sparito nell’animo del ceto popolare conservatore, il faro che li indicava la via Comunque da seguire.
    Le cose più serie del colpo finale ( secondo me, umile cittadino) ….la perdita di fabbriche storiche, del porto,dei turisti,della rivalutazione dei monumenti storici chiusi,come le Fortezze della città ( la priorità per una di queste era mantenere la famosa scritta …..)
    E …, strano ma vero, l’orribile cementizio-scempio dello scoglio della Regina…
    Hanno portato alla voglia di cambiare.
    E se livorno non è comunista non vuol dire necessariamente che è Fascista.

  16. # Davide72

    Abbiamo capito, abbiamo capito, bisogna diventare tutti Renziani!! Alla faccia del confronto politico!

  17. # Mario

    Renzie…e poi danno del dittatore a B.Grillo! Boia de ci vole la ghina come il c. PD=peggio ex pdl(Alfano lupi b. Mussolini dellutri etc etc.).

  18. # Alexis

    Nogarin era attivista nel PD si Rosignano, ma vi chetate un po’! Se si continua così anche l’umidità e le libecciate sono colpa del PD. Vediamo cosa fanno i 5 stelle sperando che Grillo non faccia come con Pizzarotti (l’inceneritore e’ sempre li). Qui il M5S ha vinto con i voti della destra e giudicate questi. Danti prima che abbia fatto qualcosa. La DC, che non ho mai votato, la votava mezza Italia e 10 milioni di persone continuano a votare il nano. Ora il PD ha perso, piantatela di rompere le scatole e speriamo che le cose vadano meglio.,.,non siamo allo stadio!

  19. # ivo di bodda

    boia che botta hanno preso i comunisti….
    avanti popolo alla riscossa….

  20. # Barbablu'

    signori piddini, ormai AVETE PERSO CREDIBILITA’, ARITUTTIACASA!!!!

  21. # matteo

    E’ uguale a tutti gli altri, si parla solo del pd, dei partiti, dei politici e dei loro interessi economici. Mai si parla invece di cosa si deve fare per migliorare la vita dei cittadini, per rendere la città, il più vivibile e moderna possibile. Io penso che di voti ne abbiate presi anche troppi, basta con questa politica del profitto, chi fa il politico lo dovrebbe fare senza stipendio, spinto solo dalla voglia di fare il meglio possibile. Vada a farsi qualche anno di manovalanza, a lavorare sotto il sole e sotto la grandine per 800 euro, provi cosa vuol dire tornare a casa pieno di cemento o con la tuta impregnata di olio e grasso, poi si renderà conto di cosa vuol dire lavorare davvero, se ne torni al parlamento europeo, uno che parla come parla lei non può che stare lì, a lavorare non durereste 1 giorno.

  22. # matteo

    La sinistra cosa ha mai fatto per i lavoratori? tutti a criticare la destra in questa città, eppure vedo che i lavoratori sono i meno tutelati, forse anche gli eroi comunisti come tutti gli altri si sono convertiti al dio denaro. se ci fossero stati i veri compagni, oggi non saremmo in queste condizioni.

  23. # andrea

    e l’ora di smetterlaa!!! E’ inutile che venga il rampollo da firenze. spero che nogarin ritocchi gli stipendi ai pluristipendiati delle municipalizzateeeeeeeeeee!!!!

  24. # orfeo

    io sono sempre meno convinto della nuova situazione….
    i vostri giudizi sono tagliati con l’accetta sempre URLATI! come va di moda oggi e le vostre analisi in una città poco poco più civile -pisa? chiedo troppo?- non uscirebbero per decenza dai muri del bar dello sport…
    c’è alternanza e alternanza

  25. # Livornesiesagerati

    Boia, avevamo ragione: non ce n’è uno giusto, commissario da Firenze. Lo trovo veramente significativo. Siamo stati veramente svegli a non votarli.

