Ben 190 sanzioni in 4 ore per soste selvagge

Mediagallery

Nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità la Polizia Municipale, oltre ad aver garantito la propria presenza presso il villaggio della Rotonda con una stazione mobile dalle 9 alle 19 e con pattuglie ciclo-montate nei percorsi coinvolti nelle iniziative, durante la serata di sabato 19 settembre dalle 21 alle una del mattino di domenica 20, ha organizzato un servizio straordinario finalizzato al controllo delle aree pubbliche destinate a ciclisti e pedoni. Il nucleo Sicurezza Urbana è infatti quotidianamente impegnato in tutti quegli aspetti che possano contribuire al miglioramento della qualità della vita. Certo per migliorare la dimensione urbana non si può prescindere da una mobilità sostenibile. Fondamentale è che sia garantita la libera fruibilità dei percorsi non veicolari in modo da favorire tutti coloro che scelgono di muoversi a piedi o in bicicletta e da garantire gli spostamenti in tutta sicurezza. Il controllo ha portato ad elevare 190 sanzioni in una sera. Sono stati sanzionati veicoli in sosta su attraversamenti pedonali, marciapiedi , piste ciclabili, aree pedonali. Le criticità maggiori restano sul marciapiede di via del Mare e nelle aree pedonali della Venezia e del mercato nonostante la vicina via Grande e gli Scali Saffi offrano opportunità di sosta libera in orario serale.

Riproduzione riservata ©

50 commenti

 
  1. # antani

    Questa amministrazione è a dir poco vergognosa!!!! Nella notte di sabato 19, i vigili urbani non hanno fatto altro che creare disagi a ristoratori e negozianti, facendo multe a tutto spiano …. POI CI LAMENTIAMO CHE LE ATTIVITA’ NON LAVORANO ECC ECC… non stanno facendo altro che finire di distruggere questa città!

  2. # strillozza

    peCato siano “speciali” dovrebbero essere ” normali “

  3. # Simo

    Oh bravi e via….. Già che ci siete andate anche in piazza della repubblica a fare le sanzioni a quei bravi ragazzi che si fermano in sulla strada per andare a comprare le sigarette creando ingorghi incredibili.

  4. # johnnie rico

    …e magari qualche bella stangata a quelli che si fermano a comperare le sigarette sugli scali novi lena bloccando un’intera corsia!

  5. # residen

    La stazione fissa e controlli la devano mettere in venezia il giovedi il venerdi e il sabato sera
    E li che in particolar modo c’e’ bisogno di educare .
    Vergogna

  6. # èvero

    Come mai al mercatino del venerdì i Vigili di servizio tra i banchi le multe sulla pista ciclabile completamente ocupata non le fanno mai ? Hanno paura di disturbare qualcuno ?

  7. # stefr55

    Giusto far rispettare le regole, ma a tutti anche a quei ciclisti che NON usano le piste ciclabili, fanno il comodo loro per strada e viaggiano, specialmente di sera, senza i dispositivi necessari per essere visti (es. giubbotto catarifrangente)

  8. # freefree

    lasciate lavorare , e mai possibile che state sempre a criticare gli altri ? fanno bene a fare le multe , fanno il suo lavoro , come ognuno fa il suo nel miglior modo !

  9. # CLAUDIA

    se fanno le multe si brontola, se non le fanno si ri-brontola? ma pensate sia possibile? per quanto riguarda le attivita’, inutile lamentarsi tanto, se a 200/300 mt ci sono parcheggi liberi, dovete educare i vs. clienti come fanno in molti avvertendo con cartelli di non lasciare le auto in sosta…ma e’ normale secondo voi lasciare le auto sulle strisce? sui marciapiedi dove la gente a piedi non puo’ transitare? sugli incroci? ma perche’ invece di lamentarsi non si usa l’ingegno?

