Tenta di darsi fuoco in Comune, parla l’autore del gesto. “Senza lavoro da un anno e mezzo, chiedo dignità e uno stipendio”, 70 commenti

"Ho una moglie malata e chiedo di poter lavorare per dare un futuro ai miei figli"

di gniccolini

Mediagallery

LIVORNO – La casa di Gianluca sarebbe il set perfetto per un film di Virzì. Davanti, il circolo per anziani dove tre animate teste calve con bastone discutono di politica e  di pallone, maledicendo tra una briscola, un “dè” e un corretto al sassolino alle tre del pomeriggio il governo ladro che, anche se non piove,  “tanto ruba lo stesso”.  Dentro un cortile del quartiere Corea che si riempie di sole e umidità, al quarto ed ultimo piano di un palazzone popolare, c’è il suo appartamento disperso tra zanzariere e troppo buio usato per uccidere la calura. L’appartamento in affitto a 17,21 euro al mese di un uomo che vorrebbe riassaporare presto il sapore della dignità.
Non è facile svegliarsi alle cinque del mattino ogni giorno perché i pensieri ti levano le coperte di dosso e ti buttano già dal letto sgridandoti perché hai sognato troppo forte. Gianluca Teitscheid, 44 anni, lo sa bene.

Il gesto disperato e la famiglia. E’ lui l’autore del gesto disperato di lunedì sera sulle scale del Comune (clicca qui e leggi l’articolo). “Ho preso la mia macchina e una bottiglia di plastica e l’ho riempita di benzina al primo distributore che ho trovato sulla strada. Poi, visto che non fumo, ad un tabaccaio ho comprato un accendino e mi sono diretto verso il palazzo civico”. Inizia a raccontare così Gianluca, a Livorno ormai da 25 anni, sposato con Cristina (42 anni) e con tre bellissimi bambini: Kevin di 10 anni, Sharon di 8 e Luca di 4.

“Non lavoro da un anno e mezzo”. “Sono disperato, non lavoro da un anno e mezzo – spiega il disoccupato da dietro il tavolo di legno della sua casa – da quando nell’ottobre del 2011 venni licenziato dalla Cash and Carry. Mi occupavo dell’amministrazione, poi la crisi, la riduzione del personale e il conseguente addio al lavoro. Per otto mesi ce la siamo cavata. Avevo il sussidio di disoccupazione e così a fine mese ci arrivavo. Poi sono iniziati gli incubi quando vedevo che in giro non riuscivo a trovare più uno straccio di occupazione e quando sono iniziati i problemi di salute di mia moglie…”

La malattia da combattere. La stanza è fresca nonostante il caldo che bussa prepotente fuori. Gianluca beve un caffè senza zucchero, amaro, come la vita che lo ha travolto con tutto l’impeto devastante che solo lei si porta dietro quando vuole. “Cristina, mia moglie, ha scoperto un tumore nel febbraio scorso e da quel giorno la mia vita è un inferno. Non so come andrà a finire questa nostra battaglia con questa bestiaccia e penso ai miei figli e voglio che quanto più possibile sia un futuro dignitoso”.

Gianluca le ha provate tutte. Gianluca in questi mesi le ha provate tutte. Si è rivolto alla Caritas, ai politici di mezza Italia, alla Diocesi, ha mandato migliaia e migliaia di mail con il suo curriculum lanciando così il suo “ave maria” laico, una preghiera di dignità e fatta di lavoro.
“Oggi come oggi sembra sia impossibile. Mi sono scontrato contro muri di gomma,  contro il silenzio. La cosa che più fa male è l’indifferenza. Essere un invisibile. Nessuno sembra che abbia soluzioni per te, nessuno ti prende in considerazione”.

“Sulle scale del Comune mi vergognavo”. Così la decisione di provare a smuovere le acque. “Prima di uscire di casa per compiere quel gesto ho chiamato i carabinieri. Ho annunciato al centralino del 112 quello che stavo per fare e poi mi sono incamminato. Una volta sulle scale del Comune ho aperto la bottiglia e ho tenuto l’accendino sulla balaustra. Ma ero rannicchiato sulle scale, non avrei mai fatto niente di esagerato, non avrei mai potuto. Così quasi mi sono nascosto dagli occhi dei passanti. Mi vergognavo. Poi sono arrivati i poliziotti e la municipale. Sono stati tutti molto carini con me e mi hanno detto che per qualsiasi cosa potevo bussare alle loro porte quando mi pareva. Il problema – sospira Gianluca- è che rimane il problema: il lavoro”.

