Candidato sindaco, Simoncini ci ripensa e lo annuncia su Fb: “Lascio spazio ai giovani”. E spunta la Bolognesi

"A Livorno ci sono capacità e personalità giovani che vivono e sono radicati nella nostra città che possono garantire una nuova fase del Governo locale"

Mediagallery

Gianfranco Simoncini, attuale assessore al lavoro della Regione Toscana, ci ripensa e, utilizzando sempre Facebook, annuncia con un post delle 12 pubblicato oggi 17 gennaio che si defila dalla corsa a candidato sindaco per il Pd. Riportiamo qui di seguito il testo integrale pubblicato da Simoncini sulla sua pagina Fb.

Non si candiderò alle primarie per il sindaco di Livorno. Dopo alcuni giorni di riflessione ho deciso di non candidarmi alle primarie per sindaco di Livorno. Per due ragioni.
La prima è che ritengo giusto portare a compimento l’impegno nella Giunta regionale e la responsabilità nazionale come coordinatore degli Assessori regionali al lavoro. Nelle scorse settimane oltre all’attività ordinaria che mi vede impegnato nel seguire molti tavoli di crisi e il sostegno alle imprese, ho illustrato in Consiglio regionale i lineamenti della riforma della Formazione professionale, ho presentato alla giunta gli orientamenti per la costituzione dell’Agenzia regionale per il lavoro, abbiamo aperto il confronto con le Parti sociali sul riordino del sistema regionale del trasferimento tecnologico. Inoltre, insieme ad aver avviato la fase preliminare per una nuova legge per lo start up di impresa, si è aperto il confronto sulle bozze dei nuovi programmi del FESR e del FSE che rappresenteranno per i prossimi sette anni gli strumenti fondamentali che Regione e territori avranno a disposizione per promuovere il lavoro e sostenere lo sviluppo.
A livello nazionale come coordinamento delle regioni abbiamo, tra gli altri, aperti tavoli col Governo e le parti sociali e sindacali sulla riorganizzazione degli ammortizzatori sociali, sull’apprendistato e sul programma nazionale Garanzia Giovani. Tavoli sui quali come Toscana svolgiamo il ruolo di regia tra le regioni. La complessità di questi temi mi spinge a rinnovare, sotto l’indirizzo del Presidente Enrico Rossi che ringrazio per la fiducia che mi ha dimostrato in questi anni, l’impegno per portare a compimento entro la fine della legislatura il lavoro avviato. Alla luce delle molte esperienze messe in campo in Toscana, soprattutto per i Giovani, vorrei anche provare a dare un contributo al piano per il lavoro del Pd in discussione in questi giorni.
In secondo luogo ritengo, e questi tre quattro giorni di contatti mi hanno confermato nell’opinione, che ci siano a Livorno capacità e personalità giovani che vivono e sono radicati nella nostra città che possono garantire una nuova fase del Governo locale capace di ripensare ed innovare la città, ridandole il ruolo di riferimento nello sviluppo regionale e nazionale che merita. Giovani che è giusto che si misurino in prima persona alla guida della città. E’ l’ora che a queste energie si dia spazio e che chi, come me, ha e ha avuto importanti ruoli istituzionali ed amministrativi si metta al servizio, a supporto di una nuova generazione di amministratori dando loro spazio e non togliendolo.
Queste sono le riflessioni molto razionali che mi portano alla decidere di non candidarmi, nonostante il richiamo del cuore alla sfida di mettersi in campo per il governo della città nella quale vivo.

Ringrazio coloro che in questi giorni, da giovedì scorso, mi hanno apprezzato e sostenuto nella riflessione sull’opportunità di candidarmi, assicurando loro che non mancherà il mio impegno a supporto per il futuro della città, a partire dal lavoro per la definizione del programma e soprattutto per l’affermazione del Centrosinistra e del Pd al governo della città per i prossimi cinque anni.

Intanto spunta l’ipotesi Marida Bolognesi, livornese del 1952, laureata in lettere e docente di scuola media superiore ed ex parlamentare . Il suo nome è circolato in queste ultime ore come possibile candidata per la poltrona di sindaco del Pd.

Riproduzione riservata ©

29 commenti

 
  1. # Vento di Libeccio!

    L’assessore G. Simoncini, a proposito di un effetto positivo circa eventuali candidature a sindaco di personalità, come lui dice “giovani”, ha scoperto il classico (se posso esprimermi in vernacolo): ” bu’o alla ‘onca”.!!!

  2. # Diana

    “Simoncini lascia spazio ai giovani”. Potrebbe essere un bene (anche se forse, tra tanti, Simoncini poteva essere uno dei meno peggio!).
    Pero’ dalla stampa di oggi la Bolognesi non esclude la sua candidatura. Si intendeva questo per “giovani”?
    DOVETE PRENDERCI IN GIRO ANCORA PER MOLTO?!

