Parkour in città, le nuove acrobazie di Michele. GUARDA

Mediagallery

Dopo il video girato sul Monumento a Ciano e quello al Romito, ecco il nuovo progetto del livornese Michele Silvestri, classe 1990, campione di arti marziali e istruttore alla palestra Zen Club in via Pera, alias Mxtreme, denominato “Parkour e Tricks a Livorno”. Il video è stato girato tra luglio e agosto tra le piazze più conosciute e alcuni angoli un po’ più nascosti, ma comunque interamente in città e lungomare.E così dalla stazione alla A di piazza Attias, passando per la scalinata di Antignano, Michele si esibisce in una serie di acrobazie spettacolari. “Con il parkour – spiega Silvestri – vivi la citta’ in modo unico, alla ricerca di nuovi spazi per migliorare ogni singola tecnica e aumentare la conoscenza del proprio corpo. Con un finale tutto a sorpresa. Rispetto ai video precedenti, questa volta ho voluto inserire un forte messaggio all’interno, che va oltre le tecniche di salto/spostamento e doti atletiche: e se la vita fosse un grandissimo flash back? L’interpretazione del Finale sta al singolo spettatore”.

IL CV DI SILVESTRI
Michele Silvestri può vantare un curriculum di tutto rispetto. Oltre al Parkour insegna freestyle e acrobatica Marziale. Classe 1990, pratica arti Marziali dal 1995. Partecipa 2 volte ai Mondiali a Orlando e Florida e conquista la Coppa del Mondo in Francia nel 2003, secondo posto nel 2004. Vince il Campionato del Mondo WTKA 2010. Atleta dell’anno UNVS 2012 della Citta’ di Livorno. Medaglia d’Argento alla Coppa del Mondo W.A.K.O in Austria, aprile 2012. Tutt’ora detiene il Titolo di Campione Italiano in carica F.I.K.B. nel settore “Musical Forms”. Inoltre è specializzato nel creare Coreografie di combattimento (singole o a squadre, con o senza armi) a tempo di musica.

Riproduzione riservata ©

28 commenti

 
  1. # liburnico

    … non ho capito il finale… il vechietto si suicida???

  2. # Ma Molla

    Ma vai a lavorare!!!

  3. # 4luglio68

    L’assassino è sempre il maggiordomo!!!

  4. # Stefano

    Scusate l’ignoranza ma è un articolo giornalistico o è un annuncio di ricerca per un lavoro ?

  5. # ric

    Nel video non c’è traccia di avvisi quali “necessita preparazione fisica e tecnica specifica”, se spinge all’emulazione qualcuno può farsi male (il 26 Agosto un ragazzo di 16 anni si è sfracellato da 10 metri facendo parkour a Fermo), mi sembra anche poco simpatica la macchietta del vecchietto che si butta dalla spalletta (cosa vorrebbe significare?). Se poi vogliamo dirla tutta più che parkour mi sembrano salti e capriole; il parkour è qualcos’altro.

  6. # Piccolodrago

    Ho appena terminato di visionare i filmati YOUTUBE relativi a tale Silvestri Michele di cui sono decantate le doti atletiche nonchè vari titoli sportivi conseguiti all’interno di misconosciute federazioni. Devo oggettivamente constatare, con infinita tristezza, che di arti marziali non vi è nemmeno l’ombra! In quanto all’acrobatica è a dir poco elementare, qualunque ragazzo praticante la ginnastica artistica agonistica da un paio di anni sa fare sicuramente assai meglio. Quello che ho visto è soltanto aria fritta!

  7. # furio masi

    Michele si espone in prima persona, in tutti i sensi. Perchè non dici chi sei? Almeno comprendiamo come può nascere un commento, a dir poco assurdo e fuori luogo, come il tuo.

  8. # roberto1

    Ragazzo dalle doti eccezionali, senza dubbio, fisicamente preparato, ma concordo con “ric” che parkour sia un’altra cosa, non certo quello che si vede nel filmato !

  9. # furio masi

    “Il parkour (paʁ.’kuʁ), abbreviato in PK, è una disciplina metropolitana nata in Francia agli inizi degli anni ‘90. Consiste nel seguire un percorso stabilito, superando qualsiasi genere di ostacolo vi sia presente, con la maggior efficienza di movimento possibile, e adattando il proprio corpo all’ambiente circostante[1]….” leggendo la definizione ( tratta da Wikipedia ), non posso che riscontrarne la realtà guardando il video. è logico che tali movimenti possono sfiorare il pericolo ma, proprio per questo, si deve usare il buon senso, la tecnica, la stabilità mentale e l’allenamento..tutto ciò che viene evidenziato nel video. Un sedicenne rischia la vita..è vero..dispiace perché si tratta di un giovanissimo, ma lui cercava di imitare i professionisti, senza rendersi conto che professionista non lo era…credo che Michele abbia esperienza da vendere!!!e credo anche che le offese come quella del Sig. ” Ma Molla ” non abbiano base..chi le dice che questo ragazzo già non lavori? Non capisco davvero la coerenza di certi commenti a quel che vede…

  10. # vidalibera

    GRANDEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!

