Buongiorno Livorno si prepara alle urne

di letizia

Mediagallery

Buongiorno Livorno va avanti. E’ questa la decisione presa all’unanimità all’assemblea di ieri al Grattacielo, a cui hanno partecipato circa 250 iscritti. Sono state quindi accantonate due delle strade, lo scioglimento e il prosieguo della ‘campagna’ associativa che si poneva l’obiettivo di raggiungere 2348 adesioni, una in più del Partito Democratico, entro il giorno in cui si svolgeranno le primarie. Invece Buongiorno Livorno andrà avanti con l’intento di costruire una lista di sinistra che partecipi alle elezioni amministrative di maggio. L’assemblea, ieri, dopo le dimissioni del consiglio direttivo, ha inoltre eletto il nuovo presidente dell’associazione, Andrea Raspanti. Il nuovo responsabile avrà il compito di formare un nuovo consiglio direttivo, composto da dieci persone, scelte in base alle competenze, che sarà presentato nella riunione che si svolgerà sempre al Grattacielo mercoledì sera alle 21. Andrea Raspanti domani sera, lunedì, prenderà parte all’Assemblea promossa da Alba alla circoscrizione 4, dove si discuterà della creazione di un fronte unico della sinistra alternativo al Partito Democratico. “Tra i nostri iscritti oggi – ha affermato Andrea Raspanti- anche se tutti erano d’accordo sull’andare avanti, c’erano due tendenze contrapposte: c’è chi vuole che Buongiorno Livorno faccia da contenitore, in cui far confluire altri movimenti e chi sostiene che si debba creare una lista con altre forze e partiti di sinistra”. Le iscrizioni, fanno sapere da Buongiorno Livorno, comunque stanno continuando ad aumentare: non si può dare una cifra precisa, si può però affermare che dal 14 febbraio a oggi abbiano aderito altre 150 persone.

In questi giorni, a Buongiorno Livorno si sono legati anche gli equilibri all’interno di Sel: si parla di 15-20 iscritti di Sel che hanno aderito a Buongiorno Livorno e all’assemblea di ieri erano presenti Carlo Bornaccini, Mirko Carovano, Umberto Tedeschi, Farhia Aidid Aden, oltre al consigliere comunale Lamberto Giannini. “In Buongiorno Livorno – ha detto Carlo Bornaccini- vediamo una reale alternativa a chi ha governato in questi ultimi vent’anni la città. Non faremo la campagna elettorale per le primarie, col Pd come ha detto anche Vendola c’è ormai una frattura insanabile”.

“Siamo molto amareggiati di quello che sta succedendo- ha continuato Bornaccini – da mesi provavamo a dire di non fare un’altra alleanza col Pd e siamo usciti allo scoperto solo quando la situazione é diventata insostenibile. Inoltre Valerio Cartei, responsabile del tesseramento, ci ha detto di non volerci più rinnovare l’iscrizione, vorrei sapere a nome di chi parla, se suo o a quello del partito”. Umberto Tedeschi invece parla di caos nella dirigenza locale del partito “ non capisco come mai a livello locale si vuol fare un’alleanza col Pd, mentre alle elezioni europee si sostiene la lista Tsipras della sinistra europea. La parte della cittadinanza che si riconosce in Sel deve sapere che non tutti vogliono riproporre un’alleanza col Partito Democratico”. A Tedeschi ha fatto eco Mirko Carovano, “Non vogliamo fare per l’ennesima volta la stampella del Pd, intraprendere un nuovo percorso faceva paura, quindi si è deciso di andare avanti col solito schema. In due settimane è stato chiuso l’imbuto della discussione ed è stato deciso di presentare un candidato, senza che tutto il partito fosse d’accordo”.

Riproduzione riservata ©

12 commenti

 
  1. # gerda.taro

    Quella bella ambientazione in foto già trasmette vivacità, creatività ed energia. Spero siano capaci di accogliere più colori.. La discriminante deve essere solo la capacità di portare l’idea o meglio le idee per dare un’ iniezione di adrenalina a questa agonizzante città.

