Lavoro nero: chiusi ristorante e panificio

Mediagallery

Un noto ristorante a Montenero e un panificio a due passi dal lungomare di Livorno (specifichiamo che non sono stati resi noti i nomi dell’attività da parte delle forze dell’ordine). Entrambi, secondo le ispezioni dei carabinieri, responsabili di aver fatto lavorare dei dipendenti al nero e per questo sanzionati con multa e sospensione dell’attività. Negli ultimi giorni i carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Livorno infatti hanno dato luogo ad un capillare servizio di controllo di esercizi commerciali per contrastare soprattutto le violazioni in materia di tutela e sicurezza sui luoghi di lavoro e delle tipologie di reati connessi, come l’impiego di lavoratori in nero.
I controlli si sono concentrati su decine di esercizi pubblici, aziende commerciali e aziende agricole attive sul territorio di Livorno.
Al termine delle verifiche e degli accessi ispettivi i militari hanno individuato 6 lavoratori impiegati in nero. In particolare, all’interno di un panificio livornese (in zona viale Italia) i lavoratori non in regola erano tre, tutti italiani, per i quali il proprietario dell’esercizio commerciale non è stato in grado di documentare la loro regolare occupazione. Stessa sorte è toccata ad un ristorante a Montenero; anche in questo caso i carabinieri del Nucleo Ispettorato hanno sorpreso altri tre lavoratori, due dei quali extracomunitari, assunti in nero. Per i due proprietari degli esercizi commerciali verrà applicato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale con conseguente applicazione di 6 maxisanzioni  (circa 4.000 €., per ogni lavoratore in nero trovato). Il gestore del panificio, tra l’altro, già nel marzo del 2013 era stato sorpreso ad impiegare 1 lavoratore in nero, ed anche in quel caso era stata applicata nei suoi confronti la sospensione dell’attività lavorativa.
Le attività, di concerto anche con il personale della Direzione Territoriale del Lavoro e del Comando Provinciale Carabinieri di Livorno, continueranno costantemente per contrastare il fenomeno in questione che comporta conseguenze negative per il tessuto socio-economico della Provincia nonché dirette ripercussioni dannose sui profili previdenziali e di sicurezza di ogni singolo lavoratore.

Riproduzione riservata ©

0 commenti

 
  1. # cittadino

    Per favore basta con questi controlli…. .altrimenti dove andiamo a cena o a mangiare una pizza ? non troveremo più un ristorante…mica possiamo andare roma o napoli….ecc.

  2. # giova

    Fate lavorare la gente, altrimenti non riesce a pagare ne la multa e ne l’operaio…

  3. # LARA

    CERTOOO… PERCHè IL PROBLEMA PRINCIPALE NELLA NOSTRA CITTà SONO LE PERSONE CHE LAVORANO IN NERO… NON ANDATE NO IN PIAZZA DELLA REPUBBLICA LA SERA CHE C’è DA AVERE PAURA AD USCIRE DI CASA… NOOO ANDATE A ROMPERE LE PALLE ALLA GENTE CHE LAVORA E CHE CERCA DI ANDARE AVANTI NONOSTANTE QUESTO STATO CERCHI SEMPRE PIU’ DI AFFOSSARLI.
    SIETE BUONI SOLO A FARE LE MULTE E A METTERVI DIETRO LE CURVE A ROMPERE ALLA GENTE CHE VA A LAVORO E FARGLI FAR TARDI PER UN CONTROLLO DOCUMENTI.
    FATE QUALCHE GIRO DI SERA IN PIAZZA MAZZINI, VEDRAI VI PASSANO LE RUZZE. CHE TRISTEZZA. VA TUTTO ALLA ROVESCIA!

  4. # xxxpizzERR

    fate paga meno tasse! e comunque non e giusto lavorare in nero.. ad esempio io in un altra pizzeria 40 euro dalle 4 e mezza del pomeriggio alle 2 di notte… e se ti fai male cavoli tua… c’e bisogno di regole punto e basta. giuste le multe.