  26. # Carlo

    vi conviene sentire Papa Francesco, o forse meglio chiedere un miracolo a Wojtyla perchè solo quello vi può salvare.
    Perchè come dice un vecchio proverbio:”Errare humanum est, perseverare autem diabolicum” .

  27. # mario di borgo Curva Nord

    Con Danti, renziano, per riprenderci la citta’….!!!!….e’ solo una parentesi che rafforzera’ il Partito Democratico per una nuova dialettica con la citta’ e le anime del partito.

  28. # luciaa

    Chissa quanto ama Livorno questo Danti ! Importante è far ripartire il partito PD a Livorno no far ripartire la città ridotta allo stremo proprio da loro.

  29. # virgilio

    Siete il passato…avete fatto assessore Piero Nocchi a Cecina.. …ANTIQUATI!

  30. # Baccello

    Perché non provi a dirlo a mio figlio Francesco che per colpa di un errore e di un problema sottovalutato adesso mio figlio ha una 104 grave grazie al tuo ospedale Pisano.

  31. # giuliano

    io a Pisa ci vado anche ora. A Livorno non mi ci curerei nemmeno un callo. A Livorno se non hai la tessera del PC/PD non entri. I medici migliori che non vogliono sottostare a questa logica non vengono a Livorno e se ci vengono dopo poco vanno via. Per cui Livorno non ha il problema dell’Ospedale nuovo o dell’Ospedale vecchio , ha il problema dell clientelismo voluto dal Sig. Rossi presidente della regione e dal suo partito che non va bene e va eliminato. Attualmente tuttavia ci sono settori che pur non essendo all’avanguardia sono assai efficienti e di buon livello. A Livorno ci manca un direttore generale dell’ASL che sia indipendente e non risponda alle logiche del Sig. Rossi, come faceva la precedente direttrice Calamai che dopo aver rovinato Livorno e Cecina l’hanno promossa e mandata a Firenze.

  32. # dr. Frock

    Non vi arrabbiate, grazie a Sel, Livorno, ritornerà più bella che pria!

  33. # lupacchione

    poche chiacchiere, ci pensa SEL.

  34. # l'onesto curioso

    chiamali rimpasti ! .. e fate ma rideeee

  35. # Marco Sisi

    Avrebbero dovuto mandarcelo un po’ prima, il “compagno da Firenze” invece di correre a chiudere la stalla dopo che sono scappati i buoi… del resto, nel PD soffia aria di “centralismo democratico” (ne sa qualcosa il mio ex collega Corradino Mineo). Che il PD livornese avesse poche chances di ottenere un buon risultato era chiaro a tutti quelli che non avevano gli occhi foderati di prosciutto. E comunque piantiamola con la storia dei voti della destra. Primo fatto: ai referendum per l’acqua bene pubblico votavano “Sì” anche quelli di Forza Nuova e Casa Pound e non si è scandalizzato nessuno. Secondo fatto: l’unico seggio di centrodestra in consiglio comunale è quello di Forza Italia. L’Amadio è rimasta fuori. Ora c’è da vedere cosa succederà con Nogarin sindaco. Se lavorerà bene, saremo tutti contenti. Io personalmente era tanto che dicevo che al PD livornese avrebbe fatto bene avere paura di perdere il governo della città, Non hanno avuto paura se non la notte dell’8 giugno. Ci avessero pensato prima, intendo almeno cinque anni prima, forse adesso ci sarebbe un sindaco del PD. Hanno fallito su tutto il fronte, una campagna elettorale in mano a dilettanti e un’immagine politica che si sono sbriciolati da soli.

  36. # templare

    ….bravo dillo che non siamo allo stadio ! E che la curva è di tutti !

