Livorno in onda a Ballarò. Da Crozza a La 7 perché la nostra città piace alle tv?

La nostra città fu protagonista di un monologo di Crozza, sempre a Ballarò, (aprile 2013) e di un ampio servizio a La 7 in Piazza Pulita (giugno 2013)

Mediagallery

LA PUNTATA DI BALLARO DI IERI 22 OTTOBRE (IL SERVIZIO SU LIVORNO DAL MINUTO 45 CIRCA)

LA BATTUTA DI CROZZA

IL SERVIZIO SU LA 7

LA SFIDA FRA CUOCHI SU DMAX

Livorno di nuovo protagonista in tv. Ieri sera, a Ballarò, in uno dei servizi della trasmissione di Giovanni Floris sono state effettuate delle riprese “introduttive” della Terrazza e del Mercato per poi parlare di una famiglia livornese, quella di Stefania, sposata, con due figlie adolescenti, per spiegare la Manovra e i soldi in busta paga.
Non è la prima volta che a Ballarò si parla di Livorno. Lo aveva fatto Crozza nel suo monologo dell’aprile scorso. Il comico, nei panni di Bersani, parlando dell’incontro fra il segretario Pd e Berlusconi disse: “Non siamo mica a Livorno dove una se parcheggi la macchina a spina di pesce ti viene fuori il cacciucco”.
E come non ricordare quando, sempre la nostra città, fu protagonista a Piazza Pulita su La 7, nel giugno scorso, con un servizio intitolato Tramonto Rosso in cui siamo stati definiti “la città che è stata la più rossa di Italia” e dove oggi “per trovare un operaio devi avere fortuna”. Il giornalista intervistò i livornesi davanti al cantiere Benetti, nei quartieri popolari, i commercianti del Mercato, nei locali frequentati dai giovani, nelle sedi Pd come quella in via San Jacopo in Acquaviva, dove è in corso la partita Spezia-Livorno, e in via Donnini.
Infine, a luglio è arrivata in città anche la troupe della trasmissione in onda sul canale Dmax (52 del digitale terrestre) “Unti e Bisunti”.

Riproduzione riservata ©

50 commenti

 
  1. # mind

    …e non solo , vedi ultima puntata di Servizio Pubblico dove il livornesissimo regista Emanuele Barresi ha interpretato uno sketch nei panni del maggiordomo di Berlusconi…della serie Livorno e la sua Livornesità ora come sempre resta comunque GRANDE!

  2. # alessandro

    Ma vi sembra un articolo da giornale serio?!! Basta con questo provincialismo! Livorno è la ventesima città italiana per abitanti, il terzo porto più importante del Mediterraneo, ha una cultura enogastronomica conosciuta in tutto il mondo, un assetto architettonico e urbanistico unico in Toscana e forse in Italia. Era la città ideale e multietnica del Cinquecento, la meta del Grand Tour (sempre che sappiate che cos’è), la capitale balneare del Mediterraneo fino ai primi del Novecento. E’ la città di Modigliani, Fattori e Mascagni (solo per citarne alcuni) e vanta il Santuario dedicato alla patrona della Toscana, la regione italiana più conosciuta all’estero! Mi sembra normale che sia conosciuta e, nel bene e nel male, ne parlino a livello nazionale! Sveglia! Dovete smetterla di pensare di vivere nell’ultimo paesino dell’entroterra siciliano (senza offesa, potevo anche dire l’ultimo paesino sperduto tra le montagne dell’Alto Adige).

  3. # PITTARO

    Boia dè deliati dè.. ora ri siamo stati in tv dè.. boia che figu deè, ah bene dè tutte le bue sparite, via grande pare uno specchio, si guadagna Dumila euri al mese dè, la Terrazza Mascagni è stata ristrutturata dè, le fortezze idem i giovani sono tutti a scuola o lavoro dè, boia e siamo deliati dè, boia come siamo grandi dè!

