Porta a porta, mercoledì assemblea pubblica sul servizio Aamps

Segnalazioni a info@aamps.livorno.it), facebook e twitter (“Aamps Livorno”), oppure numero verde 800-031.266

Mediagallery

In Venezia si è passati dal 30% al 90,4% andando ampiamente oltre l’obiettivo preventivato dell’80%. Analoghe percentuali si punta a raggiungerle anche nelle aree “Porta a Terra-Padula” e “Firenze-Enriques” con il completamento di via Provinciale Pisana.
L’estensione del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti con modalità “porta a porta” prosegue spedita. L’assessorato all’Ambiente del Comune di Livorno ed Aamps hanno già annunciato che il 28 aprile altri 3.200 cittadini saranno interessati dal nuovo servizio. Con il progressivo allargamento a Salviano-Cimarosa, Coteto, Colline, Magrignano-Costanza, entro febbraio 2015 saranno circa 23.000 i livornesi impegnati con la nuova modalità di raccolta dei materiali. In pochi mesi si vuole arrivare al 50% di raccolta differenziata, avvicinandosi così alle soglie indicate dall’Unione Europea (65%) e dalla Regione Toscana (70%) da cogliere entro il 2020.
Per il successo dell’iniziativa ancora una volta sarà determinante il sostegno e la collaborazione degli abitanti delle zone coinvolte. Per questo il confronto con il Comune e l’azienda diventa indispensabile per fornire spiegazioni e raccogliere suggerimenti anche in vista di un eventuale affinamento del servizio. In quest’ottica il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 12 marzo, alle ore 21.00, in via Menasci 4 nei locali della Circoscrizione 4. All’Assemblea Pubblica saranno presenti l’assessore all’ambiente del Comune di Livorno Massimo Gulì, il Presidente della Circoscrizione 4 Federico Pini e l’Amministratore Unico di A.Am.P.S. SpA Enzo Chioini che esporranno nel dettaglio le novità programmate.
Le segnalazioni o richieste di informazioni possono sempre essere inviate per posta elettronica (info@aamps.livorno.it), dal sito aziendale (www.aamps.livorno.it), con le nuove pagine facebook e twitter (“Aamps Livorno”), oppure telefonando al numero verde 800-031.266.

 

Riproduzione riservata ©