Tram in città e Santa Trinita in senso unico

Per l'ospedale invece è stato ribadito il concetto di riqualificare quello di viale Alfieri

di letizia

Mediagallery

Pensare al ponte di Santa Trinita attraversato solo a senso unico, in direzione nord, con una rotatoria per chi viene da via della Cinta Esterna che consenta di far tornare indietro i mezzi da piazza del Luogo Pio e convogliando così parte del traffico che oggi quel tratto di strada subisce sull’Aurelia? Non solo: una tramvia su gomma a tre linee in altrettanti quartieri? Fantaviabilità? Vedremo.
Sono alcune delle idee presentate l’8 ottobre durante la quarta commissione consiliare (Assetto del territorio) da Antonio Pratelli, docente di ingegneria dei trasporti all’Università di Pisa e consulente di Augusto Cagnardi per la revisione del piano strutturale. “Non sarebbe possibile, infatti, chiudere in alcun modo il ponte, tuttavia se uno degli obiettivi prefissati dal piano strutturale è il minore traffico sui viali a mare, bisognerebbe trasferire la circolazione sull’Aurelia, cercando di rafforzare quell’arteria, non aggiungendo corsie, ma aumentando la capacità, togliendo magari limitazioni oggi esistenti”.
L’assessore Alessandro Aurigi ha fatto presente che per il potenziamento dell’Aurelia, visto che l’infrastruttura non è diretta competenza dell’amministrazione, “sarà necessario avviare tavoli di confronto con altri enti”. Perplesso sui cambiamenti nel quartiere Venezia è il consigliere di maggioranza Edoardo Marchetti che ha ricordato a Cagnardi e al suo consulente l’intenzione dell’amministrazione di istituire in quell’area la zona a traffico limitato.

Tram su gomma – L’idea portata in commissione da Pratelli (attualmente infatti non esistono progetti definitivi ma siamo per tutto ciò che è stato discusso ieri alla fase delle idee) che riguarda il trasporto pubblico prevede la creazione di tre linee per il collegamento tra i vari quartieri cittadini. Il tram su gomma ha costi sensibilmente inferiori rispetto per esempio alla Tramvia fiorentina: tra i 5-6 milioni a chilometro, rispetto ai 20 del tram su rotaia.

Via Bat Yam- L’altra idea presentata dal professor Pratelli riguarda via Bat Yam. Livorno risente della mancanza di assi viari orizzontali che al momento sono viale Carducci, via Grande, viale Boccaccio, via Sauro. Via Bat Yam potrebbe quindi essere recuperata ed essere trasformata in asse portante: “È una via larga, che potrebbe sopportare il traffico di deviazione. I parcheggi potrebbero rimanere sui entrambi i lati – ha spiegato – tra via Bat Yam e via dei Pensieri, punto critico, spesso luogo di incidenti, inoltre, si potrebbe costruire una rotatoria”.
Un’ipotesi sarebbe poi arrivare fino a via Martin Luther King, sfruttando la rotatoria già esistente, e collegarsi alla Variante attraverso un sottopassaggio. Una scelta analoga potrebbe essere praticabile, secondo l’ingegnere, nella zona di via Mondolfi-via Sernesi, togliendo in questo caso parte del parcheggio, scegliendo di fare un’operazione simile a quella dei Tre Ponti, dove è stato fatto il posteggio interno. “Su via Bat Yam e su Santa Trinita inizieremo a breve degli approfondimenti – ha affermato l’assessore Gordiani – sulla base delle simulazioni e degli studi che sono stati portati avanti”.

Ospedale – “A seguito dell’incontro fatto a Firenze dove l’amministrazione ha fatto presente la volontà di ridiscutere l’Accordo di programma in tema di sanità – ha chiarito l’assessore Aurigi durante la commissione – negli scorsi giorni c’è stato il primo tavolo tecnico che servirà a valutare le soluzioni per il futuro. La nostra intenzione, lo diciamo ancora una volta, è quella di riqualificare l’attuale presidio esistente, non di costruirne un altro sul viale Alfieri. Ci dovranno essere però ulteriori passi da fare. Per quanto riguarda il progetto dovrà essere fatto dal Comune insieme all’Asl”. Molte erano state le critiche mosse dai consiglieri Martelli (Pd), Valiani (gruppo misto), Cannito (Città diversa), Bruciati (Buongiorno Livorno), Amato (Forza Italia) rispetto soprattutto al ritardo nella presentazione del piano di ristrutturazione. Dal punto di vista del piano strutturale la proposta dell’architetto Cagnardi riguarda l’intera valorizzazione della zona dell’ospedale, non limitandosi solo al presidio di viale Alfieri ma guardando anche verso il Parterre, l’ex Pirelli e soprattutto il Cisternone.

Riproduzione riservata ©

33 commenti

 
  1. # andrea

    Il Sindaco appena eletto aveva promesso di non far piu pagare l’autobus , poi voleva fare una linea Livorno – Tirrenia , poi ristrutturare con il contributo della cittadinanza lo Stadio e ora il Tram :
    Che cos’è un’altra campagna Elettorale?