  37. # Gino Rossi

    Eravamo tutti fatti con lo stampino. Storditi dalle logiche di partito. Tutti sotto ricatto, “o con noi o contro di noi”. De Filicaia, prima del ballottaggio, aveva scritto su QuiLivorno, dicendo che chi votava il M5S era di destra. Lui e tanti altri veramente anacronistici. Ancora a pensare alla destra, al centro e alla sinistra, oggi che invece c’è da pensare alla concretezza, invece che alle vecchie ideologie. C’è da pensare alla gente, invece che al partito e alle proprie poltrone, c’è da pensare alle città, invece che alle giunte……..la vecchia politica non ci interessa e non ci frega più.
    L’arrivo di Nogarin farà bene alla città e anche alla vecchia politica Livornese, compreso il PD……servono idee e soprattutto gente nuova!!!

  38. # Gino Rossi

    Hai perfettamente ragione. Purtroppo Ruggeri ce lo ha mandato Enrico Rossi, che per quanto si dichiari Renziano, è un ammanigliato della vecchia guardia, ancorato alle vecchie logiche di partito, interessato solo al business della sanità (costruisce ospedali a raffica…….) e per Livorno non ha fatto mai niente. E anche questa volta ci voleva mettere una sua “marionetta”…..perciò Ruggeri col nuovo corso NON c’entra niente. Penso che un po’ di castigo, faccia bene alla città e al PD…..oltre che alla finta opposizione Livornese. Una bella purga per ripulire, svecchiare, sanare. E speriamo che Livorno risorga.

  39. # Beppone

    E’ dannenè, ancora convinti che a Livorno ci sono i comunisti?….quelli veri sono morti e sepolti con Berlinguer, tutti gli altri sono stati e sono una brutta copia, ora nel Pd chi comanda sono ex democristiani.

  40. # Beppone

    Ma ti rendi conto di quante cavolate dici!…il clientelismo è un potere forte che nemmeno il M5S, riuscirà a debellarlo, se come dici te, all’ospedale di Livorno i medici hanno in tasca la tessera per poter lavorare allora anche in tutte le altre realtà lavorative di questa città….e non solo. mi spieghi come mai, i partiti di questo o quello, il numero dei tesserati è ai minimi storici?..allora tutte queste tessere dove sono?..

  41. # Beppone

    Mi ripeto….che il rottamatore Renzi, abbia iniziato la sua lunga battaglia di rinnovamento del partito è ormai cosa certa e di “trombati” o di “mandati a casa” la lista incomincia ad essere leunga in casa PD. ora tocca a Livorno, è qui ce da lavorare tanto, Ruggeri,( lo definito un giovane vecchio), è stato l’agnello sacrificale, dove …fateci caso…nessuno dei bersaniani o d’alemiani, si è candidato perchè sapeva che ci sarebbe stato il ribaltone, si è fatto avanti Ruggeri, con coraggio, forse non lo immaginava, sperava che dopo la prima sessione di elezione, la sinistra si sarebbe ricompattata su di lui, ma cosi non è stato…ora…inizia nel Pd la fase che in cinque anni deve portare al totale rinnovamento.

  42. # Beppone

    Si parla tanto di rinnovamnto per il Pd, ma credo che sia giunta l’ora che questo sia fatta anche da tutti gli altri partiti, dalla sinistra radicale alla destra, Come nel Pd attuale, c’è da svecchiare modi e classe dirigenziale, ci vuole una nuova politica quella del fare non come finora è successo quella di lamentarsi e non fare niente. Perchè come elettore non mi posso più permettere di pensare ad una ideologia ormai sorpassata, ma che comunque voto, per poi veder che quel che credi, è utile solo a far “ricatto” elettorale., non vuoi fare apparentamento, allora ti voto contro…è questo non va bene.

  43. # Augusto

    Ma Renzi un aveva promesso che abbassava gli stipendi ai menager?Ora tutto tace.Inoltre,io che guadagno 1000 euro al mese,gli 80 euro famosi gli ho visti col binocolo,in pratica non l’ha presi quasi nessuno,se questo non è prendere per i fondelli,ditemi voi cos’è.L’Italiani se lo ricorderanno alle prossime elezioni!