Disposto a fare qualsiasi cosa. “Sono disposto a fare qualsiasi cosa – conclude Gianluca – e voglio lanciare un appello a chiunque possa leggere queste righe. Ho bisogno di lavorare  e sono disposto a fare qualsiasi cosa, qualsiasi tipo di lavoro, qualsiasi tipo di contratto. Voglio riniziare a mettermi in moto, voglio  sentirmi un padre di famiglia capace di guardare in faccia sua moglie e i suoi tre bambini fiero di poter essere un uomo con la U maiuscola. L’assenza di lavoro ti devasta dentro. Per questo voglio lasciare i miei recapiti e per chiunque cercasse forza lavoro io mi voglio rendere disponibile. Questi sono i miei contatti : 389.484.60.63/  0586.42.35.17 oppure [email protected] “.

In salotto arrivano i tre bambini. Occhi celesti della mamma, sguardi furbi e attenti. Il più piccolo gioca con un cinturone da “cowboy” e cerca di sparare ai cattivi. Gianluca, 44 anni, tre figli, una moglie malata, disoccupato da un anno e mezzo, “da grande” vorrebbe anche lui aver la forza di sparare ai cattivi pensieri e di alzarsi ogni mattina alle cinque ma  per andare a lavoro e sentirsi di nuovo vivo.

Riproduzione riservata ©

91 commenti

 
  1. # ivo di bodda

    Articolo toccante. Speriamo che a qualcuno si smuovano le coscenze

  2. # Federico

    Purtroppo ci sono migliaia di persone nella stessa situazione ma a differenza di questa persona nOn hanno ne casa popolare né tanto meno l’incoscienza di mettere al mondo 3 figli, io adoro i bambini ma con mia moglie disoccupata (anche lei farebbe qualsiasi cosa) ed 800 euro al mese con 500 di mutuo (perché a me GIUSTAMENTE la casa popolare non tocca….MAH)nOn ne metterò mai al mondo…quindi siamo tutti sulla stessa barca caro mio!!

  3. # Alexiamelissa3

    Ciao Luca sono Fabrizio io tre mesi fa ho avuto lo stesso problema che poi ho tutto ora .mi ha contattato il sindaco come gente del partito di shangay ,promesse tante ma fatti pochi .spero per te e la tua famiglia che un giorno qualcuno ti aiuti ciao Fabrizio

  4. # francesca

    essere tutti nella stessa barca , non è motivo di sollievo…..io mi immedesimo in questa famiglia, è vero che hanno tre figli, ma lui aveva anche un lavoro…..e poi per finire un tumore..che non auguro a nessuno, cento volte disoccupata….cento volte a chiedere l’elemosina……cento volte in mezzo alla strada….chi lo dice lotta!!!! per cui gli enti istituzionali , facciano qualcosa,,,,,,,ripeto tutto si combatte ..la malattia, il tumore, è sempre dentro di te!!!!!!!!!!

  5. # Amareggiata

    Sono in tanti, in troppi ad essere nella condizione di Gianluca.
    Oggi fa molto più chic aiutare gli immigrati, pardon, i migranti, ma non i nostri concittadini che con il loro lavoro e le tasse pagate hanno contribuito a mandare avanti l’Italia.
    Non potendo fare niente per lui, gli auguro tutto il bene possibile, specialmente per i tre bambini.

  6. # salvalivorno

    Veramente un articolo toccante e triste, comunque è una vergogna che una città come Livorno non riesca a trovare un’ occupazione ad una persona come Gianluca con tre figli , viviamo veramente in una città da terzo mondo vergognosa.

  7. # Annaira

    Purtroppo la situazione la conosco bene…..compagno a casa da 1 e mezzo e da febbraio anch’io a casa, la tristezza è che a 30 non possiamo fare progetti….spero che per lui e per tutti noi le cose migliorino…!!

