Raccolta porta a porta in Venezia entro l’anno, l’esperto nazionale Raphael Rossi aiuterà Aamps nelle strategie

Mediagallery

Continua l’impegno del Comune di Livorno e di Aamps Spa nell’allargamento dei servizi di raccolta differenziata porta a porta nel territorio comunale, andando ad interessare, in primis entro la fine dell’anno, il rione de “La Venezia” per poi andare ad estendersi nel 2014 anche in altre zone. Ciò in linea con quanto approvato dal consiglio comunale la scorsa primavera per il progressivo aumento delle percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, oggi al di sopra del 43%. Da quella delibera è nato il progetto di raccolta “porta a porta” che ha registrato l’assenso dell’Ato Toscana Costa con il relativo finanziamento ad Aamps di oltre 1 milione di euro, che saranno destinati all’acquisto dei mezzi e delle attrezzature necessarie al servizio.

Aamps Spa si sta confrontando anche con esperienze già avviate con successo in altre città di dimensioni analoghe, quale ad esempio Parma dove, in qualità di presidente di Iren Emilia Spa, sta operando Raphael Rossi, esperto di caratura nazionale nella raccolta differenziata. Proprio con Rossi l’amministrazione comunale ed Aamps stanno valutando la definizione di un rapporto di collaborazione per i prossimi mesi, così da fornire un valore aggiunto in termini di conoscenze ed esperienze nel settore. Tutto questo in funzione del raggiungimento degli obiettivi ambientali prefissati dalla Regione Toscana in materia di raccolta differenziata e riciclo dei materiali.

 

 

 

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # dez

    tonfa un altro mega stipendio per una cosa che basterebbe “copiare” da altre citta …. mah

  2. # mario tellini

    E per gli extracomunitari che abbandonano tutto in ogni dove, cosa si pensa di fare? Come al solito ci si dannerà l’anima per taglieggiare il solito italiano che bene o male aveva già un comportamento abbastanza corretto! Come al solito Forti con i deboli e deboli con forti e qui chiaramente i forti son tutti coloro che niente han da perdere!

  3. # bruno

    perchè bisogna sempre estremizzare, basterebbe che facessero la raccolta porta a porta ai locali notturni e ristoranti che sono i primi che riempiono i cassonetti di tutto ed in maniera indifferenziata.(vedere per credere !!)

  4. # luca

    Equanto ci costa questo Raphael Rossi? l’ amministrazione non è neanche capace di raccogliere un po’ di spazzatura senza pagare consulenze (d’ oro?) esterne?

  5. # grillino

    http://www.signorirossi.it/chi-e-raphael-rossi/

    sono contento, Rossi sta lavorando bene con Pizzarotti a Parma ed è stato bravissimo anche a Napoli con Luigi De Magistris….finalmente è arrivato anche a Livorno: NO al mega inceneritore sì ai rifiuti-zero

  6. # Dzajic

    Boia che crani siamo a Livorno , prima si chiama il coroner per l’autopsia ,poi il Dottore. Un si poteva far venire prima questo Signore ? Magari si poteva anche ascoltare quel Signor che ha vinto i premi in USA in materia di rifiuti, invece di fare gli struzzi con la testa. comunque spero di smentirmi , ma finirà a tarallucci e vino come sempre e ci terremo la monnezza, metteremo i bastoni tra le ruote al Dr Rossi e faremo il mega-inceneritore che piace al PD, perché tanto non c’era altro da fare.

I commenti sono chiusi.