  5. # Gallo73

    Se lo stato non mette le piccole aziende in condizione di poter assumere (oggi, visti i costi clamorosamente alti e la crisi che continua ad incombere, assumere regolarmente è pressochè impossibile)….. è inutile che continuiate a fare controlli e a far chiudere le attività che cercano di sbarcare il lunario. La mia riflessione ovviamente si rivolge a tutte le piccole aziende gestite da persone normali, spesso addirittura aziende a gestione familiare (non mafiosi o sfruttatori). In questo particolare momento storico, forse occorrerebbe un po’ di buon senso!

  6. # LEO 2

    si è giusto sanzionare
    ma se metti un dipendente in regola HO AUMENTI I PREZZI e non vendi più
    o chiudi attività cosi quei lavoratori non guadagnano più

  7. # romy75

    I ristoranti riescono a mala pena a restare aperti figuriamoci ad assumere regolarmente il personale. I controlli andati a fare a chi danneggia l’Italia per davvero

  8. # Livornese

    è in senso ironico vero?

  9. # PIO

    Meritori controlli, che devono essere fatti a tappeto contro internet point, money transfert che sono vere centrali di riciclaggio di denaro sporco

  10. # Mic

    Ma siete tutti fuori di testa, il lavoro in nero non deve essere un pretesto per fare finta che il datore non abbia i soldi per regolarizzare i suoi dipendenti! Semplicemente usano le persone per avere maggiore profitto

  11. # "scorpione "

    La legge va’ rigorosamente rispettata da tutti ,chi viene colto sa a cosa va incontro.

  12. # humdrum

    Vediamo se ho capito, come ragionano gli italiani medi, se un immigrato vende merce sulle spiagge in nero è da condannare, se un italiano non è in regola con il fisco invece è tutto normale, anzi bisogna pure capirli.
    Vi ricordo che grazie a persone come questi che ogni anno in Italia si evadono tasse per oltre 100 miliardi di euro.
    Vi rendete conto quante cose si possono fare con 100 miliardi? Vediamo un po’, si possono costruite centinaia di migliaia di posti nuovi in carcere, aumentare la polizia in strada, in questi modo da rendere le strade più sicure e infine dare un reddito di cittadinanza a tutti gli italiani e non.
    Però per l’italiano medio non ci sono scuse, la colpa è sempre dello straniero.

  13. # humdrum

    E chi sarebbero questi? per piacere non dire gli stranieri! Ti ricordi che in italia ci sono ben 5 associazioni criminali, evasione da capogiro e corruzione a livelli della Nigeria. Tutto questo a opera di Italiani.

  14. # marco

    cioè ve ne rendete conto delle cavolate che scrivete??? ora difendete anche quelli che assumono in nero e i ristoranti che non fanno ricevute???? Vi meritate questa Italia.

  15. # invidioso

    Avanti così e non lamentiamoci

  16. # Francesca

    tutti quelli che non hanno pagato le tasse (anche sui lavoratori) sono quelli che hanno fatto in modo di far pagare più tasse a tutti per sopperire ai loro furti, è grazie a loro se ora gli esercenti sono costretti ad avere il pos.. ma guarda un po’ oltre il tuo naso!

  17. # Passante professionista

    Chi assume al nero va contro la legge per avidità di denaro punto e basta! Poi I lavoratori al nero spesso sono dopolavoristi che tolgono posto ai disoccupati e magari si ritengono anche “compagni” , poi ci sono gli stranieri che pur di lavorare accettano condizioni disumane e alterano il mercato del lavoro……… il tutto va a vantaggio di pochi disonesti e a danno di chi tira la cinghia e paga le tasse!!!!!!! Grazie all’Arma, continuate così perchè queste schifezze devono finire.

  18. # cri

    concordo in pieno. il lavoratore in nero è quello che poi risulta disoccupato, quindi usufruisce di sussidi, esenzioni, e agevolazioni di vario titolo. Il datore di lavoro non assume , oltre che per il costo del dipendente, anche perchè altrimenti non può dire che non ha lavoro, quindi è un tornaconto per tutti… a discapito di chi paga per tutti!!
    E di questo gli italiani sono veramente STUFI!!!

