Candidato sindaco, il Pd fissa la data per le primarie

Mediagallery

Segnatevi bene la data sul calendario: 23 febbraio 2014. Quel giorno, tutti i cittadini dei Comuni della Toscana chiamati ad eleggere il nuovo sindaco, potranno dare la preferenza per il candidato sindaco sostenuto dal Partito Democratico. Va da sé che questa data interesserà anche i livornesi visto che dovranno stabilire quale sarà il candidato Pd che correrà per la poltrona di Palazzo Civico a Livorno. Stessa sorte toccherà a Firenze e Prato, città che come la nostra andranno alle urne nella primavera prossima.
La data delle elezioni potrebbe essere quella del 25 maggio 2014, giorno in cui è già in programma la tornata elettorale per le Europee.
Come si sa, il sindaco in carica, Alessandro Cosimi, non potrà più ricandidarsi in quanto ha portato a termine i due mandati.
Al momento però, all’orizzonte, non sono ancora spuntate candidature ufficiali per raccogliere il suo testimone.

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # Gino Rossi

    Premesso che a Livorno si sa già che il sindaco sarà del PD, per il nome non c’è da preoccuparsi, è indifferente, perché a dettare gli ordini non sarà, come succede da sempre, il nuovo Sindaco, ma saranno i soliti potenti, nascosti dietro una fittizia maggioranza ed una finta opposizione. Per questo Livorno, se non esce dagli schemi, diventerà una città morta (oggi è già in fin di vita)

  2. # salvalivorno

    Concordo pienamente con sig. Rossi tanto vìncerà il PD a mani basse, pertanto cittadini non andate alle primarie tanto siamo morti ormai

  3. # Marcov

    Caro Gino,

    capisco cosa vuoi dire ma non condivido.

    I livornesi devono votare il candidato più autorevole, e se guardi bene ti accorgerai che uno che si è sbattuto per la città negli ultimi 8 anni c’è.
    Non riceve ordini da nessuno ed ha fatto una opposizione continua in consiglio comunale e per le strade e piazze della città.

    Non si è improvvisato politico a pochi mesi dalle elezioni, ma piuttosto lo è diventato impegnandosi sul campo. E questo non è eccezionale dovrebbe semplicemente essere la regola.

    Quindi, ti capisco ma la possibilità di cambiare la città in meglio c’è e i livornesi hanno la possibilità di farlo.

    E sarà il caso che stavolta abbiano un “atteggiamento vincente” e lo facciano!

  4. # Antani

    Ah si? E chi è visto che non ce siamo accorti?

  5. # ovosodo

    Il nome di questo presunto integerrimo?

  6. # LIbero 1°

    Non spendete tempo e denaro per fare le democratiche primarie, tanto poi di democratico ci sarà ben poco (vedi i premi ai dirigenti). Tirate a sorte, uno vale l’altro. E poi gli date le direttive dal partito,come avete sempre fatto.

  7. # ugo

    uniti e compatti…vedo

  8. # JC

    Ricordiamoci che il Sindaco è colui che rappresenta i cittadini di un qualsiasi comune pertanto la colpa non è SOLO di chi amministra la città bensì delle sue genti che imperterriti continuano a votare questa persona/partito.

    Livorno ha bisogno di un cambio di mentalità radicale per potersi svegliare e puntare a quello che sono le sue armi vincenti: turismo e sport.

    Questo significherebbe aumento di visite alla nostra città = maggiori introiti = liquidità per sistemare Livorno.

    Ma a quanto pare ai dirigenti e ai livornesi tanta voglia di cambiare non c’è…

    Per lo meno questo è il mio modesto parare.

  9. # Mario

    E CHI SAREBBE ?

  10. # Marcov

    Pensavo fosse chiaro che il riferimento non era qualcuno del PD..
    😉

  11. # Carlo

    Non votiamoli… Tutti a casa

  12. # marty

    Siamo pronti a criticare tutto e tutti e dare la colpa a qualcun altro faccimoci un esame di.coscienza. non tutto é come dite a.livorno non vogliamo innovazioni vi faceva schifo Ikea si ospedale nuovo. no rotatorie. no orario prolungato dei negozi no abbellimenti.no

  13. # Arty

    E se stavolta non vincesse il PD a mani basse?

  14. # Giovanni

    MARCO CANNITO

I commenti sono chiusi.