  2. # kamui

    “Dì LA TUA”???? Se la dio m’arrestano!! Ma andatevene a casa, tutti!! E l’ho anche votato, de’… mi sognavo ghiande come ‘r maiale era meglio!! Ma guarda lì se uno deve rimpiange’ addirittura quelli di prima… Ma io emigro, stacci dell’altro in questa gabbia di incompetenti

  3. # Davide72

    Siccome siamo in democrazia la prossima volta chi ha nostalgia del passato puo’ benissimo rivotare chi ha fatto tanto bene per questa citta’.

  4. # Lecomichedellaviabilità

    Grandissima idea il ponte a senso unico ! Fatemi capì..vogliono mettere una rotatoria per far passare la gente da piazza del logo pio..ganzo..cosi dopo le 20 il ponte è a senso unico e in piazza ci sarà la ztl notturna. Ma le studiano a tavolino?

  5. # rena

    cosa si intende per riqualificazione della area intorno all’ospedale spero non sia costruzione di nuovi appartamenti altrimenti e come la intendeva la precedente amministrazione la ristrutturazione dell’ospedale deve prevedere anche parcheggi sufficienti per il personale di turno e per gli utenti che vi si recano per la tranvia su gomma c’è una esperienza a padova non troppo buona prima di decidere sarebbe meglio verificare la sitazione

  6. # ugo

    Viabilità. Ecco il tram su gomma con 3 linee
    E senso unico su Santa Trinita ahahah quante ne sparano…..

  7. # Mauro B

    Contrario al senso unico sul ponte S. Trinità, studiate invece perchè succedono gli incidenti.. controllate l’angolo della curva che è esposto verso l’esterno e che dovrebbe essere all’incontrario. Il traffico di scorrimento non potete eliminarlo per far funzioanre le rotatorie che avete messo in programma, la larghezza delle strade è quella esistente, non si può passare da altree parti come l’aurelia è già congestionata ora

  8. # orso

    Il sindaco di Castiglioncello continua con i progetti ed i voli pindarici,meglio cosi’ perche’ quando fa qualcosa di reale con il suo fido assessore di Cutigliano e’ peggio.

  9. # kristy

    Ok ristrutturazione Ospedale viale Alfieri, per la viabilita’, secondo me, i guidatori dovrebbero farsi un’esame di coscienza per la guida tenuta cosi’ non servirebbero tante modifiche stradali.

  10. # Luca

    Magari se leggi l articolo vedi che sono tutte proposte di un professore universitario non della giunta ….. Leggi prima di criticare

  11. # Marco Sisi

    Tram su gomma? Ma non sarebbe più semplice parlare di filobus? E poi, se il ponte di Santa Trinita diventa a senso unico, quelli che vanno “nell’altro senso” da dove passano? Dalla Venezia? Mi sembrano quelli che me la fecero sull’uscio e poi la rivolevano.

  12. # ANNA

    nogarin limitati a spendere i soldi per riasfaltare le strade cosi come sono…non ci mette tanto la testa se queste sono le idee del piffero che vengono fuori

  13. # andrea

    Caro Davide72 ;
    Mi puo dire chi ha fatto del bene a questa Città ?
    Io so solo una cosa Tutti i Sindaci ( di tutta Italia ) che una volta si siedono sulla poltrona si dimenticano delle promesse e pensano solo agli interessi del partito e ubbidirgli perchè nelle città Italiane non deve funzionare nulla e pensare solo a una cosa : come fare soldi a spese nostre.

  14. # leonardo meis

    Per i parcheggi per il personale e per gli utenti, carissima sig.na Rena, mi sembra che in quella zona non abbondino. Ma il Suo uomo che cammina sui vetri glieli stamperà
    E lei e le sue amiche sarete contente

  15. # bozzolo63

    Boia ma ci sono o ci fanno, far passare il traffico da piazza del luogo pio vuol dire scaricare tutto il traffico su via san Giovanni che già riceve il traffico di piazza della Repubblica, visto che resterebbe l’unica direttrice est-ovest, dopo le venti tutti a casa. All’assessore bisogna spiegare che la vecchia Aurelia è di sua competenza in quanto strada comunale, sempre che si ricordi di essere assessore di questo comune, per quanto riguarda l’ospedale stendiamo un velo pitoso, m’aspetto la proposta di ridimensionamento del parterre, unico parco in quella zona, e l’abbattimento del cisternone per fare un parcheggi multipiano, da questi incapaci ci si può aspettare di tutto.

  16. # Lukas

    Sono solo proposte di un consulente, professore universitario. Ma li leggete gli articoli o guardate le figure?