  19. # Malizioso Troll

    Già, come se a Roma o a Napoli (o a Milano) non ci fossero lavoratori in nero.

  20. # Marco Sisi

    Quoto. Negli altri paesi i problemi legati a evasione fiscale e contributiva, nonché all’immigrazione, sono minori perché lo Stato funziona meglio. Aspetto con curiosità l’arrivo del 2015 e dei famosi 730 precompilati, perché ci sarà da ridere.

  21. # Tazio

    Io vedo un accanimento terapeutico nei confronti del Piccolo cittadino piccolo imprenditore. Abbiamo un grado di corruzione superiore a quello del Ruanda e uno spreco delle risorse ormai intollerabile. Un panificio e una pizzeria sono attività che servono a sbarcare il lunario non credo che il venerdì trasportino nei bauli delle loro auto migliaia di euro in svizzera. I carabinieri hanno fatto il loro ma dobbiamo renderci conto che così non possiamo andare avanti. Te che guardi più lontano del tuo naso guarda ora nelle tasche di quei lavoratori in nero che da stasera sono a casa.

  22. # piegigi

    Andate a controllare allora tutti magari vicino al porto

  23. # Fides

    Avanti così! La legge è uguale per tutti e deve essere rispettata da tutti. I primi a creare diseguaglianza tra cittadini sono questi soggetti che si ritengono superiori allo Stato e cercano di truffarlo dalla mattina alla sera, in barba a chi onestamente rispetta le regole. Coloro che protestano hanno la coscienza sporca a loro volta! La politica è lo specchio della società, soltanto se cambia la mentalità dei cittadini cambierà anche tutto il resto.

  24. # Valentina

    Marco sai su chi ricadrà il casino dei 730 precompilati? Su commercialisti e sui c.a.f… e la gente pretenderà pure di avere le correzioni gratis, perché la normativa dice che i 730 precompilati non vanno fatti pagare, ma tu che li trasmetti sei obbligato a controllarli!

  25. # Taras

    Oh e non venite mai a farli i controlli nelle multinazionali del mondo dei corrieri siamo assunti a 4 ore se ne lavora 12 perché da noi non venite mai ?? Esigo risposte

  26. # DON CHISCIOTTE

    Il lavoro a nero e’ perseguibile dalla legge perche’ non pagano le tasse punto. Io lavoro in’azienda statale e le tasse me le trattengono sulla busta paga, domanda:
    IONOI, SIAMO PIU’ SCEMI DEGLI ALTRI A PAGARE LE TASSE? IL LETTORE CHE GIUSTIFICA IL TITOLARE DI QUEST’ESERCIZIO E’ LO STESSO CHE SE NE FREGA SE NON TI RILASCIANO UNO SCONTRINO O SBAGLIO??????? CAPITO PERCHE’ SI VA MALE? PERCHE’ C’E’ UNA MAREA DI EVASORI FISCALI, VERGOGNATEVI!!!!

  27. # sirvia

    quoto

  28. # labronico

    ma i negozi e le attività commerciali dei cinesi li controllano? a me sembra di no, davanti casa mia c’è un “parruchiere” si “parruchiere” perchè a livorno si permette di fare insegne scritte con errori di ortografia evidentissimi, ed ogni giorno ci lavorano a turno almeno 10 ragazzi ………. ma come fanno ad averli assicurati tutti, forse hanno degli sconti sui contributi perchè sono extracomunitari? del resto l’insegna ed i vari cartelloni esposti fuori da negozio dicono tutto, a me per un cartello pubblicitario da esporre fuori dal negozio hanno imposto, le misure, il colore ed anche ciò che dovevo scrivere, ma le regole sono solo per gli italiani gli altri fanno come gli pare e nessuno controlla?

  29. # bimbone

    QUAL E’ IL PROBLEMA?? GIUSTO I CONTROLLI…E GIUSTE LE MULTE….!!!
    CHI SI LAMENTA DI QUESTO EVIDENTEMENTE NON GUARDA LA BUSTA PAGA…..E TUTTE LE TASSE CHE DIMEZZANO UNA MISERIA MENSILE!!!!