  10. # Roberto

    Non solo questa amministrazione fa si che i v.urbani si comportano in maniera repressiva, e non in maniera educatrice, ma senz’altro fanno più cassa per il comune, inoltre vorrei fare una bella domanda, come mai che durante la partita allo stadio macchine, moto e altro sono parcheggiate in ogni posto possibile, anche in luoghi pericolosi.?

  11. # Giulio

    BRAVI ! Avanti così. Il popolo livornese va RIEDUCATO in modo radicale per migliorare questa città, io sono di sinistra, ma RICONOSCO a questa AMMINISTRAZIONE, il CORAGGIO di queste scelte, che per un modo o nell’altro erano sempre state affrontate con la testa sotto la sabbia.

    CONTINUATE COSI’ PER UNA CITTA’ MIGLIORE E CIVILE

  12. # RobinHùdde

    Repressione dove manca l’educazione – i livornesi vogliono solo questo, accontentiamoli! Bene continuate così

  13. # Marco Sisi

    Perfettamente d’accordo con Claudia. Si può arguire all’infinito sul “come”, “quando”, “dove” e “a chi” fanno le multe ma, parafrasando la famosa regola delle “cinque W” del giornalismo, il “perché” è indiscutibile: la massa di pigroni che, se potesse, entrerebbe in macchina anche dentro bar, ristoranti e negozi, e che ovviamente non ha nessun rispetto per posti riservati a invalidi, strisce pedonali, angoli delle strade e marciapiedi. Che saranno mai due o trecento metri a piedi, perché quella è la massima distanza da fare per trovare un posto, di solito, in ogni zona di Livorno… Oppure se non vi va di camminare prendetevi una bicicletta.

  14. # mammamia

    Dovrebbero anche andare la mattina alle 8.30 in borgo Cappuccini davanti al santo spirito, le mamme lasciano le macchine in quadrupla fila, gli autobus non ci passano, ci vuole mezz’ora per fare cento metri!

  15. # Bravi

    Questa prassi deve essere la NORMALITA’.
    I Livornesi hanno bisogno di essere RIEDUCATI dopo 70 anni di MENEFREGHISMO.
    Estendete, a tutta la Città, è un DOVERE delle Istituzioni per tutti I LIVORNESI.
    E’ l’ORA di finirla di PARCHEGGIARE sulle STRISCE PEDONALI o prendere i MARCIAPIEDI come POSTEGGIO PRIVATO (vedi Via Donnini ad esempio, dove troverai sempre le solite 2/3 macchine che parcheggiano al LORO POSTO sul MARCIAPIEDE e non ho mai visto una multa)
    CONTINUATE COSI’… GRAZIE.

  16. # Concilia?

    Ma il divieto di sosta sul viale Italia dopo il semaforo (incrocio via Dei Funaioli) in direzione città regolarmente ignorato? Ma la pista ciclabile di via di Collinaia subito dopo Villa Minbelli che nel pomeriggio è completamente occupata da autoveicoli in sosta? Ma le migliaia di auto e moto che ogni giorno transitano con il rosso ai semafori? Ma la via Ricasoli (Zona Pedonale!) transitata in pieno giorno da veicoli a motore di ogni genere nell’indifferenza più totale? E qui mi fermo ma potrei tranquillamente continuare elencando altre incresciose situazioni che testimoniano il lassismo della Municipale livornese. Il Codice della Strada non lo si applica in modo ” straordinario” bensì ordinario ma soprattutto non lo si applica per far cassa bensì a scopo preventivo ovvero per disincentivare quei comportamenti che possono portare conseguenze ben più gravi per la comunità. Un divieto di sosta, per quanto stupido e maleducato, muore lì; un automobilista che passa con il rosso è un potenziale omicida e non può essere lasciato impunito al pari di chi ignora un senso vietato o di chi circola tranquillamente senza assicurazione! Ebbene egregi signori organizzate dunque finalmente posti di controllo quotidiani mirati ai controlli documentali! Toglierete così dalla circolazione decine di autoveicoli potenzialmente assai pericolosi poiche privi di assicurazione, revisione etc. etc.. Buon Lavoro!