  8. # kamui

    capisco la disperazione e tutto, ma questi atti così… estremi… mi sanno quasi di ricatto. Mi dispiace veramente per la situazione, ma se tutti i disoccupati dovessero minacciare di darsi fuoco…??
    Lo Stato deve intervenire con misure di sostegno in casi come questo e come decine di migliaia di altri in Italia: su questo punto sono d’accordo. Basterebbe destinare i fondi per gli F35 per il sostentamento (temporaneo) di queste famiglie in periodo di crisi. E ripeto temporaneo, sennò si fa la fine della cassa integrazione, dove la gente non lavora e non ci pensa nemmeno, tanto i soldi arrivano lo stesso… Italico costume, ne conosco: fortunatamente sono una minoranza, ma per pochi alla fine ci rimettono in tanti.
    Ripeto, capisco la disperazione, ma non accetto il gesto, mi dispiace

  9. # Gianluca

    Caro mio…………….io ho sempre lavorato in vita mia, ed i nostri 3 Figli hanno avuto sempre una vita normale, non gli è mai mancato il minimo indispensabile hai capito !!! Come puoi permetterti di dire queste cose eh !!! La nostra è una difficoltà di adesso e non di tutta una vita.

  10. # Gianluca

    Ciddinooooooo ciaoooooooo ti auguro aanche a te ed alla tua magnifica Famiglia un futuro migliore e dignitoso

  11. # Gianluca

    Grazie Francesca, non puoi immaginare quanto io stia soffrendo…….. tu hai preso in pieno il VERO problema

  12. # Gianluca

    Grazie di cuore……..contraccambio

  13. # Gianluca

    Grazie Ivo che Dio vi benedica tutti

  14. # Gianluca

    sono le persone indifferenti come te che hanno fatto del nostro Paese civile un Paese incivile……..insensibile!!! Mia Moglie ha un tumore hai capito !!! Ha 42 anni e la bestia è maligna…………….VERGOGNATI !!!!! i BIMBI SEMPRE PICCINI………….

  15. # orabasta

    Carissimo,
    ti capisco perchè anch’io come, credo, te non arrivo alla prima quindicina del mese e non ho casa popolare, sono dovuta tornare alle origini, da mamma, ed è la più grossa sconfitta della vita, però Gianluca dice una cosa diversa, lui aveva un lavoro e una prospettiva di vita quindi ha messo al mondo tre figli, poi è rimasto senza lavoro, la moglie si è ammalata e ha ancora a carico i tre figli. Per favore non iniziamo a fare la guerra tra poveri, cerchiamo piuttosto di essere solidali, di capirci e di sentirci anche meno soli. Anzi dovremmo unire le nostre disperazioni per essere più visibili.
    Comunque mi chiedo se è giusto, lecito in uno stato democratico, moderrno accusare qualcuno di avere tre figli

  16. # alla frutta

    CARO GIANLUCA DIGLI CHE SEI STRANIERO, SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO E VEDRAI CHE IL NOSTRO COMUNE E IL NOSTRO CARO SINDACO TI TROVANO, CASA, SOLDI, LAVORO, TI COMPRANO LE SIGARETTE (PERCHE A QUELLI CHE SBARCARONO A LIVORNO E FURONO ALLOGGIATI A MONTEROTONDO E’ SUCCESSO ANCHE QUESTO). FUNZIONA COSI SI STA ANDANDO A ROTOLI E PER ACCORGERSI DI NOI CITTADINI ITALIANI CHE HANNO PAGATO E PAGANO TASSE REGOLARMENTE NON C’E UNO STRALCIO DI SOLUZIONE, BISOGNA ARRIVARE AI GESTI ESTREMI PER FARCI NOTARE.

  17. # Brunello

    Massima solidarietà …però anch’io non accetto il gesto perché credo il suicidio sia una scorciatoia ai problemi..un atto da codardi… Tanti sono in crisi non lavorano e non hanno casa popolare a 17€ ma pagano mutui insostenibili… Spero si risolvono i tuoi problemi come per il resto dei livornesi ancor più nei guai ma che non si arrendano

  18. # Gianluca

    Grazie caro, c’ è anche un’altra cosa… anche il nostro vescovo non cammina scalzo con noi, con i più deboli perché non passeggia con il popolo! Il “piccolo” soggetto è solo un numero, non conta nulla, oramai non fa più scalpore…….noi cittadini comuni siamo destinati a combattere… SOLI !!!!

  19. # Gianluca

    Ve lo auguro anche a voi con tutto il mio bene

  20. # Gianluca

    Ti ringrazio comunque lo stesso ed alla fine hai pure ragione………….ma la vita a volte incalza in maniera presuntuosa ed imponente che per un attimo mi sono sentito un alieno……..penso penso e penso………………per mia Moglie e non a me !!!!

  21. # Gianluca

    Grazie anche a te amico mio

  22. # Gianluca

    è più bello nn sentirsi soli………………Grazie a tutti Voi ed al Giornale
    Gianluca e Famiglia

  23. # Marco A.

