Moby e Viareggio: in bici per non dimenticare

Mediagallery

In bici per non dimenticare. Un filo rosso che ha unito ieri due particolari cerimonie, una a Livorno e una a Viareggio, per ricordare due grandi tragedie degli ultimi anni: la tragedia del Moby Prince del 1991 e la strage  di Viareggio del 2009 (clicca sul link alla fotogallery in fondo all’articolo per guardare le immagini di Simone Lanari).  Sul porto, all’Andana degli Anelli davanti alla lapide che ricorda le 140 vittime del Moby, è andata in scena sabato 7 giugno la particolare cerimonia commemorativa. Da Viareggio infatti è arrivata pedalando una carovana di ciclisti accompagnati da auto, moto e ambulanza con i rappresentanti delle associazioni che ricordano la terribile strage del 29 giugno 2009. Sul posto, intorno alle 9,30 hanno preso la parola i rappresentanti delle Associazioni Familiari Vittime Moby Prince Loris Rispoli, de “Il Mondo che Vorrei” Daniela Rombi, il rappresentante dell’amministrazione comunale di Livorno, l’assessore alla Cultura Mario Tredici e il rappresentante del Gruppo ciclistico dei Vigili del Fuoco di Viareggio. Dopo i partecipanti sono tornati  a bordo delle loro biciclette a Viareggio, dove verso le 11.30 in via Pietrasantina alla Casina dei ricordi si è tenuta una manifestazione dello stesso tipo.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Beppone

    Dalle maglie che vedo….mancano quelle locali,il che vuol dire che la Livorno ciclistica abbia snobbato questa bella iniziativa, come spesso accade, evidentemente i livornesi e le associazioni (Triglie in bicicletta, FCI e Uisp) avevano qualcos’altro da fare di più importante.

I commenti sono chiusi.