  44. # Mauro

    Il consiglio che porto al Sig. Nicola Danti, è quello di non ascoltare Soltanto le persone che partecipano attivamente alla vita delle sezioni, ma anche i cittadini di Livorno che non sono iscritti.
    Basterebbe un indirizzo @ in cui inviare i propri pensieri sulla precedente gestione comunale.
    Buon Lavoro

  45. # Lorenzo65

    Per imbonire la volontà dei livornesi basta organizzare una bella festa del partito alla rotonda: tanto cacciucco, riso mare e vino a prezzi popolari. Allora faremo anche i sorrisini ai fiorentini che ci mandano il nuovo messia del PD labronico.

  46. # Citta Dino

    Ruggeri è renziano ma da qualche parte arriva come tutti. Questa candidatura è senz’altro frutto di accordi tra Rossi e Renzi. Nei piani dei due, Ruggeri avrebbe lasciato il posto in Regione a un renziano più vicino a lui e in cambio Renzi non avrebbe disturbato i feudatari labronici. Entrambi davano per scontato che andasse bene come sempre ma ora che Livorno è persa, e che Renzi non s’è fatto mai vedere, manda un emissario per prendersi anche Livorno accampando nobili pretesti. In realtà di Livorno non gliene frega nulla, se non per il fatto che qualche pedina qui gli fa sempre comodo soprattutto perché il prossimo anno ci sono le regionali. Se si fa un consiglio regionale tutto suo, poi può avvallare qualunque cosa gli venga in mente, pensiamo all’aeroporto.

  47. # Marco Sisi

    Con Ruggeri è stato facile… agli altri è bastato dire: “Marco, vai avanti te che a me mi vien da ride’ “….

  48. # Marco

    PER L’EX PDL, E’ PREVISTO l’ARRIVO DI UN NEUROLOGO NEI PROSSIMI GIORNI…….

  49. # danie72

    L’anno prossimo signori ci sono le regionali! Ricordatelo! Vogliono affossare il porto di livorno, chiudere l’aeroporto di pisa, fare della toscana una grande provincia di firenze! Per far questo ci vogliono voti e tanti! Perderne di colpo 100.000 almeno un possono, ecco che arriva un bel democristiano a fare il lavoro sporco! Una cosa però l’abbiamo dimostrata, l’anello al naso ce lo siamo levato!!!!

  50. # lilla

    speriamo che qualcuno non se l’ho faccia rimettere

  51. # Beppone

    Mia figlia che ne prende 700 euro e lavora per una nota marca di abbigliamento spagnola, in busta paga questo mese ce li ha trovati, non tutti, ma ci sono! quelli che non li avrà ami sono i disoccupati, pensionati e chi si trova in mobilità.

  52. # Beppone

    Guerra fra Pisa e Firenze sull’aereoporto…internazionale?…dicono che avere due areoporti in 80 km è contropruducente?, è allora …Linate, Malpensa e Orio al Serio di Bergamo, sono in tre in poco meno di settenta chilometri, e vivono bene. Penso solo che In Toscana non sia mai stata scritta il fine sulle logiche campanilistiche storiche delle due città, i tempi son cambiati. Statene certi che Firenze avrà la sua pista di tre chilometri che permetterà al suo aereoporto di fare il salto di qualità.!

  53. # Beppone

    Per quanto riguarda il porto di Livorno, non credo che la Toscana voglia affossarlo, per poi cosa….cambiarlo per chi..Piombino?, Viareggio?, Carrara?….o peggio La Spezia, con quale logica. Certamente il porto di Livorno deve essere cambiato,,,in meglio, anche qui ci sono da rottamere vecchi ideolocigi dirigenti nelle varie aziende, ma qui il nuovo corso politico della città, ci fa ben poco, Nogarin non ouò accampare diritti e doveri sul porto, può solo cercare di mediare con il ministro dei trasporti e delle infrastrutture, e con l’autorità portuale che ricordo è commissariata. La regione deve aiutare il porto non affossarlo, Livorno è la sua porta marittima nel mediterraneo per tutta la Toscana..

I commenti sono chiusi.