    Non sono assolutamente d’accordo con il tuo gesto. Ritieniti fortunato perchè te una casa ce l’hai…..a 20 euri al mese!! C’è chi sta peggio di te e non va in giro a FAR FINTA DI DARSI FUOCO.

  24. # Gianluca

    Grazie “orabasta” grazie di cuore

  25. # minnie

    Capisco il problema ed il dolore ed anche l’attimo di disperazione ! Certo, quando uno non sa più come farsi ascoltare dalle istituzioni, arriva anche a compiere gesti plateali pur di diventare visibile. Ma mi chiedo…puo’ servire?? Forse a tutti quanti sfugge che per lo stato noi esistiamo solo quando paghiamo tasse od altro…poi torniamo invisibili. Credo che l’unico modo sia inventarsi qualcosa…(chiedere in gruppo ovviamente) di avere disponibilità di uno dei tanti spazi di proprietà del comune e magari allestire lì una qualche attività attingendo dall’esperienza lavorativa di chi compone il gruppo ed agire in proprio. Era quello che facevano i nostri nonni…prima che lo stato decidesse di vampirizzare i cittadini!

  26. # nadia

    ciao gianluca, ti sono nel cuore, capisco la tua situazione e questa indifferenza totale mi fa una rabbia !!!!! Sembriamo delle formiche impazzite, ognuno pensa solo per se, Aiutarti economicamente non posso ma posso darti qualcosa di carino per ognuno dei tuoi bimbi dal mio negozio, sempre se ti fa piacere, a presto!!!!! scrivi per intero il tuo indirizzo e-mail e ti scrivo in privato.

  27. # princi53

    caro Gianluca, purtroppo per noi italiani il diritto al lavoro ce lo hanno tolto e con questo la nostra dignità, per poi darlo in dono agli extracomunitari, mentre per i rom ci sono case e bollette pagate. Questa è l’Italia, razzista al contrario. Vi auguro che qualcuno vi dia quello che dovreste avere di diritto.Un abbraccio a te e famiglia

  28. # Pasquale

    Gianluca ti auguro di uscire presto da questo tunnel con le tue forze cosicchè tu diventi un esempio per molti parassiti di questa società che si lamentano perchè magari non hanno l’aria condizionata in ufficio.
    In bocca al lupo di cuore.

  29. # Mario

    Coraggio Gianluca, non perdere mai la speranza.
    Spero che presto tu possa travare un impiego.
    un grande in bocca al lupo !

  30. # tiziana

    ti ho mandato un messaggio su fb,ma non so se è la tua pagina..se è la tua e vuoi rispondermi,mi fa piacere

  31. # Crociato

    Rifondazione Comunista, SEL, PD, il Santo Padre, tutti quelli che dicono di difendere il popolo… perchè non sono a casa di questa famiglia ad aiutarli, invece di passare il tempo a preoccuparsi dei clandestini, a liberare i criminali di galera con il decreto svuotacarceri e a votarsi indennità e pensioni d’oro in Parlamento?

    Caro Gianluca, in bocca al lupo, ma sei nato con il passaporto sbagliato in questo paese…

    Di noi lo Stato si ricorda solo il giorno che si pagano l’IMU e gli F24…

    Vedrai che se lavoravi e ti dimenticavi di pagare 10 euro di qualche tassa, come facevano presto le Istituzioni a bussare alla tua porta.

  32. # Gianluca

    Grazie Mario grazie davvero auguro anche a te tutto il bene di questo mondo

  33. # Gianluca

    Certo Marco forse hai ragione anche tu..chissà !!! Sono quello a cui hai dato il tuo pensiero

  34. # kamui

    il fatto è che la crisi è scoppiata ora, da due anni diciamo, dopo un periodo di (illuso?) benestare: trovo sbagliato anche “pretendere” un posto di lavoro, le azienda affogano, falliscono e fanno salti mortali per stare in piedi. Un dipendente costa 30.000 euro l’anno, tra stipendio, contributi, e cazzi e mazzi: minacciarsi di darsi fuoco lo vedo proprio come un ricatto, verso comunque persone imprenditori che non possono permettersi un posto in più di lavoro.
    Ripeto, ti capisco, sono solidale, ma non per questo approvo gesti estremi che sembrano ricatti. Mia sorella prende 650€ al mese, è separata, ha un figlio e un mutuo: che dovrebbe fare? Anche lei si è vista ridurre di 1000€ lo stipendio di punto in bianco.
    Mi auguro cmq che tutto si risolva per il meglio, un grosso in bocca al lupo

