Tassa sui rifiuti (Tari): ecco la prima rata

Mediagallery

L’Amministrazione Comunale ed Aamps Spa comunicano che si sono concluse le attività di recapito degli avvisi di pagamento precompilati (modulo F24) per il versamento della Tari 2014, la tassa sui rifiuti che ha sostituito la Tares.
La scadenza della prima rata è fissata al 31 luglio; la seconda e la terza rata, rispettivamente, al 16 settembre e 16 novembre.
E’ possibile, comunque, procedere al versamento in unica soluzione entro il 31 luglio.
Il pagamento può essere effettuato presso gli uffici postali e agli sportelli bancari.
L’avviso di pagamento, in caso di mancato recapito, può essere ritirato presso gli Uffici Tares/Tari, in Via Marradi 118 (sede dell’Ufficio Entrate del Comune di Livorno), dove è anche possibile richiedere ogni chiarimento in merito alla propria posizione relativa alla tassa sui rifiuti.
Per offrire un miglior servizio ai contribuenti, in occasione della scadenza della prima rata del tributo, nei mesi di luglio ed agosto sarà ampliato l’orario di apertura al pubblico degli Uffici Tares/Tari:
– Luglio: lunedì, mercoledì e venerdì : ore 8,00 – 13,00; martedì e giovedì: ore 14,30-17,00;
– Agosto: lunedì, mercoledì e venerdì : ore 8,00 – 13,00; pomeriggio chiuso.
Dal primo di settembre gli Uffici Tares/Tari torneranno al normale orario di apertura al pubblico: lunedì e venerdì: ore 9-13; martedì e giovedì ore 15,30-17,30; mercoledì chiuso.

Il “ravvedimento operoso”. Si ricorda che il versamento oltre le date indicate può essere regolarizzato attraverso il cosiddetto “Ravvedimento operoso”, versando unitamente al tributo una sanzione pari al 0,2% del dovuto per ogni giorno di ritardo fino al quattordicesimo; se il ritardo è compreso tra il quindicesimo giorno ed il trentesimo dalla scadenza la sanzione è pari al 3% del tributo.
Le modalità di calcolo del “ravvedimento operoso” sono pubblicate nel sito www.comune.livorno.it, link a “tributi”, poi a “Tares-Tari”, infine a “Ravvedimento operoso”.

Riproduzione riservata ©

0 commenti

 
  1. # Augusto

    Che colpo di fortuna ! Ieri mi e’ arrivata anche la tassa delle colline livornesi, devo dire la verita’, ne sentivo veramente il bisogno. A proposito, qualcuno sa dirmi se quando spariranno le province sparira’ anche questo balzello ?

  2. # livorsi

    Ma l’assessore al bilancio ce l’abbiamo ? perché questi soldi glieli volevo dare in mano di persona.

  3. # AnToNiO

    Per favore livornesi…fatemi un favore…almeno stavolta non vi lamentate della Tari che è troppo alta,perché per l’ennesima volta avete voltato il piccolo Berlusconi (Renzi) che vi (e ripeto vi) ha abbindolato con gli 80€…Mi verrebbe quasi da dire ben ci/vi sta!!!

  4. # l'onesto curioso

    portali a Cosimi

  5. # Gino Rossi

    Da una parte ci sono meno imprese e quindi meno contribuenti, dall’altra ci sono le municipalizzate stracariche di dipendenti e dirigenti che costano uno stonfo. La Tasi è stata meno pesante, ma solamente perché è arrivata sotto elezioni.

  6. # maiconrenzi

    …già. Peccato che per colpa degli “abbindolati” il Paese sia in mano all’ennesimo Padrone.

  7. # valerio

    L’ammenda era il 30% della cifra da pagare a partire dal giorno successivo. Grazie alla vecchia amministrazione. È stato fatto presente ed è stato modificato allineando alle altre sanzioni. Diciamocela tutta

  8. # papesatan

    Sarà anche poco da pagare per le colline; ma come vengono utilizzati i nostri vaini?

  9. # papesatan

    La TASI meno pesante? Con cosa l’hai correlata? Non ci sono detrazioni neanche per i figli a carico…

  10. # Karl

    Anche la caserma okkupata.. paga o siamo noi che paghiamo per loro mettete il loro bollettino online. Pure loro producono spazzatura. Oltre che a chiacchiere

  11. # Riccardo F.

    Ecco il sito: http://www.collinelivornesi.it/sito/
    Come puoi vedere dall’organigramma ci sono 14 Dirigenti/Impiegati e 11 Operai. No comment…