“Salviamo Salviano”, incontro “segreto” fra residenti e circoscrizione 4. Cambiano i sensi unici

I cittadini nel corso dell'assemblea hanno chiesto l’installazione di alcuni dissuasori

Mediagallery

di Francesco Sorrentino

Si è svolta la settimana scorsa nei locali del circolo Carli di Salviano l’assemblea di quartiere che ha visto le istituzioni a confronto con un folto gruppo di residenti per trovare una soluzione ai disagi di viabilità in via di Salviano, vivono quotidianamente e che da tempo evidenziano.
“Il motivo alla base della nostra protesta – dice Sandra Borrelli, una delle portavoce del gruppo dei cittadini – non e’ quello di conferire ai residenti di questo quartiere un confort maggiore rispetto ad altre zone della città altrettanto caotiche, noi vorremmo solamente che ci venisse data la possibilità di sentirci sicuri entrando ed uscendo dalle nostre case senza essere in pericolo percorrendo a piedi questa via. Il nostro obiettivo, già segnalato nell’esposto presentato agli uffici competenti del Comune, è quello di sensibilizzare le autorità affinché regolino e predispongano tutte le misure necessarie a garantire una vivibilità quantomeno consona ai residenti di questa via”.
I cittadini stessi hanno cercato di trovare soluzioni temporanee chiedendo, ad esempio, l’installazione di alcuni dissuasori che possano funzionare da deterrenti come anche gli autovelox, scoraggiando i “piloti dal piede pesante” a percorrere la strada con eccessiva velocità. Piccole attuazioni, dicono, che potrebbero dare grandi risultati visti i troppi disagi esistenti: ristagni di acqua piovana, reflussi fognari, inquinamento acustico, dell’aria e addirittura circolazione vietata dei mezzi pesanti.

A dare risposta ai cittadini è intervenuto il presidente della Circoscrizione 4 Federico Pini il quale ha evidenziato la reale necessità di intervenire concretamente su questa strada, la cui esistenza risulterebbe addirittura antecedente al XVI secolo, che un tempo era percorsa solamente da chi, dalle campagne in periferia, voleva raggiungere il centro cittadino di Livorno. Oggi la circolazione su questo tratto stradale è ben altro, difatti l’enorme sviluppo dei quartieri periferici, come ad esempio La Leccia, La Scopaia, Salviano 2 e Borgo di Magrignano ha innalzato esponenzialmente il carico circolatorio su questa importante arteria creando non pochi disagi ai residenti di questa zona. “La soluzione per alcuni di questi disagi – continua il presidente Pini – sarebbe quella di veder finalmente realizzata l’asse di alleggerimento del quartiere di via Impastato -via Conti, la cosìddetta Bretella di Salviano. Data l’urgenza della questione ed in attesa di provvedimenti sostanziali di rifacimento del manto stradale dovremmo pensare di intervenire in altro modo. Faremo richiesta al Comune di intervenire, di concerto con gli organi tecnici interessati, sulla viabilità predisponendo nuovi sensi unici e divieti per scoraggiare parte di quello che è il flusso di traffico in attraversamento. Chiederemo di intensificare i controlli da parte delle forze dell’ordine sulle velocità e sulle soste selvagge e richiederemo che venga effettuata una pulizia straordinaria per liberare le vie d’acqua sottostanti al manto stradale”.
Ad intervenire al dibattito, nel corso della serata, anche Valerio Ferretti, Presidente del Circolo PD di Salviano, e Fabio Altini, responsabile Urbanistica U.C. Livorno, che hanno voluto sottolineare quanto il rapporto tra cittadino ed istituzioni sia necessario per un corretto equilibrio della società.
Nuovo appuntamento fra cittadini e istituzioni a fine febbraio.

 

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # sandra borrelli

    per il momento messi solo dei cartelli, ancora nascosti, per senso unico verso nord tra via costanza e via dei pelaghi. nel tratto successivo non cambierebbe niene e si appesantirebbe solo va seconda! proposto cambio di senso unico in via dei pelaghi con divieto di accesso all’incrocio di via dei pelaghi verso sud. a mio parere solo così si incentiverebbe il non uso della via di salviano, a costo zero e senza grandi danni!
    sennò non ci siamo capiti!!!

  2. # emme

    Intanto si deve rilevare, l’inopportunità di aver aumentato le problematiche con gli incroci in prossimità di via di Salviano /Via Costanza accesso nuovo quartiereB.Magrignano (occorrerebbe impedire svolta direzione nord verso via Costanza (c’é la rotonda cento metri dopo) e, Via di Salviano/Via V. Benedetta (mettere senso unico con divieto di svolta per chi va da V. di Salviano verso La leccia. Non sembra difficile.