  30. # lorenzo65

    A Prato (chinatown) i cinesi non sanno nemmeno cos’è il fisco italiano e ogni anno mandano in Cina 18 miliardi di euro di profitti esentasse e lontano da territorio italiano. Altro che ricchezza e risorse per l’Italia. E noi si multano i piccoli commercianti ahahahah

  31. # roberto1

    Labronico, secondo me i Cinesi son molto più in regola di “noialtri”, poichè sanno molto ma molto bene che son sotto l’occhio dei riflettori.

  32. # patrizia

    hai pienamente ragione. le persone che lavorano devono avere i loro diritti non essere sfruttate.

  33. # SPQL

    Brava Lara! Qualche altro luogo comune??? Dettale tu le regole della civile convivenza, ma prima… se hai tempo…rifletti!

  34. # Tazio

    Rispetto a te io pago il 10% in più di INPS, il 4% di irap, l’iscrizione alla camera di commercio, la tarsu aziendale, se assumo una persona ogni mille che gli do se ne vanno via 3000. Per ogni 100 euro pulite che mi entrano 70 vanno a uno stato esoso. Non conosco il sistema di evadere le tasse ma se lo trovassi eccome se lo farei

  35. # Bobone

    oh, ma lo sa che hai ragione!

  36. # Bobone

    E invece i soldi che mandano via gli spacciatori, i ladri e le prostitute…..
    Comunque sono d’accordo, il vero problema dell’Italia e’ l’evasione fiscale, i commercianti sono la rovina dell’Italia! Andate tutti all’ipercoppe, li fanno sempre lo scontrino e non ci sono lavoratori al nero!
    Per me i piccoli negozi devono chiudere tutti, ma guarda proprio tutti, voglio solo la coppe!

  37. # AnToNiO

    Complimenti…speriamo tu chiuda perché da come parli non ti meriti nulla

  38. # dave

    il problema non è piazza della repubblica ..ma la miseria ..vedrai si stesse tutti bene ci importerebbe una s… di piazza della repubblica ..son questi i problemi vai … no i mutui troppo alti egli affitti troppo alti . EQUO CANONE!! e rivoluzione del mercato immobiliare.

  39. # dave

    in merito ai cinesi .. il governo cinese elargisce grosse somme di denaro – non a tutti, ci vogliono i requisiti – per aprire attività in italia, i soldi vengono restituiti al governo cinese dopo 10 anni e con solo l’1% per cento di interessi . E’ un grande paese , non c’è che dire . le banche che finanziano i propri cittadini a tassi ridicoli e con condizioni veramente vantaggiose, magari lo facesse il governo italiano .
    I cinesi sono circa 40 anni che producono di tutto … e stiamo vedendo i risultati .. la produzione industriale in italia è finita e da anni. non è assolutamente vero che nessun cinese paga le tasse, evadono come noi umani .

  40. # ema

    A me non sembra di vedere tutto questo accanimento sui venditori in nero “stranieri”,basta andare sul mare e vedere che stendono teli e vendono i loro prodotti contraffatti indisturbati…

  41. # Beppone

    le denunce che in quell’esercizio vi lavorano in nero, spesso sono fatte dagli esercizi avversari….del resto il lavoro nero non è ammissibile, perchè da una parte il lavoratore è sfruttato, dall’altra il padrone, ci guadagna, non pagando i contributi e sopratutto le tasse…per quanto con la crisi..chi può si arrangia, bene.in questa maniera non assumono, i disoccupati rimangono anzi aumentano e magari chi lavora in nero, è un cassa integrato o disoccupato che prende un assegno pagato dall’Inps…

  42. # Dario

    Condivido la tua rabbia, c’è da dire però che fino a quando si accetteranno lavori a nero ci sarà sempre e solo questo tipo di offerta. Quando i datori non avranno nessuno che accetta lavori a nero saranno costretti a regolarizzare. Per cui, giusto lamentarsi ma fino ad un certo punto, la colpa è soprattutto di chi accetta queste condizioni. Ma non dite che siete costretti ad accettare, perchè anche la prostituzione funziona allo stesso modo, è la regola della domanda e dell’offerta.