  4. # salvalivorno

    sarebbe meglio non la facessero vedere siamo la Vergogna d’Italia

  5. # La redazione di Quilivorno.it

    gentile lettore,
    nessuno dice il contrario
    ci siamo limitati a far presente che Livorno è stata inserita in un servizio di una trasmissione televisiva di livello nazionale

    cordiali saluti

  6. # PITTARO

    sia CHIARO, io AMO la mia città, guai a chi me la tocca, e quando ne sento parlare male ( anche se giustamente per svariati motivi ) mi incaxxo…ma siamo realisti…siamo alla frutta..anzi forse forse s’è già sparecchiato… io ripeto la ADORO ed è proprio per questo motivo che ho scritto quanto sopra, ragazzi diamoci una svegliata! chi AMA Livorno lo dimostri concretamente!
    fa veramente male vedere com’è ridotta, iniziamo nel nostro piccolo a fare qualcosa, e di esempi POSITIVI ce ne sono stati in questi giorni, riattiviamo il nostro GRANDE CUORE la nostra LIVORNESITA’ !

  7. # PITTARO

    appunto… e guarda come siamo diventati….

  8. # amaranto67

    piu che piace direi che interessa, probabilmente perche essendo una città con una forte connotazione di sinistra reppresenta la perfetta cartina di tornasole per capire in anticipo umori e aspettative di una parte del corpo elettorale. livorno è una città che tende ad amplificare, è “esagerata” in tutto, nell’attribuire peso specifico ad eventi e nel rispondere agli eventi stessi, per questo qui, quello che altrove è ancora latente o sottotraccia, risulta ben visibile.

  9. # amarantino

    Come, come?? 3 porto più importante del meditterraneo?? Forse sei rimasto indietro di 15 anni. Adesso rischiamo di scomparire, altro che 3 porto del mediterraneo.

    è già tanto se qualche nave ci sceglie ancora.

    Fate vobis

  10. # luca

    Perchè i comunisti a raitre sono raccomandati… scherzi a parte siamo andati in tv per la miseria che c’abbiamo e non me ne vanterei.
    Tempo fa venne girata una nota trasmissione culinaria dove uno schef sfida i cuochi dei locali del posto a fare il piatto tipico. Boia un hanno trovato nemmeno un cuoco e hanno fatto sfidare allo chef uno che cucinava in una cantina dei gozzi. Questo a dire che noi non riusciamo a farci vedere per l’incredibile potenziale che aBbiamo, perchè il livornese tende a farsi vedere bello e non a far vedere la sua terra bella e questo mi dispiace in quanto Livorno sarebbe una miniera d’oro!

  11. # stefano

    scusa ma in cosa siamo la VERGOGNA come dici te ???

  12. # alessandro

    Io mi rifaccio a dati ufficiali. Terzo porto del Mediterraneo per traffico passeggeri e quinto per traffico merci.
    E comunque hai saputo ribattere soltanto su questa cosa, io ne ho elencate molte altre che giustificano l’importanza della città a livello nazionale senza alcuna meraviglia!

  13. # alessandro

    E’ assurdo che un quotidiano di una città come Livorno, 163 mila abitanti e tutto quello che ho scritto sopra, si meravigli perché la televisione nazionale parla della città, nel bene o nel male. Con questi pezzi perdete molto di stile, sempre che ne abbiate uno

  14. # alessandro

    E in cosa saremmo la vergogna d’Italia? Ecco, vedi, te se uno di quelli che è convinto che Livorno sia un paesino sperduto dell’entroterra siciliano e quelli come te rovinano questa città, mi spiace dirlo. Ovviamente non ti conosco e non ho niente contro di te, ma questi atteggiamenti provinciali sono deleteri. Forse l’unica “vergogna” che abbiamo a Livorno è la vergogna ingiustificata che provano molti dei suoi abitanti che vedono l’erba del vicino sempre più verde

  15. # Sorgentiiiiiiii

    Capirai, si è trattato solo di riprese quantificabili in nano secondi…

  16. # ugo

    IN TUTTO…… A COMINCIARE DA CHI NON VUOLE VEDERE…..

  17. # katia fanili

    nuoo me la son persa, sarebbe bella ma il livornese non è rispettoso di quel che ha…io mi vergogno..