  35. # alla frutta

    kamui te credi che Gianluca non abbia provato con le maniere semplici a farsi notare da chi di dovere? purtroppo è cosi… vai in qualsiasi sportello pubblico a far valere le tue ragioni e manco ti guardano… ci ritorni e arribarti le scrivanie e batti pugni sui tavoli, allora ti fanno accomodare e ti chiedono qual’è il tuo problema… funziona cosi in Italia, con le buone non si ottiene una mazza…. non dovrebbe essere ma è la pura realtà dei fatti. Io personalmente mi sono trovato ad avere a che fare con Inps ed Agenzia delle entrate per una pratica che avevo ragione al 1000 x 1000 ma quando ci sono andato a chiedere spiegazioni in maniera civile mi hanno risposto picche, quando ho alzato la voce e mi sono rivolto alla commissione tributaria se la sono fatta sotto ed in un secondo mi hanno risolto tutto…

  36. # alla frutta

    Caro Federico non so chi è che ti ha messo il pollicino verde, ma te e loro dovete vergognarvi… 4 anni fa il problema lavoro non c’era e tanto meno 10 e 8 anni fa quando sono nate le prime due bimbe a Gianluca. Il tuo discorso andrebbe bene se Cristina fosse in attesa di un bambino adesso, ma 10 anni fa 8 anni fa 4 anni fa chbi se lo aspettava di trovarsi in questa situazione? rimangiati tutto quello che hai detto se vuoi fare un bel figurone, altrimenti fai bene a non fare figli perche con te farebbero vitaccia…

  37. # alla frutta

    Gianluca sono dalla tua parte e se hai bisogno si va a fare la spesa per te e la tua famiglia e te la pago io… ma non mi parlare di dio e di benedizioni perche se veramente esisteva un dio te non eri in questa situazione.. ti sono vicino col cuore e col pensiero e , ripeto anche fisicamente se ne hai bisogno, ma lasciamo stare dio, gesu la madonna e tutto il primo novembre…

  38. # Nemoss

    È la realtà di tutti i giorni! Ma ad ogni problema c’è sempre una soluzione senza dover pensare a quelle più estreme!

  39. # alinoooooooooo

    caro gianluca con questa gente il silenzio è la miglior risposta
    vai avanti è non mollare maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  40. # livorneseDOC

    Spero davvero che le cose migliorino per te e la tua famiglia. Cercate di andare avanti e non vi scoraggiate, per i vostri bambini. E non ci far preoccupare con altri gesti eclatanti perche’ senno’ sommi soltanto altri problemi. In bocca al lupo per tutto.

  41. # Graziella

    Gianluca è disperato non solo per la mancanza del lavoro, ma anche per la malattia della moglie. Purtroppo in questi casi uno si sente inutile e la voglia di farla finita viene in testa. Anch’io ho passato dei momenti molto tristi(disoccupazione e malattia sia mia che di mia madre), tanta disperazione e dalle istituzioni scena muta, ti senti invisibile. Gianluca, pensa ai tuoi figli, tua moglie ha bisogno del tuo sostegno per combattere la malattia, forza, e come sostiene “allafrutta”, anch’io sono disposta ad aiutarti, fai aprire un c/c dalla redazione di QUILIVORNO, versamenti volontari. Abbiamo sempre dato per tutto e per tutti, ci saremo anche per te e la tua famiglia.

  42. # Graziella

    Sindaco, Vescovo, Provincia, invece di pensare a effetto venezia, la festa dell’unità, gli extracomunitari, i room ecc…..impegnatevi per risolvere i problemi di noi livornesi, troppi disoccupati e disperati che si sentono abbandonati da coloro in cui hanno creduto e minacciando di compiere gesti estremi cercano di attirare la vostra attenzione.

  43. # gianbruscola

    con quel bel cognome tedesco il sig. teitscheid dovrebbe emigrare e chiedere l’harz IV

  44. # Demetrio Paraculis

    smettiamo di aspettarci che qualcun’altro risolva i problemi per noi e smettiamo di pensare che tutti i problemi siano indipendenti dalla nostra volontà!!! Livorno è una delle città in Italia, lo è da tempo immemore per la verità, a più alta percentuale di assenteismo per malattia, infortuni sul lavoro e malattie professionali. Siamo d’accordo che la crisi c’è e che la situazione non è rosea ma le aziende di profilo nazionale e internazionale è da anni che non investono a Livorno, da ancora prima della crisi globale!!!!! Se questa città non tornerà ad avere voglia di produrre e di rimboccarsi le maniche non usciremo mai da questo loop involutivo!!!!