  43. # Jacopino

    Chi frega lo Stato frega me. Quindi i controlli vanno intensificati e bene fanno a far chiudere chi non è in regola. Poi, se in Piazza della Repubblica o altrove c’è chi non rispetta la legge, è un’altra storia che va chiusa mettendo in galera chi trasgredisce.

  44. # cheetah

    L’Italia è un paese allo sfascio anche in parte per colpa di chi giustifica il lavoro nero. Vergogna !

  45. # silvia

    Oh, meno male qualcuno dice le cose come stanno. Le varie leggi biagi e sull’ apprendistato penalizzano a sufficienza i lavoratori dipendenti che fino a età avanzate non hanno certezza di lavoro, non possono accedere a prestiti e mutui. Chi fa lavorare la gente al nero evade le tasse e schiavizza i lavoratori togliendogli ogni dignità.E qui c’ è chi li difende, ” poverini” o fa del basso qualunquismo.

  46. # silvia

    Mah, ora che torni comodo al lavoratore, di essere tenuto al nero… A quei pochi che hanno un doppio lavoro, o a chi è in cassa integrazione, forse. Ma non tutti i lavoratori al nero hanno altre entrate. Anzi, il più delle volte sopravvivono a stento con questi lavoretti. E guai a lamentarsi o ammalarsi.

  47. # luca

    te sei una di quelle,che invece se dietro l’angolo con il telefonino a filmare i poveri e malcapitati che cercano di far rispettare la legge….

  48. # Givo

    Tra vaucher e contratti a chiamata bisogna essere bravi a farsi beccare coi lavoratori in nero.

  49. # Rick

    Per quanto sia d’accordo sul fatto che TUTTI debbano essere in regola, ti invito a riflettere per CHI dovremmo costruire nuove carceri ed intensificare le forze di polizia, oggi giorno su 10 reati 8 sono compiuti da immigrati.. Droga, prostituzione, furti, ricettazione sono soltanto una piccola parte dei reati che si macchiano ogni giorno la crema degli immigrati “accolti” in Italia. Se lo facessero a casa loro altro che una pacca sulla spalla con l’invito a non farlo piu. Definiscimi pure razzista, io invece mi definisco soltanto realista!

  50. # Rick

    Spero tu lo stia dicendo in senso ironico, giacche a Livorno se fai chiudere pure il commercio e con tutti i supermercati che ci sono, danno una mano in questo, a parte la pubblica amministrazione non ci sono altre fonti di occupazione con il fatto che le imprese sono tutte chiuse o quasi.

  51. # giova

    Caro Rick se gli italiani comprassero meno droga ci sarebbe meno stranieri a venderla. Se gli italiani andassero meno a prostitute vedrai ci sarebbero meno prostitute per strada, se gli italiani quelli agiati pagassero regolarmente le tasse ci sarebbe la possibilità di pagarle anche gli poveracci come me(quelli che fermano al confine con borse pieno di euro non sono dei poveracci panettieri), se le tasse fossero più giuste nessuno prenderebbe il rischio di tenere un collaboratore in nero. Per quanto riguarda le pacche sulle spalle in Francia, Svizzera o in America lo si rispetta la legge da tutti e in primis dai cittadini e dai politici…

  52. # giova

    Fino a ieri avevi un ministro di economia che pagava 8000,00€ d’affitto in nero…ma come ragionate….

  53. # Libero Cittadino

    Chi prende lavoratori in nero e sfrutta merita di fare questa fine.. conosco quel Panificio abito là vicino e voi cosa avete da commentare?????? date pure ragione, prima verificate le situazioni e se non conoscete le persone vi invito a non commentare,
    chi strutta merita di chiudere..

    libero cittadino

  54. # Libero Cittadino

    leggi il mio ultimo post!!!!! pensi alla pizza. chi sfrutta in nero merita di chiudere…

  55. # Dani

    Bravo tazio condivido pienamente.