  18. # il polemico

    ti pregherei di condividere con noi 1 cosa di cui i livornesi dovrebbero far vanto e nella quale sarebbero superiori ad altre città….ad esempio a Pisa…..20 KM più in la sembra di essere in Germania in confronto a Livorno.
    Sicuro mi dirai che a Livorno c’è lavoro, istruzione, cultura, intrattenimento……sicuramente

  19. # gerda.taro

    aggiungerei anche che se ci si definisce quotidiano sarebbe necessario porsi problema di “come” si scrive, oltre che di ” come” sono scritti i commenti. Qui, spesso, a leggere, invece di crescere, si compiono passi da gambero. Se volete contribuire a migliorare questa città, od anche solo fare informazione, dovete porVi queste domande. Questo se la Vs. mission non è solo accaparrarvi pubblicità. “Quilivorno” sta diventando uno specchio impietoso di Livorno. Spero che questo breve commento sia pubblicato. Grazie

  20. # alessandro

    Chiedilo ai pisani come ci stanno a Pisa, vai…

    A Livorno non c’è Cultura perché ci sono i livornesi che pensano che non ci sia… Studiati un po’ di libri di storia invece di leggere soltanto QuiLivorno e capirai di quante cose sei all’oscuro sulla tua città.

  21. # francesco

    a livorno ci so i livornesi. finita la storia.

  22. # ARPAGONE

    Hai ragione Alessandro però, forse non te ne sei reso conto, ma stai parlando del passato (Gran Tour, il cinquecento, Modigliani ecc. ecc.) parlaci di cosa OFFRE questa città oggi e quale possa essere il suo futuro…

  23. # il polemico

    Prima di rivolgerti così alle persone, dovresti accertarti con chi stai parlando…
    io ho chiesto di farmi degli esempi…potevi rispondermi con uno di questi invece di metterti sulla difensiva…..e soprattutto non mi dire che la cultura a livorno sono i gruppi che suonano perchè quello è dilettantismo, no cultura…..
    non mi dire il cage perchè presenta lo stesso programma da 3 anni…..
    non credo di rimangano molti esempi

  24. # Giovanni

    Il passato dovrebbe essere la ricchezza di una società per il proprio futuro… ah già, ma la Storia e la Cultura per l’italiano e il livornese medio sono perdite di tempo. Ditelo ai francesi che per risollevare le zone più colpite dalla crisi stanno aprendo musei e investendo in Cultura e passato storico

  25. # donatella

    la sig.Stefania ed il marito con i loro redditi,la loro tranquillita’ di impiegati ,che chiedono sostegno al caf della cgil perche’ temono di veder meno il loro potere d’acquisto potrebbero essere l’esempio della
    famiglia perfetta in una citta’ dove la crisi non e’ cosi’ grave forse proprio
    grazie a quel cenno di politica che appare recandosi non da un qualsiasi ragioniere ,ma da un organizzazione che ha i suoi precisi
    contorni,con scopi che non mi sembra siano destinati ai cittadini ma piuttosto
    a chi decide di muovere i fili dei soliti noti livornesi

  26. # polemico 2

    si però non hai ancora condiviso una cosa che i livornesi costituisce un vanto… forse non te ne viene in mente nessuna?

  27. # nicola

    Il passato dovrebbe essere la ricchezza della società.potrebbe essere giusto! Però non si può vivere con l’esempio nel 1500 c’era…..nell’1600 c’era…..siamo nel 2013 quasi 2014 e la città oggi offre veramente poco o nulla.

  28. # alessandro

    Vedi il fatto che tu pensi che un altro possa credere, come te, che l’unico aspetto culturale di Livorno siano i gruppi musicali (che Cultura comunque sono e neanche troppo dilettantistica) è sintomatico rispetto al tuo pregiudizio e alla tua ignoranza su ciò che questa città ha e potrebbe offrire. Ripeto che dovresti studiarti un po’ di storia di Livorno, di personaggi livornesi e di tutto ciò che ha ruotato intorno a questa città fino a neanche un secolo fa. Non posso elencarti tutto io perché sarebbe troppa roba, se leggi qualche commento sopra trovi comunque un mini “bignami” dell’argomento. La cultura del presente si deve basare sul passato storico, ma se questo non si conosce ecco il risultato. Il problema non è neanche tuo, ma degli amministratori di questa città – che la pensano esattamente come te – e di giornali come questo che basano il proprio “successo” sulla superficialità e la notizia spicciola. In questo modo si diseducano intere generazioni.

