Al via in Venezia la consegna dei “bidoncini” per la differenziata

Per segnalazioni telefonare al numero verde 800-031.266, oppure aamps@aamps.livorno.it, la nuova pagina facebook (“Aamps Livorno”) e www.aamps.livorno.it

Mediagallery

Mentre prosegue fino al 16 novembre il “tour informativo” dei comunicatori di Aamps nel rione “La Venezia” per la consegna delle istruzioni d’uso per fare correttamente la raccolta differenziata nelle case, da oggi giovedì 7 novembre, con inizio alle ore 9.00, comincerà con lo stesso itinerario anche la consegna dei bidoncini per la carta-cartone, il vetro, l’organico e il materiale non differenziabile, insieme ai sacchetti per la plastica-metallo-tetra pack, per favorire la raccolta porta a porta dei rifiuti che sarà avviata il 2 dicembre. Si tratta di contenitori sovrapponibili (per occupare meno spazio nelle abitazioni e facilitarne la collocazione) il cui colore del coperchio sarà riconducibile alle diverse tipologie di rifiuti di cui disfarsi: marrone per l’organico, bianco per la carta-cartone, verde per il vetro, giallo per la plastica, metallo e tetra pack, grigio per l’indifferenziabile.
Si ricorda che fino al 15 dicembre sarà disponibile un punto informativo presso la Circoscrizione 2 sugli Scali Finocchietti. Per chi fosse risultato assente, il mercoledì e il venerdì dalle 17.00 alle 19.30 e il sabato dalle 10.00 alle 12.30 sarà l’occasione per ritirare il kit completo per il corretto conferimento, bidoncini compresi.
L’occasione sarà utile per chiedere ulteriori informazioni o avere chiarimenti sulla raccolta porta a porta al porta a porta e sulla raccolta differenziata in generale. Per richieste di informazioni, segnalazioni e suggerimenti sull’evento “Se fossi… in Venezia, farei la differenziata” è possibile telefonare al numero verde 800-031.266, inviare un’e-mail all’indirizzo aamps@aamps.livorno.it, accedere alla nuova pagina facebook (“Aamps Livorno”) oppure visitare il sito aziendale (www.aamps.livorno.it) dove si può trovare anche il dettaglio degli itinerari di passaggio dei vari operatori con indicati i giorni e i numeri civici.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Sorgentii

    Solo in zona Venezia, vi pare giusto? A me, NO ! Basta fare queste continue distinzioni tra cittadini della medesima Città. Siamo tutti uguali, oltre ad avere pari dignità e diritti.

  2. # alex

    ragione, in questa città siamo uguali solo quando si deve pagare le tasse(stessa aliquota imu, ora si vedrà),ma gli spazzini, la pulizia delle strade, come altri servizi sono esclusivi di alcune parti della città…”speriamo bene”

  3. # Lorenzo65

    Non ti lamentare. Presto avremmo tutti i bidoncini per tenere il pesce marcio misto al patè di cinghiale per 2 o 3 giorni a fermentare in casa o sul pianerottolo , magari in estate con 40 gradi di caldo e senz’aria. Mi immagino l’aria dei condomini come sarà salubre!

  4. # Nerd

    Non capisco perchè ti abbiano dato dei pollici negativi quando hai descritto chiaramente la realtà dei fatti sull’atto pratico.

  5. # grazia

    io spero che vada in porto e venga fatta in tutti i rioni.
    sai cosa vuol dire non differenziare?
    vuol dire caricare l’inceneritore che ci restituisce con diossina ed altre belle sostanze.

  6. # Nerd

    Vorrà dire che quando questi bidoni puzzolenti fermenteranno nelle case chiederemo il parere dell’ufficio igiene,bisogna valutare se le persone siano disposte a tenere in casa la spazzatura per tempi così prolungati,se potrebbe svilupparsi il rischio di malattie,di infestazioni di insetti e di ratti,fenomeno quasi debellato grazie alla presenza dei cassonetti dove tempestivamente gettiamo il sudicio.

I commenti sono chiusi.