  3. # giancarlo bini

    Scommetto con la Redazione un 5 e 5 che ad autocandidarsi sara’ il segretario Pd De Filicaia.E che poi oggi il Pd si debba affidare alla sig.ra Bolognesi 16 anni in Parlamento e pensione d’oro da 8 mila euro il mese tutti mesi e’ il culmine del peggio del peggio.Un assalto alla diligenza,povera la mi Livorno

  4. # persona molto capace

    Persona molto capace, ma con gli orticelli che ci sono nei posti dei bottoni a Livorno, ci bruciamo un ottimo elemento politico, speriamo bene…. .

  5. # dubbio

    Il ripensamento è stato causato dall’esito di sondaggi di aspettative di voto a Livorno?

  6. # giancarlo bini

    ex onorevole Bolgognesi citata anche nel libro della Casta e che si candida e proclama a mezzo stampa come rottamatrice ed il nuovo..chiametele ghigne di bronzo

  7. # ugo

    ha fiutato l’aria che tira……

  8. # salvalivorno

    Non è che ci ripensa ma gli hanno detto di no perchè vogliono un’altra

  9. # Luca

    Rinuncia indubbiamente saggia.
    Non resta che attendere a che cosa porteranno i vari impegni, tavoli e progetti, dalle denominazioni alquanto fumose e velleitarie, indicati nella lettera dell’Assessore.

  10. # federico

    Peccato, è una persona seria.

  11. # sa.boh

    Molto trendy che il sindaco debba essere “ giovane”. Qual’ è il limite d’ età? 20 ? 35? o 40? Pare che “ giovane “ sia in automatico sinonimo di “ ottimo”. Io vorrei una sindaca od un sindaco dotato/a di intelligenza decisamente sopra la media, con elevata capacità d’ascolto, notevolmente curioso/a ed adeguatamente intraprendente. Esiste? Se esiste, ma a quanto pare nessuno lo trova, non mi interessa affatto quant’ anni ha! L’età non può essere una discriminante, per cortesia! La discriminante è il cervello.

  12. # Ada Morelli

    Fortunatamente per Simoncini, essere arrivato in tempo alla conclusione che,
    non era lui, la figura di cambiamento, auspicata da più parti……

  13. # Carlo

    e ci credo non si candida, tanto la prendono piccina la strusciata……visto l’ottimo lavoro svolto dall’attuale e dal precedente sindaco…..

  14. # Diana

    Hai ragione. Sottoscrivo in pieno. Intelligenza, intraprendenza. Magari anche lungimiranza, capacita’ politiche (intese chiaramente nel senso piu’ alto del termine) e diplomatiche. E un po’ di decisionismo non guasterebbe, visto che la strategia dell’immobilismo e del “lasciar-passar-tutt ismo” non mi sembra abbia pagato molto in termini di sviluppo e qualita’ della vita di questa citta’!
    Secondo me un/a forestiero/a dinamico/a sarebbe l’ideale! Qualcuno che non sia invischiato nelle dinamiche negative di questa citta’: a volte mi sembra che noi livornesi ci siamo “adattati/abituati” a tante cose che invece potrebbero (o meglio dovrebbero) essere cambiate, svecchiate, dinamizzate, migliorate…

  15. # stefanobolgheri

    lascia spazio a bussotti che riceve il consenso dell’amico diop e della giovane bolognesi 4 legislature??…vi piace proprio il masochismo…la gente non ne può più di extracomunitari e di tanti discorsi!

  16. # brunolibero

    “Lascio spazio ai giovani” e spunta la Bolognesi….ai giovani la Bolognesi???

  17. # max bandana

    …. ma deve essere proprio uno del pd???…. mamma mia in che condizioni siamo!!!!!……

  18. # Vento di Libeccio!

    Riguardo poi la candidatura a sindaco della sig.ra Marida Bolognesi, a proposito della quale un lettore tiene a ricordare, nel suo commento precedente al mio, la sua profumata pensione di 8 mila euro maturati in 16 anni di attività parlamentare, non dobbiamo dimenticare anche la pensione da lei maturata presso l’ist. Cecioni di Livorno, dove ha prestato servizio come insegnante di Educazione Fisica.
    A questi due lauti compensi, vogliamo aggiungerle anche lo stipendio di “sindachessa”?

  19. # okkioperokkio

    ‘na ragazzina

  20. # Lillo

    ma tutte quelle motivazioni alla rinuncia non le conosceva prima? e adesso aspettiamoci il giovane portuale tatuato candidato sindao!!!