  29. # Argo

    Hai fatto bene Giovanni a usare il condizionale, il problema sta proprio qui, non abbiamo saputo valorizzare e dare continuità alla nostra storia e tanto meno alle nostre potenzialità.

  30. # salvalivorno

    Concordo con UGO siamo la vergogna d’Italia in tutto ma non avete occhi?

  31. # salvalivorno

    Pisa è altamente superiore in tutto a Livorno ed è a soli 20 Km. Meno male abbiamo Pisa che ci dà i servizi come l’ospedale, il teatro, l’università altrimenti saremo peggio degli zulù

  32. # Emir Faccardino

    città in stato pre-agonico. Non c’è più un’industria, vive sui pensionati, amministrata da cani, palazzi mezzi costruiti e poi abbandonati a metà, basta così? Livornesi, è ora di svegliarsi.

  33. # alessandro

    Una società, per svilupparsi, deve basarsi sul proprio passato… ma da questi commenti sembra che i livornesi non lo capiscano proprio. Livorno offre “poco” perché non si conosce e non si sfrutta a pieno il suo passato, come fanno in tutte le altre città del mondo, soprattutto della Toscana. Contro l’ignoranza, purtroppo, non si vince e in questa città hanno fatto di tutto per renderci ignoranti.

  34. # Stefano

    questo articolo è di un provincialismo disarmante…!

  35. # il polemico

    caro alessandro, stai continuando ad arrampicarti sugli specchi…non mi sai fare neanche un esempio. Ti aiuto dandoti degli argomenti, mi aspetterei che uno che difende livorno con il coltello tra i denti come fai tu mi sappia rispondere in 2 secondi.
    Ad esempio, prendiamo PIsa come riferimento (lo so che sarà impossibile, ma facciamolo come esercizio….). Facciamo degli esempi in cui livorno è superiore per:
    – cultura
    – occupazione (10 a 0 facile)
    – intrattenimento
    – formazione
    e per aiutarti ci metto
    – mare
    – moletti

    credo che il derby lo vincano i pisani 4-1

  36. # nontroppolivornese

    Vista la profondità dell’ articolo…. vi siete dimenticati di citare che: per oltre un ventennio alla “Ruota della Fortuna” veniva richiesta dai concorrenti la L di Livorno…..mi sembrava doveroso ricordare anche questa importante e orgogliosa fonte………

    PROVINCIALISMO ALLO STATO PURO

  37. # etrusco

    Livorno terzo porto del mediterraneo? ;Ma scherzi? Tradizione enogastronomica? Al massimo ponci e ribotte… Struttura architettonica ed urbanistica ? Se ti riferisci al pentagono del Buontalenti forse, ma il resto (piazza Grande, Attias ecc ecc..) non credo sia motivo per il Grand Tour (sì, io so cos’é guarda un pò, bel mi ‘ saputino…) e Livorno anche nell’ottocento era roba da passaggio perché i viaggiatori arrivavano in porto e via a Pisa, Lucca e Firenze… Circa i nomi celebri poi, tutti emigrati presto per scappare da questa città, e derisi a distanza anche di tempo (povero Modigliani…)… Dammi retta Alessandro, non é questione di provincialismo ma di obiettività, chi è nato in questa citta gli vuole certo bene ma basta qui, già oltre Vicarello c’é di meglio…

  38. # Malizioso Troll

    Ogni tanto, a Livorno, qualcosa succede… e succedeva anche in passato. Normale che la televisione se ne occupi, se è interessante. E’ sempre stato così e sempre sarà.

