Piazza Mazzini, spunta cartello-sfottò contro la potatura. FOTO. E l’obelisco? Sempre transennato

Mediagallery

Sta facendo discutere la decisione del Comune di abbattere 13 platani in piazza Mazzini. Dal canto suo, l’amministrazione ha spiegato che sono malati e il fungo potrebbe attaccarne anche altri e che quindi il provvedimento è necessario. Ad ogni modo, questa scelta non è stata gradita tanto che qualcuno ha attaccato ad uno degli alberi da abbattere un cartello con scritto: “Primo premio, motosega impazzita, al Comune di Livorno”. Il Comune fa sapere comunque che ne saranno impiantati di nuovi. Nell’attesa, da segnalare che è stato soppresso un attraversamento pedonale in quanto termina di fronte ai lavori per la Porta a Mare, ma soprattutto è da registrare che l’obelisco risulta ancora transennato. Quanto tempo si dovrà aspettare ancora?

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # kyrill

    Questo è solo fare polemica senza conoscere il problema. Il fungo che causa il cancro colorato è molto contagioso e la lotta è OBBLIGATORIA in tutta la nazione (d.m. 17 aprile 1998), che all’articolo 4 recita testualmente “Le piante infette e quelle immediatamente adiacenti debbono essere rapidamente ed obbligatoriamente abbattute ed eliminate, compreso tutto il materiale di risulta […] I platani colpiti dal cancro colorato ed i loro contermini devono comunque essere abbattuti, anche se tutelati da altre norme legislative, dandone comunicazione a tutti gli uffici interessati”.
    Quindi sarebbe meglio conoscere le cose di cui si parla e non scrivere cartelli assurdi in nome di uno pseudoambientalismo che causerebbe più danni del problema, già di per sé molto grave

  2. # paolo cherici

    Penso invece che almeno su questo il comune abbia fatto un buon lavoro, visto che sono state rimesse piante giovani al posto di quelle malate, solo che vedo inopportuno da agronomo aver messo piante grandi esagerate e non da parco pubblico vicino al mare avere messo gli olmi in questa piazza, piante esageratamente grandi, che soffrono il salmastro e facilmente si possono ammalare con il rischio di far cadere con pericolo rami sul pratino…

  3. # G

    più che altro mi sembra ridicolo che l’obelisco sia transennato da anni!! non sarà certo un monumento meraviglioso… ma con le transenne fa veramente ca…re!!!

  4. # salvalivorno

    L’obelisco è vergognoso sarebbe da demolire subito

  5. # Davide

    Meno male ti chiami SALVAlivorno…
    quell’obelisco è una fontana fatta da Pasquale Poccianti nel 1844 ca, ed è conciato così perche nessuno ha mai pensato di restaurarlo,
    anzi fu segato decenni fa perchè era pericolante (ma va’).
    Quanto agli alberi, può anche darsi che siano malati, ma mi piacerebbe sapere se lo sono per via delle potature irrazionali fatte nei decenni passati.
    Sono solo due esempi di come viene tenuto il patrimonio monumentale e arboreo della città, se ne potrebbero fare moltissimi altri, sicchè avanti d’essè pari con le critiche…

  6. # Paolo MURA

    Comunicati Stampa
    Scritto da Ufficio stampa del Comune di Livorno
    Lunedì 23 Novembre 2009 22:41
    OBELISCO……………tecnici della protezione civile del Comune stanno provvedendo in queste ore al transennamento del manufatto…….
    ……….il transennamento della zona deciso dal Comune, in attesa di un pronunciamento da parte della Soprintendenza di Pisa in merito all’intervento da effettuare alla guglia…….Tutto questo nel 2009,

    Distinti Saluti

  7. # francesco

    Le potature selvagge hanno aiutato senz’altro la diffusione.
    Anche in via Garzelli in Collinaia c’è una pianta affetta, mentre tutte le altre sono colpite da mal bianco… sarebbe un vero peccato veder sparire un viale che, oltre alla sua valenza storica, riduce in estate notevolmente la temperatura della zona sottostante.
    Il problema è che l’olmo non è proprio il massimo…

  8. # Triglia

    Poichè ti ritieni un “salvalivorno” devi conoscere il significato degli obelischi.Furono messi a difesa degli abitanti che viveno nei paraggi delle mura. Poichè la gittata massima dell’artiglieria era abbastanza limitata(poche centinaia di metri) alla fine di questa veniva posto un obelisco in modo che le persone potessero essere salve costruendo le loro case!!! Infatti dopo tale “accorgimento” le case proliferavano….
    A Livorno ne esitono DUE, l’altro è a “fiorentina” ma ha più un significato politico(venuta a Livorno di Napoleone III) che di difesa…Spero che non venga abbattuto perchè ha una storia!!!!

  9. # Teseo

    Caro signor “copia e incolla”, copia tutto, anche dove si dice che è possibile curare…

  10. # Teseo

    Prima di tagliare si cura. Era DA TEMPO che le piante erano malate e lo si vedeva bene. Nel dedicato a questa malattia (http://www.technogreen.it/ceratocystisfimbriata.html) c’è scritto anche che spesso ” è possibile un risanamento tagliando la parte ammalata almeno 30 cm al di sotto della fine dell’imbrunimento dei tessuti “.
    Non si può andare avanti bovinamente a colpi di legge.
    Inoltre, se non sono stati attenti alla diffusione della segatura durante il taglio, attraverso quella si ammaleranno anche tutti gli altri platani di piazza Mazzini.
    Ma forse a qualcuno danno noia gli alberi di piazza Mazzini.

  11. # Teseo

    A chi? La risposta ai lettori.

  12. # Kyrill

    E dove sarebbe scritto che si può curare? Qunato al copia e incolla, non mi sembra di aver detto che era una mia opinione, ma che citavo testualmente un articolo di un decreto ministeriale.
    Se vuoi fare il (pseudo)ambientalista vai fino in fondo e cita tu quello che avrei omesso io. Però magari cita anche la fonte (attendibile) che sostiene questa cosa

  13. # Stefano L

    Grande Triglia… se si potesse ti darei 100 manine verdi.

  14. # leone

    Signor Triglia, la ringrazio per la notizia sull’obelisco, ma non mi è chiaro se l’eventuale cannonate dovevano venire da mura ( peraltro inesistenti) amiche o da abitanti del quartiere Venezia e/o OvoSodo contro i detestati Borghigiani,
    Saluti
    Leo

I commenti sono chiusi.