  45. # Antonella

    Evitiamo le polemiche, vi prego, qui ne va della vita di 5 persone di cui 3 bambini innocenti che hanno diritto a un futuro migliore. Ricordiamoci che può capitare ad ognuno di noi, perdere il lavoro e sentirsi privati della dignità. Purtroppo non ho un lavoro da darti, facci sapere come possiamo comunque darti una mano. Nel frattempo ti dico: non mollare mai! Per i tuoi figli, per tua moglie e anche per te.

  46. # Alì

    Caro Gianluca,
    confesso che sono almeno quattro anni che penso praticamente ogni giorno a come togliere il disturbo. I problemi maggiori sono dove trovare il coraggio per un atto così contro natura e come non caricare per il resto della loro vita i miei due figli di un fardello così orribilmente pesante. Se mai dovessi decidermi vorrei tanto portare con me alcuni politici, di cui non faccio i nomi altrimenti crociato si offende, che hanno passato gli ultimi venti anni cercando nuovi modi per moltiplicare i loro milioni di euro. A meno che qualcuno non mi faccia avere un modulo di adesione alle brigate rosse…

  47. # Gianluca

    Grazie Alinooooooooooooo è bello nn esser soli

  48. # Gianluca

    Ciao Alla frutta, non so come ringraziarti del pensiero, purtroppo sì, ne avrei bisogno questa è la mia email…………
    [email protected]
    è assurdo che dobbiamo aiutarci tra di noi quando ci sono le persone apposta per farlo ma pensano solo a rubare lo stipendio !!!!

  49. # Gianluca

    ahahahahaahahah ganzo sei alla frutta…………grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
    ben detto!!!

  50. # Gianluca

    crepi

  51. # Gianluca

    Grazie Graziella, ho chiamato la redazione ke mi ha consigliato di darti il mio iban se ti fa piacere ti lascio la mia mail
    [email protected]
    nn so cosa dirti………….non so come farti capire di quanto sia importante per la mia Famiglia il tuo gesto…………GRAZIE GRAZIE GRAZIE

  52. # Gianluca

    Grazie Minnie

  53. # Gianluca

    Grazie Princi speriamo che cambi la nostra Italia e che ritorni ad essere quella che era…………….tanti auguri anche a te

  54. # Gianluca

    Grazie Pasquale ci spero ed io c’ è la sto mettendo davvero tutta

  55. # Gianluca

    Grazie Mario crepi il lupo
    un abbraccio a te e Famiglia

  56. # Gianluca

    ciao Tiziana, grazie mille per il tuo pensiero, no, nn è il mio fb ma se mi permetti ti posso lasciare la mia email
    [email protected]
    Grazie infinite per la solidarietà tua e di tutti gli altri

  57. # Gianluca

    Parole sante le tue
    Grazie davvero Crociato

  58. # Gianluca

    certo Nemoss forse hai ragione
    grazie

  59. # Gianluca

    Crepi il lupo
    Grazie tante Livornese Doc

  60. # Gianluca

    Grazie Graziella speriamo che almeno qualcosa cambi e non solo per me ma per tutti quelli che sono nelle stesse mie situazione

  61. # Gianluca

    Grazie infinite Gian, il welfare Tedesco è una realtà completamente diversa dalla nostra…………..ma sai, ci stò pensando seriamente a ciò ke hai detto
    Un abbraccio

  62. # Gianluca

    Grazie di cuore Antonella per il tuo pensiero… che dirti, ora ho bisogno di tutto..

  63. # Gianluca

    Non lo fare…………poi ti denunciano per procurato allarme………….mi dispiace per la tua situazione e ti comprendo molto bene…………..che Dio ti assista

  64. # susy

    Ne hai 4 figli gian luca non te lo scordare

  65. # memedesima

    cercherò di essere più concisa e diretta possibile, sebbene mi devo mio malgrado trattenere dall offendere quelle persone che hanno messo pollici rossi e citato commenti come: perché hai 3 figli allora? è un gesto per tirare attenzione, ecc… vi dico solo che voi non potete nemmeno immaginare che cosa voglia dire vivere in una situazione del genere, se chiudete l occhi, non arrivate nemmeno lontani all idea di una vita cosi dura.
    io sono figlia, mia madre lavora come commessa è l unica ad avere un lavoro fisso in casa, io lavoro a chiamata e faccio le pulizie cessi compresi, mio padre da quando ha incontrato un tumore non è più stato chiamato a lavoro perché visto come un peso. io sono sicura che tu abbia fatto solo un gesto , e se sentivi che questo potesse darti una mano, e darti più visibilità: hai fatto bene! le persone che sanno cos è veramente la sofferenza sono quelle più forti , quindi stringi i denti e sii come sono i miei genitori per me; un eroe per i tuoi figli. forza Gianluca e forza a tutti quelli che sanno cosa significa! un abbraccio.

