Monsignor Giusti telefona da Rio: “Ecco perché mi trovo qui alla Giornata Mondiale della Gioventù”

Mediagallery

di ROBERTO OLIVATO

Dopo la partenza del Vescovo alla volta del Brasile, alcuni parrocchiani avevano mosso critiche circa la sua presenza in terra brasiliana “è stato l’unico della Toscana a partire per Rio e non si capisce il perché “si vociferava nell’ambiente. Dalle notizie che giungono da Rio si comprende però il perché di Monsignor Giusti in quella città, che dimostra anche il riconoscimento delle capacità del nostro vescovo, da parte del Vaticano.

La presenza del vescovo Simone Giusti a Rio non si limita alla partecipazione dei festeggiamenti della GMG, ma egli è in Brasile in quanto è stato incaricato dal Pontificio Consiglio per Laici, ad occuparsi di eco sostenibilità e di ambiente, questo è quanto riportato dal sito della Diocesi livornese che precisa :  “Sulle indicazioni di Papa Francesco, la Chiesa deve farsi più attenta ai problemi dell’ambiente, per questo nei giorni scorsi a Rio è stato redatto un Manifesto ecologico dei giovani della GMG per lo sviluppo sostenibile. Il vescovo Giusti ha partecipato al convegno internazionale organizzato dall’università Cattolica di Rio al quale hanno partecipato il ministro Clini, l’Arcivescovo di Rio Mons. Tempesta e le autorità del governo brasiliano”.

Ma ancora più chiarificatrice la telefonata che il vescovo ha fatto alla redazione del periodico La Settimana “L’intenzione è quella di far nascere un movimento dal basso per sensibilizzare a questi problemi. Troppe volte accordi ai grandi livelli come quello di Kyoto non hanno funzionato, per questo è importante mobilitare le persone ad occuparsi della custodia del creato, guidate dall’impegno della Chiesa. “La telefonata è terminata con un messaggio tranquillizzante ai famigliari dei ragazzi livornesi presenti a Rio confermando:  “Stanno tutti bene, alloggiano a pochi chilometri dal centro di Rio in un appartamento tutti insieme. Oggi li rivedrò alla celebrazione eucaristica”.

 

Roberto Olivato

 

Riproduzione riservata ©