  39. # alessandro

    Vai avanti per luoghi comuni… Modigliani fu preso in giro anche a Parigi.
    Ma aldilà di questo, riguardo alla tua ignoranza sull’importanza di Livorno nel Grand Tour, ti cito alcune opinioni (una piccolissima parte) di viaggiatori illustri che sono passati da Livorno tra Sei e Ottocento proprio perché meta PREDILETTA del Grand Tour:

    “Dopo Firenze è senz’altro Livorno la città più apprezzata. Anzi, è proprio partendo da una città eccentrica come Livorno, estranea all’atmosfera delle cittadine toscane medievali e alla loro vicenda storica e artistica che, sensibilmente dagli anni settanta del Settecento, prende le mosse una riconquista della Toscana da parte dell’immaginario europeo»

    The neatest, cleanest and pleasantest
    place that I have see (Peter Mundy, intellettuale inglese del Settecento)

    Une des merveilles de la Toscana (duca Henri De Rohan)

    Livorno […] è città piccola, ma bellina, e per la sua novità assai regolata. Piace molto vedervi tanta pulizia da per tutto.
    Le strade tirate alla linea, a misura che, quando si entra in città, si vede da una porta all’altra (Goethe)

    9 Febbraio 1714 […] Questa città è la più proporzionata e regolare che abbia visto in Italia. Ha molti abitanti ed è un grosso centro commerciale (Berkeley, XVIII secolo)

    C’est une fort belle ville, bien peuplée et
    bien fortifiée. Les rues sont larges, droites,
    bien percées. La place est très grande, et
    la ville riante. C’est une ville nouvelle; elle est un tèmoi.

    La ville d’Italie la plus florissante (Montesquieu)

    Pisa è molto noiosa. Non così Livorno, che è luogo prospero,
    attivo, pratico, dove l’ozio è scacciato dal
    commercio (Charles Dickens)

  40. # il polemico

    ok ci prendi in giro….tu non puoi essere serio….
    e comunque non c’è verso che tu ci porti un esempio, UNO…..

  41. # amaranto67

    ale te hai elencato cose che hai letto su “CONOSCERE” … la citta ideale di buontalenti…il porto… tutti i dati macro economici danno livorno come città in declino (ma è piu onesto dire picchiata), se poi ti piace vivere di ricordi allora possiamo pure dire che prima della seconda guerra mondiale livorno figurava nelle prime 10 posizioni d italia in quanto ad abitanti e industrializzazione … pero questo non è rendere un servizio alla città, abbiamo una classe dirigente miope, incapace di progetti di largo respiro… imprenditori che sanno solo speculare (vedi terreni di retroporto), zero rischio di impresa zero capacita di intraprendere… il colmo dei colmi, vai a vedere chi trasporta i turisti dal ns porto alle destinazioni (perche qui non siamo capaci di inventare niente per trattenerli)… scoprirai che i pulman sono in massima parte di PI, FI e provincia… tutto questo con la disoccupazione che c è a livorno e col deficit ex ATL…

  42. # amaranto67

    ora un esageriamo, pisa l ospedale ce l ha grazie ai vaini che arrivano dalle tasse di tutti i cittadini della toscana, non è per niente farina del loro sacco, tant’ è che anche i medici che esercitano sono sia pisani che livornesi che lucchesi… il pregio che ha pisa è che è una città concreta che ha capito che per stare al mondo, oggi, bisogna essere veloci piu degli altri… dove c è da guadagnare ci si tuffa… a livorno prima si fa il dibattito su quanto è “comunista” attrarre investimenti e posti di lavoro e quando (se) si è deciso, i posti di lavoro hanno gia trovato chi con un bel tappeto rosso gli accoglie… troppa ideologia porta alla miseria.

  43. # amaranto67

    il problema è che il nostro passato non è comunista… per questo non ce lo insegnano, per questo non vi dicono che tra i mille di garibaldi i livornesi erano per numero secondi solo ai bergamaschi, perche il patriottismo, come l irredentismo, è cosa da “fascisti” non vi dicono che in toscana solo livorno nel 1849 ebbe la voglia e il valore per resistere agli austriaci richiamati dal RICASOLI (che fece fucilare molti concittadini dopo la resa della città) a cui piu tardi addirittura fu intitolata una delle vie piu importanti di livorno…. questa è la ns storia, non solo Ilio dario barontini (che per chi un lo sapesse un era di livorno ma di cecina)…..

