Apre il parco “Ceschina”. I lavori previsti. Sarà intitolato a Mandela

I lavori, 95 mila euro, dureranno 180 giorni. Si tratta di 35 mila metri quadrati tra via dei Pensieri e viale Italia con più di 250 alberi secolari di alto fusto

Mediagallery

La Giunta comunale ha approvato, nella seduta del 10 dicembre, il progetto definitivo relativo al primo lotto di lavori per la riqualificazione del parco della Ceschina, con una spesa prevista di 95 mila euro. Come ha spiegato l’assessore al Patrimonio Paola Bernardo, l’intervento, nel suo complesso, è teso a rendere fruibile alla cittadinanza la grande area a verde che si affaccia sul lungomare: si tratta di una superficie di circa 35 mila metri quadrati che si estende tra via dei Pensieri e viale Italia, all’interno della quale sono presenti più di 250 alberi secolari di alto fusto. Il parco, adiacente a quello di Villa Letizia, entrò a far parte del patrimonio comunale nel 1998. Il progetto approvato prevede il recupero dell’area a verde degradata mediante l’eliminazione della vegetazione infestante e la potatura e messa in sicurezza degli alberi. Saranno anche ripristinati i vialetti interni. Terminati i lavori, per rendere il parco disponibile ai cittadini saranno installati piccoli arredi quali panchine e cestini portarifiuti.
Dopo l’espletamento delle procedure di gara, l’inizio dei lavori è previsto per i primi mesi dell’anno; l’intervento durerà 180 giorni. La Giunta ha deciso di inserire nel bando di gara una clausola sociale che prevede l’obbligo da parte di chi si aggiudicherà l’appalto di assumere, per la durata dei lavori, 4 dipendenti della Labronica Corse Cavalli. La Giunta ha altresì apprezzato la proposta dell’assessore alle Culture Mario Tredici di intitolare il parco a Nelson Mandela, il leader sudafricano scomparso nei giorni scorsi.

 

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # alla frutta

    La cosa è positiva in primis per dare un lavoro ai dipendenti della Labronica corse cavalli che dal 1 gennaio sono a casa senza un reddito. poi per intitolare al grande Madiba un parco cittadino. Si vede che a giugno ci sono le elezioni… ora si muovono tutti a favore di tutti. ma ormai i danni che avete fatto in questo Vostro governare la nostra città restano indelebili nelle menti di tutti e non possono essere risolti con queste uscite, anche se di spessore ottimo.

  2. # il critico

    Pensino a salvare l’ippodromo che è in abbandono

  3. # bruno tamburini

    mi auguro che non ci sia piu’ alcuno che creda ancora a babbo Natale. cancellati venti dipendenti. bastava affidare a loro la gestione dell’ippodromo, come dagli stessi richiesto e predisporre un progetto per la valorizzazione dell’area. Evidentemente il disegno e’ un altro

  4. # asciugati

    boia dè poveri alberi ! s’erano salvati fino ad ora perchè abbandonati. se parte la potatura alla “livornese” lo vedi che steccoli di verde fanno dello storico parco della Ceschina. a Livorno quando si pota si segano anche i sassi !

  5. # nicola

    Si!!! Spianare tutto e costruirci delle belle villette a schiera…..ovviamente per chi può permetterselo!

  6. # Alessandro

    Mi sa che qualcuno si è dimenticato del parchino in Via del Vigna….

  7. # gabriele

    che amarezza!

  8. # gabriele

    e pensare che quegli sciagurati di dipendenti avevano proposto nel loro progetto di riqualificazione dell’area un orto botanico con le specie endemiche del luogo…. poveretti, pensavano di poter dare un contributo e di poter fare qualcosa per il loro posto di lavoro e per la loro città…. evidentemente ciò che possono fare è mettersi da parte ed accettare passivamente il licenziamento collettivo già in atto e non pensare.

  9. # Mah

    Perché non farci una coop?? tanto ormai…….

  10. # simome

    non è vero dell’assunzione dei 4 ex del caprilli,loro sono stati inglobati da aamps a scapito di altri 4 lavoratori

I commenti sono chiusi.