  2. # pablo

    E i soldi alle palliative ? Anche a questo avete cambiato idea ?

  3. # dario

    Vorrei sapere quando date i soldi raccolti alle cure palliative come da accordi. Fate una conferenza stampa ?

  4. # Gerone

    Se con Renzi rinasce la DC a sinistra rinasce il PCI un po dappertutto. Siamo al mercatino dell’usato. In realtà sempre di trasformismo si tratta perché dietro queste formazioni, coalizioni, divisioni c’è sempore una ed una sola cosa: il manuale Cencelli di gestione e spartizione del potere, perché questo è la politica in Italia, la conta dei voti (come diceva Stalin che di potere se ne intendeva l’importante nelle elezioni non è come si vota ma come si conta). Si fanno i conti infatti, si guardano le possibilità e si fanno le formazioni. Anche NCD e FI probabilmente divisi prenderanno più voti dell’ex PDL … e così via a qualsiasi livello nazionale o locale che sia. Politica: … il bene della gente! Comprendo Pannella, scomodo profeta ancora una volta: precipizio e melma!

  5. # fernanda

    Incoerenza doppia, non solo non hanno mantenuto la promessa iniziale con il reparto delle cure palliative, hanno deciso poi 250 persone sulle 1900 aderenti, anche questo dato fa tremare i polsi su cosa siamo capaci di fare o di essere noi livornesi.

  6. # Elisabetta Bini

    Ma ancora alleanze con i partiti??? Con Sel dopo tutto quello che ha combinato? Mi spiace ma non siete il nuovo che avanza! I partiti devono finire.

  7. # Mamma livornese 75

    Siete solo l’ennesima lista civetta, servite solo a portare i voti al PD di persone che l’hanno votato alle scorse elezioni ma che non lo voterebbero alle prossime, quindi voterebbero voi pensando ad un’alternativa, invece voi vi alleate col PD quindi in pratica siete il PD. Il M5S fa paura eh?

  8. # Stefano

    che delusione….!

  9. # Cittadino

    L’articolo omette, spero in buona fede, la questione del versamento dei soldi alle cure palliative. Per fare chiarezza ed evitare inutili discorsi da bar: come comunicato di fronte all’assemblea, una prima tranche di soldi è già stata versata nei giorni scorsi, mentre il secondo pagamento avverrà i primi di marzo, quando anche gli ultimi associati avranno versato la quota di 10€. Potete chiamare direttamente le cure palliative per avere conferma.

  10. # Cittadino

    Legga pure il commento sovrastante, in risposta all’utente pablo.

  11. # Cittadino

    Lei parla di incoerenza doppia, ma lo fa a sproposito o per malafede.
    Sulla prima questione, quella dei soldi alle cure palliative, la invito a leggere il commento di risposta all’utente pablo.
    Per quanto riguarda l’assemblea: questa era aperta a tutti gli associati. Tramite email tutti gli associati erano stati informati riguardo a ora, luogo, data e ordine del giorno. In 250 hanno deciso di partecipare attivamente esercitando il loro diritto di voto. Tra questi c’erano anche molti volti nuovi, aderenti degli ultimi giorni, che presenziavano per la prima volta consapevoli dell’importanza dell’assemblea.
    Gli altri, ad esclusione di coloro che non potevano essere presenti per cause di forza maggiore, hanno deciso di non venire a esprimere il loro diritto di voto. Nessuno ha protestato circa le scelte fatte.
    Per questo, eviti gentilmente di pontificare su questioni circa le quali non dimostra conoscenza alcuna, in segno di rispetto. Rispetto che lei stessa avrebbe il diritto di pretendere, se altri dicessero cose senza fondamento sul suo conto.

  12. # Cittadino

    Se ha il tempo di leggere, le ho risposto sotto.

I commenti sono chiusi.