Multe, sconto del 30% se paghi subito. Ecco la guida per ottenere il beneficio

Il Comune ricorda che i conducenti multati possono effettuare il pagamento on line dei verbali con i servizi offerti dallo "sportello del cittadino"

Mediagallery

Il provvedimento è contenuto nel “decreto del fare” e dà la possibilità a chi decide di pagare entro 5 giorni  dalla notifica della multa di beneficiare di uno sconto del 30 per cento sulla multa. Questa è possibilità è attiva dal 20 agosto scorso e c’è da credere che, tutto sommato, possa far piacere agli automobilisti. Il Comune ricorda che i conducenti multati possono effettuare il pagamento on line dei verbali con i servizi offerti dallo “sportello del cittadino”.
Tuttavia per poter ottenere lo sconto bisogna tenere di conto di alcuni aspetti. In particolare, uno: ovvero i cinque giorni si contano dalla data di notifica del verbale. Qualora la data cada in un festivo i “5 giorni” scattano dal giorno seguente.
Ma vediamo nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere al riguardo grazie a una guida pubblicata dal sito oggi.it.

LE MULTE LE PAGANO TUTTI? No: circa una multa su tre non viene pagata o perché l’automobilista indisciplinato fa ricorso al prefetto o al giudice di pace o perché aspetta la cartella esattoriale, che spesso poi non arriva nemmeno. Ecco perché è stato deciso il decreto dello sconto: l’obiettivo è diminuire la percentuale di multe non pagate, offrendo appunto uno sconto del 30%.

COME SI PUO’ OTTENERE LO SCONTO? Non serve fare alcuna richiesta: dopo aver ricevuto la notifica della multa, si hanno cinque giorni a disposizione per pagare l’importo ridotto.

E SE HO LA MULTA SUL PARABREZZA DELLA MACCHINA? Qui è il primo nodo: la norma appena pubblicata non prevede questa possibilità, ma parla solo di “notifica”. Logica vuole che possa essere applicata la norma più favorevole al cittadino, secondo consuetudine. Altrimenti, bisogna chiedere al vigile (se è ancora nei paraggi) o al comando di polizia che ha emesso la multa di avere la notifica immediata della multa stessa.

SE MI FERMANO, PER ESEMPIO, PER ECCESSO DI VELOCITA’?  Nel caso in cui la multa venga emessa in stato di flagranza, occorre chiedere al vigile di notificare immediatamente la multa stessa. Chiarendo che si vuole pagare entro cinque giorni per poter usufruire dello sconto.

COME SI CALCOLA LO SCONTO?  La riduzione del 30% è da calcolare sull’importo della sanzione prevista dal codice della strada e non anche sulle spese della notifica. E, attenzione: non si può in alcun modo arrotondare l’importo. In caso di errore, si perde lo sconto del 30% e anche il diritto al pagamento in misura ridotta (quello che si applica già oggi ai versamenti effettuati entro 60 giorni dalla notifica). Senza contare che ci verranno addebitati anche i nuovi costi di notifica, con spese e interessi della classica cartella esattoriale. Un esempio: se la multa è di 41 euro, bisogna pagare 28,7 euro, senza sgarrare nemmeno di un centesimo.

SI PUO’ PAGARE CON CARTA DI CREDITO O BANCOMAT? È un’altra novità del decreto. Ma per poterlo fare è necessario che la pattuglia abbia il “Pos” collegato (e chissà quante lo avranno…). In alternativa, si può pagare con carta o bancomat in Posta, banca o alle ricevitorie Sisal.

SU QUALI SANZIONI SI APPLICA LO SCONTO? Lo sconto del 30% è applicato a tutte le sanzioni pagate entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica. Sono però escluse quelle che prevedono la sospensione della patente o la confisca del veicolo (per esempio, andare contromano o fare inversione su autostrade e strade extraurbane principali o guidare in stato di ebbrezza).

CHI PUO’ OTTENERE LO SCONTO?  Tutti gli automobilisti hanno diritto allo sconto. Indipendentemente dai punti della patente residui.

SE PAGO CON LO SCONTO, POSSO PRESENTARE RICORSO?  No. Come avviene anche oggi, una volta pagata la multa (con sconto o senza) si perde il diritto a presentare ricorso contro la multa stessa.

LO SCONTO VALE ANCHE PER LE MULTE IN STATO DI EBBREZZA?  Assolutamente no. Questo è un caso di violazione del codice della strada di carattere penale. Quindi, niente sconti.

E SE VIAGGIO SENZA ASSICURAZIONE?  Sì. In caso il conducente sia fermato senza assicurazione e se provveda ad assicurare il veicolo entro 15 giorni, può approfittare dello sconto del 30% sulla sanzione.

 

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Marcello

    Ovviamente non e’ perche’ Gesu’ Bambino li ha resi piu’ buoni, ma siccome le studiano anche di notte, sicuramente sara’ un provvedimento che adotteranno per arricchire di piu’ le casse del nostro amato Comune o….mi sbaglio? Chiamali tonti!!

  2. # Marcov

    non solo caro Marcello, non scordiamoci che in primavera ci sono le elezioni e magari così pensano di essere anche più simpatici.

  3. # Marcello

    MARCOV,
    QUINDI NON E’ IL BUON BAMBIN GESU’ CHE GLI HA APERTO I CUORI, INFATTI AVEVO UN LEGGERO SOSPETTO…GIA’, LE ELEZIONI!!

  4. # andrea

    GLI SCOOTERISTI SONO COLPEVOLI è INUTILE CHE ALZANO LA VOCE E VOGLIONO AVERE RAGIONE DEVONO ANDARE PIANO IN CITTA’ LA RESPONSABILITà è LORO E BASTA. LE MACCHINE VANNO PIANO, PURTROPPO GLI SCOOTERISTI SFRECCIANO E SORPASSANO LE MACCHINE SIA IN CODA CHE SIA A SINISTRA E SIA A DESTRA ORA LA DEVONO FAR FINITA DI ALZARE LA VOCE E DI AVERE SEMPRE RAGIONE ORA BASTA. LA COLPA SONO DEGLI SCOOTERISTI. PUNTO

  5. # andrea

    METTERE IN CITTA GLI AUTOVELOX PER GLI SCOOTER ED MOTOCICLI IN QUANTO LORO VIAGGIANO AD UNA VELOCITA’ TROPPO ELEVATA ED PER ECCESSO DI VELOCITà SUPERANO IL LIMITE CONSENTITO SFIORANO I PEDONI SFRECCIANO LE AUTO SORPASSANDO SIA A SINISTRA CHE A DESTRA QUINDI PROPONGO DI INSTALLARE GLI AUTOVELOX SOLO PER GLI SCOOTER ED DEI MOTOCICLI LORO SONO I COLPEVOLI E CAUSANO INCIDENTI NON DEVONO VIOLARE IL CODICE DELLA STRADA ARTT 141 142 144 148 DEL CODICE DELLA STRADA SANZIONARE PESANTEMENTE GLI SCOOTER ED I MOTOCICLI E MAGGIOR CONTROLLO SU DI LORO.

I commenti sono chiusi.