  66. # Gianluca

    Grazie Memedesima…………….parole sentite le tue, grazie ancora e tanti, ma tanti Auguri per tuo Padre e per tutta la tua Famiglia

  67. # Gianluca - omonimo

    ciao a tutti, non sono lo stesso Gianluca dell’articolo

    @Gianluca, ma via, basta frignare ! la sua situazione è brutta, certo, ma credo d’esserci solo lei ?

    i disoccupati in Italia sono milioni e purtroppo anche coloro che devono lottare con malattie terribili

    questa discussione è patetica, è come se Lei cercasse la compassione degli altri. Ringrazia quasi senza neanche aver capito cosa le stanno scrivendo le persone, ha perfino ringraziato Crociato che ha solo sfruttato l’ennesima discussione per dar sfogo alla sua xenofobia.

    da Gianluca a Gianluca il mio consiglio è : fuori le palle e basta piangersi addosso. Sia d’esempio ai suoi tre figli e non frigni che tanto non ottiene nulla.

    Il lavoro lo si trova ma deve uscire da livorno a meno che non abbia una conoscenza che l’aiuti a trovarlo in città.

    Le faccio tanti auguri per la malattia di sua moglie ma lei non si perda d’animo e reagisca da uomo e non da bambino.

  68. # Marco A.

    L’eroe non va a far finta di darsi fuoco con la bottiglietta di benzina in mano. Io non sarei molto orgoglioso di mio padre se in un momento di grande difficoltà avesse cercato (fatto finta) di darsi fuoco.

  69. # alexiamelissa3

    cara susy ma non è che ce ne abbia 3 o 4 o 5 figli gianluca è sempre una persona disperata che ha bisogno di aiuto e voi siete li ha criticare te come gli altri capito carissima bye bye …..

  70. # zero

    io vorrei dire mille cose ma come si dice a livorno i discorsi li porta via il vento e le biciclette………….. io direi che invece di fare tanti discorsi su chi è più o meno disperato …. vorrei solo che vi trovaste davvero in una situazione come questa senza avere i soldi per fare la spesa per i vostri figli….. siamo tanti basta comprare un pacchetto di sigarette in meno una settimana senza caffè al barre…. domani invece di mangiare la fetta di carne mangiamo dù ‘ova e aiutiamo questo ragazzo io da parte mia ci metto una spesa biscotti latte merendini pasta …. insomma una spesa non è tanto per una persona ma tutti insieme si fa la spesa per una settimana un lavoro non posso dartelo anche mio marito è in cassa integrazione ma lo faccio con il cuore facciamolo tutti facciamolo per i bambini pensando a loro come se fossero i nostri. Gianluca ti chiamo al numero che hai dato….. baci

  71. # Gianluca - omonimo

    a me il tuo sembra però un discorso condito con molta ipocrisia. Qui si levano animi umanitari perché avete direttamente la persona in difficoltà ma lontano dagli occhi, lontano dal cuore.

    il mondo ha 1 miliardo di persone affamate ed ogni giorno ci sono 10.000 bambini (dato Unicef) che muoiono solo per la sete o per l’accesso esclusivamente ad acque contaminate.

    Eppure loro non si danno fuoco, loro non hanno quilivorno che scrive un articolo e non hanno “zero” che si elige a paladino della solidarietà.

    quante chiacchiere. Viviamo benissimo e ce ne sbattiamo di 1/6 del mondo intero solo perché non è di fronte ai nostri occhi. Poi un concittadino si dà fuoco e tutti solidali… ma se si fosse dato fuoco già a Collesalvetti non ve ne sarebbe fregato niente.

    a me dispiace tantissimo per la malattia di sua moglie perché quella è una vera tragedia della vita ma per il lavoro, basta assecondare i piagnucoloni, altrimenti poi per trovare lavoro, al posto di essere preparati e preparare un buon CV, dovremmo tutti darci fuoco.

