Civati al The Cage

Mediagallery

La questione maschile, la partecipazione, la cultura, l’Expo e tutte le possibilità che abbiamo di fronte. “Perché questo vogliamo essere – scrive Civati-  il partito delle possibilità, che costruisce dal basso la nuova sinistra possibile, il meridione possibile, il sindacato e il lavoro possibile in un’economia possibile, che non riguarda solo i nostri figli, e nemmeno i nostri nipoti, ma che guardi al futuro dei nostri pronipoti”.
Sono questi i temi del “PolitiCamp” che si svolgerà a Livorno, al Cage Theatre di Villa Corridi, da oggi, venerdi 11 fino a domenica 13 luglio, quando Giuseppe Civati concluderà la tre giorni di dibattiti, confronti, approfondimenti e riflessioni che ruotano intorno a due parole: sinistra e possibilità.
Con Pippo Civati ci saranno Marina Terragni, Stefano Bartezzaghi, Fabrizio Barca, Ilaria Bonaccorsi, Giulio Cavalli, Mercedes Lanzilotta, Stefano Fassina, Andrea Pertici, Vannino Chiti, Nadia Urbinati, Maurizio Landini, Maria Chiara Carrozza, Alessandro Gilioli, Marco Furfaro, Nunzia Penelope, Andrea Ranieri, Pietro Folena, Luca Pastorino, Maria Grazia Rocchi, Walter Tocci, Renata Briano, Daniele Viotti, Elly Schlein, Elena Gentile, Ernesto Longobardi, Filippo Taddei e molti altri protagonisti.
Con loro vogliamo proseguire nel nostro percorso scandito dall‘urgenza di pensare al dopo. A come ricostruire uno schieramento di centrosinistra, a quali parole trovare, a come realizzare quelle larghe intese con i cittadiniche continuiamo a procrastinare di maggioranza in maggioranza, di governo in governo. Un percorso di ricostruzione della cultura politica, che si fa carico dei conflitti e delle tensioni, che li affronta, per “dare al vento di cambiamento quei mulini che servono per trasformare l’energia in forza di governo”.

Il Programma del Politicamp 2014 (Livorno) 11,12,13 Luglio

 Venerdì 11 luglio 

 Ore 18.00

La parità è possibile
Marina Terragni introduce:
Ilaria Bonaccorsi, Mercedes Lanzilotta, Filomena Gallo

Ore 20.00

Buff­et di autofinanziamento

Ore 21.00

La partecipazione è possibile
Andrea Fabozzi introduce:
Andrea Pertici, Elly Schlein, Vannino Chiti, Nadia Urbinati, Fabrizio Barca, Maurizio Landini

Sabato 12 luglio

Ore 10.00 (Palco interno)

La cultura è possibile
Massimo Monaci introduce:
Tomaso Montanari, Maria Chiara Carrozza, Andrea Ranieri, Pietro Folena, Maria Grazia Rocchi

Ore 10.00 (Palco esterno)

Expo in ognuno di noi, Expo dappertutto
Mirko Tutino introduce:
Monica Frassoni, Francesco Vignarca, Vito Gulli, Paolo Gandolfi, Veronica Tentori, Renata Briano, Paolo Sinigaglia, Simona Galli, Alberto Bencistà, Bengasi Battisti

Ore 13.00

Pranzo di autofinanziamento

Ore 14.30 (Palco interno)

Art. 49 e il partito delle possibilità
Stefano Catone introduce:
Beatrice Brignone, Paolo Cosseddu, Thomas Castangia, Gennaro Acampora, Luca Pastorino

ORE 14.30 (Palco esterno)

Legalità
Salvo Tesoriero introduce:
Lucrezia Ricchiuti, Davide Mattiello, Carla Rossi, Gabriele Guidi, Alessandro Capriccioli, Nunzia Penelope, Marco Omizzolo, Beppe Guerini

Ore 17.30

Il Sud è possibile
Marco Sarracino, Elena Gentile, Anna Rita Lemma, Mimmo Talarico, Mimmo Lo Polito, Fausto Melluso, Renato Natale

Ore 18.30

La politica economica del possibile (qui e ora)
Rita Castellani introduce:
Stefano Fassina, Filippo Taddei, Roberto Renò

L’economia del possibile (per i nostri pronipoti)
Carlo Clericetti introduce:
Ernesto Longobardi, Stefano Fassina, Filippo Taddei

 Domenica 13 luglio 

Ore 10.00

Il sindacato possibile
Manuele Bonaccorsi introduce:
Ilaria Lani, Francesco Sinopoli, Giuseppe Allegri

Ore 11.00

La sinistra possibile
Elisabetta Amalfitano introduce:
Marco Boschini, Alessandro Gilioli, Marco Furfaro, Gianni Cuperlo, Walter Tocci
Intermezzo di Stefano Bartezzaghi;
Claudio Riccio, Daniele Viotti, Giulio Cavalli

Giuseppe Civati

Ore 13.30

Pranzo finale di autofinanziamento

 

Riproduzione riservata ©

0 commenti

 
  1. # "scorpione "

    Non ci si fa noi stessi e bisogna pensà ai nostri pronipoti !! Mah cosa dici eh .