  17. # FIDES

    per far comprendere ai cittadini che possiamo muoverci col mezzo pubblico,dobbiamo creare le giuste e doverose alternative al mezzo privato.Alternative che devono essere veloci ed efficienti..Come?Una soluzione è quella dell’integrazione del sistema ferro/tranviario..abbiamo già i binari dalla stazione centrale fs alla stazione marittima(passando per piazza s marco) e lo stesso dicasi per l’altra linea ipotizzabile,quella dalla stazione centrale ad antignano. Si userebbero strutture in parte esistenti ed altre si potrebbero recuperare(stazione s marco,stazione ardenza)e rendere utili.E’ così ovunque ormai,da nord a sud,in città come Prato,Perugia,Padova,Brescia,Pescara,Salerno..

  18. # FIDES

    l’alterntiva al mezzo privato deve costare poco,funzionare bene ed essere rapida.Recuperiamo da nord a sud il binario che c’è dalla stazione centrale alla stazione marittima,ripristinando la stazione s marco e recuperando la piazza.Ripristiniamo l’uso delle stazioni di ardenza e antignano a fini collegamenti urbani,integrati allalinea nord/sud.Il metodo dell’integraione ferro/tranviaria sfrutta strutture in prte già esistenti,costa poco ed è protetto e quindi veloce.E’il metodo usato maggiormente da nord a sud in città delle nostre dimensioni,come brescia,padova,prato,perugia,pescara,salerno..

  19. # enzo

    Peggio !!! Cosi si paga anche la consulenza per queste fesserie.

  20. # rena

    primo punto non sono una signora ma un signore e non lavoro con la asl problema parcheggi chi frequenta l’ospedale sa bene le difficoltà che ci sono per parcheggiare e siccome lo spazio è poco se si pensa a sfruttare lo spazio per nuove iniziative di edilizia residenziale ne rimane meno per realizzare i parcheggi per servire l’area e poi di case a Livorno ne sono state costruite abbastanza non trova? considerando anche il fatto che i residenti tendono a diminuire e non ad aumentare

  21. # livorno66

    No rivotate il PD!!!!! hanno lasciato solo macerie…….

  22. # Daddy

    Che furbata!!! E poi é proprio una bella scusa che per “decongestionare” il viale Italia debbano aprire via BAT YAM tagliando in due il parco pubblico.. e passando daVia ML King….tutto per cosa??? Che lo dicano chiaramente!!? Così si arriverebbe in un attimo alla nuova Ipercoop. Ma ci prendete tutti per SCEMI.

  23. # Enrico

    magari se risistemassero la ringhiera arrugginita distrutta da terzo mondo sul ponte sarebbe già un buon inizio!

  24. # dav

    Purtroppo si critica sempre ogni iniziativa a Livorno… a Pisa tra pochi mesi avranno la metro di superficie e qua ancora indietro di 30 anni… In effetti sarebbe un bel progetto quello del tram su gomma che ridurrebbe inquinamento e costi .. speriamo che si possono concretizzare con risorse finanziarie questi progetti …

  25. # frankie

    I flussi del traffico, gli ingorghi temporali, le buche, i sensi di marcia più fluidi ,li conoscono molto meglio i professionisti di città che i Professori che vivono altrove: ricordate le schifose baracchine, opera del sig. Toraldo di Francia al quale la struttura ideata ricorda le vele bianche al vento di quando era bambino!! (???????)

  26. # luca60

    NON POSSIAMO PIU ASPETTARE MENO CHIACCHERE E PIU FATTI………………………..NOGARIN?????????????????

  27. # max

    E’ bellissimo, ma è come predicare nel deserto.

  28. # antonio

    che palle!!!!

  29. # gigigi

    dalla Venezia di giorno, la sera c’è la ZT, faranno un sottopasso. Come tutti gli incompetenti, ce la “stanno a mischià”… tanto poi basta dire: No rivotate il PD!!!!! hanno lasciato solo macerie…… e chiuso il discorso. O allora.

  30. # nino

    molto probabilmente del meetup pisano. conoscete qualcuno al quale hanno dato un incarico che non sia amico del sindaco?

  31. # Sandro Gambino

    idea interessante ma se 10 anni fa questo mezzo aveva caratteristiche innovative, nelle città e francesi e italiane dove Translohr e GTL sono già in circolazione si è dovuto avere a che fare con costi di manutenzione più alti del previsto, senza contare poi che purtroppo questi tipi di mezzi tendono a deragliare con più frequenza. Addirittura Caen nel 2011 ha abbandonato questi mezzi per il più tradizionale ed affidabile tram

    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Bombardier_Guided_Light_Transit

  32. # Livornesee

    Pensa che c’è i falsicomunisti del PD che hanno pagato per il progetto dell’Ospedale nuovo e che il 97% dei livornesi che sono andati a votare NON LO VOLEVANO!!!!
    sei sicuro che il Comune abbia pagato per questa proposta??
    l’ipocrisia regna sovrana nei tuoi pensieri politici

  33. # carlino

    Livornese te lo sei dimenticato che quel referendum non arrivo’ al quorum? Cerca di dire le cose esatte e non travisare la realta’

I commenti sono chiusi.