  72. # zero

    fatto…. ho chiamato… ho chiesto l’indirizzo poi 15 minuti al supermercato … non sono voluta andare nemmeno a casa sono scesi i bimbi a prendere la spesa…. qualcuno mi ha detto…spero che non ti abbiano preso in giro …. secondo me non hai fatto bene magari stanno meglio di te. Non lo so …. ma ha fatto bene a me.

  73. # anonimo_livornese

    gianluca, mi puoi lasciare un riferimento per aiutarti ? (cod. iban, indirizzo per un vaglia ecc.) La mia e-mail è: [email protected]

  74. # Gianluca

    ho tanta voglia di gridare la mia rabbia……………..ho bisogno di aiuto
    grazie Zero che tu sia benedetta

  75. # Gianluca

    no comment…………..mi dispiace solo che abbiamo lo stesso nome………..

  76. # Gianluca

    certo, sei tu l’ eroe……..sei contento ora

  77. # Gianluca

    Buonasera Anonimo, spero di poterti conoscere un giorno e festeggiare dei vecchi ricordi, te come tutti gli altri Signori e Signore che mi hanno commentato, sia nel bene che nel male

  78. # Gioacchino

    Carissimo Gianluca, ho sempre lavorato è un parolone…. Dillo a chi non ti conosce

  79. # Gianluca

    Sei sparita…. lasciando il tuo contributo in assoluto anonimato, per un attimo sono rimasto lì…. poi ho capito!!! Hai fatto un gesto stupendo ed oltre aver appagato la tua coscienza, hai dato da mangiare ad una Famiglia intera…. Grazie di cuore e stia tranquilla, la mia brutta realtà è vera e non sto meglio di Lei comme qualcuno ha osato a dire

  80. # una cittadina

    ..toh chi si rivede.. Una volta è montato sul tetto del comune,una volta è andato al monumento di ciano.. sempre avvisando prima forze dell’ordine e giornalisti.. Aiutatelo..fate bene,non dico di no..quei poveri figlioli devono mangiare..ma Lui???.. ora ha scoperto che funziona il giochino..e quando serve..tac.. ps

  81. # Gianluca

    devi solo vergognarti

  82. # Gianluca

    gioacchino non ti permettere

  83. # ivo di bodda

    le sono nel cuore Gianluca soprattutto per sua moglie…per il resto cerchi di eliminare il superfluo; via internet, via cellulari……tutto fa.

  84. # zero

    mi vergognavo … non volevo sembrare la buona samaritana che porta i doni e farsi dire grazie….. specialmente davanti ai bambini. mi sarei sentita fuori luogo. un abbraccio a tutti voi e un grande in bocca al lupo per tutto il resto e se non ti avessi creduto …. quei soldi come si dice a livorno … li avrei mangiati di pane e torta …. ciao a presto e spero di avere buone e nuove notizie da te … abbraccio tua moglie e i tuoi splendidi figli.

  85. # zero

    ti rispondo solo che io non voglio eligermi a paladino di un bel nulla …. ho scritto quello che ho provato e nel mio piccolo ho contribuito senza salvare nessuno purtroppo . non posso salvare il mondo non posso salvare i bambini del terzo mondo ma dal salvare il mondo e rimanere indifferente a tutto quello che accade nella mia piccola vita c’è una via di mezzo …una piccola via…. io mi ci sono solo affacciata .

  86. # Gianluca

    Grazie Ivo, la connessione mi serve sempre per cercare lavoro ed inviare email, ma non è la mia è a nome di un altro

  87. # Gianluca

    Grazie zero, non dar retta ai discorsi, c’ è gente invidiosa anche delle disgrazie

  88. # Gianluca

    Hai fatto tanto credimi, ma ti aspettiamo a casa e nOn solo per dirti grazie ma sopratutto guardare in faccia una persona magnifica come te

  89. # del nista

    e se questo benefattore un giorno decidesse di impostare la chiave wep come fara’ ad inviare le mail ?

  90. # Gianluca

    Grazie di cuore anke a te Nadia che con il tuo negozio di abbigliamento “Staccia Burraccia” di p.zz della repubblica, hai donato ai miei figli del bellissimo vestiario e seppur mi hai pregato di tacere, io ti frego e ti ho ringraziato pubblicamente…….grazie dal più profondo…………….ah! La roba è stupenda davvero.
    Ciao e buona giornata

I commenti sono chiusi.