  44. # Pipiritto

    L’accademia navale (unica in italia) dove la metti??

  45. # Pipiritto

    IL PROBLEMA è CHE IL LIVORNESE SI PIANGE SEMPRE ADDOSSO E VEDE SOLO I SUOI MALI……CI ACCORGIAMO DELLA SITUAZIONE DI TUTTA L?ITALIA,DELL’EUROPA…DEL MONDO??O ABBIAMO I PARAOCCHI?
    C’è SEMPRE PIACIUTO LAMENTARCI…è NORMALE CHE CI MANCHERA’SEMPRE QUALCOSA,MA QUESTO SUCCEDE A TUTTI.DOVREMMO SOLO IMPARARE A VEDERE CIO’CHE ABBIAMO OGGI CHE PRIMA NN AVEVAMO,E NO CIO’ CHE POTREMMO AVERE E NON ABBIAMO.QUESTA è UNA MENTALITA’ DEL MASSACRO!il bicchiere può essere visto mezzo pieno o mezzo vuoto.ma se lo vedi mezzo pieno sei già un passo avanti e puoi trovare stimoli e forza per riempirlo tutto!!

    AVANTI LIVORNO

  46. # Pipiritto

    C’è POCO DA FARE…è LA VERITA’.PER QUANTO CI FACCIA ROSICARE E’ LA SACROSANTA VERITA’.
    E DOBBIAMO SAPERLO AMMETTERE PERCHE’ IL NOSTRO MMALE E’ SEMPRE STATO QUELLO DI VEDERCI COME “I PEGGIO” IN QUALCOSA,O I “MEJO IN ASSOLUTO”…….SE IMPARASSIMO LE VIE DI MEZZO..E AVESSIMO UNA MENTALITA’ PIU’ EQUILIBRATA (senza rinunciare alla nostra rinomata sanguignità) STAREMO SICURAMENTE MEGLIO TUTTI E SAREMO CONSIDERATI DIVERSAMENTE AL DI FUORI DELLA CITTA’

    CI SIAMO SEMPRE AUTO-GHETTIZZATI

  47. # ilyna86

    MA VI SEMBRA QUESTO UN ARTICOLO DOVE PERDER TEMPO A PIAGNUCOLARE DELLA VERGOGNA DELLA CITTA’ IN CUI VIVETE?? VERGOGNA LA DEVE AVERE CHI UCCIDE, CHI RUBA, CHI FA DEL MALE AGLI ANIMALI … SMETTELA DI STARE LI’ A PARLARE DELLE COSE NEGATIVE CHE VEDETE MA APRITE GLI OCCHI E FATE … AGITE …. PER MIGLIORARLA DAVVERO INVECE DI RESTARE FERMI E IMPASSIBILI A TROVARE SOLO LE DIFFERENZE NEGATIVE TRA IL PASSATO E IL PRESENTE…. FACCIAMO QUALCOSA PER MIGLIORARLA IN FUTURO…

  48. # il polemico

    si agite! andatevene prima che sia troppo tardi!

  49. # billy

    hahahah mi viene da ridere!!!! il terzo porto piu importante del mediterraneo addirittura!!!! non bere ascolta a me, che ci fai piu figura ed eviti di dire stupidaggini, l’unico porto che effettivamente movimenta quasi 50 milioni di tonnellate di merce e quello di genova, che in europa risulta essere il 13° Livorno non e nemmeno tra i primi 20 quindi se ti dicono che l’asino vola forse non e vero….

  50. # billy

    Io non so da dove vieni , ma mi sembra che tu dorma, oppure che non sei uscito mai da livorno, io viaggio spesso e se vuoi di paragoni te ne posso fare tanti… senza offendere livorno o i livornesi vorrei dirti che la citta’ e veramente sporca!!!! ma e sporca perche la gente se ne frega!!! buttano le carte in terra oppure non raccolgono le feci dei cani, puzza di piscio negli angoli delle strade insomma non che nelle altre parti non ci sia ma,ma qui da noi e proprio indecente !!!!!

I commenti sono chiusi.