  3. # Pino

    Sempre a rattoppare le cose fatte male da chi da 60 anni governa questa città. Si fanno nuovi quartieri e non si prevedono strade. I soldi degli oneri urbanistici però li hanno incassati. Ora alle prossime elezioni tireranno fuori il populismo di Grillo e Berlusconi pregiudicato e via tutti a votare sinistra.

  4. # aquilone61

    Allora la cittadinanza ha solo valore se del PD, perchè la riunione al circolino l’hanno saputa pochi intimi, tanto solo loro comandano e solo i loro hanno i diritti! poi anziche andare dietro alle lucciole, perchè non si è fatto il sottopasso in via di salviano e in via dei pelaghi e si costringe tutta la città a passare da via di salviano invece di dare sfogo al quartiere che, come detto, sta scoppiando e basta il sottopasso allagato e non si esce più da li? invece di inventarsi le stupidaggini perchè non si fa la strada dietro via dei pelaghi che raccorda con la ASL e porterebbe a tagliare fuori tutta la via di salviano più vecchia, stretta e impraticabile con il flusso di traffico attuale? Ci vogliono gli scenziati per questi problemi, vero?

  5. # elisa

    L’importante poi sarebbe rispettare sensi unici. Ci vogliono telecamere e dei rallentatori…!! Solo il senso unico farà ben poco visto che già esisteva . Ed esistevano solo incidenti

  6. # sandra borrelli

    Se posso permettermi una precisazione…l’incontro non era segreto. Pubblico, organizzato in fretta e furia con pochi giorni di preavviso, ma aperto a tutti e in un pubblico locale. Giusto per correttezza!

  7. # sandra borrelli

    guarda che i firmatari ed i presenti non sono tutti del pd!!! te lo posso assicurare! siamo cittadini che vogliono i loro diritti! il prossimo incontro sarà pubblicato con anticipo e reso più pubblico! ti aspettiamo!!

  8. # armax

    …… si può sapere chi è che decide e per quale motivo vuol far rimettere questo senso unico???
    Servirà soltanto a spostare nuovamente tutto il flusso del traffico in via Costanza e poi in via dei Pelaghi e file interminabili all’incrocio in via di Salviano al circolo Carli…..
    E poi, come succedeva in passato, in molti “bucavano” il divieto di accesso che permetteva di evitare circa 1 km di strada in più e code anche di 20 minuti…
    Inoltre, avendo chiuso anche il sottopasso FS alle due ruote, tutto questo traffico si è riversato verso via Costanza ingolfando tutta la zona del sottopasso Via dei Pelaghi verso Coteto……provate a passarci verso le 17—18.
    Personalmente abito proprio in via di Salviano, nel tratto tra via Costanza e via Haiphong e con queste cervellotiche scelte ho raddoppiato i Km da percorrere e perdendo molto tempo nel traffico, così siamo tagliati fuori da tutte e due le parti…
    Tante grazie a chi ha imposto queste scelte…..e ripeto….a cosa servono???

  9. # armax

    siccome abito proprio in questa zona, mi piacerebbe essere a conoscenza delle varie iniziative e incontri. Come informate i cittadini coinvolti??

  10. # mauro

    I residenti hanno chiesto il senso unico per ridurre il traffico? Bravi, però il progetto è monco, è anni che l’edilporto deve costruire il ponte dietro la motorizzazione ed il Comune non ne impone la costruzione, ora ci sarà più smog nel tratto davanti alla motorizzazione

  11. # max

    Ma cosa aspettano ad aprire la strada da via dei pelaghi-distretto sanitario ?
    Pensano ai sensi unici, non si rendono conto che il traffico e’ tutto convogliato in una strada vecchia piu’ di cento anni e con una carreggiata strettissima !
    Che citta’ da terzo mondo e’ diventata Livorno !

  12. # sandra borrelli

    I residenti non hanno chiesto quel senso unico! Secondo noi non cambia niente, ma anzi peggiora le cose! La bretella per ora non si fa…la edilporto non ha lasciato soldi per completare le opere e i due spiccioli raccimolati servono per aiutare le famiglie di salviano 2…. Stiamo a vedere che cosa ci diranno di nuovo a fine febbraio!3

  13. # sandra borrelli

    l’inizio della raccolta firme dell’esposto era stata gentilmente pubblicata da Quilivorno. In più nei negozi del quartiere erano stati messi degli avvisi e anche là si poteva sottoscrivere l’esposto. L’assemblea era stata resa nota ai residenti con degli avvisi attaccati lungo la strada e dentro ai condomini. in più girava su FB. Se ti fa piacere partecipare chiedi l’amicizia su FB o controlla gli aggiornamenti su Quilivorno. Oppure la macelleria Centro carni di salviano in via di salviano (all’incrocio tra via del giaggiolo e via di salviano) è un altro ottimo punto di riferimento!

  14. # ugo

    perchè un fate una zona pedonale anche li… magari collegata direttamente con a Piazza Grande con una corsia solo pedonale??? Vi garba come idea????

I commenti sono chiusi.