  17. # DANI

    L’unico commento intelligente di questa pagina…

  18. # franco

    fare le multe ok.. ma si devono anche riscuotere.. altrimenti è tempo perso.
    Vorrei che questa amministrazione ci fornisse anche la percentuale di multe pagate….se fosse irrisoria, allora si dovrebbe ricorrere alle ganasce..

  19. # ivo lami

    in che cosa consistono i disagi ai ristoratori e ai negozianti ce lo può spiegare?

  20. # Tifoso Amaranto

    Benissimo sanzionare chi viola il codice della strada…ma sanzionare TUTTI! Anche le biciclette che regolarmente attraversano i semafori rossi, vanno contromano, ignorano le precedenze ecc…

  21. # CLAUDIO

    SONO STATO QUALCHE GIORNO A BARCELLONA E HO NOTATO CHE NESSUNO RIPETO NESSUNO USA IL CELLULARE MENTRE GUIDA FORSE PERCHE’ IN SPAGNA SE LO FAI TI STRAPPANO LA PATENTE.

    A LIVORNO IL CELLULARE E’ PARTE INTEGRANTE DEL MOTORE E BUONA PARTE DI NOI LIVORNESE LO USAE MAGARI CON L’ALTRA MANO MANGIA UN PEZZO DI SCHIACCIATA O SI TRUCCA GUARDANDOSI ALLO SPECCHIETTO

  22. # piratatirreno

    Ma il divieto di sosta dei sacchi dell’immondizia e dei cassoni condominiali della differenziata che sostano regolarmente e quotidianamente sui marciapiedi più o meno grandi, impedendo spesso il transito a carrozzine per disabili e passeggini di bambini ed obbligando quindi mamme e papà a scendere dal marciapiede per poter proseguire il cammino??!!!!!
    Questo non da noia vero???
    Fate ridere i polli.

  23. # marco

    A PORTA A MARE LA ZONA PEDONALE è SEMPRE INVASA DA AUTO E 2 RUOTE

  24. # Fides1915

    Giustissimo rispettare le regole del codice della strada, ma il giubbotto catarifrangente non è assolutamente previsto se non al di fuori dei centri urbani. Non è la prima volta che qualcuno si appella a questo obbligo inesistente, temo ci sia la classica malafede tipica di molti italiani. Non credete a tutto quello che vi dicono!

  25. # carlo

    Giusto pero’ le multe devono essere riscosse.I signori livornesi vorrebbero la possibilità’ di sostare ad un metro dal luogo dove devono andare. ma e’ possibile’

  26. # carlo

    esatto, poi invece di brontolare, se hai preso una multa che ritieni ingiusta fai ricorso.
    La soluzione migliore sarebbe che facessero ricorso all’intelligenza ed al rispetto delle leggi e del prossimo…….ma è un’utopia

  27. # steve

    controlli speciale… mah non sarebbe regolare far le multe a chi parcheggia sulle strisce pedonali o sulle piste ciclabili???!!!

  28. # Amaranto

    Caro assessore al traffico, ma fai finta di non capirlo o non lo hai veramente capito che alla stragrande maggioranza dei livornesi delle piste ciclabili non gliene frega proprio nulla ? Ma pensi veramente ( e se lo pensi mi preoccuperei veramente ) di far cambiare le abitudini ai livornesi ?

  29. # èvero

    Verissimo ma avete visto qualche bicicletta in giro, a parte la mia, con i previsti fanalini davanti e dietro funzionanti ?

  30. # Gianluca

    evidentemente il signore o ha dovuto spostare la macchina parcheggiata in divieto di sosta o ha visto il fuggi fuggi dei suoi clienti che avevano parcheggiato l’auto in divieto di sosta. Eh… è dura da sopportare quando qualche volta all’anno i vigili fanno il loro lavoro

  31. # franco

    mi piacerebbe sapere a “quale azione educatrice” stai pensando per i livornesi che non vogliono rispettare le regole!