  2. # gianfranco

    Civati chi?

  3. # TUTTIACASA

    Boia deh asciugalo!! ….a vedello mi fa passa’ la voglia di lavora’ !!!

  4. # Citta Dino

    Bene, verrò a vedere con piacere.

  5. # Dave

    Se siamo nella ….fino al collo è anche perché non ci s’è mai avuto un minimo di lungimiranza!

  6. # boob

    Prima di venire a Livorno esci dal PD, Altrimenti resta sdraiato in poltrona a fare salotto dove ti pare, a Livorno come Piddino non ti vogliamo. Ciao Bello !!!!!

  7. # bob

    quello che da quando ha perso le primarie con Renzi rosica da morire e pur di cercare di farsi notare e fare la solita opposizione sterile chiamerebe anche Bertinotti

  8. # Nicoletta

    Si bravi,io vorrei invece sapere chi ha permesso che un teatro del 1700 fosse svuotato tolte le statue e poi trasformato in quella bruttura del “teatrino”? Complimenti alle belle arti

  9. # pippo

    Bravo!!!1

  10. # dino

    Sei e stai con renzi…e con alfano…e vieni a ragionare di sinistra…?…

  11. # amolivorno

    questa gente non ha ancora capito nulla…..che tristezza

  12. # alberto

    E la organizzi al Bolscioi la rinascita… ah ah ah. Mi fate ridere… panzi di autofinanziamento. Vi scollavate se la offrivate te e il tuo amico Fassina che pranzate a Montecitorio col salmone e il caviale a 3 euro e ci puppate 300 mila euro l’anno… non c’è limite alla vergogna umana. Bravi a ospitarli The Cage bravi… magari gratis vero?

  13. # Elisa

    Per me poteva anche non venire

  14. # boob

    Ve l’ha detto anche Crozza, i Livornesi vi hanno mandato in Europa perchè qui a Livorno NON VI VOGLIANOOOOOOOOOOOOOOO.

  15. # paolo

    Che spessore politico di commenti….

  16. # alberto

    Il Cage era un Teatro… il Teatro Mascagni…

  17. # Luca

    Se si porta dietro qualche “leoparda” come quelle che c’erano alla Leopolda per me sarà il benvenuto !

  18. # Alberto

    Infatti viene a far respirare un po’ d’aria di mare a qualche gnocca… Ma fa bene…

  19. # ZenEros civatichi?

    Il Partitone dinosauroide piddì 1.0 erede del vecchio piccii bersaniano-dalemiano reagisce in senso conservatore. E dove lo fa? A Livorno, naturalmente, nella speranza di raccogliere gli ultimi nostalgici. In quei giorni preferisco andare al mare anche la sera… Del resto è duro far parte di coloro che sono esclusi… che son fuori dalla storia… che non hanno il 41% degli italiani…

  20. # Massimo

    Allora continuiamo a levare ai giovani i posti dove andare la sera. Il cage negli anni ha portato a Livorno artisti musicali internazionali. Cercano ogni anno di dare un po di vita alla città. Poi non ci lamentiamo se la gente va via da Livorno o passa le serate in altre città…ma siete mai stati giovani?

  21. # ZenEros Leopoldo e basta

    Questi sono ormai le ultime grida della fine del Partitone ex-PCI bersanianodalemiano. Ultimi nostalgici-conservatori di un mondo che è finito ma LorSignori che non se ne sono ancora accorti continuano indefessamente a parlarsi-addosso su di un mondo politico completamente cambiato. Poi i dissapori personalistici fanno il resto. Per me Civati farebbe bene ad andarsene dal PD 2.0 di Renzi ma non ne vuole perdere i vantaggi. Finirà nella Storia sgretolatrice d’idee e personalità. Ma io non vorrei fare la figura del FUORI-DALLA-STORIA! DOPO LA RIVOLUZIONE LIVORNESE DELL’8 GIUGNO, poi, chi pensa di raccattare se non I PERDENTI? Contento Lui…

  22. # ZenEros ha paura

    Poi mi sono accorto che il top l’avremo sabato 12 alle 18.30 quando interverrà anche l’ex ministro Stefano Fassina… Come uno spettro si aggirerà per le colline livornesi, alla villa Corridi, Leccia e Scopaia – non vi spaventate – e udiremo l’orribile grido: FASSINA CHI???? E saranno cavolii suoi!!!