  21. # Antani

    Da un giovane all’altro….

  22. # patti

    Se questa e’ l’ultima espressione del partito , sperando che non esca dal cilindro De Filicaia, allora prepariamoci al peggio!!!! Che peggio di così ce ne vuole!!!!
    Mi chiedo : possibile che fra 160000 abitanti non ci sia una persona seria, competente, capace di scegliere collaboratori capaci, non intrallazzati, senza il callo al sedere causato dalla poltrona? Cerchiamo e votiamo qualcuno che possa far ripartire questa città !!!!

  23. # riccardo 1955

    Dopo l’annuncio di Simoncini che rifiuta la candidatura per lasciare “spazio ai giovani” compare subito il nome della sig.ra Bolognesi ….. alla faccia del dare spazio ai giovani !!!!!!!!!! Sconsolante.

  24. # patrizia

    Marida Bolognesi: come parlamentare è una buona docente, come docente è una buona parlamentare.Poveri noi!

  25. # sergio

    SIMONCINI A DISTANZA DI POCHI GIORNI, SI E’ RITIRATO, PERCHE’ HA VISTO CHE RISCHIAVA DI NON ESSERE ELETTO ALLE PRIMARIE, PENSATELA COME VI PARE MA SAREBBE STATO UN OTTIMO SINDACO ( VISTO ANCHE I PREDECESSORI) , MA LA LOGICA E LE BEGHE DEL PARTITO HANNO FATTO SI CHE MANCASSE LA SPONSORIZZAZIONE DEL SEGRETARIO DE FILICAIA: NON CI RESTA CHE PREPARARCI AL PEGGIO , PERCHE’ CARI CONCITTADINI , CON DE FILCAIA SINDACO O CON LA BOLOGNESI, LIVORNO SARA’ LA SUCCURSALE DI DURAZZO! POVERA LIVORNO CHE FINE TI FANNO FA!

  26. # sabina

    se non va bene Simoncini perché dovrebbe andar bene la Bolognesi?
    se vogliamo i giovani ci sono, anzi c’erano perché i migliori chissa come mai si sono…….un po’ allontanati. Chi? ad es Filippo di Rocca, giovane, di cultura, preparato, con esperienza, con voglia di cambiare.

  27. # silvio

    dal corriere della sera
    • Livorno 18 settembre 1952. Insegnante di educazione fisica al liceo. Politico. Deputato dal 1992 al 2006 (Prc, Ds). Nel 1995 «si trovò a dover baciare, politicamente parlando, Lamberto Dini, lasciando Rifondazione per appoggiare il suo governo» (Angela Frenda). Epico il suo pianto nell’“ingoiare il rospo”.
    • Al congresso dei Ds del 2007 ha fatto gli onori di casa accogliendo gli ospiti più illustri con un bacio: «Di sacrifici, esteticamente parlando, ne ho fatti diversi. Ho baciato persino Buttiglione, non so se mi spiego. Peccato per l’assenza di Casini. Lui sì che avrei salutato con calore. Perché anche l’occhio vuole la sua parte».
    • Sposata, una figlia.
    • Nel 2012 si è candidata alle primarie del Pd.
    Giorgio Dell’Arti
    Catalogo dei viventi 2015 (in preparazione)
    scheda aggiornata al 25 ottobre 2013

  28. # silvio

    e poi aggiungo: La Bolognesi ha due citazioni nel libro “La casta” di Rizzo e Stella. La prima è a causa del vitalizio, che la Bolognesi andrà a rimpolpare in caso di elezione, la seconda per essere stato uno dei parlamentari, in occasione delle legislative 2001, sponsorizzati da Farmindustria. In effetti la Bolognesi all’epoca non si è certo dimenticata dei propri sponsor. Aggiungiamo noi qualche riferimento: appena 4 giorni dopo la proclamazione a deputato aveva già depositato una proposta di legge sugli emoderivati e una sulla regolamentazione del ruolo degli informatori scientifici per i farmaci. Quanto scommettiamo che Farmindustria di allora, che sponsorizzava bipartisan, non si è irritata? Rizzo e Stella hanno definito, con ironia, “indimenticabile” il comportamento di Farmindustria verso i deputati di quella legislatura, Bolognesi compresa. Eppure nonostante che il fatto sia stato citato in uno dei libri più popolari degli ultimi anni la stampa locale di tutto questo se ne è dimenticato benissimo.

  29. # Baccello

    Ma a chi lo racconta? qualcuno del PD gli ha detto fatti da parte?
    Se non lo avete capito il mondo è un po’ che gira così è alla fine chi deve essere è già scelto da tempo.

I commenti sono chiusi.