  32. # Bozzolo63

    Ma come non lo hai ancora capito, il danno si fà perchè il buon livornese non può parcheggiare dove vuole per andare al ristorante fregandosene del resto del mondo. Perchè visto che la stagione è altamente piovosa fare due passi, dopo aver cercato un parcheggio civile, è disdicevole.

  33. # Giulio

    si, a suon di multe si. Se non ci arrivi prima con l’educazione

  34. # Fides1915

    Certo che ci sono e non sono poche (io sono in regola). Poi c’è anche qualcuno che non rispetta le regole ed è giusto che paghi. Ma nell’intervento a cui ho risposto vengono dette cose non giuste: oltre alla storia del giubbotto viene indicato un generico obbligo di utilizzo delle piste ciclabili che cade immediatamente si verifichi l’assenza della pista stessa. A livorno ci saranno 20km di piste a dir tanto, è normale che le biciclette viaggino spesso per strada, cosa ampiamente prevista dal codice stesso, in alcuni rari casi anche nelle corsie riservate agli autobus (dove indicato sul cartello di accesso alla strada, vedi via Garibaldi).

  35. # Fides1915

    Se per lei fare multe a chi parcheggia dove non potrebbe è repressione, mi sa che è stato educato molto male.

  36. # ugo

    e vaiiiiiiiiiiii Livorno e i livornesi sempre peggio

  37. # elisa

    Di notte vedo viaggiare anche tantissimi scooter a luci spente e sono molto più pericolosi delle biciclette sia perchè più grossi e perchè vanno a velocità elevata.

  38. # bimbobello

    Caro antani, capace quei poveri cristi messi a disagio perché non rispettavano il buon senso e il codice stradale sono quelli che vanno a correre tutti i giorni sul mare e si sfondano di palestra per mantenere il fisico in forma e asciutto…..e sllora due passini anche per fsre shopping o andare sl ristorante no?!!!!!!

  39. # Fides1915

    I livornesi nella loro storia hanno cambiato molte abitudini, non vedo perché dovrebbero fossilizzarsi soltanto su quelle (spesso nefaste) adottate negli ultimi 20 anni. Livorno è una città italiana, fa di quello che una volta veniva definito il mondo “civilizzato”, non vedo perché dovrebbe rimanere ancora più indietro di quello che già è. I livornesi sono “duri” e brontoloni, ma non scemi: se qualcuno avrà il coraggio di andare in fondo a questa “rivoluzione urbanistica” e lo farà in modo saggio presto in molti inizieranno a coglierne i benefici. Infine vi invito a guardare i progetti di New York e di Londra per vedere come si svilupperanno le città del futuro.

  40. # andrea

    Sono poche ; devono aumentare e anche il sequestro dei veicoli.

  41. # Libero di dire

    Voglio cogliere in positivo i tanti commenti e, se posso dire la mia, mi sembra occorra una presenza più efficace sul territorio individuabile nella figura del Vigile Urbano di quartiere. Infatti, per rispondere alle esigenze di quanti hanno scritto, visto l’orientamento della nuova Amministrazione a ristabilire un certo equilibro volto ad una città più civile e decorosa, occorrerebbe potenziare il corpo dei Vigili e utilizzarne quanti più possibile come operativi sul territorio H24 demandando i compiti amministrativi magari al personale in arrivo dagli Enti in esubero. Non voglia sembrare un ritorno all’antico, ma semplicemente una più proficua distribuzione sul territorio di personale qualificato in quanto di vigili urbani in circolazione se ne vedono veramente pochi, anzi pochissimi. Tale mancanza di personale attualmente non è accettabile e, al fine di proseguire verso i citati orientamenti non solo politicamente ma efficacemente, ora più che mai si rende necessario ed urgente agire. Un’ultima cosa, vorrei richiamare l’attenzione del Sig. Sindaco sulla problematica dei cani di media e grossa taglia nonché di quelli classificati pericolosi in notevole espansione, di moda direi, in quanto oggetto di cronaca proprio pochi giorni fa. Tali animali sono custoditi, nella maggior parte dei casi in maniera impropria, da improvvisati e fisicamente mal dotati conduttori che diventano padroni delle strade della città per almeno tre volte al giorno escrementi compresi. Ecco, anche per tale motivo, la vigilanza di quartiere potrebbe essere giustificata. Cordiali Saluti