  11. # PoveroMaBello

    Prossimamente faccio un video dove vi fò vedè le capriole che faccio per campà con 927 euro ir mese

  12. # leonardo

    ma non era proibito saltare sulla A dell’Attias anche se attualmente è tutta scritta?

  13. # Gianni

    Senza nulla togliere alla prestanza fisica di Michele mi sembra piu’ un montaggio di spezzoni video in cui esegue una serie di acrobazie ed esercizi ginnici che non una performance di parkour.
    Con questo non intendo dire che non ne sarebbe capace!!!
    Aggiungo anche che io sono legato peggio di Robocop!!!

  14. # Ceccobeppe

    no… va a fa porpi.

  15. # Stefano

    Ad onor del vero,sig. Masi, si tratta di Free Running e non di PK.
    Nel filmato mi sembra si voglia evidenziare più la spettacolarità dei movimenti(tipica del FR)
    a discapito della loro concretezza ed efficienza.

  16. # Alessio

    Infatti con la definizione che hai postato, non si parla di movimenti ginnici.
    Magari potevi solo precisare che comunque c’è scritto parkour e Tricks quindi si include il movimento ginnico.

  17. # Roberto

    Ma invece di rischiare di farsi male, sport seri no?

  18. # Roberto

    Con questo non voglio dire che non sia preparato, ma anche i più preparati possono sbagliare.
    Comunque non condivido questo genere di sport se cosi vogliamo definirlo.
    Mandiamo i nostri figli a fare altro “Tennis, Scherma…..”

  19. # nippo

    Che sia agile non c’è dubbi….ma come mai lui viene sempre pubblicato qui o su altri quotidiani, quando ci sono anche altri sportivi, che vengono poco considerati??

  20. # Mario

    Già il terzo video (quindi terzo articolo,corredato ancora del curriculum del sig.Silvestri) che QuiLivorno ci propina. Ma costui è l’unico sportivo nostrano di cui si devo leggere articoli o vedere video delle sue imprese? Davvero a Livorno siamo così a corto di sportivi? Non credo proprio. Sarebbe bello vedere la redazione impegnarsi anche a raccontare gesta e a mostrarci filmati di altri atleti labronici,che ne avremmo parecchi.

  21. # AndreA

    Ahahahahahahah

  22. # liburnico

    ah ah ah questo e’ il meglio commento in assoluto, coniamo un’altra disciplina il
    Parkampa’ 😉

  23. # cioccio75

    Non posso essere d’accordo con te .Posso solo dirti vieni in palestra e prova ….magari capisci qualcosa che a parole non si spiega

  24. # Eljs

    Bravo, ma non mi piace l’articolo. Disciplina ginnica o cosa sia non lo so però ci sono ragazzini che rischiano la vita o comunque di farsi molto male e qualcuno già c’è morto per fare le acrobazie.

  25. # ir mario

    ………..e i danni al pavimento chi li paga? la bravura di Michele? perchè un va a gioà ar cisternino?
    ……….. vi riordante vando venne ammazzato ir pover’omo in piazza attias?
    vesti pseudo-sports si fanno fori dai centri abitati no in una piazza gremita di gente

  26. # Ivo

    Danni al pavimento?? (Dovrebbero quindi pagare tutti quelli che corrono per strada o lungomare???) Piazze gremite di gente?? (vedo solo Michele nel video, senza nessuno attorno=!!) Polemiche inutili per non osservare la realtà dei fatti.

    DANNATAMENTE, gli incidenti accadono.
    NESSUNO dovrebbe morire per una passione, o uno Sport.
    Moto GP, Paracadutismo, Formula 1, Body Building (caso recente del nostro povero concittadino).

    Basta con le critiche,
    pensiamo piuttosto ad indirizzare giovani e meno giovani verso le proprie passioni, magari seguiti da esperti, e far capire al mondo che non è necessario eccedere per mostrarsi, ma basta stare insieme e praticare le proprie passioni in sicurezza per crescere.

  27. # mau

    un buon uso della GoPro! gli esercizi che fa non sono pericolosi…rischiavo di + io in montanbike a capofitto da montenero andiamooo

  28. # Ezio auditore

    Boia..io quasi quasi l’avrei visto bene a fa le rotatorie una dietro l’altra

I commenti sono chiusi.