  42. # Mino

    Ma davvero l’obbligo di utilizzo delle piste ciclabili non c’è in caso di assenza della pista stessa? Meno male che ci ha sciolto questo immenso dubbio

  43. # èvero

    Naturalmente scherzavo dicendo che solo la mia bici ha tutti i fanali ! Nel codice stradale in vigore nessun obbligo di usarle dove ci sono rispetto alla strada ma non rendersi conto che sono molto più sicure è demenziale ! Per quanto riguarda la circolazione sulle corsie dei bus a Livorno, grazie ad una vecchissima ordinanza del sindaco Benvenuti, si possono usare indipendentemente dal cartello di autorizzazione ! Ci tengo a sottolinearlo perchè molti non lo sanno ed purtroppo anche qualche agente !

  44. # Gilberto Gibi

    32 anni di patente e mai presa una multa per divieto di sosta a Livorno (all’estero 2) I vigili stanno facendo egregiamente il loro lavoro dopo anni di assopimento. Non vedo cosa avete da bontolare. Se fanno le multe brontolate….se non le fanno, brontolate……. Peccato che sono troppo pochi, ce ne vorrebbe uno a via !!!!!

  45. # franca

    Era l’ora!!! di questo passo(cioe’ fare come mi pare) c’è il rischio che per ragioni genetiche fra tre o quattro generazioni nascano bimbi senza gambe……!

  46. # Joannis

    Ok va bene, però perché non viene fatto nulla per coloro che attraversano tra le baracchine con moto ed auto? Anni orsono ho portato una lettera (protocollata presso l’ufficio protocollo del Comune) per competenza al Comandante della Municipale e per conoscenza all’allora sindaco Cosimi, dopo dopo, dato che non vedevo nessun controllo, informatomi presso gli uffici della Municipale mi veniva riferito che la mia segnalazione era stata passata per competenza all’ispettrice PEDINI, ma da allora nulla è stato fatto. Difatti macchine e motorini continuano a transitare tra le baracchine sul mare a sprezzo e pericolo in particolare dei bimbi.

  47. # giovanni

    Ecco il tipico esempio di persona poco (usando un eufemismo) attenta agli altri. A Livorno ce ne sono tanti, troppi. Ma anche altrove purtroppo. E’ l’italiano medio il problema. Sempre convinto di essere furbo. Invece è solo scorretto e, spesso, anche disonesto.

  48. # karl

    fare ridere i polli perché la Polizia Municipale sanziona chi non rispetta il codice della strada? per favore mi faccia capire…

  49. # Alessandro

    Il divieto di sosta non muore lì: se impedisce l’accesso ai mezzi di soccorso possono morire delle persone. Venga in Via degli Archi e Vicolo dei Vetrai e immagini se prende fuoco una casa in fondo al vicolo o qualcuno ha bisogno di un’ambulanza: con tutte le macchine parcheggiate in divieto di sosta non passerebbe niente. Mi piacerebbe vederli passare anche qui i Vigili Urbani, ma a quanto pare non esistiamo sul loro stradario.

  50. # lucia

    triste dover pagare le multe, quando mancano i parcheggi! Esempio: venerdì…ottobre 2015 in via C. Cattaneo a Livorno per divieto di sosta…80 €!!! Per forza la gente va a fare acquisti altrove! Farò uguale

I commenti sono chiusi.